User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_a

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_a [2019/12/14 07:49]
cognomi_italiani_a [2020/02/17 21:00] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - A ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table border="" cellpadding="0" cellspacing="0" width="100%">
 +
 +<tbody><tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="140"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aba è un cognome ormai quasi scomparso, sembrerebbe sardo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ABA/S; ALA; ALAS; ALES = ala/i. ABAS, ALAS: derivano dal latino <i><font color="#3366FF">ala</font></i>,
 +ma non esistono più come cognomi, che come tali, comunque, sono
 +presenti nei documenti antichi della lingua sarda. Nel Condaghe di Santa
 +Maria di Bonarcado (*CSMB -XI°, XII° sec.), sono citati: Abas (de)
 +Marcu (99), in una lite(kertidu) per il possesso della servitù (partizione
 +de servis), tra il Priore del Santuario di Bonarcado e, appunto, Marcu
 +d'Abas; Abas (de) Pascasia (133), accusata, insieme al marito Orzoco Stapu,
 +di avere abbandonato il servizio dovuto a S. M. di Bonarcado, nonostante
 +il giuramento prestato davanti al loro padre( et ego posillos ad iurare
 +d'essere servos de iuvale ad Sancta Maria de Bonarcatu, ad ube los poserat
 +patre meu.et fiios issoro et nepotes.usque in sempiternum.), che li legava
 +alla servitù del Santuario per tutta l'eternità! Sia in de
 +Abas Marcu, che in de Abas Pascasia, il "de" indica chiaramente la provenienza
 +dall'antico villaggio di Abas, o Alas, l'odierno Ales, sede di una delle
 +più antiche Diocesi della Sardegna&nbsp; Tra i firmatari della pace
 +di Eleonora *LPDE del 1388, troviamo: Ala (de) Joanne, jurato(collaboratore
 +del maiore - guardia giurata - vigilante)&nbsp; ville Nuruci (Contrate
 +Partis Alença- l'odierno Nurèci); per Joanne de Ala, invece
 +supponiamo la provenienza dal villaggio antico di Ala, Contrate Montis
 +Acuti, l'odierna Alà dei Sardi. Come detto Abas e Alas non esistono
 +più come cognomi; esiste invece Ala, presente in 108 Comuni del
 +territorio nazionale, di cui solo 8 della Sardegna, non di chiara origine
 +sarda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABAGNALE
 +<br>ABAGNALI
 +<br>ABBAGNALE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abagnale è tipico del napoletano, di Sant`Antonio Abate, Gragnano,
 +Santa Maria la Carità, con ceppi comunque significativi anche a
 +Castellammare di Stabia e Pompei ed a Scafati nel salernitano, Abbagnale,
 +molto più raro è tipico di Castellammare di Stabia, Pompei
 +e Sant`Antonio Abate nel napoletano e di Angri nel salernitano, Abagnali
 +è unico e si dovrebbe trattare di un errore di trascrizione, potrebbe
 +trattarsi di forme dialettali per cittadino di Bagni toponimo come potrebbe
 +essere Bagni di Scafati (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABAGNATO
 +<br>ABBAGNATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abagnato, assolutamente rarissimo, è forse del reggino, Abbagnato,
 +un poco meno raro, parrebbe specifico di Palermo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Abbagnato</font></i>
 +(variante del più comune <i><font color="#3366FF">Bagnato</font></i>),
 +da intendere probabilmente nel senso di battezzato, purificato con l'acqua
 +santa (per una spiegazione più approfondita sull'origine del nome,
 +vedi il cognome Bagnato). Dal punto di vista etimologico, infatti, il verbo
 +<i><font color="#3366FF">abbagnare</font></i> nasce da una forma arcaica
 +o dialettale del verbo bagnare, in cui l'aggiunta del prefisso <i><font color="#3366FF">a-</font></i>
 +(dal latino <i><font color="#3366FF">ad</font></i>) indica avvicinamento
 +o tendenza verso qualcosa (come accade, d'altronde, in verbi quali accompagnare,
 +accorrere, accostare, etc). Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti,
 +anche se in alcuni casi non è esclusa una derivazione da soprannomi
 +ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATANTUONO
 +<br>ABBATANTUONO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abatantuono è specifico di Vieste (FG), Abbatantuono è tipico
 +di Bitonto (BA), derivano da Abate Antonio o come discendenza diretta o
 +come collegamento indiretto (quelli dell'abate Antonio).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATANGELO
 +<br>ABBATANGELO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abatangelo è specifico di Mola di Bari (BA), Abbatangelo è
 +tipico di Grassano (MT) con un ceppo anche a Trani (BA), derivano da Abate
 +Angelo o come discendenza diretta o come collegamento indiretto (quelli
 +dell'abate Angelo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATE
 +<br>ABATI
 +<br>ABBA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00abba.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="81"><font size="-1">Abate è molto diffuso in tutto il sud, con un possibile ceppo anche
 +in Piemonte, Abati ha un nucleo in Emilia e Romagna, ceppi nel bergamasco,
 +in Toscana, nel Lazio e nel Salento, Abbà è diffuso nel nord
 +ovest in particolare, ha un sicuro ceppo nel Piemonte occidentale ed uno
 +probabile nel milanese e lodigiano, derivano tutti dal termine <i><font color="#3366FF">Abate</font></i>,
 +sia come collegato ad un prelato, sia nel senso di persona degna di rispetto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATECOLA
 +<br>ABATICOLA
 +<br>ABBATECOLA
 +<br>ABBATICOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abatecola ha un ceppo a Pico nel frusinate ed uno a Canosa di Puglia (BA),
 +Abaticola, praticamente unico, è dovuto ad un errore di trascrizione,
 +Abbatecola è tipico della zona di Casamassima e Adelfia (BA), Abbaticola
 +è specifico di Bari, dovrebbero tutti derivare dall'unione del termine
 +Abate e dell'aferesi del nome Nicola il che starebbe ad indicare la famiglia
 +dell'Abate Nicola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATEDAGA
 +<br>ABBATEDAGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Abatedaga che Abbatedaga sembrerebbero praticamente unici, probabilmente
 +piemontesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATEGIOVANNI
 +<br>ABBATEGIOVANNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifici entrambi del casertano, Abategiovanni della zona tra Trentola-ducenta (CE) e Lusciano
 +(CE), Abbategiovanni oltre che di quell'area è specifico anche di Napoli, dovrebbero derivare da Abate Giovanni, cioè un abate, probabilmente ortodosso, di nome Giovanni, o come discendenza diretta o
 +come collegamento indiretto (quelli dell'abate Giovanni).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATEMATTEI
 +<br>ABATEMATTEO
 +<br>ABBATEMATTEI
 +<br>ABBATEMATTEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbatemattei è unico, Abbatematteo è estremamente raro, sembrerebbero
 +entrambi del tarantino, così come il decisamente più comune
 +Abatematteo, tipico di Grottaglie, Taranto e Monteparano, o come Abatemattei,
 +che è specifico di Carosino, dovrebbero tutti derivare dal fatto
 +che il capostipite della famiglia fosse un prelato, probabilmente ortodosso,
 +di nome Matteo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATERUSSO
 +<br>ABBATERUSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abaterusso, molto molto raro, ètipico del Salento, così come
 +l'ancora più raro Abbaterusso, dovrebbero derivare dal fatto che
 +il capostipite, fosse un prelato, probabilmente ortodosso e fosse anche
 +rosso di capelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABATESCIANNI
 +<br>ABATISCIANNI
 +<br>ABBATESCIANNA
 +<br>ABBATESCIANNI
 +<br>ABBATISCIANNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti pugliesi e specifici del barese, Abatescianni è specifico
 +di Bari e Foggia, Abbatescianni, abbastanza raro, è specifico di
 +Bari, Abatiscianni, Abbatescianna ed Abbatiscianni sono quasi unici.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nell'unione fra il termine
 +<i><font color="#3333FF">abate</font></i> (con una variante in <i><font color="#3333FF">abbate</font></i>)
 +e il nome medievale <i><font color="#3333FF">Scianni</font></i> (forma
 +dialettale di <i><font color="#3333FF">Gianni</font></i>), ad indicare
 +che il capostipite era un abate - quasi sicuramente ortodosso - di nome
 +Scianni (<font color="#CC33CC">vedi Abategiovanni</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABAZIA
 +<br>ABBAZIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abazia, tipicamente meridionale, ha un piccolo ceppo a Napoli e qualche
 +presenza nel foggiano, Abbazia, più raro, ha qualche rara presenza
 +nel napoletano, dovrebbero derivare da nomi di località caratterizzati
 +dalla presenza di una Abbazia o contenenti il termine  Abbazia nel proprio toponimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abba è un cognome presente a macchia di leopardo in Piemonte, dove
 +sembra esistere un nucleo originario nel cuneese, in Liguria ed in Lombardia,
 +esiste un ceppo anche in Sardegna, ma l'origine dovrebbe essere piemontese,
 +dovrebbe derivare da termine prerinascimentale <i><font color="#3366FF">abbas</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">abbatis</font></i> (<i><font color="#999999">abate,
 +signore</font></i>), bisogna considerare che, l'area ligure, piemontese
 +subì molto in passato l'influenza del mondo francese, che attribuiva
 +al vocabolo il significato di <i><font color="#999999">signore</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#999999">esponente di una comunità</font></i><font color="#000000">,
 +o </font><i><font color="#999999">monsignore</font></i>, inteso come precursore
 +del vocabolo francese moderno <i><font color="#3366FF">monsieur</font></i>
 +(<i><font color="#999999">signore</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ABBA: Acqua, dal latino aqua. Abba proviene dal logudorese. Nelle "carte
 +cagliaritane" c'è akwa, ma in "quelle arborensi" sempre abba. Proviene
 +dal latino aqua. Cognome presente in Sardegna solo in 2 Comuni: Sassari
 +(9) e Alghero (3), mentre lo troviamo in altri 69 Comuni del continente.
 +Non è un cognome originario della Sardegna, dove invece è
 +comune come toponimo: abbas in Logudoro, acuas o aquas in Campidano. Abba,
 +come cognome non deriva dal termine latino aqua, bensì dalla parola
 +tardo latina <i><font color="#3366FF">abba</font></i>, a sua volta derivante
 +dall'aramaico <i><font color="#3366FF">abà</font></i> = <i><font color="#999999">padre</font></i>,
 +nell'uso abituale odierno di papà.&nbsp; Nei documenti antichi della
 +lingua sarda, troviamo Abbas, villaggio, oggi distrutto, chiamato inoltre
 +Villa d'Abbas - Contrate Montis Regalis (Castello di Monreale), ubicato
 +nei pressi di Sardara e dove oggi sorge il Santuario di Santa Maria Aquas,
 +famoso per le acque termali, meglio conosciute durante la dominazione romana
 +come Aquae Neapolitanae. Nelle carte antiche è nominato un altro
 +villaggio Abbas - Contrate Partis de Guilcier, l'odierno Abbasanta, l'antica
 +stazione romana, conosciuta col nome di Medias Aquas.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBADELLI
 +<br>ABBATELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00abbadelli.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="40" height="59"><font size="-1">Entrambi decisamente rari, dovrebbero essere originari della Toscana con
 +un ceppo nobile secondario in Sicilia, derivano ta un soprannome legato
 +al vocabolo abate, tracce di questo casato le troviamo a Palermo alla corte
 +di Federico II° con Dulcio Abbatelli nei primi anni del 1200, nel 1431
 +Giovanni Abbatelli divenne conte di Cammarata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBANDONATI
 +<br>ABBANDONATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi rarissimi, Abbandonati è più tipico del centro Italia,
 +mentre Abbandonatosembrerebbe del centrosud, si dovrebbe trattare di cognomi
 +attribuiti in epoca abbastanza recente, con un enorme sforzo di fantasia,
 +a dei fanciulli abbandonati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBASCIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro è tipico del barese, dovrebbe derivare da modificazioni
 +dialettali di Abate Gianni attraverso Abatescianni e di lì Abbascia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBATE
 +<br>ABBATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00abbate.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="63"><font size="-1">Abbate è panitaliano, presenta un grosso nucleo in Sicilia ed uno
 +in Campania, ma è presente praticamente in tutt'Italia, Abbati ha
 +un nucleo nel parmense e modenese, uno nel perugino ed uno a Rona, derivano
 +da un soprannome originato o da connessioni con la funzione di <i><font color="#3366FF">abate</font></i>
 +(<i><font color="#666666">responsabile di un monastero</font></i>) o da
 +particolarità dell'atteggiamento. Queste cognominizzazioni sono
 +molto antiche, come si evince da quest'atto conservato presso l'Archivio
 +Capitolare di S. Ambrogio a Milano tra le&nbsp; Pergamene del secolo XII, dove si legge: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Dominico</font><font color="#CC33CC">
 +qui dicitur </font><font color="#FF0000">Abbate</font><font color="#CC33CC">,
 +filius quondam Iohannis de civitate Mediolani ut amodo in antea omni tempore
 +defendere et guarentare et in antea stare debet ipse Iohannes et sui heredes
 +eidem Dominico et suis heredibus et cui ipsi dederint, nominative de prato
 +petia una iuri...</font>"</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori&nbsp; fornite
 +dal barone Ugo Antonio Bella</font></font>
 +<br><font size="-1">Il Mugnos fa derivare un casato Abbate da un Papirio
 +cavaliere romano che dopo aver donato al proprio figlio Ascanio tutti i
 +beni che possedeva, si ritirò nel monastero di Montecassino dove
 +venne eletto abate. In questa famiglia troviamo Troiano Abbate barone di
 +Gibellina che fu senatore di Palermo negli anni 1499 e 1500; un Gabriele
 +barone di Ucria, titolo confermato il 16 luglio 1453 e un Giacomo capitano
 +di giustizia&nbsp; di Palermo nel 1581. Ignazio Vincenzo Abbate comprò
 +il titolo di marchese di Lungarini il 15 luglio 1723.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBELLITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbellito, quasi unico è tipico del napoletano, dovrebbe trattarsi
 +di un cognome attribuito ad un trovatello da un funzionario di un orfanotrofio
 +civile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBIATE
 +<br>ABBIATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbiate, molto raro, è tipico del nordmilanese e varesotto, Abbiati
 +è specifico dell'area milanese, questi cognomi fanno riferimento
 +al toponimo Abbiategrasso, intendendo quindi quelli di Abbiategrasso, la
 +cui origine è Abbiatese. Può anche derivare dal tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">aviaticus</font></i>, passato nel dialetto lombardo
 +come <i><font color="#3366FF">abbiaticus</font></i> con il significato
 +<i><font color="#999999">di figlio della figlia</font></i>, di cui Abbiati
 +sarebbe una troncatura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBIENTO
 +<br>LABBIENTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbiento, molto raro, è specifico della zona di Albanella e Roccadaspide
 +nel salernitano, Labbiento, altrettanto raro, è tipico di Bagnoli
 +Irpino nell'avellinese, dovrebbero derivare da un soprannome originato
 +dal vocabolo dialettale campano
 +<i><font color="#3333FF">abbiento</font></i> (tranquillità, pace),
 +ricordiamo il modo di dire napoletano <i><font color="#3366FF">nun truvare
 +abbiento</font></i> (non trovar pace).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBISOGNI
 +<br>ABBISOGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbisogni è praticamente unico e dovrebbe trattarsi di un'errata
 +trascrizione del cognome Abbisogno, che, assolutamente rarissimo, è
 +un cognome tipicamente campano, si dovrebbe trattare di un cognome attribuito
 +a dei trovatelli, dall'istituto di carità che lo aveva accolto,
 +indicando in questo modo che il bambino necessitava dell'aiuto altrui,
 +cioè che <i><font color="#3366FF">aveva</font></i> appunto <i><font color="#3366FF">bisogno</font></i>
 +di tutto in quanto abbandonato da chi avrebbe dovuto amarlo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBONDANTE
 +<br>ABBONDANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbondante ha un ceppo napoletano ed uno romano, Abbondanti, molto molto
 +raro, sembrerebbe specifico di Fusignano (RA).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome cristiano-medievale
 +<i><font color="#3366FF">Abbondante</font></i> (variante del più
 +noto Abbondio), da intendere in senso augurale col significato di abbondante
 +di virtù, ricco di doti spirituali. In conclusione, dunque, si tratta
 +delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBONDANZA
 +<br>ABBONDANZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbondanza è molto diffuso in Romagna, forlivese e ravennate, nel
 +teramano, nelle province di Roma e Frosinone, nel barese e nel materano
 +con piccoli ceppi anche nel salernitano, Abbondanzio, praticamente unico
 +è romano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>in molte aree del sud, soprattutto nel Sannio e nel Salento, è
 +ancora in uso il nome di persona femminile <i><font color="#3366FF">Abbondanza</font></i>,
 +per devozione al culto della Madonna dell'Abbondanza. Abbondanza deriva
 +dal Latino <i><font color="#3366FF">abundantia,</font></i> <i><font color="#999999">ricchezza
 +di beni</font></i>. Come nome proprio nasce nei primi ambienti cristiani
 +romani, con il significato di ricchezza spirituale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBONDANZIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, ha un ceppo tra le province di Pesaro ed Ancona ed uno in provincia
 +di Roma.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>dovrebbe derivare da una carica politica medievale, <i><font color="#3366FF">Abbondanziere</font></i>
 +quella cioè del prefetto dell'annona o dell'abbondanza, pubblico
 +ufficiale medioevale incaricato di verificare il mercato dei cereali ed
 +il prezzo del pane onde evitare abusi e sprechi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBONDI
 +<br>ABBONDIO
 +<br>ABBUNDO
 +<br>ABONDI
 +<br>ABONDIO
 +<br>ABUNDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbondi, molto raro, è tipico della zona tra milanese e comasco,
 +Abbondio, altrettanto raro, è tipico della zona tra milanese e cremasco,
 +Abundo e Abbundo, assolutamente rarissimi, parrebbero del napoletano, Abondi
 +sembrerebbe unico, sicuramente settentrionale, Abondio è molto diffuso
 +ed è caratteristico di Darfo Boario Terme nel bresciano, derivano
 +tutti dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Abundius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio a Bormio nel 1630 in un processo per stregoneria:
 +"<font color="#CC33CC">...Die mercurii XI mensis decembris. Coram magnifico
 +concilio constitutus fuit antescriptus </font><font color="#FF0000">Abundius
 +del Sartor</font><font color="#CC33CC">. Et interogatus che vogli confessar
 +la verità, s'esso è stregone, come è stato denuntiato
 +da più persone....</font>", nome cui corrisponde l'italiano <i><font color="#3366FF">Abbondio</font></i>,
 +ricordiamo ad esempio il famosissimo curato dei promessi sposi, Don Abbondio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRESCIA
 +<br>ABRESCIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbrescia sembrerebbe specifico di Bari, ma è diffuso in tutta la
 +Puglia ed ha un ceppo anche a Trieste, Abrescia, meno diffuso, ha un ceppo
 +a Bari ed uno ad Altamura (BA).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine albanese, questi cognomi derivano da un'italianizzazione
 +del termine <i><font color="#3366FF">Arbëreshë</font></i> o <i><font color="#3366FF">Arbresha</font></i>,
 +che in lingua madre significa appunto <i><font color="#999999">albanese</font></i>
 +(per una spiegazione più approfondita sull'origine del cognome,
 +vedi il cognome Brescia); anche se non completamente escludibile, comunque,
 +è piuttosto improbabile una connessione col toponimo Brescia, sia
 +per la distanza fra il nucleo principale di famiglie Abbrescia e la quasi
 +omonima città lombarda che per la stessa struttura letterale del
 +termine <i><font color="#3366FF">abbrescia</font></i> (è vero che
 +potrebbe trattarsi di una forma prostetica del toponimo Brescia, ma nel
 +contesto della toponomastica è difficile giustificare un'ipotesi
 +del genere).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRIANO
 +<br>ABRIANI
 +<br>ABRIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbriano è specifico di Milazzo nel messinese, Abriani è
 +veneto, di Veronella nel veronese, di Lusiana e Lugo di Vicenza nel vicentino
 +e di Vittorio Veneto nel trevisano, Abriano, molto più raro, è
 +specifico di Messina, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Abrianus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in un atto del 1369 ad Enno in Trentino:
 +"<font color="#CC33CC">Anno 1369, indictione 7, die mercurii 14 martii,
 +Enni in domo dominae Minae de Enno. Praesentibus ser Cabriele quondam Peramusii
 +de Enno, Iohanne filio ser Beti de Enno24, Petro quondam Alesandri de Cazufo
 +nunc habitatore villae Enni, domina Sara filia quondam ser Otoneli de Enno
 +vallis Annaniae tridentinae diocesis, uxor ser Beti quondam domini Anci
 +de Enno suprascripto, de verbo, licentia, et consensu dicti ser Beti eius
 +mariti: Et discretus vir Belvesinus quondam ser Ferigo... dictae vallis
 +Annaniae, ordinaverunt discretos viros Bonaventuram quondam domini </font><font color="#FF0000">Abriani</font><font color="#CC33CC">
 +civem Tridenti, Franciscum de Molveno nunc habitatorem civitatis Tridenti,
 +necnon ser Betum quondam domini Anci eius maritum, in solidum, certos missos,
 +nuncios et procuratores et defensores generaliter ad omnes, et in omnibus
 +eorum causis, placitis, litibus, et quaestionibus motis, et movendis etc.
 +occasione hereditatis quondam ser Bartholomaei quondam domini Ambroxii
 +de Enno. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRUSCATO
 +<br>ABRUSCATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipici del palermitano, dovrebbero derivare da un soprannome.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Luigi Colombo</font></font>
 +<br>&nbsp;Il cognome è originario della provincia di Palermo. E'
 +molto locale e poco diffuso: è presente soprattutto nel paese di
 +Ventimiglia di Sicilia (PA) da dove dovrebbero venire anche gli emigranti
 +negli USA o in Francia.&nbsp; Probabilmente questo cognome deriva dal verbo
 +siciliano <i><font color="#3366FF">abbruscare</font></i> cioè <font color="#999999"><i>abbrustolire,
 +tostare, </i>f</font>orse per indicare una persona col colore della pelle
 +tendente allo scuro o abbronzato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRUZZESE
 +<br>ABBRUZZESI
 +<br>ABRUZZESE
 +<br>ABRUZZESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbruzzese è molto diffuso in Lazio, Campania, Puglia, Basilicata
 +e Calabria, Abbruzzesi, estremamente raro, è romano, Abruzzese è
 +ben presente in Campania, Puglia e Basilicata, con ceppi anche nel cosentino
 +e nel catanzarese, Abruzzesi è quasi unico, tutti questi cognomi
 +derivano dall'etnico di Abruzzo e dovrebbero indicare una provenienza delle
 +famiglie da quella regione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRUZZI
 +<br>ABRUZZI
 +<br>APRUZZI
 +<br>APRUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbruzzi, molto raro, ha un piccolo ceppo nel barese a Castellana Grotte
 +e Conversano, Abruzzi, molto raro, è di Brindisi, come il quasi unico Apruzzo,
 +dovrebbe trattarsi di forme alterate del più comune Apruzzi,
 +che è specifico del brindisino, di Ostuni, San Michele Salentino
 +e Brindisi, e che dovrebbe derivare dal nome della deriva dal nome dell'<i><font color="#3333FF">Aprutium</font></i>,
 +un'antica regione dell'attuale Abruzzo, il cui nome sarebbe derivato dall'antico
 +popolo dei pretuzi che popolava anticamente l'area abruzzese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABBRUZZO
 +<br>ABRUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbruzzo ha un ceppo a Borgia nel catanzarese ed in Sicilia a Caltabellotta,
 +Ribera e Sciacca nell'agrigentino ed a Palermo, Abruzzo sembrerebbe siciliano,
 +con un ceppo nell'agrigentino a Sambuca di Sicilia, Sciacca e Santa Margherita
 +di Belice, un ceppo a Palermo ed uno a Siracusa, dovrebbero derivare dall'appartenenza
 +dei capostipiti al popolo dei <i><font color="#3333FF">Bruzii</font></i>
 +stanziati anticamente in Calabria, a Cosenza in particolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abe è quasi unico, parrebbe del centronord, dovrebbe derivare da
 +una forma arcaica del termine <i><font color="#3366FF">ape</font></i> e
 +si riferirebbe forse al mestiere di apicultore svolto dal capostipite,
 +sembra improbabile, anche se non impossibile, una derivazione dalla troncatura
 +di nomi come <i><font color="#3366FF">Abele</font></i> o <i><font color="#3366FF">Abelardo</font></i>
 +portati dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABELA
 +<br>ABELE
 +<br>ABELI
 +<br>ABELLA
 +<br>ABELLI
 +<br>ABELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abela sembrerebbe siciliano,con un ceppo a Siracusa e nel siracusano ed
 +uno a Gela nel nisseno, Abele, assolutamente rarissimo, parrebbe piemontese,
 +Abeli, altrettanto raro, potrebbe essere del milanese, Abella, estremamente
 +raro, dovrebbe essere di Cianciana nell'agrigentino, Abelli, molto raro
 +sembrerebbe del parmense, con ceppi anche nel pavese e nel resto della
 +Lombardia, Abello è specifico del cuneese, potrebbero derivare da
 +modificazioni del nome <i><font color="#3366FF">Abele</font></i>. Tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo in Valtellina dove Giovanni Abello
 +è decano della magnifica communità di Grosio (SO) per l'anno
 +1678.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABELTINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abeltino è tipicamente sardo, della Gallura, di Sant`Antonio di
 +Gallura, Palau, Arzachena, Olbia, Calangianus e Tempio Pausania, dovrebbe
 +derivare dal termine gallurese <i><font color="#3333FF">abbeltinu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">spianata, radura priva di alberi, in mezzo ad
 +un bosco</font></i>), probabilmente ad indicare il luogo di provenienza
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABETE
 +<br>ABETI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abete è tipico del napoletano, di Sant`Anastasia in particolare,
 +Napoli, Pollena Trocchia e Somma Vesuviana, Abeti è un cognome toscano
 +tipico di Prato, potrebbero derivare da toponimi come Abeto (FI) o Abetone
 +(PT), ma è pure possibile derivino da un soprannome originato dal
 +termine <i><font color="#3366FF">abete</font></i> ad indicare l'altezza
 +o una caratteristica del luogo d'origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo del sud in particolare, deriva da un soprannome legato al
 +vocabolo campidanese <i><font color="#3366FF">abis</font></i> (<i><font color="#666666">api</font></i>),
 +probabilmente originato dal mestiere di apicultore.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ABI/S - APIS: Ape/i. Dal latino <i><font color="#3366FF">apis</font></i>.
 +Diffuso in Sardegna, in 62 su 377 Comuni, nella forma Abis. Così
 +e nella variante Apis, lo troviamo anche negli antichi documenti. Tra i
 +firmatari della pace di Eleonora del 1388 rinveniamo: Abis (de) Joanne,
 +ville Mogoro;&nbsp; Apis Comita, ville Mahara (Mahara - Barbaraquesa .Arbarei
 +- l'odierna Villamar. Contrate Marmille). Nel Con daghe di San Nicola di
 +Trullas, *CSNT -XI° XII° sec. al cap. 80.1, troviamo Ape Rustikellu
 +e Ape Jannico, fratelli, testimoni di una lite (kertidu: certarun mecu.)
 +tra il priore del Santuario e gli abitanti di tre villaggi, Mularia, Orticale
 +e Gitil per il possedimento delle terre di Sanctu Antipatre.Attuale: ABE
 +è presente in 10 Comuni italiani, molti dei quali lombardi; assente
 +in Sardegna. ABIS è presente in 109 Comuni, con maggiore diffusione
 +in Sardegna; seguono Lombardia, Piemonte, Lazio (Roma). Il cognome APIS
 +è presente solo in 4 Comuni delle Marche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABLONDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ablondi è tipico del parmense, di Calestano e Parma, potrebbe derivare
 +da una forma alterata dialettalmente del nome <i><font color="#3366FF">Abbondio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ABBONDI</font>), ma la cosa più probabile
 +è che derivi invece da un'italianizzazione del nome medioevale germanico
 +<i><font color="#3366FF">Ablund</font></i>,&nbsp; probabilmente portato
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABRAM
 +<br>ABRAMI
 +<br>ABRAMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Questi cognomi sono probabilmente
 +di origine ebraica, Abram è tipico del trentino, mentre Abrami sembra
 +essere specifico del bresciano, Abramo è siciliano, più propriamente
 +della zona tra Messina e Catania, derivano tutti dal nome ebraico Abram
 +presente sia nel mondo latino che nel greco, ad esempio leggiamo in un'ecloga
 +del V° secolo a. C. :"<font color="#993366">...Limite iussus</font><font color="#FF0000">Abram</font><font color="#993366">
 +patrio discedere Sarram...</font>". Troviamo tracce di questo cognome già
 +nel nel 1450 con un Jacobo de Abram da Bologna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABREGAL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abregal è un cognome rarissimo, si dovrebbe trattare di un matronimico,
 +storpiatura del nome biblico <i><font color="#3366FF">Abigail</font></i>
 +moglie in seconde nozze di David.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABRIOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico potentino, deriva dal toponimo Abriola (PZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABRIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo del nord è estremamente raro, deriva da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo sassarese <i><font color="#3366FF">abru</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cinghiale</font></i>) ed è probabilmente
 +legato al carattere particolarmente selvatico del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABRONZINO
 +<br>ABRONZO
 +<br>D'ABRONZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abronzino è tipico di Napoli, Abronzo, quasi unico, è sempre
 +campano, D'Abronzo è specifico del napoletano, di Casandrino e Giugliano
 +di Campania, dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale italiano <i><font color="#3366FF">Abronzo</font></i>
 +o dal suo ipocoristico <i><font color="#3366FF">Abronzino</font></i>, anche
 +attraverso la forma patronimica in <i><font color="#3366FF">D'</font></i>,
 +dove questa particella sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ABUTZU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo è tipico del sud della Sardegna, deriva
 +da un soprannome originato dal vocabolo campidanese <i><font color="#3366FF">abutzi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">rapaci</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="ac"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACANFORA
 +<br>CANFORA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acanfora è tipico di Scafati nel salernitano con ceppi anche nel
 +napoletano a Boscoreale, Napoli, Castellammare di Stabia e Pompei, Canfora
 +è specifico del napoletano, soprattutto di Napoli, ma anche di Pozzuoli,
 +Nola ed Ercolano ed ha anche un ceppo siciliano a Tortorici nel messinese,
 +l'origine di questi cognomi è oscura, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Napoli in un atto del 1610 dove Giovanni :Battista De Acamphora,
 +debitore di Corte, viene citato in Giudizio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACARDI
 +<br>ACCARDI
 +<br>ACCARDO
 +<br>ACCHIARDI
 +<br>ACCHIARDO
 +<br>ACCIARDI
 +<br>ACHIARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Hanno origine probabilmente dal tedesco <i><font color="#3366FF">akhard</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">aghard</font></i> termine composto da <i><font color="#3366FF">aki</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ferita da taglio</font></i>) o <i><font color="#3366FF">agi
 +</font></i>(<i><font color="#999999">paura</font></i>) e <i><font color="#3366FF">hart</font></i>
 +(<i><font color="#999999">forte, duro</font></i>) con il significato di
 +duro combattente o guerriero che incute timore. La diffusione è
 +prevalentemente nell'area del nord ovest, Accardi ha un forte nucleo in
 +Sicilia ed è presente anche nel Lazio, in Campania e nel cosentino,
 +Accardo ha un forte ceppo nel napoletano ed uno della Sicilia occidentale,
 +Acchiardi è specifico della provincia di Cuneo, di Roccabruna e
 +Dronero in particolare, Acchiardo, decisamente più raro, sembrerebbe
 +specifico di Dronero, Achiardi è quasi unico, Acciardi ha qualche presenza nel casertano, un ceppo a Nova Siri nel materano
 +ed uno nel vicino cosentino, ad Oriolo, Nocara, San Marco Argentano, Montegiordano
 +e Rocca Imperiale.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Accardi è diffuso anche nel Riminese. Viene dall'antico alto
 +tedesco ECKA = angolo, filo della spada, punta, (ted. Ecke = angolo) +
 +antico alto tedesco HARTU/HERTI = resistente, forte (ted. hart = duro)
 +e ha prodotto i nomi germanici ECKEHARD(T) / ECKHARD(T) e in seguito, da
 +questi, il latino Achardus. Significato:valoroso nell'uso della spada.
 +Cfr. G.Vezzelli: Cognomi romagnoli di origine barbarico-germanica, Il Sodalizio,
 +Rimini, 1988, p.17</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della Sardegna occidentale, è originato da un soprannome
 +legato probabilmente al mestiere di vaccaro e deriva dal vocabolo sassarese
 +<i><font color="#3366FF">acca</font></i> (<i><font color="#666666">vacca</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACCA: <i><font color="#999999">Cavallo di piccola stazza, ronzino,
 +brocco</font></i>. Dal catalano <i><font color="#3366FF">(h)aca </font></i>(<i><font color="#3366FF">caball
 +petit de estatura</font></i>); spagnolo <i><font color="#3366FF">Haca.</font></i>
 +Non è presente nelle carte antiche della Sardegna; evidentemente
 +si tratta di un cognome che ha origine in seguito alla conquista spagnola
 +dell'isola. Attualmente lo troviamo in 54 Comuni italiani, di cui 25 in
 +Sardegna, tra i quali primeggia Bosa con 47; seguono: Cuglieri 40, Santadi
 +38, Sassari 27, Cagliari 22, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCAREDDU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente raro è tipico di Bonarcado (OR), deriva da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">accareddu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccolo vaccaro</font></i>), probabilmente originato
 +dalla piccola statura e dal mestiere di vaccaro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACCAREDDU: permangono incertezze sul significato e l'etimologia. Potrebbe
 +derivare da <i><font color="#3366FF">a(c)ca</font></i> = <i><font color="#999999">cavallo
 +di mezza taglia</font></i>, dal catalano <i><font color="#3366FF">haca</font></i>
 += <i><font color="#3366FF">caval petit de estatura</font></i>; oppure da
 +<i><font color="#3366FF">άčča</font></i> (<i><font color="#3366FF">àccia</font></i>),
 +che in campidanese e in logudorese significa <i><font color="#999999">torcia,
 +candeliere</font></i>, dal catalano <i><font color="#3366FF">àtxa</font></i>;&nbsp;
 +<i><font color="#3366FF">άčča de poburu </font></i>= <i><font color="#999999">lanterna
 +della povera gente</font></i>: in tal caso in fonetica si avrebbe <i><font color="#3366FF">aččarèddu</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">acciarèddu</font></i>). Non vi è
 +riscontro nelle carte antiche. Attualmente troviamo il cognome solo in
 +due Comuni della Sardegna: Bonarcado 30, Oristano 6.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCARGIU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accargiu è ormai praticamente scomparso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACCARGIU: può derivare da <i><font color="#3366FF">Vaccargiu</font></i>
 += <i><font color="#999999">custode di vacche</font></i>, dal latino <i><font color="#3366FF">vaccarius</font></i>
 +o, per accostamento, da un possibile <i><font color="#3366FF">accarius</font></i>,
 +<i><font color="#999999">custode di ronzini</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Acca</font>). È un cognome rarissimo, diffuso sino a poco tempo
 +fa in un&nbsp; solo Comune della Sardegna Meridionale, oggi scomparso!!!</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCARINI
 +<br>ACCARINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accarini, assolutamente molto raro, ha un piccolo ceppo a Savona e presenze
 +nel parmense, Accarino è tipicamente campano, ha un ceppo a Napoli
 +ed uno nel salernitano, a Cava de' Tirreni, astel San Lorenzo, Salerno
 +e Capaccio, dovrebbero derivare da una forma aferetica del nome <i><font color="#3333FF">Iaccarino</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi IACCARINI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCETTA
 +<br>ACCETTI
 +<br>ACCETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accetta ha un ceppo a Roma, uno nel napoletano e salernitano, uno nel barese
 +e tarantino,uno in Sicilia, molto consistente, nel palermitano, nel messinese,
 +nel vatanese e nel ragusano, Accetti ha qualche presenza nel romano e nell'area
 +settentrionale italiana, Accetto è specifico del napoletano, dovrebbero
 +derivare da nomi augurali medioevali come <i><font color="#3333FF">Accetto</font></i>
 +ed <i><font color="#3333FF">Accetta</font></i>, forme che per aferesi hanno
 +perso il prefisso <i><font color="#3333FF">Ben-</font></i>, attribuiti
 +a figli considerati molto <i><font color="#3333FF">benaccetti</font></i>
 +in famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCETTOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accettola ha un ceppo a Sora e Broccostella nel frusinate ed a Roma, dovrebbe
 +trattarsi di una forma ipocoristica medioevale del nome <i><font color="#3333FF">Accetta</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ACCETTA</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font>
 +<br>Presente una famiglia nobile con tale cognome nella città di Sora (FR), il che
 +fa pensare ad un origine specifica di tale cognome in tale città.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCETTURA
 +<br>ACCETTURI
 +<br>ACCETTURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accettura, tipicamente pugliese, è molto diffuso a Bari e nel barese
 +a Modugno, Adelfia, Triggiano e Sannicandro di Bari, Accetturi è
 +quasi unico, dovrebbe derivare da errori di trascrizione, Accetturo, molto
 +molto raro, è tipico del foggiano, di San Marco la Catola in particolare,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome del paese di origine dei capostipiti,
 +cioè il paese di Accettura nel materano, il cui nome, secondo la
 +tesi più accreditata, dovrebbe derivare dal termine latino <i><font color="#3333FF">acapiter</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sparviero</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCIAI
 +<br>ACCIAIO
 +<br>ACCIAIOLI
 +<br>ACCIARESI
 +<br>ACCIARI
 +<br>ACCIARINI
 +<br>ACCIARINO
 +<br>ACCIARO
 +<br>ACCIARRESI
 +<br>ACCIARRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acciai è tipico toscano, delle province di Arezzo e Firenze, Acciaio
 +è assolutamente rarissimo, Acciaioli, molto molto raro, è
 +toscano del pratese, Acciaresi è specifico di Tuscania nel viterbese,
 +Acciari ha un nucleo laziale ed un ceppo nel lucchese, Acciarini, molto
 +molto raro, è specifico della fascia centrale che comprende maceratese,
 +Piceno, Umbria e lazio, Acciarino ha un ceppo romano ed uno napoletano,
 +Acciaro, molto raro, ha un ceppo nel sassarese a La Maddalena e Porto Torres,
 +uno in Molise a Portocannone (CB), ed in provincia di Roma, Acciarresi
 +è specifico della provincia di Macerata, di Corridonia, Macerata,
 +Montecassiano e Petriolo, Acciarri è tipico marchigiano, del Piceno,
 +area che da San Benedetto del Tronto arriva a Massignano, dovrebbero derivare
 +o da soprannomi originati dal mestiere di mastro ferriere, ma anche in
 +alcuni casi legati al termine medioevale <i><font color="#3366FF">accia</font></i>
 +(<i><font color="#999999">scure, lama</font></i>), italianizzazione del
 +termine germanico <i><font color="#3366FF">hacke</font></i> con il medesimo
 +significato, che ha originato il termine italiano moderno <i><font color="#999999">accetta</font></i>,
 +un uso di questo termine lo troviamo in una Cronica romana del 1300: "<font color="#CC33CC">...Volete
 +che aia tale fierro, tale tagliare, quale hao questa mea cortellessa?»
 +E ditto questo, aizao la cortellessa sopra lo capo dello re più
 +de doi piedi. Lo re levao l'uocchi per guardare alla </font><i><font color="#FF0000">accia</font></i><font color="#CC33CC">
 +de questo fierro....</font>", o anche nei <i><font color="#3366FF">Fatti
 +di Cesare</font></i> sempre del XIV° secolo: "<font color="#CC33CC">...Quando
 +Bruto lo vidde uccidere, fu molto turbato; cambiò luogo et arme,
 +e venne là dove li colpi si ferivano, e fecesi tenere lo scudo davanti,
 +e prese una </font><font color="#FF0000">accia</font><font color="#CC33CC">
 +a due mani, e ferì et abattè de' Marsiliesi oltre XV in uno
 +assalto, per ciò che le navi erano a costa a costa...</font>", tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Firenze nel 1200 con Niccolò Acciaioli, giudice e
 +Priore di Libertà, il cui casato vantava il titolo di Duchi di Atene
 +e Conti di Melfi, più avanti con il letterato quattrocentesco toscano
 +Donatus Acciaiolus traduttore delle <font color="#3366FF">Vitae
 +parallelae</font> di Plutarco ed autore di una <font color="#3366FF">Vita
 +Caroli Magni</font>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Franco
 +Pettinato</font></font>
 +<br>A mio parere la parola <i><font color="#3366FF">accia</font></i> (lat.
 +<i><font color="#3366FF">acia</font></i>) v. Devoto e Oli, e Vocabolario
 +dell'accademia della Crusca ha un diverso significato e cioè :<i><font color="#999999">
 +lino, stoppa, o canapa filata ridotta in matasse</font></i>. Si tratta
 +quindi di mestiere connesso all'attività di filatura e tessitura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCIARITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acciarito ha un ceppo laziale ad Artena nel romano ed uno siciliano nel
 +catanese, a Catania e Vizzini, dovrebbe derivare da un soprannome basato
 +sul mestiere dei capostipiti, forse dei fabbricanti d'asce o azze.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCILI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accili è tipico de L'Aquila e provincia, dovrebbe derivare dal nome
 +della <i><font color="#3366FF">Gens</font></i> patrizia romana <i><font color="#3366FF">Acilia</font></i>
 +e dalle sue varie diramazioni plebee, o dal nomen gentilizio latino <i><font color="#3366FF">Acilius</font></i>,
 +improbabile una connessione con il piccolo paese longobardo di Acciano
 +(<i><font color="#3366FF">Hacciànë</font></i>) nell'aquilano,
 +il cui nome è invece derivato dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Atia</font></i> o <i><font color="#3366FF">Attia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCINI
 +<br>ACCINNI
 +<br>ACCINNO
 +<br>ACCINO
 +<br>ACINNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accini ha un ceppo a Calvisano nel bresciano e ad Asola nel mantovano,
 +ed uno piccolissimo a Monterosso al Mare nello spezzino, Accinni, molto
 +raro, ha piccoli ceppi a Roma e Patrica nel frusinate, a Napoli ed a Foggia,
 +Accinno, molto molto raro, è specifico di Roma, Accino è
 +quasi unico, forse piemontese, Acinno è praticamente unico, dovrebbero
 +tutti derivare da varie italianizzazioni del nomen latino <i><font color="#3333FF">Acinius</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome il Console Romano del 160 a.C. Lucius Acinius
 +Gallus, riportato da alcuni come Lucius Accinus, possono anche derivare
 +direttamente dalla <i><font color="#3333FF">Gens Acinia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCIO
 +<br>ACCIU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accio, assolutamente rarissimo, è presente ormai solo in Piemonte,
 +Acciu, quasi unico, è presente in Piemonte ed in Sardegna, dovrebbero
 +derivare da forme aferetiche di ipocoristici di nomi come Michelaccio o
 +simili.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACCIU; ACCIO: improbabile che derivi da <i><font color="#3366FF">Accius</font></i>
 +latino, gentilizio romano. Più verosimilmente da <i><font color="#3366FF">acc(i)u</font></i>,
 +che in logudorese significa <i><font color="#999999">abile, accorto</font></i>,
 +in campidanese <i><font color="#999999">adatto, idoneo</font></i>, dal
 +toscano rustico <i><font color="#3366FF">accio</font></i> = <i><font color="#999999">presto,
 +sollecito</font></i>, o da <i><font color="#3366FF">avaccio</font></i>,
 +probabilmente dal latino <i><font color="#3366FF">vivacius</font></i>.
 +Cognome raro, attualmente è presente, nella variante Acciu in 4
 +comuni, di cui 2 in Sardegna: Barisardo con 8, Cagliari; 1 in Piemonte,
 +a Vercelli con 2; 1 in Lombardia, a Robbio (PV) con 2. Nella variante Accio,
 +in 12 comuni, con maggiore diffusione in Piemonte, Lombardia, Veneto Lazio,
 +etc.: assente in Sardegna</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accocci, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del sud della Sardegna, potrebbe
 +derivare da un soprannome derivato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">accocciaresì</font></i>
 +(<i><font color="#999999">indugiare, tardare, poltrire, aver timore</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOGLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accogli è tipico del leccese, soprattutto di Andrano e di Tricase,
 +ma ben presente anche a Scorrano, e nel tarentino a Diso e Fragagnano,
 +dovrebbe derivare dalla forma aferetica del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Bonaccogli</font></i>,
 +attribuito a figli molto desiderati, nome probabilmente portato dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOLLA
 +<br>ACCOLLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accolla è tipicamente siciliano, con un ceppo a Messina ed uno più
 +consistente nel siracusano a Siracusa, Avola ed Augusta, Accolli, praticamente
 +unico, è probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione del precedente,
 +che dovrebbe essere di origini arabe, e che potrebbe derivare dall'espressione
 +araba <i><font color="#3333FF">al kolah</font></i> (<i><font color="#666666">la
 +bolla di vetro, l'ampolla</font></i>), ma <i><font color="#3333FF">Kolah</font></i>
 +è anche nome persiano il cui uso è diffuso anche in Medio
 +Oriente, ed è più probabile che questo sia stato il nome
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOLTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accolti è assolutamente rarissimo, dovrebbe derivare da una forma genitiva, patronimica, aferetica del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Benaccolto</font></i>  (<font color="#CC33CC">vedi BENACCOLTO</font>), attribuito a figli molto
 +desiderati, e probabilmente portato dal padre del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCONCI
 +<br>ACCONCIA
 +<br>ACCONCIO
 +<br>ACCUNZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acconci è tipicamente toscano di Vicopisano (PI), Pisa e Livorno,
 +Acconcia ha un ceppo a Castelvecchio Subequo (AQ), a Roma, ma il nucleo
 +principale è campano a&nbsp;&nbsp; Marcianise e&nbsp;&nbsp; Capodrise
 +nel casertano ed a Mercato San Severino (SA), Acconcio, assolutamente rarissimo,
 +è campano, Accunzi è unico, tutti questi cognomi derivano
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Accuntius</font></i> o <i><font color="#3366FF">Acconcius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCONCIAGIOCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accongiagioco, molto molto raro, tipicamente campano, del napoletano soprattutto
 +e del salernitano, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito ad un
 +capostipite cui si attribuiva l'abitudine forse di barare, o più
 +probabilmente il compito di organizzare e guidare le competizioni in tenzoni
 +cavalleresche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCORDI
 +<br>ACCORDINI
 +<br>ACCORDINO
 +<br>ACCORDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accordi, tipico del veronese, di Gazzo Veronese, Verona e Nogara, ha un
 +ceppo anche a Cortona nell'aretino, Accordini è tipico anch'esso
 +del veronese, è molto diffuso a Pescantina, San Pietro in Cariano,
 +Verona e Sant'Ambrogio di Valpollicella, con buone presenze anche a Negrar
 +ed a Marano di Valpollicella, Accordino ha un ceppo romano ed uno nel messinese,
 +a Patti, Gioiosa Marea e Messina, Accordo è quasi unico, sembrerebbe
 +meridionale, dovrebbero derivare, anche attraverso ipocoristici, da forme
 +aferetiche del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Bonaccordo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BONACCORDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCORINTI
 +<br>ACORINTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accorinti sembrerebbe originario della Calabria, del valentiano, di Ricadi
 +e Briatico, ma presenta un ceppo significativo anche a Roma, Acorinti,
 +che sembrerebbe unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +del precedente, potrebbe derivare da un soprannome originato da un'alterazione
 +dialettale del termine greco <font color="#3333FF">άκοιτις   <i>akoitis</i></font>
 +(<i><font color="#666666">sposa</font></i>) con l'aggiunta di una erre
 +ed una enne epentetica.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Accorinti è un cognome calabrese e siciliano, ricalca il cognome
 +greco <i><font color="#3333FF">Akorinthios</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCORNERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accornero è tipicamente piemontese, con un ceppo nell'astigiano
 +a Viarigi, Asti, Refrancore e Montemagno,&nbsp; un ceppo anche a Torino
 +ed Alessandria e Genova, si dovrebbe trattare di una forma alterata del
 +cognome <i><font color="#3333FF">Cornero</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CORNARA</font>), con l'aggiunta di una <i><font color="#3333FF">Ac-</font></i>
 +prostetica eufonica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCORSI
 +<br>ACCORSINI
 +<br>ACCORSO
 +<br>ACCURSI
 +<br>ACCURSIO
 +<br>ACCURSO
 +<br>OCCORSI
 +<br>OCCORSIO
 +<br>OCCORSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accorsi è tipicamente emiliano, Accorsini è tipico della
 +zona di Camporgiano (LU), Accorso, assolutamente rarissimo è probabilmente
 +del sud e dovrebbe essere dovuto ad errori di trascrizione di Accurso che
 +ha ceppi in Sicilia, ad Alcamo (TP) e Palermo in particolare, Calabria
 +a Villa San Giovanni (RC) e Verbicaro (CS), Napoli e Roma, Accursio, assolutamente
 +rarissimo, parrebbe siciliano, Accursi, altrettanto raro, ha ceppi nel
 +bolognese e nel sud, Occorsi è unico, Occorsio, estremamente raro,
 +ha un ceppo a Roma ed uno a Napoli, Occorso, molto molto raro, ha un piccolo
 +ceppo nel comasco ed uno, più consistente, nel palermitano, a Castelbuono,
 +Palermo e Petralia Sottana, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite
 +modificazioni dialettali, dall'antico nome medioevale <i><font color="#3366FF">Accursus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto dell'anno 1320: "<font color="#CC33CC">...Frater
 +Octo, frater Beraldus, frater Petrus, frater </font><font color="#FF0000">Accursus</font><font color="#CC33CC">,
 +frater Adiutus: Hij 5 fratres martyrizati sunt tempore Innocencii et beati
 +Francisci, quorum meminerunt historia et legenda, confessoris apud Marochium
 +17 Kal Feb., quorum venerandas reliquias dominus Petrus, infans Regis Portugalie,
 +hospes predictorum fratrum a Marochia secum differens . . . celebrem passionis
 +ordinem plenius deuulgauit. ..</font>", un nome discretamente diffuso in
 +epoca medioevale, nome con un significato propiziatorio che veniva dato
 +al figlio tanto atteso o al figlio giunto dopo la morte di una persona
 +cara, in molti casi può pure derivare dall'aferesi di nomi come
 +<i><font color="#3366FF">Bonaccorso</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BONACCORSI</font>). Un principio di queste
 +cognominizzazioni patronimiche le troviamo già nel 1221 a Spoleto:
 +"<font color="#CC33CC">In nomine dñi amen, Anno Millesimo ducentesimo
 +vigesimo primo, tempore Honorij pp. tertii et dñi Frederici Imperatoris
 +Secundi, et die XI intrante julio, indictione nona, hoc quidem tempore
 +Ego Berardus judex sindicus, constitutus a dño Jacobo Petri Corvi
 +potestati Cerreti et a domino Letone Camerario comunis Cerreti, et plebano
 +plebis alve et doño Berardo de Rocca et a Mercede tertii et ab Ansuvino
 +Ardengi et doño Letone Rogerii, et Rainaldo de Muniano, et Saccente
 +Belluvardi et Jonte Gilette, et a Nicolao Munaldi, et a doño Johanne
 +de Sellano et </font><font color="#FF0000">Ruberto Accursii</font><font color="#CC33CC">
 +consciliariis ejusdem castri, et ab universo populo cerretano in eorum
 +contione....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCORTI
 +<br>ACCORTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accorti, molto raro, sembrerebbe del nord Italia, probabilmente del pavese,
 +Accorto, ancora molto più raro, parrebbe del centro Italia, forse
 +del perugino, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Acortus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nella <i><font color="#3366FF">Cronica</font></i>
 +di Salimbene de Adam: "<font color="#CC33CC">..Item, his diebus et millesimo
 +supraposito, scilicet anno Domini MCCLXXXVII, .. ..Et quattuor fuerunt
 +qui interfecerunt eum, scilicet Raimundellus, Iacobellus, </font><font color="#FF0000">Acortus</font><font color="#CC33CC">
 +et Ferarellus..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOSSU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accossu, assolutamente rarissimo, è tipico di Pabillonis nel Medio
 +Campidano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACCOSSU: dal latino <i><font color="#3366FF">cossus</font></i> = <i><font color="#999999">tarlo</font></i>;
 +o da <i><font color="#3366FF">cossu de agu</font></i> (cat. <i><font color="#00CC00">cos</font></i>)
 +=&nbsp; <i><font color="#999999">cruna dell'ago</font></i> (<i><font color="#3366FF">su
 +cù de s'agu</font></i> in campidanese);&nbsp; <i><font color="#3366FF">su
 +cossu</font></i> è anche <i><font color="#999999">il corpetto</font></i>.
 +<i><font color="#3366FF">Su cossiu o cossu</font></i> è anche <i><font color="#999999">un
 +grosso recipiente di terracotta</font></i> simile a un tino per bucato,
 +detto anche <i><font color="#3366FF">sa scivèdda</font></i>, dal
 +catalano <i><font color="#3366FF">cossi </font></i>(<i><font color="#3366FF">vas
 +gran de terra cuita</font></i>). Cos in latino è la pietra dura
 +per&nbsp; affilare, sa codi, da cui deriva anche codina o cotina = roccia,
 +pietra. Abbiamo un ultimo suggerimento, che riteniamo il più valido:
 +Accossu può derivare da una parola composta: acconcia-cossu (acconciai
 += aggiustare; cossu = tino di terracotta, scivèdda). Il fatto che
 +Pabillonis (centro abitato del Medio Campidano) conti da solo (27) più
 +della metà di tutti i Cossu d'Italia; e, considerato che Pabillonis
 +è conosciuto in tutta la Sardegna come il paese delle botteghe specialiste
 +della terracotta(il paese delle pentole = sa 'idda de is pinjàdas),
 +è quasi certo che il cognome Accossu sia nato in quel borgo, anche
 +perché sappiamo con certezza che i primi acconciacossu&nbsp; (calderai)
 +provenivano da quel centro abitato. Attualmente è presente in 8
 +Comuni sardi: Pabillonis (27), Ussana 3, Selargius 3, Villacidro 3, Gonnosfanadiga
 +3, Monserrato 3, Oristano 3, Guspini 3; ed infine Rapallo(GE) con 2: questi
 +ultimi 2 provengono da Gonnosfanadiga.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCOTI
 +<br>ACCOTO
 +<br>ACCOTTO
 +<br>ACOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accoti, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'area cosentina e pugliese,
 +Accoto è invece specifico del Salento, del leccese, di Andrano,
 +Minervino di Lecce, Giurdignano, San Cassiano e Lecce, Accotto, molto molto
 +raro, è piemontese, del torinese, di Vestignè, Montalto Dora,
 +Strambino ed Ivrea, Acotto, più diffuso, è specifico di Vische
 +nel torinese, dovrebbero essere di origine burgunda ed essere arrivati
 +nell'Italia meridionale al seguito degli angioini, dovrebbero derivare
 +dal termine francese arcaico <i><font color="#3333FF">hachotte</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccola ascia</font></i>), che ha dato origine
 +anche al cognome burgundo <i><font color="#3333FF">Achotte</font></i>,
 +che potrebbe anche essere stato poi italianizzato nelle forme di cui sopra,
 +una ipotesi possibile è che possano riferirsi a capostipiti che
 +producessero asce di mestiere o che, nel loro mestiere, le usassero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACCUMOLI
 +<br>ACCUMOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Accumoli, quasi unico, ed Accumolo, che sembrerebbe proprio essere unico,
 +dovrebbero derivare da soprannomi dialettali meridionali basati probabilmente sulla
 +ricchezza del capostipite, forse proprietario di un <i><font color="#3333FF">accumole</font></i>
 +(<i><font color="#666666">mucchio, catasta</font></i>) di roba.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACERBI
 +<br>ACERBIS
 +<br>ACERBO
 +<br>ACERBONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acerbi è molto diffuso in Lombardia, nell'alessandrino ed in Liguria,
 +nel piacentino, parmigiano e reggiano, nel veronese e nel vicentino, Acerbis
 +è specifico del bergamasco e del vicino milanese e bresciano, Acerboni
 +sembra specifico del lecchese zona di Casargo e Vendrogno, Acerbo ha un
 +ceppo tra alessandrino e genovese, uno nel pescarese ed uno nella costa
 +campana. L'origine di questi cognomi è chiaramente da soprannomi
 +originati dal vocabolo acerbo che ha due possibili significati originari:
 +acre, duro, spietato oppure immaturo, prematuro, nato prima del tempo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACERENZA
 +<br>LACERENZA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acerenza è specifico del potentino, di Pignola in particolare, Lacerenza,
 +molto più diffuso, ha un ceppo ad Avigliano e Potenza nel potentino
 +ed in Puglia a Barletta nel barese, ad Orta Nova, Trinitapoli e Foggia
 +nel foggiano ed a Laterza e Taranto nel tarentino, questi cognomi dovrebbero
 +stare ad indicare che i capostipiti fossero provenuti dalla città
 +potentina di Acerenza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del napoletano e basso avellinese zona di Lauro (AV), deriva
 +dal toponimo omonimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACERRANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Acerra (NA), deriva dall'etnico dello stesso paese, inteso come
 +originario di Acerra.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACETI
 +<br>ACETO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aceti ha un ceppo tra bergamasco e milanese ed uno nel frusinate, Aceto
 +ha un ceppo nell'alessandrino e genovese, un ceppo tra Lazio, Abruzzo,
 +Molise e Campania ed uno nel cosentino e crotonese, dovrebbero derivare
 +dal soprannome e quindi nome medioevale <i><font color="#3366FF">Acetus</font></i>
 +di cui abbiamo tracce fin dal 1200, a sua volta derivato dal nome latino
 +<i><font color="#3366FF">Ancetus</font></i>, ricordiamo con questo nome
 +il ventesimo Papa dal 155 al 166: "<font color="#CC33CC">...Polycarpus,
 +discipulus Apostolorum et episcopus Smyrnensis, hospes Ignatii Antiocheni,
 +Romam profectus est ad quaestionem de festo Paschatis cum </font><font color="#FF0000">Anceto</font><font color="#CC33CC">
 +papa tractandam. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACHENZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Achenza è specifico del nord della Sardegna, di Sassari, Ozieri
 +e Santa Maria Coghinas nel sassarese, e di Tempio Pausania, Oschiri,Berchidda
 +ed Olbia in Gallura.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ACHENZA: permangono incertezze sul significato e l'etimologia della
 +parola. È un cognome oggi presente in 57 Comuni italiani, di cui
 +33 in Sardegna: Sassari 77, Tempio 38, Oschiri 28, Berchidda 21, Olbia
 +18, etc. Unici elementi di confronto rimangono due riferimenti, di cui
 +il primo è del canonico Giovanni Spano, nel vocabolario sardo -
 +Geografico, Patronimico ed Etimologico -, che recita: <i><font color="#3366FF">Achensa</font></i>,
 +villaggio distrutto nella diocesi di Cagliari, così detta dalla
 +radice (fenicia) <i><font color="#3366FF">chanas</font></i> = <i><font color="#999999">unione
 +di uomini, aggregamento di case</font></i>; il secondo lo troviamo nell'opera
 +"In Sardiniae Chorographiam" di Giovanni Francesco Fara (pag. 210 - 20):
 +Intus deinde sequitur partis Hipis (Parte Gippi), tota fere plana (quasi
 +del tutto pianeggiante).ubi est castrum et oppidum Sorres (Villasor), comitatus
 +titulo a Carolo V anno 1537, decoratum oppidaque alia Decimoputzi, Serramagnae
 +et Villaexirdi (ricca di cedri, aranci etc. segue l'elenco di altri villaggi.)
 +Fanaris superioris, Fanaris inferioris (<font color="#CC33CC">vedi Cognome
 +Fanàri</font>), Leni, Hispidi, Aquensae,... Saboddus, .Sogus. (<font color="#CC33CC">vedi
 +cognome De Sogus</font>). Crediamo che il cognome Achenza derivi dall'antico
 +centro abitato di <i><font color="#3366FF">Aquensa</font></i>, detto anche
 +<i><font color="#3366FF">Acquesa</font></i>, sito in agro di Villasor;
 +in periodo medioevale appartenente alla Curadorìa o Parte di Gippi,
 +del regno giudicale di Cagliari. Fece parte poi del regno giudicale di
 +Arborea, quindi del Comune di Pisa; dal 1324 fu una villa (bidda) del Regno
 +catalano aragonese di Sardegna. In seguito andò spopolandosi, sino
 +all'abbandono totale avvenuto verosimilmente dal 1414 al&nbsp;&nbsp; 1427.
 +In Aquensa o Acquesa è chiara la radice "acqua": il paese era infatti
 +in una zona ricca di acque lungo la riva del fiume Mannu (In Sardiniae
 +Chorographiam - sopra citata): flumen aliud&nbsp; oritur in agro Sarcidano.ad
 +dexteram reliquit Samassim, ad sinistram regionem Partis Hipis per pontem
 +Villae Sorris.Etc. etc. Quel che non si riesce a capire è perché
 +attualmente gli Achenza abbiano i ceppi più importanti a Sassari
 +e Tempio, ben lungi da Villasor!</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACHILLE
 +<br>ACHILLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Achille ha un ceppo nel pavese, uno tra aquilano e romano, ed uno nel barese,
 +Achilli ha un ceppo tra milanese, pavese e piacentino, uno a Rimini, uno
 +tra maceratese e Piceno ed uno tra viterbese e romano, entrambi questi
 +cognomi derivano dal nome Achille, probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACOCELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico dell'Irpinia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome prevalentemente dell'avellinese, dovrebbe derivare dal vocabolo
 +dialettale <i><font color="#3366FF">acucedda</font></i>, che indicava un
 +<i><font color="#666666">grosso ago usato per cucire i sacchi</font></i>.
 +Si tratterebbe, dunque, della cognominizzazione di un nome di mestiere,
 +quello del fabbricante di sacchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACONE
 +<br>ACONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acone, molto raro è tipico del napoletano, avellinese ed alto salernitano,
 +Aconi, praticamente unico è probabilmente dovuto ad un errore di
 +trascrizione, potrebbe derivare dal cognomen latino Acone derivato da un
 +toponimo Portus Acone in Bitinia: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Acone
 +portus</font><font color="#CC33CC"> est Bithyniae qui proventu malorum
 +graminum usque adeo celebris est ut noxias herbas aconita illinc nominemus...</font>",
 +in una antica lapide romana si legge: "<font color="#FF0000">Q</font>(uinti)
 +<font color="#FF0000">Aconi Veri</font> <font color="#CC33CC">pri</font>(ncipis)
 +<font color="#CC33CC">leg</font>(ionis) <font color="#CC33CC">XV&nbsp;
 +Apo</font>(llinaris)".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACONITI
 +<br>ACONITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi parrebbero del centro Italia, Aconiti è quasi unico, Aconito
 +è solo leggermente meno raro e sembrerebbe avere un piccolissimo
 +ceppo a L'Aquila, dovrebbero derivare dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Aconitus</font></i>,
 +si ricorda con questo nome uno dei Vescovi della Chiesa che sottoscrissero
 +ai sinodi del papa Simmaco nel l'anno 499, il nome deriva da quello della
 +pianta di aconito (aconitum napellus), un'erba perenne, con forti doti
 +curative ma velenosissima, una delle piante più tossiche che fioriscano
 +in Italia, è però anche possibile che il nome derivi da una
 +forma ipocoristica bizantina del nome latino di origine anatolica <i><font color="#3333FF">Acone</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ACONE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acqua ha piccolissime presenze sparse in Lombardia, Veneto, Emilia e Marche,
 +con presenza prevalente nel romano a Sant'Oreste e Roma, nel napoletano
 +ed a Palermo. L'origine è legata a due possibili radici, che si
 +identificano in toponimi (contenenti il vocabolo acqua, acque), o nel mestiere
 +del distributore o venditore d'acqua (acquaiolo, acquarolo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUAFREDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico di Bitonto (BA), dovrebbe derivare da nomi di località
 +come Acquafredda di Maratea (PZ) o come molte altre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUARONE
 +<br>ACQUARONI
 +<br>AQUARONE
 +<br>QUARONE
 +<br>QUARONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acquarone è decisamente ligure, di Imperia, Savona e Genova, Acquaroni,
 +molto molto raro, sembrerebbe del mantovano, Aquarone è praticamente
 +unico, Quarone, abbastanza raro, ha un ceppo ad Albenga nel savonese e
 +presenze nel torinese e nel pavese, Quaroni è tipicamente lombardo,
 +del pavese e del milanese, di&nbsp; MIlano e di Pavia, Stradella, Montù
 +Beccaria e Travacò Siccomario nel pavese, potrebbero derivare, direttamente
 +o attraverso una forma aferetica, dall'accrescitivo del nome medioevale
 +germanico Achari, a sua volta derivato dai termini <i><font color="#3333FF">ac</font></i>
 +(<i><font color="#666666">filo, lama della spada</font></i>) ed <i><font color="#3333FF">hari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">esercito</font></i>), ma più probabilmente
 +derivano dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Acharon</font></i> con
 +il significato di Ultimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acquati è specifico dell'area lombarda che comprende il milanese
 +ed il lecchese, Milano, Inzago, Brugherio, Monza, Cinisello Balsamo, Cormano,
 +Vimercate, Lesmo e Novate Milanese nel milanese e Verderio Superiore ed
 +Inferiore nel lecchese, dovrebbe derivare dal nome del paese di Acquate,
 +ora una frazione di Lecco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUAVIVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente pugliese ha ceppi anche a Roma, nel napoletano ed in Sicilia,
 +dovrebbe derivare da uno dei tanti toponimi con questa radice come Acquaviva
 +Collecroce nel campobassano, Acquaviva delle Fonti nel barese, Acquaviva Platani nel nisseno e molti
 +altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUINO
 +<br>D'ACQUINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Acquino che D'Acquino, assolutamente rarissimi, parrebbero meridionali,
 +potrebbe trattarsi in qualche caso di un errore di trascrizione del cognome
 +Aquino, ma è più probabile che stiano invece ad indicare
 +una provenienza dal paese di Acquino nel frusinate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUISTAPACE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico valtellinese dovrebbe derivare dal nome augurale rinascimentale
 +<i><font color="#3366FF">Acquistapace</font></i>, tracce nel sondriese si trovano almeno dal 1700, in un atto
 +del 1771 a Prata (SO) troviamo come Curatore un certo canonico, coadiutore
 +Eustachio Acquistapace.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACQUISTI
 +<br>ACQUISTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acquisti è tipico dell'aretino, Acquisto è specifico dell'agrigentino
 +e del palermitano, derivano entrambi dal nome gratulatorio medioevale Acquisto
 +dato normalmente a bambini particolarmente desiderati, è pure possibile
 +una derivazione dall'aferesi del nome Bonacquisto, in altri casi potrebbero
 +derivare da toponimi come Acquisti (GR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del cosentino della zona di Rossano, Acri e Cosenza, deriva dal
 +toponimo Acri (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACTIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico di Torino, dovrebbe derivare dalla consuetudine medioevale
 +di confermare ufficialmente la nascita di figli illegittimi con una <i><font color="#3366FF">professio
 +in actis</font></i>: ".<font color="#CC66CC">..Mulier gravida repudiata,
 +filium enixa, absente marito ut spurium </font><font color="#FF0000">in
 +actis</font><font color="#CC66CC"> professa est...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACUCELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acucella sembrerebbe del potentino, di Rapolla e Melfi, con un piccolissimo
 +ceppo a Mergozzo nel verbanese, potrebbe derivare dal termine medioevale
 +<i><font color="#3333FF">acucella</font></i> (<i><font color="#666666">piccoli
 +aghi</font></i>), forse a sottolineare che il capostipite ne facesse uso
 +a causa del suo mestiere di sarto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ACUTI
 +<br>ACUTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Acuti, abbastanza raro, ha un ceppo a Travo nel piacentino, uno a Bondeno
 +(FE) ed uno a Fabriano nell'anconetano, Acuto, tipicamente piemontese,
 +dell'astigiano e dell'alessandrino ha ceppi a Grana (AT) e, nel Monferrato,
 +a Valenza, Mirabello Monferrato e Casale Monferrato, dovrebbero derivare
 +dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Acutus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in quest'antica lapide latina: "<font color="#CC33CC">Deae Hariasae</font><font color="#000000">
 +/ </font><font color="#CC33CC">Ti. Ulpius Acutus du</font><font color="#000000">[p(licarius)]</font><font color="#CC33CC">
 +al</font><font color="#000000">(ae) / </font><font color="#CC33CC">Sulp</font><font color="#000000">(icianae)</font><font color="#CC33CC">
 +sing</font><font color="#000000">(ularis)</font><font color="#CC33CC">
 +co</font><font color="#000000">(n)</font><font color="#CC33CC">s</font><font color="#000000">(ularis)
 +/ </font><font color="#CC33CC">cives Traianenses</font><font color="#000000">
 +/ </font><font color="#CC33CC">v.s.l.m. Crispino et Aeliano cos.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="140"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADABBO
 +<br>ADDABBO
 +<br>D'ADDABBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adabbo, molto raro, sembrerebbe specifico di Napoli, Addabbo è specifico
 +dell'area che comprende il barese, il materano ed il tarantino, a Gioia
 +del Colle e Bari nel barese ed ad Avetrana, Castellaneta, Taranto e Palagiano
 +nel tarentino, con un ceppo anche a Molinara nel beneventano ed a Vallo
 +della Lucania ed Amalfi nel salernitano, D'Addabbo è specifico del
 +barese, di Turi, Bari, Acquaviva delle Fonti, Casamassima e Sammichele
 +di Bari, probabilmente deriva da italianizzazioni del nome arabo <i><font color="#3333FF">Hadab</font></i>,
 +ma potrebbe anche derivare dal nome della città israeliana di Hadab
 +situata nelle vicinanze di Hebron.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Addabbo è un cognome pugliese, è la cognominizzazione
 +del soprannome <i><font color="#3333FF">Addabbo</font></i> di significato
 +incerto, forse in relazione con "<i><font color="#666666">l'ornamento o
 +l'abbigliamento fastoso</font></i>" usato dai cavalieri durante le loro
 +cerimonie di investitura, se è vera l'ipotesi di alcuni studiosi
 +che fanno derivare il cognome dall'ebraico '<i><font color="#3333FF">adah</font></i>'
 += <i><font color="#666666">orgoglio, ornamento del padre</font></i>. Fonte:
 +P. Minervini, 30.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><a name="ad"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADAM
 +<br>ADAMA
 +<br>ADAMI
 +<br>ADAMIC
 +<br>ADAMICH
 +<br>ADAMINI
 +<br>ADAMO
 +<br>ADAMOLI
 +<br>ADAMOLLI
 +<br>ADAMU
 +<br>ADAMUCCI
 +<br>ADAMUCCIO
 +<br>ADDAMO
 +<br>DE ADAMICH</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00adami2.gif" nosave="" align="LEFT" width="80" height="98"><img src="/immagini/stem00adami.gif" nosave="" align="RIGHT" width="59" height="81"><font size="-1">L'origine è chiaramente risalente al nome <i><font color="#3366FF">Adamo</font></i>
 +(dall'ebraico <i><font color="#3366FF">adam</font></i> = <i><font color="#999999">uomo</font></i>),
 +il primo uomo per le chiese cristiane ed ebraica. Adamo usato inizialmente
 +come nome proprio finiva per diventare il cognome dei suoi discendenti,
 +magari attraverso modificazioni ipocoristiche o dialettali. Adam, molto molto raro, ha un piccolo ceppo triestino, Adama è quasi
 +unico, Adami è molto diffuso nel centronord, Adamini ha un ceppo
 +nel bresciano ed uno nel viterbese, Adamo è panitaliano, Addamo
 +è siciliano, di Riesi nel nisseno, di Catania e Vizzini nel catanese,
 +di Patti e Montagnareale nel messinese, di Leonforte nell'ennese, di Lentini
 +nel siracusano e di Partinico nel palermitano, Adamolli, è unico
 +ed è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione di Adamoli,
 +che ha un ceppo nelnord della Lombardia ed uno nel veronese, Adamu è
 +specifico di Cagliari, Adamucci è unico, Adamuccio è specifico
 +del leccese, la variante Adamic, Adamich è particolarmente presente
 +nell'estremo nord est è tradisce l'origine slovena o croata, per
 +quella terminazione <i><font color="#3366FF">-ic</font></i>, <i><font color="#3366FF">-ich</font></i>
 +che stanno per <i><font color="#999999">figlio di</font></i> (Adamo), De
 +Adamich, praticamente unico è una forma patronimica italiana che
 +starebbe quindi ad indicare il capostipite come un nipote di Adamo. Un
 +ceppo della famiglia Adami, che era originaria di Murazzano
 +(CN) e nel 1781, con il titolo di conte, possedeva il feudo di Cavagliano
 +sempre nel cuneese, possiede tutt'oggi una casa a Murazzano. Personaggio di rilievo è stato Andrea De Adamich
 +nato a Trieste nel 1941 ex pilota automobilistico e giornalista.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, sembrerebbe del vicentino, potrebbe derivare dal nome del fiume
 +omonimo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gabriele
 +Farronato</font></font>
 +<br>Sul finire del secolo XVII° numerosi svizzeri, provenienti dall'alta
 +valle dell'Adda trovarono lavoro a Bassano ed anche in altre città
 +venete in qualità di zoccolai o ciabattini. da questa gente si è
 +sviluppato il cognome Adda indicando così il loro luogo di provenienza.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia</font></font>
 +<br>Tutto il bacino idrografico dell'Adda è in territorio italiano,
 +ad esclusione della Val Poschiavina. Quando G. Farronato parla di svizzeri
 +dell'alta valle dell'Adda nel XVII secolo, forse si riferisce ai <i><font color="#3366FF">bormini</font></i>
 +che, in quel periodo, insieme al resto della Valtellina, erano soggetti
 +al dominio delle Leghe Grigie svizzere. Da notare anche che il Prof. Remo
 +Bracchi in una sua nota a proposito del cognome Borromini scrive che "<i><font color="#3366FF">bormin</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">boromin</font></i> indica "<i><font color="#999999">l'artigiano
 +che lavora il cuoio fabbricando soffietti e che prepara anche setacci ed
 +arnesi vari</font></i>". Alla lettera, la denominazione vale "bormino".
 +Da Bormio e dalle sue valli partivano nei secoli scorsi moltissimi ciabattini,
 +diretti nel Canton Ticino e nel canton Grigioni, nel Bresciano e nel Bergamasco,
 +in Val d'Intelvi, nel comasco e nel Varesotto. Secondo la testimonianza
 +dell'abate P. Monti, in quasi tutte le case bormine esisteva un banco di
 +ciabattini".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDAMIANI
 +<br>ADDAMIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Addamiani, quasi unico, sembrerebbe pugliese, Addamiano, molto più
 +diffuso, è tipicamente meridionale, dell'area campana, lucana e
 +pugliese, dovrebbero derivare dal nome pugliese <i><font color="#3333FF">Addamiano</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Damiano</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDARI
 +<br>ADDARIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Addari ha un ceppo romano, uno cagliaritano ed uno nella zona di Capistrello
 +(AQ), Addario sembra avere più ceppi autonomi, nel barese, nel reggino,
 +in Abruzzo e Molise ed in Val d'Aosta, dovrebbero derivare dal nome Addarius
 +di cui si hanno tracce ad esempio nel 1700 a Pollutri (CH) con un certo
 +Addarius Di Rosa e della cui cognominizzazione si hanno tracce verso la fine
 +del 1700 nel Molise anche sotto la forma D'Addario.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>In Sardegna il cognome Addari è una variante del cognome <i><font color="#3333FF">Gaddari,
 +Caddari</font></i> e pertanto significa anch'esso "<i><font color="#666666">cavalcante,
 +cavallante</font></i>". Fonte: M. Pittau, Diz. cogn. Sardegna, 1, 24.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDEO
 +<br>ADDIO
 +<br>ADEODATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Addeo ha un ceppo a Roma, ma il nucleo principale è a Marzano di
 +Nola nell'avellinese e nel napoletano a Napoli, Palma Campania, Brusciano,
 +Nola, Marigliano, Mariglianella, Visciano, Casamarciano, Saviano, San Paolo
 +Belsito e Cicciano, con un piccolo ceppo anche a Montagnareale nel messinese,
 +Addio è specifico di Napoli, Adeodato è praticamente unico,
 +questi cognomi dovrebbero derivare direttamente o con forme apocopaiche
 +dal nome gratulatorio medioevale <i><font color="#3333FF">Adeodatus</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#666666">dono ricevuto</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">datus</font></i>) <i><font color="#666666">dal
 +Signore</font></i> (<i><font color="#3333FF">a Deo</font></i> = <i><font color="#666666">da
 +Dio</font></i>), ricordiamo con questo nome i romani Adeodatus I° eletto
 +Pontefice nel 615 e Adeodatus II° eletto Pontefice nel 672, entrambi
 +santi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Addis è molto diffuso in tutta la Sardegna, a Sassari, Perfugas,
 +Alghero, Nulvi e Porto Torres nel sassarese, a Tempio Pausania, Olbia,
 +Trinità d'Aquito e Vignola, Buddusò, Luras, Aggius, Badesi,
 +Alà dei Sardi&nbsp; e Padru in Gallura, Lodè, Torpè
 +e Siniscola nel nuorese, Cagliari e Bosa nell'oristanese, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal termine sardo <i><font color="#3366FF">addis</font></i>
 +(<i><font color="#999999">valle</font></i><font color="#000000"> o anche
 +</font><i><font color="#999999">bosco</font></i>), probabilmente originato
 +dal fatto che la famiglia provenisse da una valle.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>ADDIS: di significato ed etimo incerti. Potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">badde,
 +baddi</font></i> = <i><font color="#666666">valle</font></i>; <i><font color="#3333FF">baddis</font></i>
 +&gt; <i><font color="#3333FF">addis</font></i> = <i><font color="#666666">valli</font></i>.
 +Nei testi antichi troviamo il vocabolo in varie uscite. Nel Condaghe di
 +San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° sec. abbiamo la variante
 +<i><font color="#3333FF">balle</font></i>, nel significato di <i><font color="#666666">valle</font></i>,
 +citata tantissime volte; così anche nel CSMB, e nel CSPS, XI°,
 +XIII° sec., in questo ultimo appare <i><font color="#3333FF">balle</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">ualle</font></i> e <i><font color="#3333FF">valle</font></i>.
 +Addis come cognome figura tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE,
 +del 1388, preceduto sempre da "de" ad indicare la provenienza: Addis (de)
 +Gonnario, Iscle de Galtelì (* Iscle de Galtelì.odierno Galtelì);
 +Addis (de) Joanne, jurato ville Fodrongiani ( * Fodrongiani.odierno Fordongianus.
 +Contrate Partis Varicati - Barigadu). Nel CSNT, è presente il cognome
 +"de" Balles: - Balles "de" Florisone e Balles "de" Gosantine (153), testimoni
 +in una donazione di terre alla chiesa di San Nicola: ego Petrus prior (de
 +Sanctu Nicola)ponio in custu condace.Testes .Florisone et Gosantine de
 +Balles (prob. fratelli). - Iusta de Balles (67 - uno scambio di servi):
 +tramutai homines cun donnu Petru de Açen: ego deili (gli diedi)
 +a Gosantine Bacca et a Gavini Calfone et a Gavini Nuri et a Iusta de Balles.
 +- Mariane de Balles (47), teste in una compera(compòru) di servi:
 +comporaili ad Yçoccor de Carbia, su ki maneat in Patria, pede (un
 +quarto del servizio) de Raganella, fiia de Dorgotori Ciçellu.Testes:
 +Mariane de Balle set Niscoli de Castabar et Gosantine su frate (il fratello).
 +Nella storia contemporanea ricordiamo Addis Ovidio, di Teulada(1908 - 1966),
 +specializzato in Archeologia Cristiana, collaboratore dell'Istituto di
 +Storia Medioevale, nell'Università di Cagliari; ha lasciato diverse
 +opere, tra cui: "Un Sarcofago giudicale arborense"; "i borchioni bronzei
 +del Duomo di Oristano". Con gli scavi del 1964/1965, mise in luce la necropoli
 +e la basilica paleocristiana di Cornus (vedi nel Web - Ovidio Addis). Attualmente
 +il cognome Addis è presente in 181 Comuni italiani, di cui 67 in
 +Sardegna: Sassari 181, Tempio 150, Olbia 148, Buddusò 81, Lodè
 +71, Cagliari 70, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDONE
 +<br>ADDONI
 +<br>ADONE
 +<br>ADONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Addone, assolutamente rarissimo, sembrerebbe meridionale, Addoni, quasi
 +unico, parrebbe del perugino, Adone, molto molto raro, ha un piccolissimo
 +ceppo in Puglia a Putignano nel baresee sparute presenze nel resto del
 +sud, Adoni , estremamente raro, ha presenze in Toscana ed in Umbria, questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Adone</font></i>&nbsp;
 +di origine ebraica derivando da <i><font color="#3333FF">Adonay</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il Signore</font></i>), ricordiamo l'<i><font color="#3333FF">Adones</font></i>
 +della mitologia greca, la quintessenza della bellezza maschile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADDUCE
 +<br>ADDUCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adduce oltre a qualche presenza nel reggiano, ha un ceppo nel casertano
 +a Pignataro Maggiore ed uno nel materano a Pomarico, Adduci è diffuso
 +nell'area che comprende il barese, il tarantino, la Basilicata ed il cosentino,
 +con massima concentrazione a Corato nel barese, a Taranto, a San Giorgio
 +Lucano nel materano e soprattutto a Trebisacce, Santa Maria del Cedro,
 +Albidona, Alessandria del Carretto, Cerchiara di Calabria, Grisolia e Villapiana
 +nel cosentino, dovrebbe trattarsi di forme aferetiche derivate dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Benadduce</font></i> o <i><font color="#3333FF">Bonadduce</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BENADDUCE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADELFI
 +<br>ADELFIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adelfi, assolutamente rarissimo, parrebbe del napoletano, Adelfio è
 +decisamente palermitano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Adelfi, rarissimo, si riscontra maggiormente nel napoletano, Adelfio,
 +più comune del precedente, ha il suo epicentro nel palermitano,
 +entrambi questi cognomi derivano dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Adelfio</font></i>
 +o<i><font color="#3366FF"> Adelfo</font></i>, l'italianizzazione cioè
 +del personale greco <i><font color="#3366FF">Adelphos</font></i>, col significato
 +letterale di fratello; in questo contesto, il termine fratello va inteso
 +più probabilmente nel senso religioso di cristiano, come risulta
 +dall'impiego del vocabolo <i><font color="#3366FF">adelphos</font></i>
 +nella Bibbia. Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta
 +delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADERENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aderenti, molto molto raro, è tipico del bresciano, di Serle, Nuvolento,
 +Paitone e Brescia, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +italiano <i><font color="#3333FF">aderente</font></i>, riferito a chi aderisca
 +a qualcosa, a qualche iniziativa, o a qualche particolare congregazione,
 +la motivazione del soprannome è comunque oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADERNO
 +<br>ADERNO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aderno sembra essere praticamente unico, Adernò invece, sempre molto
 +molto raro, è specifico di Noto nel siracusano, dovrebbero derivare
 +dall'antico toponimo Adernò nome attribuito dagli angioini all'antica
 +Hadranum, la moderna Adrano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADESSI
 +<br>ADESSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adessi, molto molto raro, è specifico del barese, Adesso, un pò
 +meno raro, è tipico della fascia che comprende il barese, il potentino
 +ed il salernitano, potrebbe derivare da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADIMARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine incerta attualmente è presente con un ceppo nel cosentino
 +nella zona di Acri, Rossano e Corigliano Calabro, deriva dal nome medioevale
 +di origine longobarda Ademarus di cui abbiamo un esempio nel X° secolo:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Ademarus</font><font color="#CC33CC">
 +vero Cabanensis, non Constantini, sed Sancti Mauricii lanceam hanc vocat,...</font>"
 +e in un atto dell'anno 962 nel beneventano si legge: "<i><font color="#CC33CC">...de
 +alio latere fine </font><font color="#FF0000">Ademari</font><font color="#CC33CC">,
 +et descendente in fine Calendi et pertange in fine de eredes Iohanni et
 +descendente in fine benebentano. </font></i>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Pierluigi
 +Carnesecchi</font></font><a href="carnesecchi00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" align="ABSMIDDLE" border="0" width="83" height="14"></a>
 +<br><img src="/immagini/stem00adimari.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="80" height="119">
 +Questo cognome compare in diverse zone dell'Italia, si tratta di una
 +grande famiglia fiorentina.&nbsp; Di questi Adimari sono incerte le origini:
 +una delle ipotesi è la discendenza dalla potentissima famiglia franca
 +degli Hucpoldingi l'altra la discendenza dall'antica famiglia fiorentina
 +dei Nepotecosa.&nbsp; Furono la più grande delle famiglie guelfe
 +fiorentine e dominarono la scena in tutto il XIII° secolo, furono esclusi
 +dalla cariche repubblicane con gli ordinamenti di Giustizia di Giano della
 +Bella.&nbsp; Il Durante progenitore dei Carnesecchi fiorentini è
 +visto da Scipione Ammirato il giovane in tale Durante di Buonfantino, più
 +volte Priore e Gonfaloniere della Repubblica e dal Mariani in un taverniere
 +Priore nel 1298 tale Durante di Ricovero. La tesi dell' Ammirato apre a
 +un ipotesi: Durante di Buonfantino Cancellieri era un Adimari, (fattosi
 +di popolo in seguito agli ordinamenti di giustizia) infatti il giudice
 +Buonfantino di Cancellerio compare in un documento del 1251 come de Adimaris.&nbsp;
 +A sua volta Cancellerio compare in un documento del 1201 come figlio di
 +Bellincione di Lotterio. Questo Lotterio (nome in uso fra i Cadolingi e
 +nome dell'imperatore negli anni intorno al 1120) si collocherebbe a nascere
 +tra il 1120 e il 1130 e diventerebbe un nuovo tassello per proseguire le
 +ricerche sulle origini&nbsp; degli Adimari.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Adimari è diffuso anche nel Cesenate. Deriva dal
 +nome germanico <i><font color="#3366FF">Adalmar</font></i>, composto dai
 +vocaboli halthochdeutsch (antico alto tedesco). <i><font color="#3366FF">adal</font></i>
 += <i><font color="#999999">nobile</font></i> (ted. Adel) e. <i><font color="#3366FF">mar</font></i>
 += <i><font color="#999999">famoso</font></i>, dal verbo <i><font color="#3366FF">maren</font></i>
 += <i><font color="#999999">annunciare, glorificare</font></i> (ted. Mär
 += diceria e Märchen = favola), passato in latino come <i><font color="#3366FF">Adi(e)marius</font></i>.
 +Significato: famoso per la sua nobiltà. Cfr. G. Vezzelli: Cognomi
 +romagnoli di origine barbarico-germanica) Il Sodalizio, Rimini, 1988</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADINOLFI
 +<br>ANTINOLFI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adinolfi è specifico della zona che comprende Napoli e Salerno
 +con epicentro a Cava dei Tirreni (SA), Antinolfi, molto raro, sembrerebbe
 +campano, soprattutto di Napoli e del vicino casertano, derivano dal nome
 +medioevale germanico <i><font color="#3366FF">Adinulfus </font></i><font color="#000000">o</font><i><font color="#3366FF">
 +Atenulfus </font></i>di cui abbiamo un esempio in questo scritto del 1129: "<font color="#CC33CC">...Guido
 +de titulo Sanctae Mariae in Valata; </font><font color="#FF0000">Adinulfus</font><font color="#CC33CC">
 +abbas Farfensis, Bernardus abbas Clararum-Vallium, qui tunc temporis in
 +Gallia divini verbi famosissimus praedicator erat...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>&nbsp;Adinolfi è diffuso a macchia di leopardo in Italia, ma
 +è un cognome tipicamente campano: l'epicentro sembrerebbe Cava de'Tirreni
 +in provincia di Salerno, dove molteplici sono i ceppi Adinolfi. Il cognome
 +deriva dall'antico nome <i><font color="#3366FF">Atenolfus</font></i>,
 +variante di Adolfus, composto dai termini germanici <i><font color="#3366FF">athala</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">wulfa</font></i>, che significano rispettivamente
 +<i>nobile, di stirpe nobile</i> e <i>lupo</i>.
 +<br>Il significato di <i><font color="#3366FF">lupo nobile</font></i> è
 +comprensibile se si considera il fatto che proprio il lupo fosse un animale
 +particolarmente caro al dio germanico Odino: tale nome si diffuse infatti
 +in Italia in un primo momento grazie agli Ostrogoti e in seguito per mezzo
 +delle popolazioni germaniche che si susseguirono ai Goti nell'Alto Medioevo.
 +Il nome <i>lupo nobile</i>, quindi <i><font color="#3366FF">Adolfus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Atenolfus</font></i>, si addiceva particolarmente
 +ai guerrieri germanici per mettere in risalto la loro forza e ferocia,
 +appunto, simile a quella di un lupo. Una famiglia Adinolfi, proveniente
 +dal salernitano, forse da Agropoli, fu insignita di privilegio araldico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADIUTORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adiutori è tipico del romano, frusinate e latinense, di Roma, di
 +Paliano, Piglio, Acuto e Fiuggi nel frusinate e di Fondi nel latinense,
 +dovrebbe derivare dal termine latino <i><font color="#3333FF">adiutores</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#666666">aiutanti subalterni</font></i>,
 +probabile stato dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADORNA
 +<br>ADORNATO
 +<br>ADORNETTI
 +<br>ADORNETTO
 +<br>ADORNI
 +<br>ADORNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adorna ha un piccolo ceppo nel verbanese a Villette ed uno più consistente
 +a Catania, Adornetti è specifico di Acri nel cosentino, Adornetto
 +ha un ceppo a Belvedere Marittimo nel cosentino ed uno nel catanese a Misterbianco,
 +Catania, Maletto e Santa Venerina e ad Altofonte nel palermitano, Adornato
 +è specifico del reggino, di Cittanova, Rizziconi, Maropati e Locri,
 +e di Messina, con un ceppo anche a Genova, Adorni ha un grosso ceppo emiliano
 +a Parma, ma è ben presente nel parmense anche a Felino, Fidenza,
 +Sala Baganza, Colorno, Sorbolo, Fornovo di Taro e Collecchio, e nella vicina
 +Toscana ad Aulla nel massese, a Camaiore nel lucchese ed a Livorno, Adorno
 +ha un ceppo genovese ed uno siciliano, in particolare nel siracusano a
 +Siracusa, Floridia, Sortino, Solarino e Noto, a Porto Empedocle nell'agrigentino,
 +a Messina ed a Palermo, dovrebbero derivare dai nomi medioevali <i><font color="#3333FF">Adornus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Adornatus</font></i> 
 +ed <i><font color="#3333FF">Adornectus</font></i> che ne è una forma
 +ipocoristica, il significato di questi nomi era quello augurale di essere
 +il proprio figlio adorno (ornato) di doti sia fisiche che morali. Ricordiamo con questi cognomi il mercante Gabriele Adorno che fu Doge di
 +Genova dal 1363 al 1370 ed Antoniotto I° ed Antoniotto II° Adorno
 +Dogi di Genova, il secondo per ben due volte nella seconda metà
 +del 1300 fin quasi alla fine del secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADRIANA
 +<br>ADRIANI
 +<br>ADRIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Adriana, estremamente raro, sembrerebbe dell'Italia centrale, Adriani ha
 +vari ceppi, uno a Schio nel vicentino, uno a Firenze ed uno nell'Isola
 +d'Elba a Marciana Marina e Portoferraio nel livornese, uno nel perugino
 +a Foligno, Città di Castello e Perugia, uno in Abruzzo a Casalincontrada
 +nel teatino, a Giulianova nel teramano ed a L'Aquila, uno nel reatino a
 +Rieti e Fiamignano, a Serrone nel frusinate ed a Roma, il più consistente
 +di tutti, ed un ceppo a Bitonto nel barese, Adriano ha un ceppo piemontese
 +nel cuneese, ad Alba, Govone, Roddino, Diano d'Alba e Roddi, a Torino e
 +nell'astigiano a Castagnole delle Lanze ed Asti, questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Hadrianus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Hadriana</font></i>, nome gentilizio della <i><font color="#3333FF">Gens
 +Hadrian</font></i>a con due nuclei originari, ad Adria nel rovigoto, e
 +ad Atri nel teramano, nomen che significava originario di <i><font color="#3333FF">Hatria</font></i>,
 +antico nome di Adria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ADUASIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aduasio, estremamente raro, sembrerebbe specifico di Andria nel barese,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Aduasio</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio a Foggia agli inizi del 1300 con il Diacono Aduasio
 +di Troia vittima di una congiura contro il vescovo locale, il nome è
 +forse dovuto ad un'alterazione del nome greco <i><font color="#3333FF">Adrastus</font></i>,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo agli inizi del 1700 ad Andria
 +con l'ecclesiastico Bernardino Aduasio benefattore del Convento femminile
 +di Andria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFFANITI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Affaniti è quasi unico, oggi presente solo al nord, tipicamente campano, originario del napoletano e del
 +casertano, dovrebbe trattarsi di una forma che indicasse la provenienza
 +dei capostipiti dal paese salernitano di Alfano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFFATICATO
 +<br>AFFATIGATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Affaticato, estremamente raro, è di Palermo, Affatigato leggermente
 +più diffuso, è tipico del palermitano anch'esso, soprattutto
 +di Palermo e Santa Flavia, non si può escludere che possano derivare
 +da soprannomi di origine oscura, ma è pure possibile che derivino
 +dall'italianizzazione del nome longobardo <i><font color="#3333FF">Falcwald</font></i>
 +formato sulle radici <i><font color="#3333FF">falc</font></i> (<i><font color="#666666">falcone</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">waldan</font></i> (<i><font color="#666666">governo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFFINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembrerebbe avere un ceppo nel mantovano ed uno nel nordmilano,
 +dovrebbe derivare da un soprannome generato dal vocabolo affinis (parente,
 +congiunto).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFIDI
 +<br>ALFIDEO
 +<br>ALFIDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Afidi è praticamente unico, sembrerebbe dell'ascolano, Alfideo,
 +quasi unico, sembrerebbe specifico di Canosa Sannita nel teatino, Alfidi
 +è tipico dell'aquilano, di Luco dei Marsi e di Avezzano, dovrebbero derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Aufidius</font></i>, personale della <i><font color="#3333FF">Gens Aufidia</font></i>, una gens plebea
 +specifica del Piceno e dell'Abruzzo, dal cui nome hanno tratto origine
 +le città di Offida nell'ascolano, ed Ofena ed Alfedena nell'aquilano,
 +La trasformazione del dittongo <i><font color="#3333FF">Au-</font></i>
 +in <i><font color="#3333FF">Al-</font></i> è presente già
 +dal secondo secolo avanti Cristo, quando, nell'anno 171, troviamo come
 +uno dei due Consoli di Roma per quell'anno sia il senatore romano Lucius
 +Alfidius Herennianus. Citiamo come curiosità la legge promulgata
 +dal Tribuno della Plebe Marcus Alfidius Lurco, la <i><font color="#3366FF">Lex
 +Aufidia de ambitu</font></i>, con questa legge venivano punite le donazioni
 +fatte dai candidati alla plebe, obbligando il candidato che avesse promesso
 +del denaro in cambio di voti, e che avesse realmente effettuato il pagamento, a versare
 +a vita 3000 sesterzi l'anno di multa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFIERO
 +<br>D'AFIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi molto rari, Afiero è specifico di Afragola e Casoria nel
 +napoletano, D'Afiero è più diffuso sempre ad Afragola ed
 +a Napoli, dovrebbero derivare, direttamente o attraverso la forma patronimica
 +dove il <i><font color="#3333FF">D'-</font></i> sta per <i><font color="#666666">figlio
 +di</font></i>, da una contrazione del nome germanico <i><font color="#3333FF">Adalferio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALFERI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="af"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AFRICANI
 +<br>AFRICANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, dovrebbero derivare dal cognomen latino
 +Africanus ricordiamo il famosissimo Publius Cornelius Scipio Africanus, i
 +veterani della campagna d'Africa potevano aggiungere, se distintisi nei
 +combattimenti, al proprio nomen questo cognomen.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGABBIO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agabbio assolutamente rarissimo, tipicamente sardo, è tipico della
 +parte sudoccidentale dell'isola, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Agabius</font></i>, o <i><font color="#3333FF">Agapius</font></i>,
 +una latinizzazione del nome greco <i><font color="#3333FF">Agapetos</font></i>,
 +ricordiamo Sant'Agabio, il secondo vescovo di Novara morto martire nel
 +438.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGABIO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agabio è tipico di Ghemme nel novarese, dovrebbe derivare dal nome
 +di Sant'Agabio, un'antichissima frazione di Novara, che prende il nome
 +da Sant'Agabio, il secondo vescovo di Novara.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGAGLIATE
 +<br>AGAGLIATI</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agagliate è tipico di Torino, Castelnuovo Don Bosco e Moncalieri, Agagliati, decisamente più raro, ha un piccolo ceppo tra Chieri e Torino ed uno a 
 +Buttigliera d'Asti, dovrebbero derivare dal nome di una località, Agagliate, del comune di Capriglio nell'astigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGANI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome assolutamente rarissimo, deriva dal nomen latino Aganus, menzionato
 +ad esempio su di una lapide funeraria, dove è possibile leggere:
 +"<font color="#CC33CC">Primigenius v</font><font color="#000000">(ixit)</font><font color="#CC33CC">
 +a(nnos) V / Priscus vix</font><font color="#000000">(it)</font>
 +<font color="#CC33CC">a</font><font color="#000000">(nnos)</font><font color="#CC33CC">
 +X / </font><font color="#FF0000">Aganus</font><font color="#CC33CC"> v</font><font color="#000000">(ixit)</font><font color="#CC33CC">
 +a</font><font color="#000000">(nnos)</font><font color="#CC33CC"> XIII
 +/ Plautia Symperusa / Primus et Ingenua</font>"; ricordiamo Aganus Signore
 +di Toscana dal 835 al 845.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGAPITI
 +<br>AGAPITO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agapiti è quasi unico, Agapito, assolutamente rarissimo, sembra
 +avere un ceppo nel cosentino ed uno a Trieste, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale <u><font color="#3366FF">Agapitus</font></u> a sua volta
 +derivato dal nome greco <i><font color="#999999">Agapetòs</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Amabile, gentile</font></i>), ricordiamo con
 +questo nome Agapito I°, Papa dal 535 al 536 venerato come santo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGARI
 +<br>AGARINI
 +<br>AGARINIS
 +<br>AGARIO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agari è quasi unico, Agario è quasi scomparso, Agarini, molto
 +raro, parrebbe del livornese, Agarinis, sempre molto raro, è friulano
 +dell'alto udinese, in alcuni casi potrebbero derivare dal toponimo walser
 +di Agaro (I walser sono popolazioni di origine germanica che attorno al
 +900/1000 si sono insediate in territorio alpino), ma normalmente dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale di origine ebraica <i><font color="#3366FF">Agar</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi D'Agaro</font>), il ceppo friulano potrebbe
 +anche derivare dal termine friulano <i><font color="#3366FF">agar</font></i>
 +(<i><font color="#999999">canalone</font></i>) forse ad indicare alcune
 +caratteristiche del luogo d'abitazione del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGASSI
 +<br>AGASSINI
 +<br>AGASSO
 +<br>AGAZZI
 +<br>AGAZZINI
 +<br>AGAZZINO
 +<br>AGAZZONE
 +<br>AGAZZONI</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agassi è quasi unico, Agassini è altrettanto raro, Agasso,
 +oltremodo raro, sembrerebbe piemontese, dovrebbe trattarsi di deformazioni
 +dialettali dei cognomi come Agazzi e derivati, Agazzi è tipicamente
 +lombardo, del bergamasco in particolare, Agazzini, Agazzone e Agazzoni,
 +molto molto rari, sembrerebbero della zona tra alta Lombardia e Piemonte,
 +Agazzino è quasi unico, dovrebbero derivare dal cognomen tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">Agathius</font></i>, di cui qui abbiamo un esempio in
 +questa antica lapide latina:
 +"<font color="#CC66CC">...</font><font color="#000000">[Aia]</font><font color="#CC66CC">ci
 +L</font><font color="#000000">(uci) </font><font color="#CC66CC">l</font><font color="#000000">(iberti)
 +</font><font color="#FF0000">Agato</font><font color="#CC66CC">
 +/ portitor</font><font color="#000000">(is)</font><font color="#CC66CC">
 +soc</font><font color="#000000">(ii)</font><font color="#CC66CC"> s</font><font color="#000000">(ervus)</font><font color="#CC66CC">
 +/</font><font color="#000000"> [3] c</font><font color="#CC66CC">olumnasque
 +mag</font><font color="#000000">(nas)</font><font color="#CC66CC"> fi</font><font color="#000000">(ctiles)</font><font color="#CC66CC">
 +/ </font><font color="#000000">[3 de s]</font><font color="#CC66CC">uo
 +Menervai d</font><font color="#000000">(onum)</font><font color="#CC66CC">
 +d</font><font color="#000000">(at)</font><font color="#CC66CC"> / l</font><font color="#000000">(ibens)</font><font color="#CC66CC">
 +m</font><font color="#000000">(erito)</font><font color="#CC66CC">...</font>":ricordiamo
 +Sant'Agatio, un centurione della Cappadocia martirizzato a Costantinopoli
 +nel 306: "<font color="#CC66CC">...Constantinopoli sancti </font><font color="#FF0000">Agathii</font><font color="#CC66CC">
 +Centurionis, qui, in persecutione Diocletidni et Maximiani, a Firmo Tribuno
 +delatus quod Christianus esset...</font>".&nbsp; Tracce degli Agazzi nel
 +bergamasco si trovano fin dal 1400, mentre gli Agazzini sempre nel 1400
 +sono menzionati tra i notabili di Cassano Magnago (VA).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Secondo Francipane 260, Agazzi viene dal personale <i><font color="#3366FF">Agàzio</font></i>,
 +dal greco-latino <i><font color="#3366FF">agasia</font></i> =<i><font color="#999999">
 +illustre</font></i>; per D. Olivieri 234 da un <i><font color="#3366FF">agaccio</font></i>
 +(da lat. <i><font color="#3366FF">acus</font></i> = <i><font color="#999999">ago</font></i>)
 +o dal friulano <i><font color="#3366FF">agàzz</font></i> = <i><font color="#999999">guazzo</font></i>,
 +o dal veneto <i><font color="#3366FF">agazzo</font></i> = <i><font color="#999999">acquazzone</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGATE
 +<br>AGATELLI
 +<br>AGATELLO
 +<br>AGATI
 +<br>AGATIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agate è specifico di&nbsp; Marsala nel trapanese, Agatelli, quasi
 +unico, sembrerebbe piemontese, ma dovrebbe trattarsi di una forma alterata
 +del cognome Agatello che è specifico di Catania, Agati ha un nucleo
 +importante nel catanese ed uno nel fiorentino, Agatiello è tipicamente
 +lucano, di Acerenza, Potenza ed Oppido Lucano nel potentino e di Montescaglioso
 +e Matera nel materano, dovrebbero tutti derivare, direttamete o attraverso
 +forme ipocoristiche, anche dialettali, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Agathius</font></i>, ma è pure possibile
 +siano originati da soprannomi di origine greca dal termine <i><font color="#3333FF">agathos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">buono</font></i>). (<font color="#CC66CC">vedi
 +Agazzi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGATENSI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agatensi è specifico di Forlì e Ravenna, potrebbe derivare
 +dall'etnico del toponimo di Sant'Agata Feltria nel pesarese, ma è
 +pure possibile una connessione con l'etnico di Sant'Agata Ferrarese, ora
 +chiamata Sant'Agata sul Santerno, nel ravennate, paese molto antico, che
 +risale ad epoca romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGATTAU
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agattau, assolutamente rarissimo è tipicamente sardo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>AGATTAU: cognome rarissimo, che significa <i><font color="#999999">trovatello</font></i>,
 +dal latino <i><font color="#3366FF">adcaptare</font></i> = <i><font color="#999999">trovare</font></i>.
 +A Gonnosfanadiga quando io ero ancora bambino (attualmente - anno 2008
 +- ho 63 anni), gli anziani raccontavano di un bimbo appena nato, rinvenuto
 +nell'antica strada nazionale, Cagliari - Arbus, allora percorsa dalle diligenze,
 +intorno alla metà del XIX° secolo, sul ciglio della strada,
 +nel tratto Villacidro Gonnosfanadiga, avvolto in cenci, e che lo avesse
 +raccolto e allevato un donna di Gonnosfanadiga, nel cui municipio fu iscritto,
 +col nome appunto di <i><font color="#3366FF">Agattau </font></i>=<i><font color="#999999">
 +trovato</font></i>. Dicono che ebbe due figli, uno dei quali si trasferì
 +a Villacidro, l'altro è rimasto per tutta la sua lunga vita a Gonnos,
 +Massimino, che ha poi avuto due figli, di cui uno è emigrato in
 +Toscana per motivi di lavoro, m è di recente rientrato in Sardegna,
 +a Pabillonis, dove si trova la sorella, sposata con il sig. Mario Agattau!
 +Si dice ancora a Gonnos: "<i><font color="#3366FF">Si funt agattaus s'unu
 +cun s'ateru</font></i>"! ( <i><font color="#999999">si sono "ritrovati"
 +insieme</font></i>). Pare che il sig. Mario Agattau di Pabillonis, conosciuto
 +in tutto il Medio Campidano come produttore di ottimi meloni, provenga
 +invece da un altro ceppo, che ha origini nell'oristanese, a Cabras, dove
 +tuttora risiede un nucleo familiare con tale cognome. Il&nbsp; terzo nucleo
 +familiare "Agattau" risiede a Villacidro e trae origine dal "trovatello"
 +di Gonnos.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGELAO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agelao, estremamente raro, sembrerebbe meridionale, dovrebbe derivare da
 +un soprannome grecanico basato sul termine <i><font color="#3333FF">agelàios</font></i>
 +(<i><font color="#666666">selvatico</font></i>) che diede anche origine
 +al nome <i><font color="#3333FF">Agelàios</font></i>, meno probabile
 +una derivazione per rotacismo da un soprannome basato sul termine greco
 +antico <i><font color="#3333FF">ageraos</font></i> (<i><font color="#666666">che
 +non invecchia, sempre giovane</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGESILAO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agesilao, quasi unico, sembrerebbe siciliano, dovrebbe derivare dal nome
 +greco antico <i><font color="#3333FF">Agesìlaos</font></i>, nome
 +portato ad esempio da alcuni Re di Sparta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGGI
 +<br>AGGIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aggi è assolutamente rarissimo, potrebbe essere dell'Italia del
 +nord, Aggio, molto meno raro, sembra avere un ceppo. tra padovano e rovigoto,
 +uno nel centronord della Lombardia ed uno in Piemonte dal novarese al torinese,
 +può derivare dall'aferesi di toponimi come Baraggia (NO) - (VC)
 +- (VA) o simili, ma è più probabile derivino dal nome medioevale
 +germanico Aggiuo, di cui si ha un esempio nel <font color="#3366FF">Gesta
 +Danorum</font> di Saxo Grammaticus del XII° secolo: "<font color="#CC33CC">...His
 +accedunt Skalc Scanicus et Alf </font><font color="#FF0000">Aggi</font><font color="#CC33CC">
 +filius, quibus iunguntur Olvir latus et Gnepia vetulus. His adnumeratur
 +Gardh, Stang oppidi cultor. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGGRAVI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aggravi è specifico del senese, di Sarteano, Chianciano Terme, Cetona
 +e Radicofani, l'origine di questo cognome potrebbe derivare dal fatto di
 +essere stato il capostipite un funzionario amministrativo addetto alla
 +gestione delle tasse o <i><font color="#3333FF">aggravi</font></i>, l'uso
 +di questo termine lo riscontriamo negli statuti pisani del 1327: "<font color="#CC33CC">..Questo
 +adjuncto, che se ad alcuno guelco fusse comandato per parte del Capitano
 +o del Judice, che 'l dicto guelco diesse et pagasse alcuna quantità
 +di denari ad alcuno creditore di quelli che l'avesse venduta la vena: che
 +se lo dicto guelco si sentisse </font><font color="#FF0000">agravato</font><font color="#CC33CC">
 +del decto comandamento, debbia avere mostrato lo suo </font><font color="#FF0000">agravamento</font><font color="#CC33CC">
 +et ogni ragioni prove suoi infra dì octo dal die del decto comandamento
 +computando; et se così non mostrasse, non sia inteso a ragione di
 +quello che di po' lo dicto termine vollesse mostrare, et debbia pagare
 +incontinente quello che comandato li fusse, sì veramente che non
 +passi la valuta de la vena...</font>"; tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo almeno dal 1600 a Cetona, nella prima metà del 1700
 +troviamo il Dottor Giuseppe Antonio Aggravi come Giudice di San Quirico
 +del marchesato dei Chigi, inoltre troviamo un Leone Aggravi che esercita
 +la professione di notaio a Sarteano dal 1751 al 1786.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGGRAVIO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aggravio sembrerebbe specifico di Napoli, potrebbe trattarsi di uno dei
 +tanti cognomi di fantasia attribuiti in epoca borbonica a dei trovatelli,
 +considerati un peso per la comunità, da parte di funzionari, che
 +interpretavano la loro mansione con lo spirito, spesso fuoriluogo, che
 +si può riscontrare in molti altri cognomi di questo tipo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGHEMIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aghemio, assolutamente rarissimo, parrebbe piemontese, dovrebbe derivare
 +dal cognome francone <i><font color="#3333FF">Agerheim</font></i> (pronuncia
 +Aghereim), la cui origine etimologica dovrebbe essere da un antico toponimo
 +composto da <i><font color="#3333FF">Ager</font></i>, nome germanico medioevale
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">adal</font></i> (<i><font color="#666666">nobile</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">gari</font></i> (<i><font color="#666666">lancia</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">la nobile lancia</font></i>,
 +aggiunto ad <i><font color="#3366FF">heim</font></i> (<i><font color="#666666">patria,
 +casa</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGHILAR
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aghilar è tipico di Orta Nova nel foggiano, dovrebbe derivare dal
 +toponimo andaluso (Spagna) Aguilar de la Frontera, i D'Aghilar in Spagna
 +erano Marchesi della corona aragonese il Guicciardini nella sua Storia
 +d'Italia tra l'altro cita nella seconda metà del 1400: "<font color="#CC33CC">...Consalvo
 +Ernandes di casa </font><font color="#FF0000">d'Aghilar</font><font color="#CC33CC">,
 +di patria cordovese...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGIRMO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unico, dovrebbe derivare dal vocabolo greco <i><font color="#3333FF">agyrmos</font></i> (<i><font color="#666666">simposio
 +o assemblea</font></i>) così era chiamato il primo giorno dei Misteri Eleusini
 +ad Atene, una specie di purificazione che si svolgeva in primavera.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Roberto
 +Agirmo</font></font>
 +<br>il cognome deriva dallo spagnolo arcaico e significa: il primo giorno
 +della bella stagione, giornata che era festeggiata con un rituale specifico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGLI
 +<br>AGLIERI
 +<br>AGLIETTI
 +<br>AGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agli è rarissimo, potrebbe
 +essere piemontese, Aglieri, molto raro è proprio del sudmilanese
 +e lodigiano, Aglietti parrebbe della zona tra Firenze e Pistoia, con possibili
 +ramificazioni in Umbria e un ceppo secondario nel novarese, Aglio sembrerebbe
 +avere oltre ad un nucleo lombardo, un ceppo in Sicilia, dovrebbero derivare
 +dal nomen latino Allius o Alleius, a volte tramite dei toponimi come Agliè
 +(TO), Aglietti (VC), Agliana (PT) o Agliate (MI). (<font color="#CC33CC">vedi anche AGLIALORO</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGLIALORO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aglialoro, molto raro, sembrerebbe specifico del palermitano, di Palermo
 +e di Caccamo, potrebbe derivare dal nome franco di origini germaniche <i><font color="#3366FF">Ailloud</font></i>
 +derivato a sua volta dal nome <i><font color="#3366FF">Agilwald</font></i><font color="#000000">,</font><i><font color="#3366FF">
 +</font></i>formato da <i><font color="#3366FF">agil </font></i>(<i><font color="#999999">lama</font></i>)
 +e<i><font color="#3366FF"> waldan</font></i> (<i><font color="#999999">governo</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#999999">bravo spadaccino</font></i>,
 +o anche dal nome franco <i><font color="#3366FF">Aillard</font></i> derivato
 +a sua volta dal nome <i><font color="#3366FF">Agilhard</font></i><font color="#000000">,
 +</font>formato da <i><font color="#3366FF">agil </font></i>(<i><font color="#999999">lama</font></i>)
 +e<i><font color="#3366FF"> hard</font></i> (<i><font color="#999999">duro</font></i>),
 +con il significato simile al precedente di <i><font color="#999999">buona
 +lama</font></i>. , ma potrebbe pure derivare, ed è più probabile,
 +dal nome di origini normanne <i><font color="#3366FF">Allyre</font></i>,
 +latinizzato in <i><font color="#3366FF">Allyrius</font></i>, che potrebbe
 +facilmente essere stato deformato dalla parlata siciliana in Aglialoro,
 +ricordiamo Sant'Allyrius Vescovo nel IV° secolo di Clermont ,capoluogo
 +dell'Alvernia in Francia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGLIARDI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agliardi è tipico del bergamasco, di Morengo, Costa Volpino e Romano
 +Di Lombardia, del bresciano di Montichiari e Brescia e di Milano, dovrebbe
 +derivare da una forma dialettale del nome <i><font color="#3366FF">Aleardus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALEARDI</font>), ma è pure possibile,
 +anche se non probabile, una derivazione dal nome <i><font color="#3366FF">Galiardus</font></i>
 +per aferesi.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione nel bergamasco la
 +troviamo almeno dalla seconda metà del 1600 con il Giudice delle
 +Vettovaglie Camillo Agliardi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGLIARULO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agliarulo è specifico di Napoli, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">agliarulo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">orzaiolo, infezione acuta dell'occhio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNATI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnati sembra tipico di Milano e Vimercate, potrebbe derivare da una forma
 +aferetica di toponimi come Garbagnate Milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNELLI
 +<br>AGNELLO
 +<br>AGNELLUTI
 +<br>AGNELLUTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">In epoca medioevale Agnello era
 +un nome diffuso, in modo particolare nell'Italia centrale e settentrionale,
 +dal nome proprio al cognome il passo fu breve. Esiste anche un'ipotesi
 +che propone il cognome come derivante dall'aggettivo agnello, inteso come
 +mite come un agnello, quindi di carattere timido e accondiscendente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNES
 +<br>AGNESE
 +<br>AGNESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnes ha un ceppo nell'avellinese ed uno forse non secondario nel milanese,
 +pavese e lodigiano, Agnese oltre al ceppo nel napoletano, ha un grosso
 +nucleo nel Piemonte occidentale ed in Liguria, soprattutto nell'imperiese,
 +Agnesi è decisamente lombardo, del bresciano e del milanese, tutti
 +questi cognomi dovrebbero derivare, anche attraverso modificazioni dialettali
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Agnese</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognomi che derivano dal nome proprio Agnese che viene dall'aggettivo
 +greco <i><font color="#3366FF">haghnòs</font></i> che significa
 +<i><font color="#999999">pura</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#999999">casta</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNETI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agneti è quasi scomparso in Italia, sembrerebbe campano, probabilmente
 +del napoletano, dovrebbe derivare dal nome latino di origine bizantina
 +<i><font color="#3333FF">Agnetius</font></i>., una variante di <i><font color="#3333FF">Agnitius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AGNITTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNINI
 +<br>AGNINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnini è presente in modo sporadico in tutta Italia, Agnino ha un
 +piccolissimo ceppo nel napoletano ed uno più consistente a San Giorgio
 +Ionico e Taranto nel tarantino, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Agninus</font></i>, un ipocoristico del termine
 +latino <i><font color="#3333FF">agnus</font></i> (<i><font color="#666666">agnello</font></i>),
 +nome attribuito dalla devozione cristiana in memoria di Cristo Agnus Dei
 +(agnello di Dio). Si deve inoltre ricordare che in alcuni casi può
 +trattarsi di cognomi attribuiti a dei trovatelli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Vittorio Agnini</font></font>
 +<br>gli Agnini sono originari&nbsp; di Agnino, un piccolo pese della Lunigiana
 +ora nel Comune di Fivizzano. Nel 1600 alcuni divennero famosi avvocati
 +in Toscana, altri , si ritiene che&nbsp; si siano trasferiti nel 1400 a
 +Napoli. Un certo Paolo che commerciava con il Venetosi stabili a Finale
 +Emilia ove dette origine ad&nbsp; una copiosa discendenza. a Napoli il
 +cognome variò da De Agnino in Agnino ed in Agnini. altri crearono
 +discendenze a Mileto e a San Giorgio Ionico; la storia della famiglia è
 +raccontata nel libro GENS AGNINI, scritto da Vittorio Agnini. Altri rami
 +furono creati a Catania ed a Roma. Anche il cognome&nbsp; DAGNINO fu iniziato
 +a Voltri da&nbsp; un gruppo che volle evidenziarne l'origine</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNITTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnitti, estremamente raro, sembrerebbe del centro Italia, dovrebbe derivare
 +dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Agnitius</font></i>, tracce
 +di questa cognominizzazione in Toscana le troviamo nel 1385 ad Arezzo con
 +lo scrittore Boetius Torquatus Severinus Manlius Agnitiius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNOCCHETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnocchetti è caratteristico di Vignanello nel viterbese, l'origine
 +etimologica è oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNOLETTI
 +<br>AGNOLETTO
 +<br>AGNOLI
 +<br>AGNOLIN
 +<br>AGNOLINI
 +<br>AGNOLO
 +<br>AGNOLON
 +<br>AGNOLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnoletti è specifico del forlivese e delle vicine province di Ravenna,
 +Firenze, Arezzo e Rimini, Agnoletto è tipico del veneziano e trevigiano,
 +Agnoli ha ceppi nel bellunese, nel veronese, tra parmense e piacentino
 +e nel frusinate, Agnolin, tipico delle tre Venezie, ha il nucleo più
 +importante tra veronese&nbsp; e vicentino, Agnolini, assolutamente rarissimo,
 +parrebbe del veronese, Agnolo, quasi unico, potrebbe essere o del veronese
 +o del trentino, Agnolon, molto raro, è della zona che comprende
 +le province di Pordenone, Venezia e Padova, Agnoloni è decisamente
 +del fiorentino, dovrebbero tutti derivare da vezzeggiativi, diminutivi,
 +accrescitivi o direttamente dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Agnolus</font></i>,
 +una forma arcaica del nome Angelo, di quest'uso abbiamo un esempio illustre
 +in Agnolo Ambrogini detto il Poliziano, illustre scrittore e poeta sia
 +in italiano, che in latino ed in greco classico, nato a Montepulciano nel
 +1454.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGNUSDEI
 +<br>SDEI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agnusdei, molto raro, sembrerebbe specifico della zona tra Lizzano e Manduria
 +nel tarentino, Sdei, tipicamente umbro, del perugino, di Foligno e Trevi,
 +ne è probabilmente la forma aferetica, si dovrebbe trattare di uno
 +dei cognomi originati dalla misericordia cattolica ed attribuiti a trovatelli,
 +ma non è da escludere la connessione con un soprannome legato ad
 +un comportamento particolarmente devoto o alla consuetudine di portare
 +degli amuleti benedetti chiamati un tempo <i><font color="#3333FF">agnusdei</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGOLLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agolli, assolutamente rarissimo, oggi con sparute presenze in Lombardia,
 +dovrebbe essere originario del centro Italia, forse del maceratese, dove
 +troviamo un paese chiamato Agolla, o del Lazio, dove esisteva una località
 +<i><font color="#3333FF">Agolli</font></i> ed una chiamata <i><font color="#3333FF">Insula
 +de Agolli</font></i>, in un documento del 1043 si legge: "<font color="#CC33CC">...fundum
 +qui vocatur </font><font color="#FF0000">Agolli</font><font color="#CC33CC">,
 +in quo est </font><font color="#FF0000">insula Agolli</font><font color="#CC33CC">....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGONE
 +<br>AGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agone è quasi unico, Agoni, tipicamente lombardo del bergamasco
 +e del vicino milanese e bresciano, potrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal fatto che il capostipite facesse il pescatore, l'agone è un
 +tipico pesce di lago e di fiume diffuso in quella stessa zona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGONIGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agonigi, molto raro, è tipicamente toscano, di Pisa e di Livorno,
 +dovrebbe essere originato di una zona di San Miniato nel pisano, potrebbe
 +derivare da un'alterazione del nome di origini ebraiche <i><font color="#3333FF">Akonis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGORNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agorni, estremamente raro, è lombardo, dovrebbe derivare da una
 +forma dialettale arcaica <i><font color="#3333FF">Agorno</font></i> del
 +nome del comune bergamasco di Gorno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGOS
 +<br>AGUS</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Agos, assolutamente estremamente raro, Agus, tipico sardo del nuorese e
 +cagliaritano soprattutto, dovrebbero derivare da un soprannome originato
 +dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">agus</font></i> (<i><font color="#999999">aghi</font></i>)
 +originato forse da un soprannome legato al mestiere del capostipite.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>AGUS; AGOS:&nbsp; <i><font color="#3366FF">ago</font></i>, dal latino
 +<i><font color="#3366FF">acus</font></i>; dal greco (<font color="#3366FF">άκίς</font>
 +-&nbsp; ). Lo troviamo nelle carte antiche. Tra i firmatari della Pace
 +di Eleonora, figurano:&nbsp; Agos (de) Joanne, (de villa de Muchiano -
 +villaggio scomparso; altrimenti detto Musitanu; ubicato in agro di Padria.
 +Il paese medioevale o villa apparteneva alla Curadorìa di Caputabbas,
 +nel regno giudicale di Torres. All'inizio del XV° secolo, i suoi abitanti
 +si trasferirono nel centro vicino di Padria), sindicus, actor, et etc.
 +Contrate Castri Montis de Verro (il sindicus, actor etc. era governatore
 +della Contrada di Castri Montis de Verro); Agos (de) Joanne, jurato ville
 +Culleri (* Cuglieri - era il capoluogo della Contrada di Castri Montis
 +de Verro); Agus (de) Barisono, jurato ville Mogoreda (* Mogorella - Contrate
 +Partis Alença). Lo stesso Agos de Joanne (già menzionato)
 +lo troviamo citato nell'opera di Ionnis Francisci Farae - De Rebus Sardois
 +III, (oppidi de Muchiano) sempre come sindicus, actor etc. encontrada Castri
 +Montis Verri. Il cognome Agus è quello attualmente più diffuso.
 +È presente in ben 192 Comuni italiani, di cui 74 in Sardegna: Cagliari
 +152, Dolianonova 146, Quartu S. E. 94, Ghilarza 52, Lanusei 47, Escalaplano
 +46, etc. Agos è invece presente in solo 7 Comuni italiani: 2 in
 +Piemonte, 2 in Veneto, 1 in Liguria, 1 in E. Romagna e 1 in Sardegna: proprio
 +a Cuglieri (5), che è ancora il centro abitato più importante
 +del MontiVerro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGOSTA
 +<br>AGOSTI
 +<br>AGOSTINI
 +<br>AGOSTINIS
 +<br>AGOSTINELLI
 +<br>AGOSTINELLO
 +<br>AGOSTINO
 +<br>AGOSTO
 +<br>AGUSTI
 +<br>AGUSTO
 +<br>D'AGOSTO
 +<br>DE AGOSTINI
 +<br>DE AGOSTINIS
 +<br>DE AGOSTINO
 +<br>DEAGOSTINI
 +<br>DEAGOSTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agosta è decisamente siciliano, anche se compare un ceppo, forse
 +non secondario, nel mantovano ed uno nella provincia romana, che dovrebbe
 +derivare dal toponimo Agosta (RM), Agosti è tipico lombardo e dell'alta
 +Emilia, Agostini è diffuso in tutto il centrosud, Agostinis molto
 +raro è dell'udinese, Agostinelli è tipico del centro Italia
 +e del beneventano, Agostinello, rarissimo, sembrerebbe avere un ceppo veneto
 +ed uno nel Salento, Agostino ha ceppi in Sicilia, in Calabria, nel potentino
 +e salernitano, nel romano, a Genova, nel torinese ed in Val d'Aosta, Agosto
 +sembra avere un ceppo nel Piemonte occidentale, uno nell'udinese, uno nel
 +salernitano, uno nel leccese ed uno nel catanzarese, Agusti ed Agusto,
 +assolutamente rarissimi, sono probabilmente dovuti ad errori di trascrizione
 +o a modificazioni dialettali, D'Agosto, poco diffuso, ha un ceppo friulano
 +ed uno nel napoletano e salernitano, De Agostini è molto diffuso
 +in tutto il nord con un ceppo anche a Cagliari, De Agostinis, estremamente
 +raro, è tipico della zona tra Lazio ed Abruzzo, Deagostini, abbastanza
 +raro sembrerebbe dell'area che comprende il varesotto ed il novarese, De
 +Agostino, molto molto raro, parrebbe del pavese, mentre Deagostino, assolutamente
 +rarissimo, è forse nel settentrione d'Italia, hanno origine quasi
 +tutti, direttamente o tramite patronimici ed ipocoristici, dal cognomen
 +e soprannome latino <i><font color="#3366FF">Augustus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">consacrato agli auguri</font></i>) titolo di
 +dignità degli imperatori romani, può anche essere riferito
 +al mese di agosto, come <i><font color="#666666">bambino nato ad agosto</font></i>,
 +il nucleo siciliano può anche prevalentemente derivare dal toponimo
 +Augusta (SR).&nbsp; Traccia di queste cognominizzazioni la troviamo a Bergamo
 +nel 1500, nel 1513 un certo Oliverio Agosti, insigne giurista, viene designato
 +dai cittadini di Bergamo come patrocinatore dei loro interessi ed ambasciatore
 +presso il vicerè spagnolo a Milano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGOSTINIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agostiniano, quasi unico, sembrerebbe campano, dovrebbe derivare dal fatto
 +di essere il capostipite o un padre agostiniano (seguace di Sant'Agostino), cosa molto improbabile,
 +o di essere alle dipendenze di un convento di padri agostiniani o, più
 +probabilmente, di essere
 +un trovatello affidato ad un convento di suore agostiniane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Chiaro il riferimento al toponimo
 +lombardo Agrate (Agrate Brianza) o a quello piemontese (Agrate Conturbia),
 +indicherebbe quindi un'origine di quei luoghi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRESTA
 +<br>AGRESTE
 +<br>AGRESTI
 +<br>AGRESTINI
 +<br>AGRESTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Agresta ha un ceppo nel chietino, uno nel salernitano ed uno tra il sud
 +della Calabria e la Sicilia orientale, Agreste assolutamente rarissimo
 +è probabilmente un'errore di trascrizione del primo, Agresti ha
 +ceppi nel bolognese, nel fiorentino, nel basso Lazio, nel salernitano e
 +nel barese, Agrestini è tipicamente laziale, Agrestino è
 +quasi unico, tutti questi cognomi possono derivare, direttamente o tramite
 +forme ipocoristiche, da soprannomi legati al vocabolo <i><font color="#3366FF">agrestis</font></i>
 +(<i><font color="#999999">agreste</font></i>, anche nel senso di <i><font color="#999999">rustico</font></i>)
 +o <i><font color="#3366FF">agresta</font></i> (<i><font color="#999999">uva
 +acerba</font></i>). Tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia Medioevale</font></i> sotto l'anno 1148, in
 +un atto di vendita, leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Signum + manuum Amizonis qui
 +dicitur Ciriolus et Ottonis, fratris eius, et Marchisi seu </font><font color="#FF0000">Adammi
 +Agresto</font><font color="#CC33CC"> testium...</font>", poi ad Udine nel
 +1500 con il sacerdote Giulio Agresta, parroco di Cassacco (UD) dal 1580
 +al 1610, a Mammola (RC) nel 1600 con Apollinare Agresta&nbsp; (1621-1695),
 +prima teologo e filosofo poi Abate dell'ordine di San Basilio Magno e quindi
 +Generale dei monaci basiliani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRICOLA
 +<br>AGRICOLE
 +<br>AGRICOLI
 +<br>AGRICOLO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Agricola ha vari ceppi, uno piccolo a Roma, uno nel foggiano a Ischitella
 +e San Severo, ed uno tra ragusano e siracusano, a Siracusa, Pachino ed
 +Avola nel siracusano e ad Ispica nel ragusano, Agricole ed Agricolo sono
 +praticamente unici, Agricoli, assolutamente rarissimo, è proprio
 +dell'area toscano, umbra, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Agricola</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio negli Annali di Tacito: "<font color="#CC33CC">..Natus
 +erat </font><font color="#FF0000">Agricola Gaio Caesare</font><font color="#CC33CC">
 +tertium consule Idibus Iuniis, excessit quarto et quinquagesimo anno, decimo
 +Kalendas Septembris Conlega Priscoque consulibus. Quod si habitum quoque
 +eius posteri noscere velint, decentior quam sublimior fuit; nihil impetus
 +in vultu, gratia oris supererat. Bonum virum facile crederes, magnum libenter.
 +Et ipse quidem, quamquam medio in spatio integrae aetatis ereptus, quantum
 +ad gloriam, longissimum aevum peregit. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Assolutamente rarissimo, forse marchigiano, potrebbe derivare o direttamente
 +dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Agricola</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +AGRICOLA</font>) per contrazione, o da un'alterazione del termine medioevale
 +<i><font color="#3333FF">agricola</font></i> (<i><font color="#666666">contadino</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori&nbsp; fornite
 +da Luca Agrioli</font></font>
 +<br>Nome di origine Marchigiana per la precisione si hanno notizie ad Ancona
 +in tempi recenti e, in epoche meno recenti, a Filottrano (AN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRIPPA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Estremamente raro, deriva dal cognomen latino Agrippa attribuito ai neonati
 +di parto podalico, ricordiamo il famosissimo tribuno della plebe Menenio
 +Agrippa (500 a. C.): "<font color="#CC66CC">...</font><font color="#FF0000">Menenius
 +Agrippa</font><font color="#CC66CC"> concordiam inter patres plebemque
 +restituit nam cum plebs a patribus secessisset, quod tributum et militiam
 +non&nbsp; toleraret...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGRO'
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Agrò è tipicamente siciliano, dell'agrigentino in particolare,
 +di Agrigento, Racalmuto, Favara, Canicattì, Porto Empedocle e Castrofilippo,
 +con un ceppo anche a Palermo, dovrebbe derivare da un soprannome, derivante dal  termine greco <font color="#3333FF">άγρός <i>agros</i></font>
 +(<i><font color="#666666">campo, podere</font></i>),
 +probabilmente attribuito a capostipiti piccoli proprietari terrieri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGROSTELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Agrostelli, molto molto raro, è specifico di Brienza e Sant'Angelo
 +le Fratte nel potentino, dovrebbe derivare da un soprannome originato dall'ipocoristico
 +dell'italianizzazione del termine greco <font color="#3333FF">άγρός <i>agros</i></font>
 +(<i><font color="#666666">campo, podere</font></i>), intendendo forse che
 +il capostipite fosse stato un piccolo proprietario terriero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUANNO
 +<br>D'AGUANNO
 +<br>DAGUANNO
 +<br>D'AQUANNO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Aguanno è specifico del trapanese, di Calatafimi, Alcamo, Castelvetrano,
 +Vita e Trapani, Daguanno, quasi unico, è probabilmente dovuto ad
 +errori di trascrizione del cognome D'Aguanno, che ha un ceppo siciliano
 +in particolare nel trapanese a Trapani, Marsala, Mazara del Vallo, Castellammare
 +del Golfo, Paceco ed a Palermo, ed uno laziale a Roma e nel frusinate a
 +Villa Santa Lucia, Cervaro, Cassino e Piedimonte San Germano, D'Aquanno,
 +molto raro, è specifico di Roma e del frusinate, così come
 +Daquanno, decisamente romano, mentre per il ceppo siciliano dovrebbe trattarsi
 +di un indicatore di provenienza da una località, Aguanno, nel trapanese,
 +ora scomparsa, per il ceppo laziale è più probabile che derivino
 +dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Aquanus</font></i>,
 +che rinveniamo in questo testo riferito all'anno 1130: "<font color="#CC33CC">...Magnus
 +conatur semina odii iacere in Canutum apud Nicolaum Regem; fingitque ab
 +illo offensum Daniae Regem gueciae, nihil tamen proficit. Nicolaus Rex
 +magnus filius </font><font color="#FF0000">Aquanus</font><font color="#CC33CC">
 +cognatus regis ...</font>", anche se non si può anche qua escludere
 +una derivazione toponomastica dal nome antico <i><font color="#3366FF">Aquana</font></i>
 +del paese di Civitaquana in Abruzzo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUECI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Agueci è specifico del trapanese, di Trapani, Salemi, Vita ed Erice,
 +e di Palermo, l'origine etimologica è oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUGLIA
 +<br>AGUGLIARI
 +<br>AGUGLIARO
 +<br>AUGUGLIARO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Aguglia ha un nucleo siciliano a Palermo e nel palermitano ed anche a Piazza
 +Armerina nell'ennese, con un ceppo anche a Lecce e nel leccese, Agugliari
 +è quasi unico ed è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione
 +di Agugliaro che sè siciliano con un ceppo a Palermo, uno a Scicli
 +nel ragusano ed uno a Castellammare del Golfo nel trapanese, Augugliaro
 +è siciliano, con un ceppo nel trapanese, a Trapani, Erice, Valderice
 +e Paceco, un ceppo a Palermo ed uno a Scicli nel ragusano, dovrebbero derivare
 +o da un mestiere marinaresco, <i><font color="#3366FF">aguglia</font></i>
 +era detto un tempo l'<i><font color="#999999">ago della bussola</font></i>,
 +o dal mestiere di pescatore o costruttore di reti, <i><font color="#3366FF">agugliara</font></i>
 +si chiama un particolare <i><font color="#999999">tipo di rete</font></i>
 +utilizzata per la pesca alle aguglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUIAR
 +<br>AGUIARI
 +<br>AGUIARO
 +<br>ANGUIARI</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Aguiar. decisamente veneto, è quasi unico, Aguiari è tipico
 +del ferrarese, in particolare di Ferrara, Mesola, Copparo e Trisigallo
 +e del rovigoto, Aguiaro, decisamente rarissimo è dell'area rovigota,
 +Anguiari, estremamente raro, è del rovigoto, dovrebbero tutti derivare
 +da soprannomi dialettali originari dall'attività di pescatore di
 +anguille tipico dell'area del delta del Po.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Aguiari è variante del cognome Aguglia a proposito del quale
 +scrive P. Minervini nel suo <i><font color="#3366FF">Dizionario dei cognomi
 +pugliesi</font></i>, p. 35: "<font color="#CC33CC">Poco diffuso in It.
 +e in Puglia nella forma base (spec. nel Leccese) e nelle varianti Aguiàri,
 +Agujari, è la cognominizzazione del personale latino </font><font color="#3366FF">Aquilius</font><font color="#CC33CC">,
 +la cui </font><i><font color="#3366FF">gens Aquilia</font></i><font color="#CC33CC">
 +era molto diffusa in Campania presso i Vestini e gli Irpini ed in Umbria.
 +Da esso si è avuto in Italia il toponimo Agugliano (AN), che è
 +un centro situato tra i fiumi Esino e Musone [.]. L'antroponimo in esame
 +potrebbe essere in relazione con lo zoonimo Aquila e con il veneto settentrionale
 +'gugia' e il toscano 'guglia' (&lt;aculea), riferite queste forme a varie
 +specie di falconidi oppure a una specie di pesce teleosteo commestibile,
 +dal corpo allungato con mascella e mandibola sottili, che formano un caratteristico
 +rostro. Potrebbe anche riferirsi a uno speciale ago, che si usa ancora
 +oggi per cucire vele e tende, oppure derivare dal lat. mediev. 'agulia'
 += "obelisco" o dal toponimo sic. Aguglia.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUNIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bellavide, moglie del fu Bonvillanii de Aguniano (Gugnano)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AGUZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Sembrerebbe avere tre nuclei, uno nel pavese e sud milanese,
 +uno tra Pesaro ed Ancona ed uno nel rietino, dovrebbe derivare dal cognomen
 +latino Acutius di cui si hanno tracce ad esempio nel "<font color="#3333FF">de
 +bello civili</font>" di Giulio Cesare troviamo "<font color="#CC0000">...Acutius
 +Rufus apud Pompeium...</font>", nelle Aepistolae di Plinio minore:"<font color="#CC0000">Secutae
 +sunt diversae sententiae consulum designatorum. Cornutus Tertullus censuit
 +ordine movendum, Acutius Nerva in sortitione provinciae rationem eius non
 +habendam.</font>", e in una lapide del 300 d.C sul sarcofago di Acutius
 +a Ghedi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIALA
 +<br>AJALA</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><img src="../immagini/stem00ayala.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="37" height="50"><font size="-1">Aiala
 +è unico a Palermo, Ajala è rarissimo e dovrebbe essere originario
 +della Sicilia, derivano probabilmente dall'arabo ayal (cervo) o dal nome
 +ebraico Ayal, con la stessa radice, ma potrebbero anche essere di origine
 +spagnola (nel 1606 si riporta un Jeronimo Ayala Alcalde (sindaco) di una
 +cittadina spagnola), in Spagna c'è una valle di Ayala e nel 1400,
 +a valledolid ci sono tracce di un Anton Ayala.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIAN
 +<br>AIANI</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Aian sembrerebbe unico, Aiani ha un ceppo a Tavernerio, Capiago Intimiano
 +e Como nel comasco, uno a Villafranca di Verona e Verona nel veronese e
 +presenze nel ternano e nel romano, dovrebbero derivare dal nome tardolatino
 +<i><font color="#3333FF">Aianus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIANA
 +</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo del cagliaritano è molto molto raro, deriva da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">aiana</font></i>
 +(<i><font color="#666666">signorina, donna nubile</font></i>) originato
 +evidentemente da un soprannome legato alla condizione della capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIASSA
 +<br>AYASSA
 +<br>AYASSE</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Aiassa è tipico del torinese, di Torino, Carmagnola, Vigone, Chiero
 +e Moriondo Torinese, Ayasse, sempre piemontese, sembrerebbe unico, così
 +come Ayassa, dovrebbero derivare dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Ayasse</font></i>
 +che sembrerebbe essere nato dal termine latino <i><font color="#3333FF">acastus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">acero</font></i>), probabilmente ad indicare
 +una caratteristica della località d'origine dei capostipiti, secondo
 +un'altra ipotesi deriverebbe invece dal termine basco <i><font color="#3333FF">aitz</font></i>
 +(<i><font color="#666666">roccia</font></i>), considerando la discreta diffusione di valdesi di origine basca nell'astigiano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Cognome del nord-ovest della Provincia di Asti. Suggerisco una derivazione
 +dal toponmo Val d'Ayas in Valle d'Aosta</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIAZZI
 +<br>AIAZZO</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Aiazzi è tipicamente toscano, del fiorentino, pistoiese e senese,
 +Aiazzo è unico, potrebbero derivare da una forma aferetica modificata
 +di un ipocoristico del nome Caio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AICARDI
 +<br>AICARDO</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Entrambi liguri, Aicardi è diffuso nelle province di Savona, soprattutto
 +a Tovo San Giacomo, ed Imperia, Aicardo, molto più raro, sembrerebbe
 +savonese, derivano dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Aicardus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">charta venditionis</font></i>
 +del settembre 1045 nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico Bresciano</font></i>
 +dove il notaio così si firma: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Aicardus
 +</font><font color="#CC33CC">notarius subscripsit&nbsp; postradita complevit
 +et dedit</font>".&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo agli
 +inizi del 1400 con il Vescovo di Novara&nbsp; Bartolomeo Aicardi Visconti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIDONE
 +</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Aidone ha un ceppo a Venezia ed uno a Vizzini nel catanese ed a Misilmeri
 +nel palermitano, il ceppo siciliano dovrebbe derivare dal nome del paese
 +di Aidone nell'ennese, mentre il ceppo veneziano sembrerebbe essere derivato
 +da un'alterazione del nome bizantino <i><font color="#3333FF">Adonis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIELLI
 +<br>AIELLO
 +<br>AJELLI
 +<br>AJELLO
 +<br>DAIELLI
 +<br>DAJELLI
 +<br>D'AIELLO
 +<br>D'AJELLO</font></font></b></td>
 +<td><img src="/immagini/stem00aiello.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="56" height="70"><font size="-1">Aielli, probabilmente originario del pescarese, ha un ceppo anche nel romano
 +e nel latinense, Aiello è tipico del sud, molto diffuso soprattutto
 +in Campania, Calabria e Sicilia, Ajello, molto più raro, ha un ceppo
 +romano, uno nel napoletano ed uno nel messinese, D'Ajello, molto raro,
 +è napoletano, mentre D'Aiello è, oltre che del napoletano,
 +anche e soprattutto del casertano, con un ceppo anche nel palermitano,
 +Daielli quasi unico, Ajelli e Dajelli, molto molto rari, dovrebbero essere
 +abbastanza recenti e sono probabilmente il frutto di errate trascrizioni
 +nelle anagrafi settentrionali, derivano tutti dal vocabolo medioevale latino
 +<i><font color="#3333FF">agellum</font></i> (<i><font color="#666666">piccolo
 +podere</font></i>, <i><font color="#666666">campicello</font></i>) anche
 +tramite toponimi come Aielli nell'aquilano, Aiello Calabro nel cosentino,
 +Aiello del Friuli nell'udinese, Aiello del Sabato nell'avellinese e molti
 +altri. Abbiamo tracce di queste cognominizzazioni fin dal XII° secolo,
 +Matteo d'Ajello è stato nella seconda metà del 1100 notabile
 +al servizio dei sovrani normanni, personaggio di rilievo della seconda
 +metà del 1500 fu il pittore Antonio Ajello nativo di Rivello nel
 +potentino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori&nbsp; fornite
 +dal barone Ugo Antonio Bella</font></font>
 +<br>deriva dal toponimo Aiello (in varie parti dell'It. merid.) da latino
 +augellus "piccolo podere". Si deve a questo cognome l'esistenza isolana
 +del toponimo Aiello.&nbsp; Questa famiglia è dello stesso stipite
 +del napoletano ascritta al sedile di Capuana. Un Francesco fu console generale
 +di Spagna in Messina per tutto il Regno delle Sicilie nell'anno 1711 e
 +fu padre di un Letterio che troviamo ascritto alla Mastra Nobile di detta
 +città del 1807.
 +<br>Blasone: d'oro, alla sbarra d'azzurro, caricata da tre stelle del campo,
 +accompagnata da due leoni rivolti del secondo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIMAR
 +<br>AIMARO
 +<br>AYMAR</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Aimar è specifico del cuneese, di Cuneo, Dronero, Barge, Busca,
 +Caraglio, Savigliano, Saluzzo e Fossano, Aymar, estremamente raro, è
 +piemontese, Aimaro è specifico del vercellese, di Moncrivello e
 +Cigliano, dovrebbero derivare da una forma contratta del nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Ademarus</font></i>, composto dalle
 +radici <i><font color="#3333FF">adal</font></i> (<i><font color="#666666">nobile</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">mar</font></i> (<i><font color="#666666">celebre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIMI
 +<br>AIMO
 +<br>AIMONE
 +<br>AIMONI
 +<br>AJMO
 +<br>AJMONE</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><img src="/immagini/stem00aimo.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="83"><font size="-1">Aimi è specifico dell'area parmense di Parma e Fidenza in particolare,
 +Aimo è specifico del cuneese, di Mondovì in particolare,
 +Aimone è più tipicamente torinese, Aimoni, molto molto raro,
 +parrebbe lombardo, ma quasi sicuramente a seguito di trasferimenti dal
 +Piemonte, Ajmo e Ajmone, assolutamente rarissimi, sono probabilmente residui
 +di grafie antiche degli stessi cognomi, derivano tutti dal nome germanico
 +<font color="#3366FF">Aimo, Aimone</font> di cui abbiamo un esempio in
 +epoca longobarda in questa <i><font color="#3366FF">Charta Convenientiae</font></i>
 +dell'anno 768: "<font color="#CC33CC">In nomine Domini. regnantes dominis
 +nostris Desiderius et Adelchis filio eius ueris excelentissimis et a Deo
 +conserbatis magnis regibus, anno regnis eorum in Dei nomine undecimo et
 +nono, mense ianoario, per indictione sexta; feliciter. Placuet igitur adque
 +bona bolontate conuenit inter </font><font color="#FF0000">Aimone</font><font color="#CC33CC">,
 +habitatore castello Ueterbo, nec non et Gumpertu presbiterum...</font>",
 +con questo nome ricordiamo Aimone di Savoia (15 dicembre 1291 - 22 giugno
 +1343), tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel bresciano fin
 +dal 1100, con Ardiccio degli Aimoni, nato a Vobarno (BS) in guerra con
 +il Vescovo di Brescia Arimanno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AINI
 +</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Ozieri (SS) è molto raro, deriva da una modificazione
 +dialettale del nome Gavino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>AINI: significato ed etimo incerti. Potrebbe derivare da <i><font color="#3366FF">aìna</font></i>
 += <i><font color="#999999">strumento di lavoro degli artigiani</font></i>
 +( <i><font color="#3366FF">is aìnas</font></i> = <i><font color="#999999">i
 +vari strumenti</font></i>); oppure da <i><font color="#3366FF">àinu</font></i>
 += <i><font color="#999999">asino</font></i>. Àinu in Logudoro, molenti
 +in Campidano; oppure da <i><font color="#3366FF">àina, àxina
 +</font></i>= <i><font color="#999999">vite, uva</font></i>, dal latino
 +<i><font color="#3366FF">àcina</font></i>; o ancora da <i><font color="#3366FF">aìna</font></i>
 += <i><font color="#999999">avena</font></i>, dal latino <i><font color="#3366FF">avena</font></i>;
 +infine, prendiamo in considerazione anche il vocabolo <i><font color="#3366FF">àlinu</font></i>
 += <i><font color="#999999">alno, ontano</font></i>, dal latino <i><font color="#3366FF">alnus</font></i>.
 +Non trova riscontro nelle carte antiche. Attualmente il cognome Aini è
 +presente in 20 Comuni italiani di cui 10 in Sardegna: Ozieri 39, Berchidda
 +11, Sassari 6, Sinnai 3 Milis 3, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIOLFI
 +<br>AJOLFI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aiolfi , abbastanza raro è specifico della zona che comprende il
 +milanese, il bergamasco, il lodigiano, il cremonese ed il parmense, Ajolfi
 +rarissimo è più tipicamente emiliano del parmense, derivano
 +dal nome longobardo Agilulfus o Aginulfus, da cui Aghilolfi e Aginolfi
 +e per contrazione Aiolfi. Il nome deriva da due termini germanici agi (paura)
 +e wolf (lupo), che uniti starebbero a significare lupo che incute terrore
 +quindi uomo terrificante. Le popolazioni germaniche trasferiscono nei nomi
 +da loro usati il rispetto che provano per la forza fisica e per il potere
 +rappresentato dal saper incutere timore, nel medioevo nomi tremendi erano
 +di buon auspicio per il figlio che avrebbe dovuto difendere l'onore del
 +casato. Il cognome indica quindi una discendenza da un Agilulfus o Aghinolfus,
 +nome di cui abbiamo un esempio in una pergamena del 1119, conservata a
 +Pavia: "<font color="#CC33CC">...Trigexima tercia dicitur de Bercela, et
 +est pertice tres et tabule quinque: est ei a mane </font><font color="#FF0000">Aginulfi</font><font color="#CC33CC">,
 +a monte Lanfranci Ariprandi...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIOSA
 +<br>AIOSI
 +<br>AIOSSA
 +<br>AIOSSI</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Aiosa è siciliano, in particolare del palermitano, di Palermo e
 +Polizzi Generosa, Aiossa, molto raro, sembrerebbe avere un ceppo romano,
 +uno nel casertano ed uno nel reggino, Aiosi ed Aiossi sono praticamente
 +unici e probabilmente sono dovuti ad errori di trascrizione dei precedenti,
 +dovrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Abbius</font></i>, ricordiamo
 +<i><font color="#3366FF">Statius Abbius Oppianicus</font></i> citato ad
 +esempio da Cicerone nella sua requisitoria <i><font color="#3366FF">Pro
 +Aulo Cluentio Habito</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIRALDI
 +<br>AIROLDI
 +<br>AIROLDO
 +<br>ARALDI
 +<br>ARALDO
 +<br>ARIOLDI
 +<br>ARIOLDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00airoldi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="56" height="80"><font size="-1">Nome diffuso particolarmente in
 +Lombardia, anche se a volte è presente in buona parte dell'Italia
 +settentrionale. Il nome è di origine longobarda e deriva da Ariovaldo
 +composto da haria (esercito o anche popolo degli Arii (guerrieri)) e waldan
 +(guidare, comandare), con il chiaro significato di condottiero, cioè
 +di colui che guida l'esercito. Il nome in epoca medioevale veniva spesso
 +dato ai primogeniti di casate importanti come buon augurio. Si diffuse
 +poi per imitazione presso il popolo. Il cognome assume quindi il significato
 +di appartenente alla famiglia di un Ariovaldo e non è necessariamente
 +sinonimo di nobiltà di stirpe.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIRASCA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Airasca, molto molto raro, è tipico della zona tra cuneese e torinese,
 +dovrebbe derivare dal toponimo Airasca (TO), feudo della contea di Piossasco,
 +di questo feudo si hanno tracce almeno dal 1300 con il nome di Ayrasca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIRAUDI
 +<br>AIRAUDO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Airaudi è decisamente di Vallo Torinese, con ceppi anche a Cafasse,
 +Torino e Robassomero, tutti nel torinese, Airaudo è anch'esso specifico
 +del torinese, di Villafranca Piemonte e Torino, con un ceppo anche a Bagnolo
 +Piemonte nel cuneese, dovrebbero derivare dal nome medioevale germanico
 +<i><font color="#3366FF">Hariwald</font></i>, che significa colui che conduce
 +l'esercito, o anche dal nome di origine longobarda <i><font color="#3366FF">Ariovaldo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AIRALDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIRO'
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Sembra avere due ceppi, nel tarentino e nell'agrigentino, è molto
 +raro, dovrebbe derivare dal nome longobardo Airoaldo di cui abbiamo traccia
 +ad esempio in un atto di compravendita datato 765 stilato in Chiusi (SI):
 +"<font color="#CC33CC">...Constat me prenominatus Teudemari ab ac die uindedisse
 +et uindedi tiui </font><font color="#FF0000">Airoaldo</font><font color="#CC33CC">
 +terra purectas in casale Quaratule...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIROLA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Airola ha un ceppo nel torinese ed una presenza in Irpinia, che dovrebbe
 +derivare dal toponimo Airola (BN), il ceppo torinese invece è di
 +origini oscure.</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIROMA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Airoma, assolutamente rarissimo, parrebbe di Mercato San Severino e Salerno
 +nel salernitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AISA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Aisa sembrerebbe tipico del perugino, di Assisi, Perugia, Bastia e Foligno,
 +con un grosso ceppo anche a Roma, potrebbe derivare dal nome di Aisa, una
 +città della Tracia, o anche da un soprannome basato sul termine
 +osco <i><font color="#3333FF">aisa</font></i> (<i><font color="#666666">parte,
 +porzione</font></i>), ma non dobbiamo dimenticare che <i><font color="#3333FF">Aisa</font></i>
 +è anche un nome della mitologia greca e che potrebbe quindi trattarsi
 +di una forma matronimica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AITA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Sembrerebbe avere tre ceppi, nell'udinese, nel napoletano e nel cosentino,
 +dovrebbe derivare da una modificazione del nome <i><font color="#3333FF">Agata</font></i>, mutatosi prima in
 +<i><font color="#3333FF">Aghjta</font></i> e quindi in <i><font color="#3333FF">Ajta</font></i> e<i><font color="#3333FF"> Aita</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Si tratta di una variante tipicamente toscana dal ceppo "<i><font color="#3333FF">Aiuti</font></i>",
 +che proviene dal sostantivo "<i><font color="#666666">aiuto</font></i>"
 +(e dal più antico "<i><font color="#3333FF">aita</font></i>"). Il
 +cognome si è formato molto probabilmente da un soprannome dato a
 +persone particolarmente generose.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AIUTI
 +<br>AIUTO
 +<br>AJUTI</font></font></b></td>
 +<td><img src="/immagini/stem00aiuto.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="40" height="55"><font size="-1">Aiuti ed Ajuti, molto molto rari, sembrano originari dell'Italia centrale,
 +forse del pistoiese, Aiuto, sempre rarissimo, sembrerebbe del trapanese,
 +dovrebbero derivare dall'aferesi di cognomi come <i><font color="#3333FF">Diolaiuti</font></i> o simili, è
 +pure possibile che derivino dal nome medioevale beneaugurale <i><font color="#3333FF">Aiutus</font></i> di
 +cui abbiamo un esempio nel 1200 in uno scritto dei padri agostiniani: "<font color="#CC33CC">...In
 +Dei nomine Amen. Ex hoc publico Instrumento sit omnibus manifestum, quod
 +frater Simon Prior Eremitarum Sancti Antonii de Ardinguesca, et frater
 +</font><font color="#FF0000">Aiutus</font><font color="#CC33CC"> Prior
 +Collae, Praesbyteri Rustici, Lucensis alias Livontij Dioecesis...</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio in Sicilia nel
 +1300 con Vincenzo Ajuto nobile cavaliere della corte di Federico III°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">AJOSSA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Ajossa, quasi unico, sembrerebbe del cagliaritano, potrebbe derivare da
 +una forma esclamativa sarda <i><font color="#3333FF">ajosa</font></i> di
 +disaccordo.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ala ha un ceppo nel torinese, in particolare a Cantoira, Torino e Balangero,
 +uno a Campi Salentina e Salice Salentino nel leccese, più altri
 +molto piccoli a San Vero Milis nell'oristanese, a Roma, a Napoli, a Rapolla
 +nel potentino ed in Sicilia a Palermo, Naro nell'agrigentino e Salaparuta
 +nel trapanese, dovrebbero tutti derivare da toponimi come Ala di Stura
 +nel torinese, Ala di Trento o Ala dei Sardi nel sassarese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALABARDI
 +<br>ALABARDIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alabardi, assolutamente rarissimo, ha due piccoli ceppi, uno nell'area
 +tra reggiano e modenese ed uno nell'anconetano, Alabardieri, praticamente
 +unico, è del pesarese, dovrebbero derivare dal mestiere di <i><font color="#3333FF">alabardiere</font></i>
 +svolto dai capostipiti, così veniva ad esempio chiamato un soldato
 +delle antiche milizie <i><font color="#666666">munito di alabarda</font></i>,
 +ma era anche l'identificativo specifico di un armato dei Lanzichenecchi
 +e delle Guardie papali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALACCA
 +<br>ALACCHI
 +<br>ALACCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alacca, quasi unico, ed Alacchi, solo leggermente meno raro, sembrerebbero
 +essere di origini campane, forse dell'area salernitano, avellinese, e siciliane,
 +Alacco che oggi sembrerebbe scomparso in Italia, potrebbe essere di origini
 +foggiane, potrebbero derivare da una forma aferetica etnica riferita a
 +quanti provenissero dalla regione della Valacchia, nell'attuale Romania,
 +indicandone così la provenienza da parte dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAFACI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alafaci, assolutamente rarissimo, sembrerebbe di origini calabresi, del
 +reggino in particolare, dovrebbe derivare da un nome o soprannome basato
 +sul termine grecanico <i><font color="#3333FF">elafaki</font></i>, una
 +forma ipocoristica greca del termine <i><font color="#3333FF">elafos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cervo</font></i>), con il significato quindi
 +di <i><font color="#666666">cerbiatto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alagna parrebbe tipicamente siciliano, soprattutto del trapanese, di Marsala
 +e Mazara del Vallo, con un importante nucleo anche a Palermo, potrebbe
 +trattarsi di un cognome a derivazione etnica ed indicare una provenienza
 +germanica dei capostipiti o come contrazione del nome <i><font color="#3366FF">Alemagna</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Germania</font></i>) o come distorsione del termine
 +<i><font color="#3366FF">alani </font></i>ed indicare quindi l'appartenenza
 +dei capostipiti a quel popolo, altamente improbabile una connessione con
 +i toponimi Alagna del vercellese o del pavese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAGONA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, tipico della provincia
 +di Caltanissetta, famiglia nobile spagnola originaria dell'Aragona da cui
 +prende il nome. Annovera tra i propri membri personaggi illustri come Blasco
 +Alagona che nel 1328 è Capitano di Pietro II° re di Sicilia,
 +o Artale I°&nbsp; (m. 1389), Gran Giustiziere di Sicilia e tutore della
 +regina Maria, figlia di Federico III° il Semplice, che abbandonò
 +la tradizionale politica filoaragonese e si oppose a Maria e a Martino
 +d'Aragona suo marito che ambiva impadronirsi della Sicilia, il Barone Giovanni
 +Alagona si mise in contrasto con Martino II° Re di Sicilia, suo nipote,
 +Artale II°, riprendendo la politica dello zio,scatenò la ribellione
 +ai Martini (1392) e progettò l'intervento di Gian Galeazzo Visconti
 +(1395).&nbsp; Rifugiatosi alla corte del duca, fu nominato podestà
 +di Pavia (1401) e di Milano (1402).</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Ferdinando
 +Lauricella</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAIMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alaimo.gif" nosave="" align="RIGHT" width="75" height="89"><font size="-1">Tipico siciliano, deriva dal nome medioevale Alaimo, ma in alcuni casi
 +può derivare dal nome della località Alaimo di Lentini, inizio
 +di questa cognominizzazione la troviamo nel 1200 con il Conte Alaimo di Lentini
 +Maestro Giustiziere del Regno, Strategoto (governatore) di Messina, custode
 +della famiglia Reale durante l'assenza del Re angioino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alaimo è un cognome siciliano diffuso anche nel resto dell'Italia.
 +Viene dal personale germanico <i><font color="#3366FF">Heimo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Haimo</font></i> che è probabilmente
 +ipocoristico di nomi inizianti in <i><font color="#3366FF">heim</font></i>,
 +come <i><font color="#3366FF">Heimeran</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Heimeric</font></i>, e ha prodotto il
 +latino <i><font color="#3366FF">Aimo</font></i>, <i><font color="#3366FF">Aimonis</font></i>.
 +La base è il vocabolo germanico <i><font color="#3366FF">heim</font></i>
 +=&nbsp; <i><font color="#999999">casa</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#999999">patria</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAMANNI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00alamanni.gif" nosave="" align="LEFT" width="50" height="75"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico fiorentino, deriva dall'etnico alemanno
 +(tedesco), presente a Firenze fin da prima del 1300, occupando posti di
 +rilievo nell'organizzazione cittadina, annoverando Gonfaloni di Giustizia,
 +Priori di libertà, Senatori del Granducato e Cavalieri di Santo
 +Stefano fra le proprie fila fino a diventare Marchesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAMPI
 +<br>ALAMPO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alampi è tipico calabrese, del reggino, Alampo, invece è
 +rarissimo e tipico di Catania, dovrebbero derivare da modificazioni del
 +nome greco <i><font color="#3366FF">Eulampio</font></i> che significa <i><font color="#666666">uno
 +che possiede grande bontà</font></i><font color="#000000">.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALARI
 +<br>ALARIA
 +<br>ALARIO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alari, molto raro, ha un ceppo nel bergamasco ed uno a Roma, Alaria, estremamente
 +raro, è del torinese, Alario ha un ceppo a Roma, uno a Napoli, uno
 +a Trani nel barese, uno a Cassano allo Ionio nel cosentino, ed uno a Palermo,
 +Caltagirone nel catanese, Niscemi e Gela nel nisseno, potrebbero derivare
 +dal fatto di essere stati i capostipiti degli <i><font color="#3366FF">equites
 +alarii</font></i>, cioè <i><font color="#999999">appartenenti alle
 +formazioni della cavalleria romana, che costituivano le ali del fronte
 +d'attacc</font></i>o: "<font color="#CC33CC">...Livius équités
 +legionarios et </font><font color="#FF0000">alarios</font><font color="#CC33CC">
 +clare distinguit et illos vocat Romanos. Sed fortasse Romani équités
 +ibi dicuntur, qui cum Romanis erant, ut </font><font color="#FF0000">alarii</font><font color="#CC33CC">
 +etiam équités sociorum, non quia e sociis lecti, quanquam
 +hoc quoque, sed quia cum ipsis pugnabant. Sic et Victorius iudicat...</font>",
 +dagli <i><font color="#3366FF">Annales</font></i> di Tacito leggiamo: "<font color="#CC33CC">...quod
 +peditum Germanorum inter nostros merebat circumgredi terga hostium iubet,
 +qui iam acie compositi pellunt turmas socialis equitesque legionum subsidio
 +missos. tum tres leves cohortes ac rursum duae, dein tempore interiecto
 +</font><font color="#FF0000">alarius eques</font><font color="#CC33CC">
 +immissus: satis validi si simul incubuissent, per intervallum adventantes
 +neque constantiam addiderant turbatis et pavore fugientium auferebantur.
 +Cethego Labeoni legato quintae legionis quod reliquum auxiliorum tradit...</font>",
 +ma è pure possibile una derivazione dal nome medioevale Alarius,
 +un'alterazione del nome Ilarius, ne abbiamo un esempio in quest'atto dell'anno
 +1096: "<font color="#CC33CC">...De parte monachorum: Warinus cellararius,
 +</font><font color="#FF0000">Alarius Barratus</font><font color="#CC33CC">,
 +Gervasius mariscallus, Johannes Peregrinus, Bodinus de Mairono, Walterius
 +de Calciata...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALARICO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, dovrebbe derivare dal nome germanico Alarico (il
 +famoso re dei Visigoti.).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALASIA
 +<br>ALASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alasia.gif" nosave="" align="RIGHT" width="35" height="43"><font size="-1">Alasia abbastanza raro è specifico del cuneese e torinese, Alasio,
 +molto più raro è tipico dell'astigiano, dovrebbero derivare
 +dal nome originario della Linguadoca Alas divenuto Alasius in latino, di
 +questa cognominizzazione si hanno tracce ad esempio nel cuneese nel 1500,
 +in un atto tra l'altro si può leggere: "<font color="#CC33CC">...Iohannis
 +Francisco Romano, </font><font color="#FF0000">Iohannis de Alasio</font><font color="#CC33CC">
 +testibus ad omnia supradicta vocatis et rogatis.</font>" e con il frate
 +linguista Gregorio Alasia da Sommariva (CN) autore di un vocabolario italo
 +slavo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Maria Luisa
 +Alasia Nienstedt</font></font>
 +<br>Famiglia nobile cuneese Alasia (De Domina Alasia) risale al XIII°
 +secolo, seguaci dei marchesi di Saluzzo appartennero alla classe dominante
 +ghibellina; cacciati dalla città vennero riammessi nel 1277 in occasione
 +della pace con Asti. In S. Francesco dei conventuali di Cuneo si trovano
 +le loro sepolture; furono ammessi dall'ordine di Malta come quarto Ceva
 +(1595). Foresto, sec. XIV; il Vernazza ne illustrò il sigillo. Giacomo,
 +vicario di Fossano (1309) per Carlo III re di Napoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALASSIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alassio, molto molto raro, è tipico dell'area di Imperia, dovrebbe
 +derivare dal nome del toponimo Alassio nel savonese, indicandone così
 +la zona d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALAZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alazio, cognome rarissimo, sembrerebbe dell'area siculo calabrese, dovrebbe
 +derivare dal nome latino medioevale <i><font color="#3366FF">Alatius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto del XIII° secolo: "<font color="#CC33CC">...At
 +miraculosa mutatio lacrimarum mastichis ab </font><font color="#FF0000">Alatio</font><font color="#CC33CC">
 +ex Papagomeno, et aliis relatoribus asserta; satis ibidem a praefato Iustiniano
 +reicitur....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alba è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia isole comprese,
 +potrebbe trattarsi di un matronimico e derivare dal nome femminile Alba,
 +ma è pure possibile una derivazione dai molti toponimi contenenti
 +la radice Alba, coma Alba (CN) o (TN), Terralba (GE) o (OR) o Torralba
 +(SS), Villalba (RM o (CL), ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBANESE
 +<br>ALBANESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00albanese.gif" nosave="" align="RIGHT" width="56" height="81"><font size="-1">Cognome
 +diffuso al sud, ha chiara origine geografica, indicando l'appartenenza
 +ad un popolo, l'albanese, che si insediò nelle zone costiere adriatiche
 +dagli Abruzzi alle Puglie e di lì in Sicilia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBANI
 +<br>ALBANIS
 +<br>ALBANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00albani.gif" nosave="" align="LEFT" width="65" height="81"><img src="../immagini/stem00albano.gif" nosave="" align="RIGHT" width="63" height="81"><font size="-1">L'origine
 +di questo cognome è abbastanza varia. La prima possibilità
 +è che sia una derivazione da un toponimo romano Alba presente in
 +varie zone d'Italia, dalla piemontese Alba Pompeia (Alba) alla più
 +famosa Alba Longa. Una seconda teoria è che il cognome derivi da
 +un nome tardo latino Albanus, mentre una terza ipotesi plausibile è
 +che derivi da un toponimo medioevale Albano, presente in molte parti d'Italia.
 +Le prime tracce di questi cognomi sono del 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBANITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albanito, molto molto raro, sembrerebbe tipico di Torano Castello nel cosentino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arbëreshë (più probabilmente greco-albanese),
 +il cognome Albanito sembra nascere da un'italianizzazione del cognome greco
 +<i><font color="#3366FF">Arvanitis</font></i>, col significato letterale
 +di <i><font color="#999999">albanese</font></i> (è chiara l'affinità
 +col cognome Albanese): nel corso della storia, infatti, il fenomeno plurisecolare
 +dell'emigrazione albanese (la cosiddetta diaspora albanese) si è
 +diretto molto spesso verso la Grecia e, al tempo stesso, verso l'Italia,
 +dando vita, in entrambi i paesi, a parecchi cognomi d'origine albanese
 +(per tradizione, gli italo-albanesi vengono definiti arbëreshë,
 +mentre i greco-albanesi son detti <i><font color="#3366FF">arvaniti</font></i>);
 +in questo contesto, inoltre, è importante notare che molti cognomi
 +arbëreshë provengono in realtà dalla Grecia e non dall'Albania,
 +trattandosi appunto di cognomi arvaniti (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +Greca</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBE
 +<br>ALBE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albe, quasi unico, è del nordmilanese, dovrebbe trattarsi di una
 +forma alterata del cognome Albè, che è tipico dell'area tra
 +milanese e varesotto, di Legnano nel milanese e di Gorla Maggiore, Gorla
 +Minore, Olgiate Olona, Busto Arsizio e Castellanza nel varesotto, potrebbe
 +essere di origini longobarde e derivare dal nome derivato dal termine longobardo
 +<i><font color="#3333FF">albhi</font></i> (<i><font color="#666666">elfo,
 +spirito dei boschi</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBENGA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albenga ha un ceppo nell'astigiano, a San Marzano Oliveto, Nizza Monferrato
 +ed Incisa Scapaccino, con presenze anche nell'alessandrino e nella Lombardia
 +occidentale, dovrebbe derivare dal nome della cittadina ligure di Albenga,
 +probabile luogo d'origine del capostipite, paese il cui nome dovrebbe derivare
 +dall'espressione prelatina <i><font color="#3333FF">album Ingaunum</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il capoluogo degli Ingauni</font></i>, un popolo
 +ligure).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBENZI
 +<br>ALBENZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albenzi, molto molto raro, è tipico della provincia di Roma, di
 +Gallicano nel Lazio e di Roma stessa, Albenzio ha un piccolo ceppo in Irpinia
 +a Bisaccia (AV) ed uno primario a Bari e Cassano Delle Murge (BA), dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Albentius </font></i>di
 +cui abbiamo un esempio in Albenzio Rossi in una lapide funeraria del 1606
 +a Roma: "<font color="#CC33CC">...fr. </font><font color="#FF0000">Albentius
 +De Rubeis </font><font color="#CC33CC">a Vetrario clericus eremita studio
 +religionis in Deum ac pietatis in proximum ecclesiam hanc Ascensioni Domini
 +dicatam ...</font>", di lui si parla anche nelle Acta Visitationis sotto
 +Alessandro VII: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Albentio
 +da Cetrario</font><font color="#CC33CC"> in Calabria huomo timorato del
 +Sig. Iddio essendo andato al Monte d' Ancona per ricevere da quei Padri
 +Camaldoli di Montecorona qualche carità, gli diede il Priore un
 +tonichino bianco dell' habito loro con il quale venne a Roma l' anno 1586
 +e prese l' habito di eremita di lana pura bianca sopra della nuda carne
 +senza cappuccio...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERANI
 +<br>ALBERANO
 +<br>ALBERONE
 +<br>ALBERONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alberani è tipico dell'area bolognese, ferrarese, ravennate, Alberano
 +è quasi unico, così come Alberone, Alberoni, tipicamente
 +emiliano, ha un ceppo nel piacentino ed uno nel bolognese, potrebbero in
 +alcuni casi derivare dai vari toponimi come Alberone di Cento nel ferrarese
 +o altri contenenti la radice albero o alberi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERGHI
 +<br>ALBERGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alberghi ha un ceppo genovese ed uno a Faenza nel ravennate, Albergo è
 +tipicamente meridionale, ha un ceppo a Napoli, uno a Venosa nel potentino
 +ed a Tursi nel materano, uno consistente nel barese, a Bari, Altamura,
 +Modugno, Valenzano e Bitonto, ed uno in Sicilia a Catania e Vizzini nel
 +catanese, dovrebbero derivare dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Aliberg</font></i>,
 +originato dall'unione dei termini <i><font color="#3333FF">ali</font></i>
 +(<i><font color="#666666">diverso, altro</font></i>) e da <i><font color="#3333FF">berg</font></i>
 +(<i><font color="#666666">montagna</font></i>), ma non si può escludere
 +possa anche trattarsi di un'alterazione del nome germanico <i><font color="#3333FF">Albericus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALBERICI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERGHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della zona che comprende il bolognese ed il ferrarese, dovrebbe
 +derivare dal nome longobardo Aliberg o Alibergo di cui si hanno tracce
 +anche al femminile nel VII°, VIII° secolo, in alcuni casi potrebbe
 +anche derivare dal toponimo Malalbergo nel bolognese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERI
 +<br>ALBERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alberi ha un ceppo nel ferrarese ed uno nel bolognese, Albero è
 +tipicamente campano del napoletano e del vicino salernitano, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Alberius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi ALBERIO</font>), ma
 +potrebbe  anche derivare
 +da soprannomi utili ad indicare sia quelli dell'albero, intendendo una
 +pianta particolarmente rinomata, sia quelli che tagliavano gli alberi e
 +che degli alberi vivevano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERICI
 +<br>ALBERICO
 +<br>ALBERIGHI
 +<br>ALBERIGO
 +<br>ALBRICI
 +<br>ALBRIGHI
 +<br>ALBRIGO
 +<br>ALBRISI
 +<br>ALBRISIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alberici è molto diffuso nella Lombardia occidentale, in Emilia
 +e nel romano, Alberico ha un ceppo lombarso, uno nell'area che comprende
 +il romano, il latinense, l'aquilano, il pescarese, il teatino, il campobassano,
 +il casertano ed il napoletano, Alberighi, decisamente molto raro, è
 +specifico del ferrarese, Alberigo, assolutamente rarissimo, parrebbe piemontese,
 +Albrici, tipicamente lombardo, è soprattutto specifico del bergamasco,
 +di Bergamo e Vilminore di Scalvi e di Cologne nel bresciano, Albrighi,
 +estremamente raro, ha qualche presenza nel nordovest della Lombardia e
 +nel ferrarese, Albrigo ha qualche presenza in Trentino ed un ceppo nel
 +veronese, a Sommacampagna, Verona e Bussolengo, Albrisi, quasi unico, è
 +del milanese, Albrisio è praticamente unico, Albrizi è una
 +forma alterata di Albrizio che ha un ceppo a Napoli ed uno nel barese.
 +Dovrebbero tutti derivare da alterazioni del nome ostrogoto <i><font color="#3333FF">Alarico</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Alberico</font></i>, parola composta dai due termini
 +<i><font color="#3333FF">albhi </font></i>(<i><font color="#666666">folletto,
 +elfo</font></i>) e <i><font color="#3333FF">rix</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">ric</font></i> (<i><font color="#999999">Re,
 +Signore</font></i>) che assieme assumono il significato di <i><font color="#666666">Re
 +degli Elfi</font></i>. Il nome latinizzato in <i><font color="#3333FF">Albericus</font></i>
 +si diffuse nella penisola, il cognome che da questo deriva, identifica
 +un'origine medioevale, probabilmente Franca, della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERIO
 +<br>ALBERIOLI
 +<br>ALBERIONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alberio ha un nucleo lombardo, a Rovello Porro nel comasco, con ceppi anche
 +a Turate, Como, Lomazzo e Rovellasca,&nbsp; un ceppo nel varesotto a Saronno
 +e Gavirate ed uno a Milano,Alberioli, assolutamente rarissimo, è
 +del bellunese, Alberione, molto raro, è tipico del cuneese, tutti
 +questi cognomi dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici
 +od accrescitivi dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Alberius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una Cartula ordinationis dell'anno 1098 a
 +Sombreno nel bergamasco: "I<font color="#CC33CC">n Christi nomine. Anno
 +ab incarnacione domini nostri Iesu Christi millesimo nonageximo octavo,
 +mense marcio, indicione sesta. Ego </font><font color="#FF0000">Alberius</font><font color="#CC33CC">
 +filius quondam Alkerii de loco Breno, qui profesus sum lege vivere Langobardorum,
 +presens presentibus dixi: "Vita et mors in manu Dei est; melius est enim
 +homini metu mortis vivere quam spe vivendi morte subitanea pervenire".
 +Ideoque ego qui supra </font><font color="#FF0000">Albero</font><font color="#CC33CC">
 +volo et statuo seu iudico atque per hanc cartulam et ordinationis ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBERTA
 +<br>ALBERTACCI
 +<br>ALBERTARELLI
 +<br>ALBERTARIO
 +<br>ALBERTAZZI
 +<br>ALBERTELLA
 +<br>ALBERTELLI
 +<br>ALBERTI
 +<br>ALBERTIN
 +<br>ALBERTINI
 +<br>ALBERTINO
 +<br>ALBERTIS
 +<br>ALBERTO
 +<br>ALBERTON
 +<br>ALBERTONE
 +<br>ALBERTONI
 +<br>ALIBERTI
 +<br>ALIBERTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00alberti.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="50" height="57"><font size="-1">Il nome Alberto è arrivato in Italia con i Longobardi prima e con
 +i Franchi poi, deriva dal nome Adalberto che ha origine da due vocaboli
 +germanici <i><font color="#3366FF">athala</font></i> (<i><font color="#999999">nobiltà</font></i>)
 +e <i><font color="#3366FF">berth</font></i> (<i><font color="#999999">splendore</font></i>),
 +identifica cioè uno di nobilissima stirpe, di splendente nobiltà.
 +<img src="/immagini/stem00albertini.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="117">Il nome, per imitazione, venne dato, in epoca medioevale, a bambini come
 +indice di nobiltà e poi come semplice augurio. I cognomi pur se
 +distribuiti per tutta la penisola hanno una maggiore concentrazione al
 +nord, dove maggiore è stata l'influenza dei Longobardi prima e dei
 +Franchi dopo.  Alberta rarissimo è specifico di Castelnuovo Della Daunia (FG),
 +Albertacci, estremamente raro, ha un piccolissimo ceppo triestino ed uno
 +torinese, Albertarelli, estremamente raro, sembrerebbe avere un ceppo nel
 +milanese ed uno nel ravennate, Albertario è della zona tra Milano
 +e Pavia, Albertazzi ha un nucleo nel bolognese ed un ceppo tra pavese e
 +piacentino, Albertella sembrerebbe specifico del verbanese, di Cannobio, Cannero Riviera
 +e Verbania, Albertelli ha un piccolo ceppo nell'alessandrino ed a Genova,
 +ha ceppi lombardi, a Milano ed a Cedegolo nel bresciano, ed ha ceppi emiliani,
 +a Piacenza e Bettola nel piacentino e nel parmense a Corniglio e&nbsp;
 +Parma, Alberti è panitaliano, Albertin, tipicamente veneto,
 +è specifico della zona che comprende le province di Padova e Rovigo,
 +Albertini è tipico della zona che comprende Lombardia, Veneto, Emilia
 +Romagna e Marche, Albertino è piemontese, di Carmagnola e Carignano nel torinese
 +e del cuneese, Albertis è praticamente unico, Alberto ha un nucleo
 +tra torinese, cuneese e savonese e ceppi nel napoletano ed in provincia
 +di Catanzaro, Alberton è tipico del vicentino anche se è
 +presente in modo significativo anche nel trevisano, Albertone è
 +di Chivasso (TO) e del torinese, Albertoni sembrerebbe lombardo, del bresciano,
 +del cremonese, del milanese e del mantovano, ma ha presenze significative
 +anche nel bolognese e nel fiorentino, Aliberti ha un nucleo principale
 +in Campania e ceppi nella zona dello stretto, a Roma ed in Piemonte, Aliberto,
 +molto raro, ha un ceppo nel messinese ed uno nel napoletano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBEVERIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albeverio, molto raro, è specifico di Busto Garolfo nel milanese,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Albeverius</font></i>,
 +a sua volta derivato dal nome medioevale germanico molto poco diffuso <i><font color="#3333FF">Albewer</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBIERI
 +<br>ALBIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albieri è tipico dell'area rovigoto, ferrarese, mentre Albiero è
 +decisamente veneto, in particolare del vicentino, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Albiero</font></i>, una variante
 +del più diffuso <i><font color="#3366FF">Alberico</font></i> a sua
 +volta derivato dai termini medioevali germanici <i><font color="#3366FF">alb</font></i>
 +(<i><font color="#999999">elfo</font></i>) e&nbsp; <i><font color="#3366FF">ric</font></i>
 +(<i><font color="#999999">potente, ricco</font></i>), tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo nella seconda metà del 1400 a Castelvecchio
 +di Valdagno (VI) con la famiglia degli Albieri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBINATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albinati, molto molto raro, ha un ceppo lombardo tra varesotto e milanese
 +ed uno romano, si potrebbe trattare di forme etniche derivanti dal toponimo
 +Sant'Albino nel milanese, ma è pure possibile che si tratti di forme
 +patronimiche dove <i><font color="#3366FF">-ati</font></i> sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i> e starebbe allora ad indicare la famiglia del figlio di un
 +Albino (<font color="#CC33CC">vedi ALBINI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBINI
 +<br>ALBINO
 +<br>ALBINONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albini è distribuito in tutt'Italia, ma ha un forte gruppo lombardo
 +che potrebbe derivare dal toponimo Albino (BG), ha ceppi in Liguria, nel
 +fiorentino, in Romagna, in Umbria, nel beneventano, nel Salento, nel potentino,
 +nel reggino e nel catanese, Albino, più propriamente meridionale,
 +ha ceppi in Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia, Albinoni
 +è assolutamente rarissimo, oltre alla derivazione da toponimi contenenti
 +la radice Albino, questi cognomi possono derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Albinia</font></i> o dal nome personale latino <i><font color="#3366FF">Albinius</font></i>
 +da questa derivato, riportiamo a titolo di esempio <i><font color="#3366FF">Marcus
 +Albinius</font></i> tribuno militare dell'epoca di Roma repubblicana nell'anno
 +378 a. C., è pure possibile una derivazione da soprannomi originati
 +da caratteristiche fisiche cioè dal fatto che il capostipite avesse la pelle chiara o i capelli bianchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBINIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albiniano, molto raro, è specifico del Molise e di Campobasso in
 +particolare, deriva dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Albinianus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in Lucius Sestius Quirinalis Albinianus proquestore
 +del più famoso Marcus Iunius Brutus, si potrebbe anche ipotizzare
 +che l'Albiniano si debba intendere come <i><font color="#3366FF">locus
 +Albini</font></i> indicando quindi una località Albiniano di cui
 +si sarebbero perse le tracce, nei pressi di San'Agata dei Goti nel beneventano
 +un simile toponimo esisteva almeno nel 1100 perchè in uno scritto
 +locale del 1120 possiamo leggere "<font color="#CC33CC">...Rogerio filio
 +Attardi </font><font color="#FF0000">de Albiniano</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro sembra avere un ceppo piemontese ed uno laziale, potrebbe
 +derivare dal nome Albis attribuito a volte ai nati in quel periodo (settimana
 +in Albis e domenica in Albis, la settimana successiva alla Pasqua, così
 +chiamata in riferimento alla massiccia presenza delle vesti bianche dei
 +neobattezzati).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBIZZATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del varesotto e del vicino milanese, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Albizzate (VA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBOINI
 +<br>ALBOINO
 +<br>ALBORINI
 +<br>ALBORINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alboini e Alboino, estremamente rari, sono quasi sicuramente settentrionali,
 +Alborini è assolutamente rarissimo, Alborino sembrerebbe specifico
 +di Napoli, Grumo Nevano, Bacoli, Quarto, Arzano e Frattamaggiore nel napoletano
 +e di Aversa nel casertano, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Alborinus</font></i>,
 +una forma latinizzata del nome longobardo <i><font color="#3333FF">Alboino</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome il Re dei longobardi dall'anno 560, il cui nome
 +<i><font color="#3333FF">Albwin</font></i>, composto da <i><font color="#3333FF">alb</font></i>
 +(<i><font color="#666666">elfo</font></i>) e <i><font color="#3333FF">win</font></i>
 +(<i><font color="#666666">amico</font></i>), ha il significato di amico
 +degli elfi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBONETTI
 +<br>ALBONI
 +<br>ALBONICI
 +<br>ALBONICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albonetti ha un ceppo romagnolo a Faenza, Brisighella, Ravenna, Lugo e
 +Castel Bolognese nel ravennate, a Forlì e Tredozio nel forlivese
 +e ad Imola e Bologna nel bolognese, un ceppo a Senigallia nell'anconetano
 +ed uno a Roma, Alboni è tipico emiliano con un ceppo nel lodigiano,
 +Albonici, assolutamente rarissimo, sembrerebbe laziale, Albonico è
 +specifico del comasco che, in qualche caso, potrebbe derivare dal toponimo
 +Albonico, frazione di Sorico appunto nel comasco, tutti dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite alterazioni ipocoristiche, dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Albonius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in un'antica lapide: "<font color="#FF0000">Albonius</font><font color="#CC33CC">
 +Targell</font><font color="#000000">(i)</font><font color="#CC33CC"> Saturnino
 +/ militante S</font><font color="#000000">(aluti)</font><font color="#CC33CC">
 +v</font><font color="#000000">(otum)</font><font color="#CC33CC"> f</font><font color="#000000">(ecit)</font>",
 +o dal nome equivalente longobardo Alboino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBORE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albore, molto raro, sembrerebbe avere un ceppo campano nel napoletano ed
 +uno tra foggiano e barese, si dovrebbe trattare di un'alterazione dialettale
 +del cognome <i><font color="#3333FF">Arbore</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ARBORE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBORGHETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alborghetti è tipicamente lombardo, di Bergamo, Ambivere, Sanzorosciate,
 +Palazzago, Mapello, Cisano Bergamasco, Alzano Lombardo, Cenate Sopra Nembro,
 +Comun Nuovo, Bolgare, Filago, Trescore Balneario, Entratico, Villa di Serio
 +e Terno d'Isola, con ceppi anche nel bresciano a Rovato e Chiari e nel
 +lecchese a Calolziocorte e Lecco, un piccolo ceppo è presente anche
 +a Trieste, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale, probabilmente
 +motivato dal mestiere di <i><font color="#666666">albergatore</font></i>
 +o <i><font color="#666666">locandiere</font></i> svolto dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBORINI
 +<br>ALBORINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albrizi, praticamente unico dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Albrizio che è specifico del barese, Albrizzi, molto molto raro
 +potrebbe essere bolognese, derivano tutti dal nome medioevale Alberigus
 +modificato in Albritius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBRICCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00albricci.gif" nosave="" align="LEFT" width="50" height="55"><font size="-1">Molto raro sembra essere tipico della bergamasca, deriva dal nome medioevale
 +Alberigus modificato in Albritius, esempio di questa cognominizzazione la
 +troviamo in val di Scalve dal 1200 tra le famiglie nobili di importanza
 +notevole per la politica della valle, abbiamo ad esempio Alessio Albricci
 +Console della valle nel 1484 e nel 1488; la famiglia Albricci estese la
 +sua rinomanza fino al veronese, a SanBonifacio (VR) troviamo nel 1400 una
 +famiglia Albricci che lascia alla Chiesa della Misericordia una discreta
 +somma per il mantenimento dell'Altare di San Francesco, in base al testamento
 +di Aurelio Albricci del 9 febbraio 1441.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALBRIZI
 +<br>ALBRIZIO
 +<br>ALBRIZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Albrizi, praticamente unico dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Albrizio che è specifico del barese, Albrizzi, molto molto raro
 +potrebbe essere bolognese, derivano tutti dal nome medioevale Alberigus
 +modificato in Albritius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCAINI
 +<br>ALCAINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alcaini.gif" nosave="" align="RIGHT" width="40" height="58"><font size="-1">Alcaini,estremamente raro, è tipico di Dossena (BG) Alcaino, quasi
 +unico sembrerebbe originario del salentino, dovrebbero essere di origini
 +basche, nell'elenco dei notai della Repubblica di Venezia troviamo il notaio
 +Francesco Alcaini che esercitò dal 1580 al 1603 e negli atti della
 +cancelleria pretoria del comune di Bergamo troviamo in un atto del 1617
 +una cessione di beni ad un certo Giovanni Maria Alcaini, fu Francesco.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Daniele
 +Todeschini</font></font>
 +<br>Alcaini è un cognome originario di Dossena (BG) risalente all'epoca
 +romana. La famiglia fu presente nella compagnia detti dei Bastazi della
 +dogana di Venezia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alcamo, tipicamente siciliano, del trapanese, particolarmente concentrato
 +ad Alcamo, Trapani, Mazara del Vallo ed Erice, con ceppi anche a Ficarazzi
 +e Palermo nel palermitano, ed a Lentini nel siracusano, potrebbe derivare
 +dal nome arabo <i><font color="#3366FF">Alqamah</font></i>, ma è
 +pure possibile, in alcuni casi una derivazione dal toponimo trapanese Alcamo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCESTE
 +<br>ALCESTI
 +<br>CESTE
 +<br>CESTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alceste ed Alcesti sono quasi unici, Ceste è decisamente piemontese,
 +del torinese, astigiano e cuneese, soprattutto di Costigliole (AT) e di
 +Govone (CN), Cesti, assolutamente rarissimo, sembrerebbe avere avuto un
 +ceppo tra varesotto e pavese, probabilmente ad Uboldo ed uno nel modenese,
 +soprattutto a Finale Emilia e Castelvetro di Modena, ancora esistente,
 +dovrebbero derivare dalla cognominizzazione del nome Alceste portato dal
 +capostipite, sia per aferesi che con lo stesso nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCIBIADE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alcibiade, molto molto raro, è tipico di Roma e di Viterbo, dovrebbe
 +derivare dal nome greco <font color="#3333FF">Άλκιβιάδης&nbsp;&nbsp; <i>Alkibiadês</i>
 +</font>(<i><font color="#3333FF">Alcibiade</font></i>), ricordiamo con
 +questo nome l'uomo politico e generale ateniese vissuto dal 450 al 404
 +a.C., un parente stretto di Pericle.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCINI
 +<br>ALCINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alcini, ha un ceppo umbro a Massa Martana e Giano dell'Umbria nel perugino
 +ed a Terni e Narni nel ternano, ed uno a Pineto nel teramano, Alcino è
 +quasi unico, dovrebbero derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Alcinus</font></i>
 +derivato dal nome omerico <font color="#3333FF">Αλκίνοος <i>Alcinoo</i></font>,
 +citato nell'Odissea, portato dal Re dei Feaci che fornisce ad Ulisse l'imbarcazione
 +per tornare ad Itaca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALCOZER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alcozer, assolutamente rarissimo, sembrerebbe essere di origini spagnole,
 +trapiantato in Sicilia, dovrebbe derivare dal nome del paese di Alcozer
 +sotto Valencia o di Alcozer di Guadalajara, entrambi in Spagna, un feudo
 +di Alcozer è citato anche nell'introduzione del libro di Cervantes <i><font color="#3366FF">Don
 +Chisciotte del la Mancia</font></i>, che inizia così: "<font color="#CC33CC">El
 +ingenioso Hidalgo Don Quixote del la Mancha. Compuesto por Miguel de Ceruantes
 +Saauedra. / Dirigido al Duque de Beiar, Marques de Gibraleon, Conde de
 +Barcelona, y Bañares, </font><font color="#FF0000">Vizconde de la
 +Puebla de Alcozer</font><font color="#CC33CC">, Señor de las villas
 +de Capilla, Curiel, y Burgillos ...</font>", nel 1776 nasce lo scrittore
 +dialettale siciliano Giovanni Alcozer che prese parte alla rivoluzione
 +del 1848, entrò nel Consiglio dei Pari del Parlamento siciliano
 +e fu tra i firmatari dell'atto di decadenza della dinastia borbonica.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="140"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDEBRANDI
 +<br>ALDOBRANDI
 +<br>ALDOVRANDI
 +<br>ALDROVANDI
 +<br>ALTEBRANDI
 +<br>ALTEBRANDO
 +<br>ALTOBRANDO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldebrandi, assolutamente rarissimo, parrebbe toscano, Aldobrandi e Aldovrandi,
 +altrettanto rari, parrebbero del fiorentino, Aldrovandi è molto
 +diffuso in Emilia nel reggiano, modenese e bolognese, nel mantovano e nel
 +fiorentino, Altebrandi è quasi unico, Altebrando e Altobrando parrebbero
 +lombardi, dovrebbero tutti derivare direttamente o tramite modificazioni
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Aldobrandus</font></i> o <i><font color="#3366FF">Aldevrandus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in <i><font color="#3366FF">dominus Aldobrandus
 +de Cerreto</font></i> (Porte Domus) che è uno dei sei Priori di
 +Firenze nel periodo che va dal 15 giugno al 14 agosto dell'anno 1283, nome
 +originato dalla fusione di due vocaboli longobardi
 +<i><font color="#3366FF">alda</font></i> (<i><font color="#999999">saggio</font></i>)
 +e <i><font color="#3366FF">branda</font></i> (<i><font color="#999999">spada</font></i>)
 +o da un germanico <i><font color="#3366FF">alt</font></i> (<i><font color="#999999">antico,
 +vecchio</font></i>) e <i><font color="#3366FF">brand</font></i> (<i><font color="#999999">spada</font></i>)
 +il nome originario avrebbe avuto quindi il significato di <i><font color="#999999">spada
 +sapiente</font></i> o <i><font color="#999999">spada antica</font></i>.
 +Il cognome, che si trova pressocchè esclusivamente in nord Italia
 +ha inizialmente origini nobili, potrebbe essere stato l'identificativo
 +di Arimanni longobardi, divenuto poi casato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDEGHERI
 +<br>ALDIGHERI
 +<br>ALDIGHIERI
 +<br>ALDIGHIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldegheri è specifico del veronese, soprattutto di Verona, ma anche
 +di San Martino Buon Albergo, Colognola ai Colli, Tregnago ed Illasi, Aldigheri
 +è unico, Aldighieri è anch'esso specifico del veronese di
 +Montecchia di Crosara, Aldighiero è unico, dovrebbero tutti derivare
 +da modificazioni del nome <i><font color="#3366FF">Aldeghiero</font></i><font color="#000000">
 +o</font><i><font color="#3366FF"> Aldighiero</font></i><font color="#000000">,</font>
 +che deriva dal nome medioevale germanico <i><font color="#3366FF">Hadalgher</font></i>,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio a Montechiarugolo
 +(PR) negli atti di un processo del 1572: "<font color="#CC33CC">...Et erano
 +a tavola della signora Paola, detto conte </font><font color="#FF0000">Bonifacio
 +Aldighiero </font><font color="#CC33CC">et vi erano altre persone et servitori.
 +Ivi detti signora Paula et conte Bonifacio pubblicamente et apertamente
 +si chiamavano marito e moglie alla presenza di quei signori,..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDERICI
 +<br>ALDERIGHI
 +<br>ALDRIGHI
 +<br>ALDRIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alderici, assolutamente rarissimo è della zona di Massa, Alderighi
 +è tipico della zona di Empoli e Vinci nel fiorentino, Aldrighi è
 +molto raro e tipicamente lombardo, con un ceppo nel mantovano ed uno nel
 +milanese, Aldrigo ha un piccolo ceppo nel pavese e piacentino ed uno più
 +consistente nel padovano e veneziano, dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite contrazioni, dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3333FF">Aldericus</font></i>
 +ricordiamo sant Alderico a cavallo tra il 1100 ed il 1200, di questo nome
 +abbiamo un esempio in una
 +<i><font color="#3366FF">Designationes terrarum</font></i> nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +diplomatico della Lombardia medioevale</font></i> a Maderno nel 1191: "<font color="#CC33CC">...In
 +Christi nomine. Die sabati .XIII. exeunte mense ianuarii. In loco Materni
 +ubi dicitur Prementor. In presentia domini presbiteri Ugonis, Uberti Ricardi,
 +Vanacii et Balderici et Materni Cavucii et Iohannis Bocrinverse, Petrus
 +Enrici et Zanebonus de Basano et Nasettus de Puteo et </font><font color="#FF0000">Aldericus
 +Stancie</font><font color="#CC33CC"> isti omnes iuravere designare terram
 +monasterii Sanctorum Martirum Gosme et Damiani de loco Brixie. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDERISI
 +<br>ALDERISIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimi, probabilmente del centrosud, deriva dal nome longobardo
 +Alderisius, nome di cui si hanno tracce ad esempio a Solofra (AV) nel 1000
 +in un atto si legge: "<font color="#CC33CC">...Vicesimo quinto anno principatus
 +salerni domni nostri guaimarii ... ...Ego </font><font color="#FF0000">Alderissi</font><font color="#CC33CC">
 +notarius me subscripsi.</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Il cognome Alderisio è documentato a Colle Sannita (BN) fin
 +dal '500 come cognome di una famiglia molto distinta: il primo notaio pubblico
 +di Colle fu infatti il <i><font color="#3366FF">nobilis homo</font></i>
 +Antonio Alderisio, che esercitò la sua professione dal 1610 al 1613.&nbsp;
 +(Gli Alderisio sono menzionati tra le altre famiglie potenti del luogo
 +dal Meomartini nella sua opera <i><font color="#3333FF">I comuni della
 +provincia di Benevento</font></i>, 1907, pag. 401).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDI
 +<br>ALDINI
 +<br>ALDINO
 +<br>ALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldi ha ceppi in Lombardia, nel grossetano ed in Campania, nel napoletano,
 +casertano e beneventano, Aldini ha un ceppo milanese, ma è tipicamente
 +emiliano, del reggiano e modenese soprattutto e romagnolo del forlivese
 +e ravennate, Aldino, estremamente raro, sembrerebbe del lombardoveneto,
 +Aldo, molto molto più raro, ha presenze nel napoletano e sporadiche
 +al nord, dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici, soprattutto
 +al sud, dal nome normanno <i><font color="#3333FF">Aldo</font></i>, e più
 +generalmente da forme aferetiche di nomi longobardi come <i><font color="#3333FF">Monaldo</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Romualdo</font></i>, <i><font color="#3333FF">Gesualdo</font></i>
 +o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDIERI
 +<br>ALDIGERI
 +<br>ALIGERI
 +<br>ALIGERO
 +<br>ALTIGERI
 +<br>ALTIGIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldieri è tipicamente napoletano, Aldigeri è caratteristico
 +di Parma, Aligeri, assolutamente rarissimo sembrerebbe laziale, Aligero,quasi
 +unico, è ligure, Altigeri, anch'esso quasi unico, è toscano,
 +Altigieri, molto molto raro, è del viterbese, di Ronciglione in
 +particolare, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da alterazioni dialettali
 +del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Aldigerus</font></i> di cui
 +abbiamo un esempio d'uso in un documento del IX° secolo: "<font color="#CC33CC">..
 +</font><font color="#FF0000">Aldigerus</font><font color="#CC33CC"> colonus,
 +homo sancti Germani; Johannes colonus et uxor ejus colona, nomine Sarra,
 +homines sancti Germani, habent secum infantem i ; Erlebaldus colonus et
 +uxor ejus colona, nomine Dodilberga, homines sancti Germani. Isti très
 +tenent mansum ingenuilem i, habentem de terra arabili bunuaria xv, de vinea
 +aripennum i. De avena modios ii; pullos vini, ova xlv. Cetera similiter.
 +..</font>". (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +ALDEGHERI</font><font color="#3366FF"> </font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Aldigero</font></i>,
 +l'italianizzazione cioè del personale germanico <i><font color="#3366FF">Aldiger</font></i>,
 +che, composto dai termini <i><font color="#3366FF">alt</font></i> (<i><font color="#999999">vecchio,
 +saggio</font></i>) e <i><font color="#3366FF">ger</font></i> (<i><font color="#999999">lancia</font></i>),
 +può essere tradotto come <i><font color="#999999">vecchia lancia,
 +esperto lanciere</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi Lanzavecchia</font>);
 +altre fonti, invece, sostengono che la radice <i><font color="#3366FF">Aldi-</font></i>
 +derivi dall'antico alto tedesco <i><font color="#3366FF">adal</font></i>
 +(<i><font color="#999999">nobile</font></i>) e, di conseguenza, il nome
 +<i><font color="#3366FF">Aldiger</font></i> andrebbe tradotto come <i><font color="#3366FF">lancia
 +nobile, nobile lanciere</font></i>. In conclusione, dunque, si tratta della
 +cognominizzazione del nome personale del/la capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDINUCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico dell'aretino, della zona tra Montevarchi e Monte
 +San Savino, deriva da modificazioni del nome&nbsp; medioevale Aldinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDISI
 +<br>ALDISIO
 +<br>ALDIZIO
 +<br>AUDISIO
 +<br>AUDIZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldisi ed Aldisio sono quasi unici, Aldizio, altrettanto raro, sembrerebbe
 +del varesotto, Audisio è tipicamente piemontese, di Torino e del
 +torinese, di Orbassano, Carmagnola, Rivoli, Rivalta di Torino e Moncalieri,
 +di Cuneo e del cuneese, in particolare di Saluzzo, Savigliano, Entracque,
 +Racconigi e Bernezzo, Audizio è quasi unico, dovrebbero tutti derivare
 +dal nome medioevale germanico <i><font color="#3366FF">Aldisius</font></i>
 +formato sul termine <i><font color="#3366FF">ald</font></i> (<i><font color="#999999">vecchio</font></i>),
 +ma è pure possibile derivino da modificazioni dell'aferesi del nome
 +<i><font color="#3366FF">Mondoaldus</font></i>, si hanno tracce di questa
 +cognominizzazione già nel 1400 a Sassoferrato nell'anconetano, dove
 +opera il notaio Girolamo Audisio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALDOVINI
 +<br>ALDOVINO
 +<br>ALDUINA
 +<br>ALDUINI
 +<br>ALDUINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aldovini è tipicamente lombardo, di Cremona in particolare, Aldovino,
 +praticamente unico, è campano, Alduini, estremamente raro, dovrebbe
 +essere del nord Italia, Alduina e Alduino, altrettanto rari, sembrano essere
 +siciliani, dovrebbero tutti derivareo dal nome medioevale di origine germanica
 +<i><font color="#3333FF">Aldovinus</font></i> o <i><font color="#3333FF">Alduinus</font></i>,
 +derivato da <i><font color="#3333FF">Hardwin</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ARDINI</font>), nome di cui abbiamo un esempio in Alduino Conte di Geraci
 +(PA) e d'Ischia guida della fazione svevo-aragonese nella ribellione e
 +nella guerra contro Carlo D'Angiò.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEANDRI
 +<br>ALEANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aleandri è molto diffuso nella fascia che comprende il romano, il
 +reatino ed il Piceno, Aleandro è quasi unico, derivano dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Aleander</font></i>, forma arcaica
 +del molto più comune <i><font color="#3366FF">Alexander</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Alessandro</font></i>), personaggio illustre
 +è stato il letterato friulano di Motta di Livenza <i><font color="#3366FF">Hieronymus
 +Aleander</font></i>, Cardinale Jeronimo Aleandri (1480 - 1542).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEARDI
 +<br>ALEARDO
 +<br>ALIARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aleardi ha un ceppo nel vicentino, in particolare a Montecchio Maggiore,
 +e presenze non significative nel Salento ed in Calabria, Aleardo ed Aliardi
 +sono quasi unici, derivano dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Aleardus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una lapide risalente all'anno 1040 : "<font color="#CC33CC">Ermengardis
 +et maritus eius </font><font color="#FF0000">Aleardus Rosellus</font>"
 +è che possiamo leggere in un atto del 1122: "<font color="#CC33CC">...Ego
 +frater Hugo, et socius noster Johannes, qui ecclesiam de Butza pertinemus,
 +et predictas res que huic ecclesie pertinent, ex dono ab ipsoque </font><font color="#FF0000">Aleardo</font><font color="#CC33CC">
 +accepimus, similiter concedimus....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEI
 +<br>ALEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alei, non comune, è tipico di Capena nel romano, Aleo è invece
 +tipicamente siciliano, molto diffuso a Barrafranca nell'ennese ed a Trapani,
 +ma anche a Catania, Caltagirone, Acireale, Aci Catena e Misterbianco nel
 +catanese, a Palermo, ad Agrigento e Canicattì nell'agrigentino,
 +a Marsala, Paceco ed Erice nel trapanese ed a Caltanissetta, dovrebbero
 +derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Aleus</font></i> o dal
 +nome greco <i><font color="#3333FF">Aleos</font></i>, da cui il primo è
 +derivato, nella mitologia greca troviamo <i><font color="#3333FF">Aleos</font></i>
 +figlio di Apheidas e Re di Tegea in Arcadia, consideriamo anche che si
 +tratta della forma maschile di <i><font color="#3333FF">Alea</font></i>
 +che è un'altro nome di Athena (Minerva), la dea della sapienza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEMAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alemagna è tipicamente milanese, fa pensare ad un'origine germanica
 +della famiglia, intendendosi con questi cognomi identificare gente di Alemagna
 +(Germania). Si può ipotizzare anche che potesse essere un identificativo
 +di alcuni Arimanni longobardi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEMANDI
 +<br>ALLEMANDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alemandi, quasi unico, è piemontese, dovrebbe trattarsi di una forma
 +alterata del cognome Allemandi, che, decisamente piemontese, ha un ceppo
 +a Torino e Collegno nel torinese ed a Pagno, Cuneo, Prazzo, Cavallermaggiore
 +e Saluzzo nel cuneese, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine
 +medioevale <i><font color="#3333FF">allemandus</font></i> (<i><font color="#666666">tedesco</font></i>),
 +di origini francesi, il termine indica chi fosse giunto dalla Germania
 +(in francese <i><font color="#3333FF">d'Allemagne</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEMANI
 +<br>ALEMANNI
 +<br>ALAMANNO
 +<br>ALEMANNO
 +<br>ALEMANO
 +<br>ALLAMANI
 +<br>ALLAMANO
 +<br>ALMANNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alamanno, praticamente unico è probabilmente un errore di trascrizione
 +di Alemanno, Alemani è tipico del milanese, così come Alemano,
 +quasi unico, probabilmente dovuto ad errori di trascrizione, Alemanni ha
 +un nucleo salentino ed uno milanese, Alemanno è tipico del Salento,
 +Allamani, quasi unico, è del nord, Allamano, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe del torinese, Almanno, estremamente raro, è del sud,
 +dovrebbero tutti derivare da modificazioni del termine longobardo <i><font color="#3366FF"><a href="http://www.melegnano.net/longobardi/longobard04.htm">arimanno</a></font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo libero</font></i>), ma è pure possibile
 +una radice etnica, alemanni in quanto provenienti dall'Alemagna (Germania),
 +bisogna inoltre considerare che <i><font color="#3366FF">Alamanno</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">Alemanno </font></i>in epoca medioevale erano
 +diventati nomi abbastanza in uso: "<font color="#CC66CC">...iudico pro
 +anima mea et filii mei </font><font color="#FF0000">Alamanni </font><font color="#CC66CC">et
 +parentum meorum suprascriptae ecclesiae Sancti Iacobi...</font>".&nbsp;
 +Tracce di questo tipo di cognominizzazione le troviamo ad esempio ad Alessandria
 +in uno scritto del 1107: "<font color="#CC66CC">...per successionem </font><font color="#FF0000">Alberti
 +Alamanni</font><font color="#CC66CC"> filii quondam Guidonis marchionis
 +fratris et cognati nostri...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEMMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alemma, quasi unico, parrebbe lucano, dovrebbe derivare dal nome turco
 +<i><font color="#3333FF">Alem</font></i>, una variante antica del più
 +comune <i><font color="#3333FF">Alim</font></i>, <i><font color="#3366FF">alem</font></i>
 +in turco significa <i><font color="#666666">amichevole</font></i>, quindi
 +si può anche ipotizzare una derivazione da un soprannome con questo
 +significato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALENGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alenghi, quasi unico, sembrerebbe lombardo, dell'area bresciano, cremonese,
 +in particolare, dovrebbe derivare dall'italianizzazione del nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Alengrim</font></i>, composto dai termini
 +<i><font color="#3333FF">ale</font></i> (<i><font color="#666666">tutto,
 +del tutto</font></i>) e <i><font color="#3333FF">grim</font></i> (<i><font color="#666666">selvaggio,
 +duro, forte</font></i>), con il senso di <i><font color="#666666">uomo
 +dotato di forza selvaggia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEPPI
 +<br>ALEPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aleppi del palermitano ed Aleppo del catanese, entrambi assolutamente rarissimi,
 +dovrebbero derivare dal toponimo <i><font color="#3366FF">Aleppo</font></i>,
 +città siriana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALEPRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00alepri.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="38" height="50"><font size="-1">Casata
 +antichissima, ormai estinta, risale ai tempi di Carlo Magno che, attorno
 +all'anno 800, fece cavaliere un certo Aleprius, il capostipite della famiglia.&nbsp;
 +Il loro stemma deriva dal riconoscimento imperiale (l'aquila) e da Ugo
 +il Grande di Brandeburgo, marchese di Toscana, le sette bande verticali
 +bianche e rosse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALERONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aleroni, estremamente raro, quasi unico, ha qualche presenza nel piacentino
 +e qualcuna nel romano, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Alerone</font></i>, ricordiamo
 +con questo nome <i><font color="#3333FF">Alerone</font></i>, pievano di
 +S. Giovanni Grisostomo di Venezia e successivamente vescovo di Torcello
 +nel tredicesimo secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALES
 +<br>ALESI
 +<br>ALESIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alesio.gif" nosave="" align="RIGHT" width="35" height="63"><font size="-1">Ales è tipico di Palermo e del palermitano, di San Giuseppe Jato,
 +Piana degli Albanesi e Partinico, con ceppi anche a Marsala nel trapanese
 +ed a Caltagirone nel catanese, Alesi ha un ceppo importante nella Sicilia
 +occidentale ed uno nelle Marche, Alesio, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +del sud Italia, dovrebbero derivare dal nome albanese <i><font color="#3333FF">Ales</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Alessio</font></i>), o dal nome bizantino <i><font color="#3333FF">Alexios</font></i>, da cui lo stesso <i><font color="#3333FF">Ales</font></i> deriva, basato sul termine greco <i><font color="#3333FF">alexein</font></i> = <i><font color="#999999">difendere,
 +proteggere</font></i>, con il significato quindi di <i><font color="#999999">difensore</font></i>
 +e&nbsp; <i><font color="#999999">protettore</font></i>) (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALESSI</font>).&nbsp; Personaggio
 +storico fu Giuseppe D'Alesi che capeggiò nel 1647 la rivolta dei
 +palermitani contro la struttura amministrativa dello Stato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALESCI
 +<br>ALESCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alesci, decisamente siciliano, ha un ceppo nel messinese a Barcellona Pozzo
 +di Gotto, Terme Vigliatore e Messina, uno a Palermo, uno a Niscemi nel&nbsp;
 +nisseno ed uno a Licata nell'agrigentino, Alescio è specifico del
 +sud della Sicilia, di Siracusa, Noto e Pachino nel siracusano e di Vittoria,
 +Modica, Chiaramonte, Scicli e Ragusa nel ragusano, dovrebbero derivare
 +dal nome turco <i><font color="#3333FF">Alesh</font></i>, i nomi <i><font color="#3333FF">Alesha</font></i>
 +ed <i><font color="#3333FF">Alisha</font></i> venivano usati anche presso
 +le popolazioni slave.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALESINA
 +<br>ALESINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alesina è assolutamente rarissimo, sembrerebbe del Canavese, Alesini,
 +altrettanto raro, sembra laziale, potrebbero derivare dal nome medioevale
 +Alesius di cui abbiamo un esempio a Bergamo in uno scritto del 1510: "<font color="#CC33CC">...citati
 +sunt infrascripti bergomenses existentes... ...Maffeius de Carraria, </font><font color="#FF0000">Alesius
 +</font><font color="#CC33CC">de Marchisiis, Santinus de Marchisiis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALESSANDRELLA
 +<br>ALESSANDRELLI
 +<br>ALESSANDRELLO
 +<br>ALESSANDRETTI
 +<br>ALESSANDRI
 +<br>ALESSANDRIN
 +<br>ALESSANDRINA
 +<br>ALESSANDRINI
 +<br>ALESSANDRINO
 +<br>ALESSANDRO
 +<br>ALESSANDRONI
 +<br>ALESSANDRUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00alessandro.gif" nosave="" align="LEFT" width="65" height="81"><img src="../immagini/stem00alessandri.gif" nosave="" align="RIGHT" width="64" height="81"><font size="-1">Alessandrella, molto molto raro, è del napoletano, Alessandrelli
 +ha un ceppo nella fascia che comprende le Marche, l'Umbria ed il Lazio
 +ed un ceppo nel leccese, Alessandrello sembrerebbe tipicamente siciliano
 +del ragusano, Alessandretti è specifico di Assisi nel perugino,
 +Alessandri è diffusissimo in tutto il centronord, con un ceppo anche
 +nel leccese, Alessandrin, assolutamente rarissimo , è del veneziano,
 +Alessandrina è quasi unico, Alessandrini è diffusissimo in
 +tutto il centronord, Alessandrino ha piccolissimi ceppi in Campania, in
 +Puglia ed in Sicilia, Alessandris, estremamente raro, è specifico
 +dell'udinese, Alessandro è del centrosud, di Campania e Sicilia
 +in particolare, Alessandroni è caratteristico dell'area che comprende
 +il riminese, le Marche, il teramano, l'aquilano ed il Lazio costiero, Alessandrucci,
 +assolutamente rarissimo, è del viterbese. Il nome Alessandro, sia
 +direttamente che attraverso ipocoristici od accrescitivi, è ovviamente
 +all'origine di tutti questi cognomi, l'origine è macedone (indoeuropea),
 +diffusosi poi in Grecia e, se pur con scarsa diffusione, nell'Italia romana,
 +ebbe una maggior diffusione con il tardo medioevo e i primi cognomi risalgono
 +al periodo rinascimentale. La diffusione è normalmente distribuita
 +in tutto il territorio italiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALESSANDRI'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alessandrì è tipico del leccese, di Maglie in particolare.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine grecanica (in alternativa greco-albanese), il cognome Alessandrì
 +nasce da un adattamento del cognome greco <i><font color="#3333FF">Alexandrìs</font></i>,
 +tratto a sua volta dal nome greco <i><font color="#3333FF">Aléxandros</font></i>,
 +l'italiano Alessandro (<font color="#CC33CC">vedi Alessandrella</font>).
 +In conclusione, dunque, si tratta della cognominizzazione del nome personale
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALESSI
 +<br>ALESSIO
 +<br>ALESSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alessi.gif" nosave="" align="LEFT" width="60" height="74"><font size="-1">Alessi è diffuso in tutt'Italia, Alessio ha ceppi nel nord Italia
 +ed al sud, soprattutto in Calabria, Alesso, abbastanza raro, ha un ceppo
 +nel Piemonte occidentale ed uno in Sicilia, derivano dal nome latino di
 +origine greco bizantina <i><font color="#3366FF">Alexius</font></i>, di cui abbiamo un esempio nelle ecloghe
 +di Virgilio: "<font color="#CC33CC">...'O crudelis </font><font color="#FF0000">Alexi</font><font color="#CC33CC">,
 +nihil mea carmina curas?...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFANI
 +<br>ALFANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">L'origine di questi cognomi potrebbe essere diversa a seconda delle diverse
 +aree di diffusione che sono Il nord Italia, la Toscana la Campania, la
 +Calabria e la Sicilia; Alfani ha un ceppo nel fiorentino, uno nel romano
 +ed uno nel salernitano e napoletano, Alfano è diffusissimo nel Lazio
 +ed in tutto il sud, Sicilia compresa. Tre sono le ipotesi: la prima che
 +il cognome derivi da un termine germanico <i><font color="#3333FF">halfer</font></i>
 +(<i><font color="#666666">aiutante</font></i>,); la seconda che derivi
 +da un toponimo campano <i><font color="#3333FF">Alfano</font></i> nel salernitano;
 +la terza che avrebbe contribuito anche all'origine del toponimo è
 +araba, dal termine <i><font color="#3333FF">al fannan</font></i> (<i><font color="#666666">l'asino
 +selvatico</font></i>). <i><font color="#3333FF">Alfana</font></i> è
 +anche il nome di <i><font color="#666666">una razza di cavalli arabi</font></i>
 +molto imponenti ed Alfani potrebbe quindi essere un riferimento ad&nbsp;
 +allevatori o addetti a cavalli di tale razza.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>Potrebbe anche derivare ad un uguale nome di persona, ricordo Sant'Alfano
 +arcivescovo di Salerno, nome che si pensa risalga ad un cognomen latino
 +del tardo impero <i><font color="#3366FF">Alphanus</font></i> di origine
 +incerta.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Viene quasi certamente dal toponimo Alfano (SA) per il quale si ipotizza
 +una derivazione dal termine *<i><font color="#3333FF">alfanus</font></i>,
 +forse forma osca di '<i><font color="#3333FF">albanus</font></i>'. Altri
 +lo vogliono derivato dal personale <i><font color="#3333FF">Alfius</font></i>
 +o dalla <i><font color="#3333FF">gens Alfia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFARANI
 +<br>ALFARANO
 +<br>ALFERANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alfarani è unico, Alferano lo è quasi e sono probabilmente
 +dovuti ad errori di trascrizione del molto più diffuso Alfarano,
 +che è un tipico cognome pugliese, in particolare del Salento, con
 +ceppi anche a Roma, a Napoli e nel reggino, dovrebbe derivare dal nome
 +greco <i><font color="#3366FF">Alpheranas</font></i>, ma non si può
 +escludere una derivazione da un'italianizzazione del nome arabo <i><font color="#3366FF">Al
 +Farrah</font></i>. Gli Alfarano costituirono un nobile casato baronale
 +d'origine greca, imparentato con i Capece, discendente da Alano Signore
 +d'Epiro. Gli Alfarano esercitarono Signoria su molte terre salentine, tra
 +il 1571 ed il 1582 Tiberio Alfarano, nato a Gerace (RC), disegnò
 +il progetto per il prolungamento della Basilica di San Pietro in Roma,
 +venne fatto Chierico Beneficiato di S. Pietro e, nel 1590, venne fatto
 +Arciprete.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFEI
 +<br>ALFEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alfei è specifico della fascia centrale, in particolare del maceratese
 +di Tolentino e di Belforte del Chienti, e di Roma, Alfeo ha un piccolo
 +ceppo siciliano ad Aragona nell'agrigentino ed a Gela nel nisseno ed uno
 +a Taranto e nel tarentino, dovrebbero derivare dal nome latino di origine
 +greca <i><font color="#3366FF">Alpheus</font></i> di cui abbiamo un esempio:
 +"<font color="#CC33CC">...Sed iugulare virum cum iam mucrone pararet, Currentes
 +Mauri socium de cede tulerunt. Signifer </font><font color="#FF0000">Alpheus</font><font color="#CC33CC">
 +medios violentus in hostes Currit, et exacuens fortes in bella sodales.
 +Ut reliquas prosternit aves regina volucrum, Sic sic hostiles terit insistendo
 +phalanges. ..</font>", il ceppo siciliano è più probabilmente
 +derivato dal fatto di abitare la famiglia nei pressi del fiume Alfeo che
 +bagna Siracusa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alfeni, praticamente unico, è del padovano, si dovrebbe trattare
 +di un cognome attribuito ad un fanciullo abbandonato. I cognomi attribuiti
 +ai bambini abbandonati non obbediscono ad alcuna regola, quasi sempre erano
 +di fantasia e, a seconda del tipo di istituzione, se religiosa o meno,
 +venivano attribuiti da un funzionario in base alla sua cultura, al credo
 +religioso, a volte all'aspetto o al comportamento del fanciullo e così
 +via.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">informazioni ricevute da Eddi Alfeni</font></font>
 +<br>Questo cognome è stato dato a mio nonno nell'orfanotrofio padovano.
 +Si parla dell'inizio del secolo scorso indicativamente nell'anno 1913. E' stato trovato in un fosso con dei soldi,una cuffietta e dei vestiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFERI
 +<br>ALFERO
 +<br>ALFIERE
 +<br>ALFIERI
 +<br>ALLIERI
 +<br>ALLIERO
 +<br>AUFERIO
 +<br>AUFIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alferi sembrerebbe siciliano, di Motta d`Affermo (ME) con un ceppo anche
 +a Gela (CL) ed a Santo Stefano Quisquina (AG), Alfero è piemontese,
 +Alfiere sembrerebbe unico, Alfieri è panitaliano, molto diffuso
 +su tutto il territorio nazionale, Allieri è lombardo, particolarmente
 +insediato nel bergamasco, Alliero è quasi unico, così come
 +Auferio, Aufiero sembra tipicamente campano, del napoletano, salernitano
 +ed avellinese. Questi cognomi, diffusi in tutta Italia, potrebbero avere
 +due diverse origini araba al sud e germanica al nord. Il nome <i><font color="#3366FF">Adalferio</font></i>
 +che proviene da due vocaboli germanici <i><font color="#3366FF">athala</font></i>
 +(<i><font color="#999999">nobiltà</font></i>) e <i><font color="#3366FF">faran</font></i>
 +(<i><font color="#999999">viaggiare</font></i>) o da una commistione latino
 +germanica con <i><font color="#3366FF">fero</font></i> (<i><font color="#999999">io
 +porto, conduco</font></i>) che avrebbe avuto il significato di <i><font color="#999999">colui
 +che guida con nobiltà</font></i> e dal nome dato in forma augurale
 +al cognome, inteso come degli Adalferi ecc. L'origine araba deriverebbe
 +da <i><font color="#3366FF">al faris</font></i> (<i><font color="#999999">cavaliere</font></i>)
 +o da <i><font color="#3366FF">al faras</font></i> (<i><font color="#999999">destriero</font></i>)
 +con un accenno di nobiltà nel primo caso e di un lavoro di cavalcante
 +nel secondo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFINI
 +<br>ALFINO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alfini è estremamente raro, Alfino lo è un pò meno
 +e sembra tipico del chietino, di Rocca San Giovanni in particolare, dovrebbero
 +derivare dal nomen latino Alfenus o Alfinus del quale abbiamo un esempio
 +in un'antica lapide latina: "<font color="#CC33CC">T</font><font color="#000000">(ito)</font><font color="#CC33CC">
 +Appalio T</font><font color="#000000">(iti)</font><font color="#CC33CC">
 +f</font><font color="#000000">(ilio) </font><font color="#CC33CC">Vel</font><font color="#000000">(ina)
 +</font><font color="#CC33CC">-</font><font color="#000000"> </font><font color="#FF0000">Alfino
 +Secundo</font><font color="#CC33CC"> - proc</font><font color="#000000">(uratori)</font><font color="#CC33CC">
 +August</font><font color="#000000">(i)</font><font color="#CC33CC"> XX
 +hered</font><font color="#000000">(itatium) </font><font color="#CC33CC">-
 +proc</font><font color="#000000">(uratori)</font><font color="#CC33CC">
 +Alpi</font><font color="#000000">(um)</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALFONSI
 +<br>ALFONSINI
 +<br>ALFONSINO
 +<br>ALFONSO
 +<br>ALFONZETTI
 +<br>ALFONZINI
 +<br>ALFONZINO
 +<br>D'ALFONSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alfonsi sembrerebbe tipico dell'area coperta dalle Marche meridionali,
 +dall'Abruzzo e dal Lazio, ma con un ceppo nel padovano ed uno nel barese,
 +Alfonsini, rarissimo, ha un piccolo ceppo nel romano, Alfonsino è
 +praticamente unico, Alfonso ha un ceppo tra alessandrino e genovese, uno
 +tra padovano e veneziano, uno nel sassarese, uno nel barese e una discreta
 +concentrazione in Sicilia, Alfonzetti è tipicamente meridionale,
 +con un ceppo a Francavilla Fontana nel brindisino ed a Taranto, uno a Scilla
 +nel reggino ed uno a Catania, Alfonzini ed Alfonzino sono praticamente
 +unici, D'Alfonso è ben presente in tutto il centrosud, in particolare
 +in Abruzzo ed in Puglia, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite
 +varie forme ipocoristiche, o forme patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">D'</font></i>
 +sta per <i><font color="#666666">figlio di</font></i>, dal nome di origine
 +germanica <i><font color="#3333FF">Alfonso</font></i>, molto spesso arrivato
 +per imitazione dagli usi degli invasori spagnoli, presso i quali il nome
 +era molto diffuso, nome nato dal germanico <i><font color="#3333FF">Adalfuns</font></i>,
 +a sua volta derivato da <i><font color="#3333FF">adal</font></i> (<i><font color="#666666">nobile</font></i>)
 +aggiunto a <i><font color="#3333FF">funs</font></i> (<i><font color="#666666">veloce,
 +rapido</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALGERI
 +<br>ALGIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Algeri ha un ceppo lombardo, soprattutto nel bergamasco, uno nel reggiano
 +ed uno siciliano nell'area che comprende il palermitano ed il messinese,
 +Algieri ha un ceppo molto consistente nel cosentino ad Acri e Corigliano
 +Calabro, con ceppi anche a Santa Sofia d'Epiro, Bisignano e Cosenza, ed
 +uno, molto piccolo, a Ragusa e nel ragusano, quest'ultimo potrebbe derivare
 +dalla forma arcaica del nome della città nordafricana di Algeri,
 +come possiamo leggere in questa lettera di supplica rivolta "<font color="#CC33CC">all'Eccellentissimo
 +Principe della Trabia, Presidente della Deputazione per la Redenzione dei
 +cattivi in Palermo</font>": "<font color="#CC33CC">Eccellentissimo Principe
 +Indotti siamo a ricorrere a Vostra Eccellenza noi poveri meschini schiavi
 +in questa d'</font><font color="#FF0000">Algieri</font><font color="#CC33CC">,
 +ché soffrimmo il duro peso della schiavitù da tanti anni
 +che già passati sono senza aver sollievo da nessuno, e perciò
 +oggi chiamamo per padre a Vostra Eccellenza e per nostri avvocati al Signor
 +Marchese Laredo e il Signor Marchese Flores ed il Reverendissimo padre
 +Adriano Amari tutti Deputati di questa di Palermo acciò mossi di
 +pietà ci vogliano liberare da questa penosa catena che giorno e
 +notte soffrimmo.</font>", e riferirsi forse a cristiani esuli da quella
 +città.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Algeri</font></i>
 +(con una variante in <i><font color="#3366FF">Algieri</font></i>), l'italianizzazione
 +cioè del personale germanico <i><font color="#3366FF">Alger</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Aldiger</font></i>, che può essere tradotto
 +come <i><font color="#999999">esperto o nobile lanciere</font></i> (per
 +una spiegazione più approfondita, <font color="#CC33CC">vedi Aldigeri</font>).
 +Per quanto proponibile, invece, pare meno probabile un rapporto con la
 +città di Algeri, la capitale dell'Algeria. In conclusione, dunque,
 +si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti, anche
 +se in alcuni casi non è esclusa una derivazione dalla toponomastica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALGHISI
 +<br>ALGHISIO
 +<br>ALGISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alghisi è tipico del bresciano, Alghisio, assolutamente rarissimo,
 +dovrebbe avere le stesse origini, Algisi è specifico del bergamasco, derivano tutti dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Alghisius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3333FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medievale</font></i> in un atto del 1174 in Lodi: "<font color="#CC33CC">MCLXXIIII,
 +VII die mensis madii, indicione VII. In presentia domni&nbsp; Alberici,
 +Laudensis episcopi, et Ottonis Morena, iudicis et tunc consulis Laude...
 +...Albertus et Homobonus de Luviraga et </font><font color="#FF0000">Alghisius
 +de Vignathe</font><font color="#CC33CC"> dant conditium episcopatui...</font>";
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad esempio nella seconda metà
 +del 1500 nel cremonese con "<font color="#FF0000">Alchisi sive Alghisi
 +Frate Camillus Angelus</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazione fornita da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alghisi è un cognome lombardo che viene dal nome germanico <i><font color="#3366FF">Algis</font></i>
 +(Förstemann, Altdeutsches Namenbuch, I, 167), forma breve di <i><font color="#3366FF">Athalgis</font></i>
 +formato da '<i><font color="#3366FF">athal</font></i>' = <i><font color="#666666">nobile</font></i>
 ++ '<i><font color="#3366FF">gis/gisil</font></i>' = <i><font color="#666666">lancia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALGOZZINI
 +<br>ALGOZZINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Algozzini, assolutamente rarissimo, è probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione di Algozzino, che è tipicamente siciliano, con un ceppo
 +a Palermo ed uno ad Agira nell'ennese, dovrebbe derivare dall'italianizzazione
 +del termine arabo <i><font color="#3333FF">al wazir</font></i>, di origine
 +persiana, dal termine <i><font color="#3333FF">vezir</font></i> con identico
 +significato di <i><font color="#666666">ministro</font></i> o <i><font color="#666666">alto
 +funzionario</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALI'
 +<br>ALO'
 +<br>ALU'
 +<br>D'ALI'
 +<br>D'ALO'
 +<br>D'ALU'</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico catanese Alì, Alò è decisamente pugliese, del
 +barese, brindisino e tarentino, mentre è molto raro e specifico
 +della provincia di Caltanissetta Alù, D'Alì, molto raro,
 +ha un ceppo siciliano, tra messinese e catanese ed uno in Calabria nel
 +valentiano, D'Alò, è molto diffuso in Puglia, soprattutto
 +nel tarentino e nel barese, D'Alù, molto raro, è tipico dell'ennese,
 +in alcuni casi possono derivare dal toponimo Alì (ME), più
 +difficilmente dal termine arabo <i><font color="#3366FF">alì</font></i>
 +che significa <i><font color="#3366FF">alto</font></i> o dal nome <i><font color="#3366FF">Alì</font></i>
 +derivato da questo termine, il cognome Alò deriva dal nome <i><font color="#3366FF">Alò</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Alone</font></i>, questo nome è
 +una contrazione del nome <i><font color="#3366FF">Aloisius </font></i>(<i><font color="#999999">Eligio
 +o Luigi</font></i>), le forme in <i><font color="#3366FF">D'-</font></i>
 +dovrebbero essere tutte patronimiche, cioè sottintendere <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, anche se in alcuni casi potrebbero invece indicare la provenienza
 +dal paese di Alì.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Più tipicamente siciliano, con un nucleo principale fra il nisseno,
 +l'agrigentino, il catanese e l'ennese, ma presente anche fra il nord ed
 +il centro nord del paese, il cognome Alù deriva dal nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Alù </font></i>o <i><font color="#3366FF">Alò</font></i>,
 +variante sincopata del nome <i><font color="#3366FF">Aluisio</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Aloisio</font></i>: si tratta, in realtà,
 +dell'italianizzazione del personale germanico <i><font color="#3366FF">Ludwig</font></i>,
 +che, composto dagli elementi <i><font color="#3366FF">hlod</font></i> (<i><font color="#999999">fama,
 +gloria</font></i>) e <i><font color="#3366FF">wig</font></i> (<i><font color="#999999">guerra,
 +battaglia</font></i>), può essere tradotto come glorioso combattente
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche Aloise</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alò deriva dal nome Eligio nella forma francese <i><font color="#3366FF">Eloi</font></i>,
 +che si è fissata in italiano come Alò. Cfr. Sant'Alò
 +e i cognomi bellunesi cadorini D'Alò, Dallò, Dall'O.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIANI
 +<br>ALIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aliani, abbastanza raro, è tipico del parmense e del piacentino,
 +con un ceppo anche nel barese, Aliano ha un ceppo tra Basilicata e barese
 +ed uno in Sicilia tra catanese e siracusano, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Alianus</font></i> di cui abbiamo un
 +esempio in questo scritto dell'anno 1248: "<font color="#CC33CC">Anno Domini
 +M°CC°XLV III kls febroarii2
 +</font><font color="#FF0000">A1ianus</font><font color="#CC33CC">
 +de Vauro t.i. d. qd i.t. et Petrus </font><font color="#FF0000">Alianus</font><font color="#CC33CC">
 +frater i.t. rogaverunt Bernardam filiam quondam Willelmi Vinerous de Cocorenx
 +quod redderet eis hereticos et d. Bernarda promisit eis.quod redderet si
 +posset,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIAS
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico cognome sardo della Gallura.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Massimo
 +Luciano</font></font>
 +<br>In gallurese si tende a trasformare il nesso "<i><font color="#3333FF">el</font></i>"
 +in "<i><font color="#3333FF">al</font></i>", quindi Alias potrebbe essere
 +la variante gallurese del sardo <i><font color="#3333FF">Elias</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Elia</font></i>), in Gallura il nome
 +proprio di persona Elia si dice esattamente Alias. Il cognome dovrebbe
 +perciò derivare da una cognominizzazione del nome proprio del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIBERTI
 +<br>ALIBERTO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aliberti sembra avere un nucleo importante in Campania, uno nel torinese
 +e milanese ed uno nel messinese, Aliberto, molto molto raro, ha un nucleo
 +nel messinese, derivano dal nome germanico Alipertus di cui abbiamo un
 +esempio in un atto scritto a Cremona nell'anno 851: "<font color="#CC33CC">...Ego
 +</font><font color="#FF0000">Alipertus </font><font color="#CC33CC">interfui.
 +Ego Leo notarius ibi fui et hoc iuditium dedi...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazione fornita da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Aliberti è diffuso al Nord, in Piemonte (nel torinese e nell'astigiano)
 +e in Lombardia nel milanese.&nbsp; L'origine di questo cognome va ricercata
 +nel Sud, in Campania, dove tuttora si individuano ceppi consistenti nel
 +napoletano e soprattutto nel salernitano. L'epicentro è infatti
 +il comune di Siano (SA), dove Aliberti è tutt'oggi un cognome diffusissimo.
 +Alipertus era un tipico nome longobardo, attestato in Italia fin dal VII
 +sec (ricordiamo che Siano si trova nell'antico Ducato Longobardo di Benevento,
 +la famosa Langobardia Minor, tra la capitale Benevento, Capua e la più
 +recente sede longobarda di Salerno). E' chiara l'etimologia di Aliberti,
 +che deriva dai termini germanico-romanzi <i><font color="#3366FF">ala</font></i>
 +(che significa del tutto, molto) e <i><font color="#3366FF">bertha</font></i>
 +(col significato di illustre, famoso, splendente). (C'è anche chi
 +protende a giustificare il primo termine come derivante da <i><font color="#3366FF">athala</font></i>,
 +cioè <font color="#999999">di </font><font color="#000099">stirpe</font>.
 +In tal caso il cognome deriverebbe da <font color="#000099">nobile, illustre
 +di stirpe</font>: questa interpretazione mi sembra però più
 +appropriata per i cognomi di origine germanica che iniziano con <i><font color="#3366FF">Adal</font></i>-
 +es., Adalberti).&nbsp; Aliberti avrebbe quindi come significato originario
 +<font color="#000099">illustre, molto famoso</font>: non dimentichiamo
 +però che stiamo considerando sempre il cognome come derivato da
 +un nome, per cui non dobbiamo ritenere che si sia per forza creato da un
 +capostipite nobile o illustre, ma più semplicemente da un personaggio
 +di nome Alipertus, diventato Alibertus, insomma, il nostro Alberto (lo
 +stesso esempio potrebbe essere fatto spiegando la cognominizzazione del nome
 +Salvatore, che non vuol dire che il capostipite fosse "un salvatore", ma
 +che probabilmente quello fosse il suo nome o soprannome). Tra gli Aliberti
 +si distingue un ramo a Canelli, in provincia di Asti, che tra la seconda
 +metà del '600 e l'ultimo quarto del '700 annovera fra i suoi membri
 +parecchi artisti di pregio: Giovanni Carlo (1662-1740), pittore; Carlo
 +Filippo (1710-1770), architetto; Giuseppe Amedeo (circa 1709-1772) pittore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIBRANDI
 +<br>ALIBRANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alibrandi sembrerebbe tipico di Messina, presenta anche un ceppo a Roma,
 +Alibrando ha un ceppo salentino a Taurisano (LE) in particolare ed il nucleo
 +principale nel messinese a Santa Lucia del Mela e Milazzo, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Alibrandus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del 1203: "<font color="#CC33CC">...Nos
 +Aldibrandinus Malpillus et Glando... cives lucani confitemur simul recepisse
 +mutuo a dno fratre </font><font color="#FF0000">Alibrando</font><font color="#CC33CC">
 +magistro domus militie templi, et a Bruno Preceptore, et Cobto yconomo
 +ejusdem domus quinquaginta libras promittentes reddere ad proximum Festum
 +Pascatis resurrectionis vobis...</font>". variazione del nome Aldebrandus
 +o Ildebrandus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALICICCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alicicco è specifico di Sassari, l'origine etimologica è
 +oscura, anche se si può ipotizzare una derivazione da un soprannome
 +dialettale basato sul termine catalano <i><font color="#3333FF">alica</font></i>
 +(<i><font color="#666666">alga</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIENI
 +<br>ALIENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Alieni che Alieno sono quasi unici, probabilmente siciliano il primo
 +e dell'area campano, lucana il secondo, dovrebbero derivare dal cognomen
 +latino <i><font color="#3333FF">Alienus</font></i>, ricordiamo con questo
 +nome il generale latino del primo secolo d.C. Aulus Caecina Alienus, di
 +cui parla Tacito nelle sue <i><font color="#3333FF">Historiae</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">.. Sed profusa cupidine et insigni temeritate Legati
 +legionum, </font><font color="#FF0000">Alienus Caecina</font><font color="#CC33CC">
 +et Fabius Valens: e quibus Valens, infensus Galbae, tamquam detectam a
 +se Verginii cunctationem, oppressa Capitonis consilia ingrate tulisset,
 +instigare Vitellium, ardorem militum ostentans. Ipsum celebri ubique fama
 +: nullam in Flacco Hordeonio moram: adfore Britanniam: secutura Germanorum
 +auxilia : male fidas provincias: precarium seni Imperium et brevi transiturum:
 +panderet modo sinum et venienti Fortuna occurreret. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIETTA
 +<br>ALIETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alietta, quasi unico, sembrerebbe piemontese, Alietti è tipico della
 +Lombardia settentrionale, di Domaso nel comasco e di Colico nel lecchese,
 +dovrebbero essere forme ipocoristiche del nome latino <i><font color="#3333FF">Aelia</font></i>,
 +ricordiamo Aelia Galla Placidia il cui mausoleo a Ravenna è famosissimo,
 +o del nome di origini ebraiche <i><font color="#3333FF">Elia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIFFI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aliffi è tipicamente siciliano di Siracusa e del siracusano e di
 +Catania, potrebbe derivare da una forma aferetica del nome arabo <i><font color="#3333FF">Khalifa</font></i>
 +derivato a sua volta dal termine omonimo (in italiano il <i><font color="#666666">califfo</font></i>)
 +(<font color="#CC33CC">vedi CALIFANI</font>); potrebbe anche esserci un
 +collegamento con il termine arabo alif, corrispondente all'alfa greco,
 +è la prima lettera dell'alfabeto arabo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIGHIERI
 +<br>ALIGHIERO
 +<br>ALLIGHI
 +<br>ALLIGHIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alighieri è assolutamente rarissimo, Alighiero, Allighi ed Allighieri,
 +quasi scomparsi, sono fiorentini.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni inserite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>Alighieri, Alighiero e Alligghieri, potrebbero avere alla base il nome
 +Alighiero (Allighiero) o Aldighiero, o Aldaghiero. Presenta nuclei sparsi
 +lungo la penisola. In Romagna, Marche, Sicilia e soprattutto in Toscana
 +(Pisa e Firenze, con un nucleo a Santa Croce sull'Arno, a pochi chilometri
 +dal comune fiorentino di Fucecchio, patria del compianto Indro Montanelli)
 +e Puglia (provincia di Brindisi, epicentro nel comune di Carovigno). Allighi
 +forse derivato dalla contrazione del nome Allighiero (Alighiero), o Aldighiero
 +o Aldaghiero è rarissimo, presente solo a Firenze e provincia.
 +<br><font color="#000099">Dante Alighieri</font>
 +<br>Il "Sommo Poeta" Dante Alighieri nacque a Firenze tra il 14 Maggio
 +e il 13 Giugno del 1265 (sotto il segno dei Gemelli). Morì a Ravenna
 +il 14 Settembre 1321. E' autore della "Divina Commedia", capolavoro della
 +letteratura di tutti i tempi.&nbsp; Dante Alighieri è il primogenito
 +maschio di una famiglia fiorentina di piccola nobiltà. Il trisavolo
 +di Dante, tal Cacciaguida, nato anch'egli a Firenze, lasciò vasti
 +possedimenti terrieri alla casata Alighieri, la quale discendeva molto
 +probabilmente dal ceppo romano dei Frangipane, già possessori del
 +Colosseo. Cacciaguida sposa, forse a Ravenna, Donna Aldaghiera (Aldaghiero
 +era forse un nome di origine germanica?). Il primogenito Aldaghiero (dal
 +nome dell'importante casata alla quale apparteneva la madre) sposò
 +a Firenze una figlia di Bellincione Berti, con la quale generò Bellincione
 +(dal nome del nonno materno). Bellincione, nonno del Sommo, era molto conosciuto
 +a Firenze. Abile mercante di successo e proprietario terriero. Suo figlio,
 +padre di Dante, si chiamava Alaghiero II (con la perdita della -d per via
 +della pronuncia locale). Alaghiero sposò Gabriella Abati dalla quale
 +ebbe Durante Alaghieri (che pare essere il vero nome di Dante Alighieri).
 +La variante Alighieri (o Allighieri) si afferma infatti solo con il Boccaccio.
 +Dante sposa (a soli 12 anni, un matrimonio concordato dalle rispettive
 +famiglie) la fiorentina Gemma Donati con la quale ebbe almeno tre figli:
 +Jacopo, Pietro e Antonia.&nbsp; Beatrice, la nobildonna fiorentina amata
 +da Dante, si chiamava Bice Portinari, figlia di Folco Portinari, coetanea
 +del Poeta e morta di parto a 25 anni. Dante la incontrò quando aveva
 +18 anni e se ne innamorò perdutamente.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alighieri viene dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Aldiger</font></i>
 +(Förstemann, p. 59), composto dalla radice '<i><font color="#3333FF">alda</font></i>',
 +antico alto tedesco '<i><font color="#3333FF">alt</font></i>' = <i><font color="#666666">vecchio</font></i>
 ++ '<i><font color="#3333FF">gairu</font></i>', antico alto tedesco '<i><font color="#3333FF">gér</font></i>'
 += <i><font color="#666666">lancia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIMENA
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del palermitano con ceppi derivati nel cosentino e nel Lazio, deriva
 +o direttamente dai marchesi Alimena il cui cognome deriva dal vocabolo
 +greco <i><font color="#3366FF">alimena</font></i> = inesorabile, o indirettamente
 +dal toponimo Alimena (PA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIMONDA
 +<br>ALIMONDI
 +<br>ALIMONDO
 +<br>ALIMONTA
 +<br>ALIMONTI
 +<br>ALMONTE
 +<br>ALMONTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alimonda, decisamente rarissimo, sembrerebbe ligure, con un ceppo secondario
 +nel cagliaritano, sia Alimondi che Alimondo sono pressocchè unici,
 +Alimonta è specifico del basso trentino, di Spiazzo, Pinzolo ed
 +Arco, Alimonti ha un ceppo nel bergamasco a Romano Di Lombardia, ed è
 +tipico dell'area che comprende l'Abruzzo Guardiagrele nel teatino, L'Aquila
 +e Pescara ed il romano, Roma, Arsoli, Palombara Sabina e Tivoli, Almontie
 +ha presenze nel cuneese ed un ceppo a Gioia dei Marsi e Casalincontrada
 +nell'aquilano, Almonti ha un piccolo ceppo nell'imperiese, uno tra ascolano,
 +teramano e pescarese ed uno nel romano, dovrebbero tutti derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Alimondo </font></i><font color="#000000">derivato
 +dal normanno </font><i><font color="#3333FF">Alemond</font></i>, una variante
 +del più comune <i><font color="#3333FF">Alemanno</font></i>.&nbsp;
 +Personaggio famoso è stato il Cardinale Gaetano Alimonda nato a
 +Genova nel 1818 che divenne arcivescovo di Torino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALINARI
 +<br>ALINERI
 +<br>ALINEI
 +<br>ALIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il nome Alinario di derivazione
 +Franca dai termini alian (potenza) e haria (esercito o anche popolo degli
 +Arii (guerrieri) che avrebbe avuto il significato di guida (sottinteso)
 +di un potente esercito, appartiene all'insieme di nomi augurali trasformatisi
 +in cognomi dal nome del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIOTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo Aliota ha uuna presenza tra anconetano e maceratese
 +ed uno nel Gargano, potrebbe essere derivato da un soprannome greco per
 +cittadino di <i><font color="#3333FF">Alì </font></i>(<font color="#CC33CC">vedi
 +ALIOTI</font>), ma molto più probabilmente si tratta di una forma
 +etnica derivata da <i><font color="#3333FF">Alykes</font></i> sull'isola
 +veneta di Zante nel peloponneso, l'isola natale del poeta Ugo Foscolo,
 +ora parte della nazione greca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIOTI
 +<br>ALIOTO
 +<br>ALIOTTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti originari della Sicilia, dovrebbero derivare dall'etnico  <i><font color="#3333FF">aliota</font></i> abitante
 +di Alì (ME), ma è pure possibile una derivazione dal nome
 +medioevale italiano  <i><font color="#3333FF">Galeottus</font></i> modificato in  <i><font color="#3333FF">Galioto</font></i> e quindi per aferesi,
 +a titolo di esempio citiamo Galeotto Malatesta (1305-1385) Signore di Rimini:
 +"<font color="#CC33CC">...et admirationem: quibus etiam incitatus ad pietatem
 +in eum, et religionem augendam </font><font color="#FF0000">Galeottus Malatesta</font><font color="#CC33CC">,
 +qui Ariminum, aliaque finitima Oppida, Joanne XXII, Summo Pontifice, invaserat,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIPRANDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00aliprandi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="65" height="85"><font size="-1">Aliprandi tipicamente lombardo, con ceppi anche nel pescarese, è
 +una nobile famiglia ghibellina di cui abbiamo tracce a Milano fin dal 1200,
 +a Brescia nel 1237 Degoldo Aliprandi perora la causa della repubblica di
 +Mantova contro i Cremonesi circa delle competenze territoriali, casato
 +che ha dato Decurioni alla città di Lodi,&nbsp; nel 1492 troviamo
 +infatti tra i Decurioni di Lodi Antonio Aliprandi, nel 1595, la troviamo
 +tra le famiglie nobili del Repertorio della Città di Milano. (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALIBRANDI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALITTA
 +<br>ALITTI
 +<br>ALITTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alitta, molto molto raro, parrebbe dell'Italia settentrionale occidentale,
 +con qualche presenza nel cosentino, Alitti, praticamente unico, sembrerebbe
 +toscano, Alitto, assolutamente rarissimo, sembrerebbe di origini calabresi,
 +della costa tirrenica cosentina in particolare, i ceppi meridionali dovrebbero
 +derivare dal nome greco <i><font color="#3333FF">Alitta</font></i>, una
 +delle tante varianti del nome della dea Afrodite (<i><font color="#3366FF">Venere</font></i>),
 +per gli altri settentrionali si tratterebbe invece del risultato dell'italianizzazione
 +del nome francese <i><font color="#3333FF">Aliot,</font></i> una forma
 +diminutiva del nome Helias (<i><font color="#3333FF">Elia</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIVERNINI
 +<br>ALVERNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alivernini è tipicamente laziale del romano, di Roma in particolare,
 +ma anche di Agosta, Mentana, Subiaco e Guidonia Monticello, Alverni, praticamente
 +unico, è del romano, l'origine di questi cognomi dovrebbe essere
 +molto antica e risalirebbe al termine geografico <i><font color="#3333FF">Alvernia</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">Auvèrnha</font></i> in provenzale, una
 +regione della Francia centro-meridionale, l'attuale Auvergne, territorio
 +di arruolamento di legionari per le legioni romane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALIVESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alivesi, molto molto raro, è tipico del sassarese, di Alghero in
 +particolare, dovrebbe trattarsi dell'etnico della provincia basca di Alava
 +in Spagna.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alivesi è un cognome presente in Sardegna ma originariamente
 +còrso. Si tratta di un etnico del comune di <i><font color="#3333FF">Oliveti</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Alivesi</font></i>, <i><font color="#3333FF">Livesi</font></i>
 +(nel distretto di Sartene). Fonte: M. Pittau, Diz. cogn. Sardegna, 1, 32.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLADIO
 +<br>ALLODI
 +<br>ALLODIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alladio è tipicamente piemontese di Villafalletto, Caraglio, Centallo
 +e Fossano nel cuneese, Allodi è tipico di Parma e del parmense,
 +di Sorbolo, Fidenza e Colorno, con ceppi significativi anche in Lombardia,
 +Allodio, molto più raro, ha un piccolo ceppo a Caslino d'Erba nel
 +comasco, dovrebbero derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Alladius</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Allodius</font></i> originato dal nome greco
 +bizantino <i><font color="#3366FF">Helladius</font></i>, ricordiamo con
 +questo nome il vescovo Allodius santo martire del quarto secolo, ricordiamo
 +che <i><font color="#3366FF">Alladius</font></i><font color="#000000">,</font>
 +secondo Dionisio di Alicarnasso, è anche il nome di un re laziale
 +preromano.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamoa Roma nella
 +seconda metà del 1400 con il pittore Gian Giacomo Alladio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLAIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allais è tipicamente piemontese, del torinese in particolare, di
 +Avigliana, Coazze, Torino e Giaveno, dovrebbe essere di origini francesi
 +e derivare dal nome medioevale femminile francese <i><font color="#3333FF">Allais</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Alais</font></i>, una forma contratta alterata
 +dell'originale medioevale francogermanico <i><font color="#3333FF">Adalhaid</font></i>,
 +a sua volta originato dall'unione dei termini medioevali germanici <i><font color="#3333FF">adal</font></i>
 +(<i><font color="#666666">nobile</font></i>) ed <i><font color="#3333FF">haid</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">heide</font></i> (<i><font color="#666666">terra,
 +steppa, brughiera</font></i>), con il senso di <i><font color="#666666">colei
 +che è di nobili origini</font></i>, ma non si può escludere
 +una possibile connessione con un'alterazione del nome provenzale <i><font color="#3333FF">Alas</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALLASIA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLARCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allarchi, estremamente raro, sembrerebbe specifico dell'Italia settentrionale,
 +dovrebbe derivare dal nome spagnolo <i><font color="#3333FF">Alarcos</font></i>,
 +nome diffusosi in Spagna per immortalare la vittoria dei cristiani sui
 +mussulmani avvenuta nel 1195 nella località di Alarcos presso Ciudad
 +Real, molto meno probabile invece una derivazione da un'alterazione del
 +nome goto <i><font color="#3333FF">Alrick</font></i> (<i><font color="#666666">Alarico</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLASIA
 +<br>ALLASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alasia.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="35" height="43"><font size="-1">Allasia è abbastanza diffuso tra cuneese e torinese, Allasio, molto
 +più raro è tipico del torinese, dovrebbero derivare dal nome
 +originario della Linguadoca <i><font color="#3366FF">Alas</font></i> divenuto
 +<i><font color="#3366FF">Alasius</font></i> in latino, di questa cognominizzazione
 +si hanno tracce ad esempio nel cuneese nel 1500, in un atto tra l'altro
 +si può leggere: "<font color="#CC33CC">...Iohannis
 +Francisco Romano, </font><font color="#FF0000">Iohannis de Alasio</font><font color="#CC33CC">
 +testibus ad omnia supradicta vocatis et rogatis.</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Ivo Allasia        <a href="allasia00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" align="ABSMIDDLE" border="0" width="83" height="14"></a></font></font>
 +<br>ho eseguito una ricerca (metodica su atti battesimo e matrimonio in
 +diverse chiese delle province di Torino e Cuneo registrando tutto, anche
 +i rami collaterali e alcuni ceppi che non appartenevano al mio, ho visitato
 +anche gli archivi storici di Torino, Cuneo, la Biblioteca sabauda di Torino
 +e lo storico di Sommariva Bosco, dove, come da copie di documenti in mio
 +possesso, c'erano almeno 15/20 nuclei famigliari Allasia/Alasia già
 +nel 1400 circa col giuramento fatto ai Savoia. Alasia è uno dei
 +cognomi nobili importanti della città di Cuneo già dalla
 +sua fondazione nel XII° e XIII°&nbsp; secolo. Può darsi
 +che l'origine sia da ricondursi al fatto di avere il capostipite servito
 +una persona importante con nome di donna: Adelasia, Alasia oppure che sia
 +come da Voi esposto da Alas, che durante le registrazioni plurali latine
 +(figlio di padre e madre )diventava de Alasis o de Alasys, intesi come
 +coniugi, che riconvertito alla morte o in altre dichiarazioni si trasformava
 +ancora in Alasia.&nbsp; Allasia e Alasia sono la stessa cosa, l'origine
 +premeva si può ricondurre ad Alasia, nel corso delle registrazioni
 +in chiesa (fino al 1806 quando Napoleone ha istituito i cimiteri e l'anagrafe
 +comunale) a partire dal concilio di Trento del 1541, sia per il mio ceppo
 +che per gli altri ho documentato registrazioni, inizialmente Alasia, che
 +poi variavano in Allasia, di nuovo Alasia (il mio bisnonno era nato Alasia,
 +deceduto Allasia, suo padre deceduto Alasia, nato Allasia, suo padre ancora
 +era Alasia come quelli che lo avevano preceduto, ho anche annotato documenti
 +che annotano dei de Alaysis che arrivano o tornano in Costa Azzurra. 
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLAVENA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allavena è specifico di Ventimiglia, con buone presenze anche a
 +Pigna, Bordighera e Castel Vittorio, dovrebbe derivare dal cognome francese,
 +originario della Picardia, <i><font color="#3333FF">Allavène</font></i>,
 +cognome che probabilmente stava ad indicare nel capostipite un produttore
 +di avena.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLEGRA
 +<br>ALLEGRETTI
 +<br>ALLEGRI
 +<br>ALLEGRINI
 +<br>ALLEGRO
 +<br>ALLEGRONE
 +<br>ALLEGRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allegra è tipico siciliano, Allegretti sembra avere più ceppi,
 +nel mantovano e modenese, in Umbria e Lazio ed in Puglia e Lucania, Allegri
 +è diffuso in Piemonte, Lombardia, Veneto, alta Toscana, Emilia e
 +Romagna, Allegrini è tipico della fascia centrale e della Puglia,
 +Allegro è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia, Allegrone,
 +abbastanza raro, è specifico dell'alessandrino, di Tortona e Cerreto
 +Grue in particolare, Allegroni, probabilmente sempre piemontese dell'alessandrino,
 +è ormai quasi scomparso, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +modificazioni ipocoristiche od accrescitive, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Alegrus</font></i>
 +di cui si ha esempio nel <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font> in un giudizio emesso nel
 +1181 si legge: "<font color="#CC33CC">...Pro male ablato, et decima male
 +retenta, et anime mee remedio et mercede, et sic ut supra legitur, investivit
 +ipse </font><font color="#FF0000">Alegrus Iohannem</font><font color="#CC33CC">
 +qui dicitur de Ferrera de eodem loco ad partem et utilitatem suprascripte
 +ecclesie....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLEGRANZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembra originario della Val d'Ossola, dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale Allegranza, di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font></i>: " <font color="#CC66CC">Anno
 +dominice incarnationis milleximo centeximo trigeximo nono, mense ianuarii,
 +indictione secunda. Constat nos </font><font color="#FF0000">Alegranziam</font><font color="#CC66CC">,
 +relictam quondam Guifredi Verpo, atque Latinam, coniugem Anselmi Curto,...</font>",
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Milano nel 1700 con il padre
 +domenicano, storico ed archeologo Giuseppe Allegranza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLELUIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alleluia è quasi unico, probabilmente toscano, l'origine dovrebbe
 +essere dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Alleluia</font></i> (<i><font color="#666666">preghiamo
 +il Signore</font></i>), potrebbe essere di origini israelitiche, ma non
 +è escluso che possa trattarsi anche di un nome attribuito forse
 +ad un figlio atteso molto a lungo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alletti, assolutamente rarissimo, parrebbe del palermitano, potrebbe derivare
 +dalla <i><font color="#3333FF">Gens Allectia</font></i><font color="#000000">.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLEVATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allevato è tipicamente calabrese del cosentino, di San Giovanni
 +in Fiore, Fuscaldo, Pietrafitta e Cosenza, potrebbe trattarsi di un cognome
 +attribuito a capostipiti orfani, allevati da una famiglia diversa da quella
 +d'origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLEVI
 +<br>ALLIEVI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Deriva dall'uso prevalentemente
 +lombardo e particolarmente del Milanese di attribuire ai figli senza padre
 +un cognome beneugurante come Diotallevi, Diotaiuti che per contrazione
 +divennero poi più semplicemente Allevi, ecc.</font>
 +<br><font size="-1">Nelle Marche e più precisamente ad Offida (AP)
 +troviamo già dal 1200una famiglia Allevi ricca e di nobile casato,
 +che già allora vantava origini antichissime. Un Giacomo dict Allevi
 +(così indicato nei documenti), nativo di Offida, fu priore del convento
 +degli agostiniani di Lanciano (CH).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLIANA
 +<br>ALLIANI
 +<br>ALLIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alliana è quasi unico, Alliani, assolutamente estremamente raro,
 +sembrerebbe piemontese, così come l'ancor più raro Alliano,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale del toponimo Agliano nell'astigiano,
 +<i><font color="#3366FF">Fundus Allianus</font></i>, ma è pure possibile
 +che derivino dal nome latino <i><font color="#3366FF">Allianus</font></i>
 +attribuito a liberti o clientes di un <i><font color="#3366FF">Allius</font></i>.,
 +ricordiamo ad esempio <i><font color="#3366FF">Ticiasenus Allianus, curator
 +lusus iuvenalis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLIATA
 +<br>ALLIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00alliata.gif" nosave="" align="LEFT" width="80" height="80"><font size="-1">Alliata cognome probabilmente di origini longobarde
 +e toscane, trasferitosi poi in Sicilia, è attualmente specifico
 +solo di Gozzano (NO), Alliati, quasi unico, dovrebbe essere dovuto ad un
 +errore di trascrizione, dovrebbero derivare dal termine <i><font color="#3366FF">alliatus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">alleato</font></i>,
 +nel senso di <i><font color="#999999">famiglia alleata dell'Imperatore</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo tra gli scritti pisani del
 +1200, ecco cosa si legge in una lettera del 1295: "<font color="#CC33CC">...Petri
 +Gambacorte et Gaddi Gambacorte sociorum suorum et pro eis et quoque eorum
 +in solidum et </font><font color="#FF0000">Bectus Alliata</font><font color="#CC33CC">
 +quondam </font><font color="#FF0000">Galgani Alliate</font><font color="#CC33CC">
 +pro se et suo nomine mutuo consensu et voluntate concordi ob comodiorem
 +usum et uberiorem questum inter se ad invicem fecerunt...</font>",
 +nobile casato che gode dei titoli di principi di Villafranca, di duchi
 +di Salaparuta, duchi di Saponara e di duchi delle Pietretagliate.</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alliata è un cognome siciliano derivato dal vocabolo dialettale
 +'<i><font color="#3333FF">alliatu</font></i>' = <i><font color="#666666">attaccato,
 +ostinato</font></i>. Fonte: Rohlfs, 40.</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allio ha un ceppo nel cuneese, a Paesana, Sanfront, Revello e Saluzzo,
 +ed uno molto piccolo a Messina, potrebbe derivare dal nome medioevale provenzale
 +<i><font color="#3333FF">Aliot</font></i> , ma è pure possibile
 +possa trattarsi di un'italianizzazione della forma ipocoristica francese
 +<i><font color="#3333FF">Allion</font></i>, una variante di <i><font color="#3333FF">Elliot</font></i>,
 +che è un diminutivo del nome <i><font color="#3333FF">Elia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLIORA
 +<br>ALLORA
 +<br>ALLORI
 +<br>ALLORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alliora, quasi unico, è del milanese, Allora è tipicamente
 +piemontese, del torinese ed in particolare di Riva presso Chieri, Chieri
 +e Torino, Allori è tipicamente toscano, con ceppi a Prato e Poggio
 +a Caiano nel pratese, a Firenze e Scandicci nel fiorentino, a Marciana
 +Marina, Piombino, Livorno e Portoferraio nel livornese, ad Agliana e Pistoia
 +nel pistoiese ed a Bucine nell'aretino, Alloro ha presenze il Liguria,
 +Piemonte, Campania e Sicilia, con un piccolo ceppo a Verona ed uno a Roma,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite modificazioni dialettali, dal
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Alloro</font></i>, <i><font color="#3333FF">Allora</font></i>,
 +forme passate in disuso dell'oggi più comune <i><font color="#3333FF">Lauro</font></i>
 +e soprattutto <i><font color="#3333FF">Laura</font></i>., nome anticamente
 +attribuito in onore di Apollo, cui era dedicata la pianta aromatica dell'alloro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLOA
 +<br>ALLOI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alloa, molto molto raro, è specifico del Piemonte occidentale, soprattutto
 +del cuneese, così come l'ancora più raro Alloi, presente
 +nel cuneese, dovrebbero derivare da un soprannome originato dal termine
 +medioevale francese <i><font color="#3333FF">alleu</font></i> (pronuncia allö),
 +che indicherebbe la provenienza del capostipite da aree libere, non sottoposte
 +alla Signoria di alcuno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLOCCA
 +<br>ALLOCCHI
 +<br>ALLOCCHIO
 +<br>ALLOCCHIS
 +<br>ALLOCCO
 +<br>ALLOCHIS
 +<br>ALOCCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00allocca.jpg" nosave="" align="RIGHT" width="100" height="149"><font size="-1">Allocca è specifico del napoletano, in particolare di Somma Vesuviana,
 +Marigliano, Nola, Saviano e Napoli, con ceppi importanti anche a Brusciano,
 +Sant'Anastasia,San Giuseppe Vesuviano, Pomigliano d'Arco, San Gennaro Vesuviano,
 +Mariglianella e castello di Cisterno, Allocchi è quasi unico, Allocco
 +ha un ceppo piemontese, in particolare nel cuneese, a Bra, Savigliano,
 +Fossano e Racconigi, Allochis, estremamente raro, e Allocchis, praticamente
 +unico, sembrerebbero piemontesi, mentre Allocchio è decisamente lombardo,
 +soprattutto del cremonese, Alocchi ha presenze nel forlivese, nel maceratese e nel romano, si potrebbe trattare di forme ipocoristiche
 +del nome <i><font color="#3366FF">Elia</font></i>, o di forme contratte
 +del nome medioevale germanico <i><font color="#3366FF">Alialdus</font></i>,
 +da non scartare, anche se poco probabile una derivazione da soprannomi
 +generati dal termine <i><font color="#3366FF">allocco</font></i> (<i><font color="#999999">tipo
 +di uccello notturno simile alla civetta</font></i>), sia il ceppo piemontese,
 +che quello napoletano, potrebbero anche derivare dal termine dialettale
 +dell'area della Alpi Marittime <i><font color="#3366FF">allouche</font></i>
 +(<i><font color="#999999">agnello</font></i>), o da soprannomi originati
 +dal vocabolo provenzale occitano <i><font color="#3366FF">alloca</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ribes nero</font></i>) ed essere portati in Campania
 +al seguito degli angioini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLOISE
 +<br>ALLOISI
 +<br>ALLOISIO
 +<br>ALLOISO
 +<br>ALLOSIA
 +<br>ALLOSIO
 +<br>ALOISE
 +<br>ALOISI
 +<br>ALOISIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00aloisio.gif" nosave="" align="RIGHT" width="65" height="81"><font size="-1">Alloise e Alloiso sono quasi unici, Alloisi sembrerebbe umbro, di Pietralunga
 +(PG) in particolare, Alloisio ha un nucleo tra il Monferrato, Ovada in
 +particolare ed il genovese, particolarmente a Genova, ed uno nella bassa
 +bresciana, zona di San Paolo e Orzinuovi, Allosia ed Allosio, assolutamente
 +rarissimi, sono piemontesi, Aloise ha un nucleo romano, un ceppo napoletano
 +ed uno nel cosentino, Aloisi ha ceppi sparsi a macchia di leopardo in giro
 +per il paese, Aloisio è più propriamente del centrosud, derivano
 +tutti dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Aloisius</font></i>,
 +il nome Franco Clodoveo, l'antico Ludovico, per diventare il moderno Luigi
 +ha subito molte trasformazioni una delle prime è stata la latinizzazione
 +in <i><font color="#3366FF">Aloisius</font></i> dal quale nome hanno avuto
 +origine questi vari cognomi. La diffusione , nelle sue varianti, è
 +pressocchè a livello di tutta la penisola, sono quindi cognomi antichi
 +che possono risalire a prima del '400.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLONE
 +<br>ALLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Allone è caratteristico di Messina, Alloni è tipicamente
 +lombardo di Milano e del milanese, di Carbonara al Ticino e Pavia nel pavese,
 +di Mozzanica nel bergamasco, di Pianengo e Cremona nel cremonese e di Brembio
 +e Codogno nel lodigiano, dovrebbe derivare dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Allone</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome un Duca longobardo di Lucca, dell'uso di questo
 +nome abbiamo un esempio in una <i><font color="#3333FF">Cartula finis et
 +refutationis</font></i> del gennaio 1176 a Casei Gerola nel pavese: "<font color="#CC33CC">Anno
 +ab incarnatione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo septuagesimo
 +sesto, indictione nona, die mercurii qui est quartus decimus dies mensis
 +ianuarii. In loco Caselle, in portico ecclesie Sancti Agustini. Presentia
 +bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum quod in suis
 +tenebant manibus donna Isa, uxor </font><font color="#FF0000">Allonis</font><font color="#CC33CC">
 +de Mangano, et donna Adelaxa, uxor Uberti filii predicti </font><font color="#FF0000">Allonis</font><font color="#CC33CC">,
 +adversus dominum Iohannem Dei gracia abatem monasterii Sancti Petri Celaurii
 +fecerunt finem et refutacionem de omni iure ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALLUIGI
 +<br>ALOIGI
 +<br>ALUIGI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alluigi, molto raro, ha un piccolo ceppo nel savonese ed uno nel pesarese,
 +Aloigi, molto molto raro, è della zona che comprende il fiorentino,
 +l'aretino ed il pesarese, Aluigi, il meno raro, ha un ceppo genovese, uno
 +nel riminese a Rimini, Coriano e Cattolica, uno, il più consistente,
 +nel pesarese, a Piobbico, Acqualagna, Fermignano, Urbania, Pesaro, Cagli,
 +Cartoceto, Sant'Angelo in Vado e Fano, uno a Città di Castello nel
 +perugino, uno nel grossetano a Grosseto, Magliano in Toscana e Cinigiano,
 +ed uno a Roma, dovrebbero tutti derivare da alterazioni successive del
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Aloisius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALLOISE</font>), da cui si è poi ottenuto il nome moderno <i><font color="#3333FF">Luigi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALMADORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Almadori è decisamente umbro di Terni e di Spoleto nel perugino,
 +dovrebbe derivare dal nome settecentesco <i><font color="#3333FF">Almador</font></i>,
 +ricordiamo ad esempio che un personaggio di Schubert nell'opera <i><font color="#3333FF">Il
 +cavaliere dello specchio</font></i> ( Der Spiegelritter) è il principe
 +Almador.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALMASI
 +<br>ALMASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Almasi, quasi unico, sembrerebbe lombardo, Almasio è specifico del
 +nordmilanese e varesotto, di San Vittore Olona, Legnano, Parabiago e Nerviano
 +nel milanese e di Fagnano Olona nel varesotto, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Almasio</font></i>, ricordiamo
 +con questo nome il Capitano di Ventura Almasio Dei Banoli che operò
 +al servizio della Repubblica Serenissima agli inizi del 1300.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALMEONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Almeoni, assolutamente rarissimo, ha un piccolissimo ceppo ad Orzinuovi
 +nel bresciano, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Almeone</font></i>
 +derivato dalla contrazione del nome mitologico greco <i><font color="#3333FF">Alcmeone</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALMERIGHI
 +<br>ALMERIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Almerighi, estremamente raro, ha qualche presenza in Piemonte ed in Sardegna,
 +dove dovrebbe essere giunto dal Piemonte, Almerigo è praticamente
 +unico, dovrebbero derivare dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Almericus</font></i>,
 +latinizzazione del nome germanico <i><font color="#3333FF">Almrich</font></i>,
 +a sua volta composto dai termini <i><font color="#3333FF">alm</font></i>
 +(<i><font color="#666666">alpe, alpeggio, pascolo alpino</font></i>) e
 +<i><font color="#3333FF">rich</font></i> (<i><font color="#666666">ricco,
 +che possiede</font></i>) con il significato di <i><font color="#666666">colui
 +che è ricco di pascoli alpini</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALMIRANTE
 +<br>ALMIRANTI
 +<br>AMARANTE
 +<br>AMIRANTE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Almirante è un cognome assolutamente rarissimo, sembrerebbe avere
 +lontane origini siciliane, Almiranti, ancora più raro, è
 +probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente, Amarante
 +è specifico del salernitano, di Pagani, Angri, Sarno e Corbara,
 +con un ceppo anche a Napoli, Amirante è specifico di Napoli, con
 +presenze significative anche a Pozzuoli, Portici, San Giorgio a Cremano
 +e Quarto, dovrebbero tutti derivare, attraverso varie modificazioni, dal
 +termine medioevale <i><font color="#3366FF">Almirante</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Ammirante</font></i> con il significato di <i><font color="#999999">comandante</font></i>,
 +derivato dal termine spagnolo omonimo a sua volta derivato dal termine
 +arabo <i><font color="#3366FF">al-amir</font></i> (<i><font color="#999999">il
 +capo</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#999999">il
 +comandante</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#999999">il
 +Signore</font></i>, stessa origine del termine <i><font color="#3366FF">emiro</font></i>),
 +anche il vocabolo ammiraglio (comandante di una flotta) ha la stessa origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALNI
 +<br>ALNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alni, molto molto raro, è tipicamente romagnolo, di Forlimpopoli
 +e Forlì nel forlivese e di Ravenna, Alno, altrettanto raro, sembrerebbe
 +di Iesolo e Cavallino, ai confini con il territorio di Venezia, potrebbero
 +derivare dal latino <i><font color="#3333FF">alnus</font></i> (<i><font color="#666666">ontano</font></i>),
 +forse tramite soprannomi attribuiti a capostipiti che vivessero o provenissero
 +da una zona ricca di quel tipo di essenza arborea, molto frequente nelle
 +vicinanze dei corsi d'acqua: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Alnus</font><font color="#CC33CC">
 +vocatur quod alatur amne; proxime enim aquae nascitur, nec facile extra
 +undas vivit....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALOE
 +<br>ALOI
 +<br>ALOIA
 +<br>ALOJA
 +<br>D'ALOIA
 +<br>D'ALOJA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Aloe è tipico del cosentino, Aloi sembra originario della Calabria,
 +ma è presente anche in Sicilia con ceppi forse autoctoni, Aloia
 +è sparso a macchia di leopardo in tutto il sud, Aloja assolutamente
 +rarissimo ne dovrebbe essere la forma originaria sembrerebbe originario
 +dell'area campano, pugliese calabrese, D'Aloia e D'Aloja, rarissimo, sono
 +tipici dell'area che comprende le province di Napoli, Benevento, Foggia,
 +Bari e Potenza, derivano dalla forma dialettale campano calabra del nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Aloisius</font></i> (che diventerà
 +Eligio e Luigi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALONCI
 +<br>ALONGE
 +<br>ALONGI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alonci è quasi unico, Alonge è siciliano, con un ceppo nell'agrigentino,
 +ad Agrigento, Raffadali, Menfi, Sciacca e Favara, Alongi è un cognome
 +anch'esso decisamente siciliano, molto più diffuso, ha un ceppo
 +nel palermitano, a Palermo, Villabate, Monreale, Prizzi, Caccamo e Cefalà
 +Diana, nell'agrigentino, ad Agrigento, Favara, Aragona, Naro,San Giovanni
 +Gemini, Menfi, Raffadali, Campobello di Licata e Realmonte, nel catanese,
 +ad Adrano e Catania, nel nisseno, a Sutera e Sommatino, e nel trapanese
 +a San Vito lo Capo, potrebbero derivare da una modificazione del cognome
 +spagnolo <i><font color="#3333FF">Alongio</font></i>, o dalla sua forma
 +provenzale <i><font color="#3333FF">Alonge</font></i>, ma è abbastanza
 +probabile anche una derivazione da modificazioni dialettali del nome <i><font color="#3333FF">Alonsus</font></i> di origine spagnola,
 +ma presente in misura abbastanza significativa in Sicilia almeno dal 1500,
 +dell'uso di questo nome in Sicilia abbiamo un esempio in questa lettera
 +dell'anno 1548: "<font color="#CC33CC">...magnificum et reverendum fratrem
 +</font><font color="#FF0000">Alonsum de Madrigal</font><font color="#CC33CC">
 +ordinis eiusdem Sacre Religionis Hiresolimitane preceptorem Marsalie et
 +Corleonis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALONSI
 +<br>ALONSO
 +<br>ALONZI
 +<br>ALONZO
 +<br>D'ALONSO
 +<br>D'ALONZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alonsi, Alonso e D'Alonso, sono forme corrotte da una sostituzione della
 +esse alla zeta originaria, Alonzi è tipico di Sora nel frusinate,
 +e delle vicine province dell'Aquila e Roma, Alonzo ha un ceppo nel teramano,
 +nel romano, in Campania e nel catanese, D'Alonzo è tipicamente abruzzese
 +con un ceppo anche nel casertano ed uno nel barese, dovrebbero essere tutti
 +di origine spagnola e derivare o dal nome spagnolo <i><font color="#3366FF">Alonzo</font></i>
 +(forma alterata di <i><font color="#999999">Alfonso</font></i>) o dal cognome
 +spagnolo <i><font color="#3366FF">Alonso</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALOSA
 +<br>ALOSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alosa ha un ceppo a Napoli ed uno a Crotone, Alosi è siciliano,
 +soprattutto del messinese, di Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo, Messina
 +e Mazzarrà Sant'Andrea e di Palermo, come possibile origine si può
 +proporre una derivazione da un soprannome basato sul nome del pesce <i><font color="#3333FF">alosa</font></i>,
 +un particolare pesce di mare molto vorace, indicando forse nel capostipite un pescatore, ma non si può escludere
 +che possa trattarsi di una forma alterata dialettalmente del nome femminile
 +<i><font color="#3333FF">Aloisia</font></i> (<i><font color="#3333FF">Luigia</font></i>),
 +nome peraltro anticamente molto comune in tutto il meridione, o del nome
 +spagnolo <i><font color="#3333FF">Alonsa</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alpa è tipico della zona che comprende l'alessandrino ed il genovese,
 +in particolare Alessandria ed Ovada nell'alessandrino e Genova, potrebbe
 +derivare da un soprannome arcaico, basato sul termine ormai in disuso <i><font color="#3333FF">alpa</font></i>,
 +un <i><font color="#666666">antico strumento tagliente</font></i> usato
 +per produrre dei riccioli di legno di salice adoperati per impagliare le sedie,
 +molto meno probabile una derivazione da una forma dialettale del termine
 +<i><font color="#3333FF">alpe</font></i> (<i><font color="#666666">pascolo
 +di montagna</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALPARONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alparone è decisamente siciliano, ha un cepponel catanese, in particolare
 +a Caltagirone e Catania, con un ceppo anche a Palermo, potrebbe trattarsi
 +di una forma accrescitiva dialettale derivata da una modificazione del
 +nome <i><font color="#3333FF">Alvaro</font></i>, giunto in Sicilia al seguito
 +degli aragonesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALPINI
 +<br>ALPINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome abbastanza recente con
 +chiaro riferimento ad un'origine montanara del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALQUATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alquati è specifico della Lombardia sudorientale, di Cremona, Casalmorano
 +e Castelverde nel cremonese, di Rivarolo mantovano nel mantovano e di Rudiano
 +nel bresciano, dovrebbe stare per una forma etnica di capostipiti provenienti
 +dal paese piacentino di Castell'Arquato, uso che troviamo anche nelle Dissertazioni
 +di Ludovico Muratori: "<font color="#CC33CC">...Nicolaus de Castello Alquato
 +et Leccacorvus Consules civitatis Placentinae...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALSTER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe trattarsi di un cognome tedesco originario probabilmente della
 +zona di Amburgo e deriverebbe dal nome del fiume Alster.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALT
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Alt, assolutamente rarissimo, tipicamente friulano, è specifico
 +di Cormons nel goriziano, potrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine tedesco <i><font color="#3366FF">alt </font></i>(<i><font color="#999999">vecchio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">ALTADONNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="<