User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_s

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_s [2019/12/14 07:50]
cognomi_italiani_s [2020/02/17 22:50] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - S ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABA
 +<br>SAPA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sapa &egrave; assolutamente rarissimo, Saba &egrave; un tipico cognome
 +sardo, molto molto diffuso, pur essendo uno dei pi&ugrave; antichi, ma
 +&egrave; presente anche sul continente con ceppi autonomi, in alcuni casi
 +di origini ebraiche e dove il cognome deriverebbe dal termine ebraico <i><font color="#3366FF">sab&agrave;</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pane</font></i>), i ceppi sardi potrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal vocabolo sardo <font color="#3366FF">s&aacute;ba</font>
 +(<i><font color="#999999">mosto cotto, sapa</font></i> tipico componente
 +delle seadas, sorta di dolce), secondo alcuni deriverebbero invece dal
 +termine arabo <i><font color="#3366FF">saba</font></i> (<i><font color="#999999">sette</font></i>
 +, il numero), tutti possono poi derivare dal nome <i><font color="#3366FF">Saba</font></i>
 +a sua volta derivato dall'ebraico <i><font color="#3366FF">sheba</font></i>
 +(<i><font color="#999999">converso</font></i>), ricordiamo San Saba che
 +sub&igrave; il martirio sotto Aureliano nel III&deg; secolo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>Saba e Sapa derivano dal latino <i><font color="#3366FF">sapa</font></i>. <i><font color="#3366FF">Su
 +pani de saba</font></i> &egrave; <i><font color="#999999">il pane di sapa</font></i>,
 +&egrave; <i><font color="#999999">un dolce tipico della Sardegna</font></i>.
 +Come cognome lo ritroviamo tra i firmatari della Pace di Eleonora del 1388,
 +nelle due uscite: Saba e Sapa. Saba Anthonio, jurato ville de Billuchara
 +(villaggio distrutto - Contrate Montis Acuti); Saba Elia, jurato ville
 +de Billuchara; Saba Joanne, jurato ville Sagama(Sagama, era un oppidum
 += citt&agrave; fortificata - Contrate Castri Serravallis). Sapa Francisco,
 +burgi de Osilo; Sapa Joannes, ville Sasseri. Nel Condaghe di S. M. di Bonarcado,
 +*CSMB XI&deg;, XII&deg; sec., sono citati 6 Saba: Saba Barusone, figlio
 +di Pietro (206) e Saba Petru, in una partizione di servi; Saba Aketore(203),
 +in una donazione di terra; Saba Ianni(167), in una partizione di servi;
 +Saba Iusta (205), in una partizione di servi; Saba Petru, muraiolu (evidentemente
 +diverso dal precedente), in una vendita(comporu). Nel Condaghe di S. Nicola
 +di Trullas, *CSNT XI&deg;- XII&deg; sec.,&nbsp; sono citati 2 Sapa: Sapa
 +Dericcor (161), in una donazione; Sapa Petru (160), teste in una donazione(positinke
 +donnu Comita de Athen (sende malavidu in Bonorva, su latus de Victoria
 +Murta, et latus de sa filia Vera, et pede de s'atera filia Sirica. Testes:
 +Petru Sapa et Gosantine Runkina), pose (diede) donnu (signore, nobile)
 +Comita de Athen, essendo (gravemente) malato in Bonorva, la met&agrave;(
 +dei diritti di servizio o lavoro) di Victoria Murta, la met&agrave; della
 +figlia Vera e un quarto (pede, dei diritti di lavoro) dell'altra figlia
 +Sirica. Nella storia della Sardegna ricordiamo: Saba Agostino, storico
 +della Chiesa(Serdiana (CA)1888 - 1962), arcivescovo dell'archidiocesi di
 +Sassari (una tempo Torres), dal 1961 al 1962. Attualmente, il cognome Saba
 +&egrave; presente in 166 su 377 Comuni della Sardegna, a distribuzione
 +omogenea, In Italia &egrave; presente in 467 Comuni; nel territorio continentale
 +la maggiore frequenza si registra nel centro nord.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABADINI
 +<br>SABATANI
 +<br>SABATANO
 +<br>SABATINI
 +<br>SABATINO
 +<br>SABBADINI
 +<br>SABBATANI
 +<br>SABBATINI
 +<br>SABBATINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00sabatini.gif" NOSAVE BORDER=0 height=80 width=86 align=LEFT><font size=-1>Sabatani, quasi unico, &egrave; probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Sabbatani, che &egrave; specifico dell'area che comprende il bolognese,
 +il forlivese ed il ravennate, Sabatano, assolutamente rarissimo, ha un
 +piccolo ceppo a Napoli e nel napoletano e salernitano, Sabadini sembrerebbe
 +avere un nucleo nel ravennate ed uno nel comasco, Sabatini &egrave; specifico
 +dell'Italia centrale, Sabatino &egrave; diffuso in tutto il sud, Sabbadini
 +dovrebbe avere un ceppo nell'udinese, ed uno nella fascia che dalla provincia
 +diMilano, attraverso il bergamasco, il bresciano ed il mantovano, arriva
 +fino al modenese, Sabbatini &egrave; pi&ugrave; specificatamente marchigiano,
 +Sabbatino, molto raro &egrave; del napoletano. Tutti questi nomi dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Sabatus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Sabbatus</font></i> e dal suo derivato <i><font color="#3333FF">Sabbatanus</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3333FF">Sabbatinus</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Massimo
 +Sabatini</font></font>
 +<br>il cognome non deriva a mio avviso dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Sabatus</font><font color="#000000">,
 +ma dalla Gens Sabatina. </font></i>Nel IV&deg; secolo a.C. i Romani, sconfitti
 +gli estruschi Veientai si impossessarono dei loro territori, creando nuove
 +colonie e nuove trib&ugrave; (gens) rustiche. Tra queste c'era la <i><font color="#3366FF">Gens
 +Sabatina</font></i> dall'omonimo lago Sabatinus ora Bracciano, a nord di
 +Roma, e dalla citt&agrave; di Sabate, ora Anguillara Sabazia, prospiciente
 +il lago stesso. Anche il cognome Quirini ha la stessa origine.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Andrea
 +Malavolti</font></font>
 +<br>In Emilia questi cognomi sono sporadicamente diffusi anche tra gli
 +israeliti, derivando dal nome proprio <i><font color="#3366FF">Sabatino</font></i>
 +,
 +a sua volta derivato dal nome ebraico <i><font color="#3366FF">Shabetai</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Saturno</font></i> in ebraico), pianeta i cui
 +influssi sono studiati nella cabala. Si tratta di cognomi di origine sefardita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABADOTTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabadotto &egrave; caratteristico di Pederobba nel trevisano, dovrebbe
 +derivare da un soprannome stante ad indicare che il capostipite fosse nato
 +nella giornata di sabato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABATELLI
 +<br>SABATELLO
 +<br>SABATTOLI
 +<br>SABATUCCI
 +<br>SABBATELLI
 +<br>SABBATUCCI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabatelli ha un ceppo importante tra barese e brindisino con un ceppo probabilmente
 +secondario a Firenze, Sabbatelli, estremamente raro, &egrave; quasi sicuramente
 +dovuto ad errori di trascrizione del precedente, Sabatello, molto raro,
 +&egrave; romano, Sabattoli, molto molto raro, &egrave; specifico del bresciano,
 +Sabatucci &egrave; specifico di Roma e del romano, con un ceppo anche tra
 +Piceno e teramano, Sabbatucci &egrave; tipico dell'area che comprende l'urbinate,
 +il maceratese e l'Umbria, dovrebbero tutti derivare da modificazioni di
 +vezzeggiativi del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Sabatus</font></i>,
 +probabilmente attribuito a figli nati nel giorno di Sabato, di questo nome
 +abbiamo un esempio d'uso in un <i><font color="#3366FF">Carta venditionis</font></i>
 +dell'anno 1118 nel monastero di S. Pietro in Monte di Brescia che cos&igrave;
 +si conclude: "<font color="#CC33CC">... Ego </font><font color="#FF0000">Sabatus</font><font color="#CC33CC">
 +condam Hospinelli notarius auctenticum huius exempli vidi et legi et sicut
 +in illo continebatur ita et in isto scripsi nil addens vel minuens quod
 +sensum vel sentenciam mutet preter forte litteram vel syllabam et me quoque
 +subscripsi.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABATO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del sud, ha un nucleo nel Salento ed uno nel napoletano, salernitano,
 +avellinese e potentino, dovrebbe derivare dal nome medioevale, abbastanza
 +diffuso anticamente tra gli ebrei, <i><font color="#3333FF">Sabatus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Sabbatus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in Umbria in quest'atto redatto a Perugia nel 1377: "<font color="#CC33CC">...
 +Dictus </font><font color="#FF0000">Sabbatus</font><font color="#CC33CC">
 +juravit per Deum vivum et in licteris ebraicis, ipsis corporaliter tactis..
 +.. Cum Mathesias Sabbatutii prefatus contraxerit sotietatem cum dicto </font><font color="#FF0000">Sabbato</font><font color="#CC33CC">
 +in civitate Asisii ad mutuandum pecunias modo ebreorum, in qua sotietate
 +prefatus Sabbatus promisit contribuere pro duabus partibus de septem partibus
 +et dicta sotietas sit finita inter dictos contrahentes et remanserit honus
 +dicte sotietatis dicto Mathesie nec esset conveniens quod de pignoribus
 +acceptis per dictum </font><font color="#FF0000">Sabbatum</font><font color="#CC33CC">...</font>",
 +ma in alcuni casi potrebbe anche derivare dal nome del fiume silano anticamente
 +chiamato <i><font color="#3333FF">Sabatus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABBIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro, ha un ceppo nella
 +provincia di Bologna ed uno nel sudmilanese e lodigiano, potrebbe derivare
 +dal toponimo Sabbioni (CR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABELLA
 +<br>SABELLI
 +<br>SABELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabella presenta un ceppo originario nell'agrigentino, ma potrebbero esserci
 +due ceppi nel Molise e nel Salento, Sabelli ha un ceppo a Roma e nel romano
 +a San Cesareo, Palestrina, Rocca Priora, ed uno nell'area che comprende
 +il Molise ed il teatino, soprattutto ad Agnone nell'iserniese ed a Campobasso,
 +Sabello &egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3366FF">Sabellus</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#3366FF">Sabella</font></i>
 +che starebbe ad indicare inizialmente un'origine sannita, ma &egrave; pure
 +possibile che si tratti direttamente di una forma etnica derivata dal nome
 +del popolo dei <i><font color="#3366FF">sabelli</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +SABELLICO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABELLICO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabellico &egrave; un cognome tipicamente laziale, del frusinate ed in
 +particolare di Alatri, dovrebbe trattarsi di un etnico del&nbsp; Sannio
 +ed indicare che il capostipite apparteneva al popolo dei <i><font color="#3366FF">sabelli</font></i>,
 +antica forma per indicare una trib&ugrave; dei <i><font color="#3366FF">sanniti</font></i>
 +(popolazione italica del centrosud), cos&igrave; li descrive Catone: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Sabelli</font><font color="#CC33CC">
 +sunt prole Sabinorum, ut nomen est argumento, a Latinis Samnites, a Graecis
 +Saunite appellati...</font>", tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Venezia nel 1400 con lo scrittore Marcus Antonius Coccius Sabellicus
 +(1436-1506).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABENE
 +<br>SABENI
 +<br>SAGLIMBENE
 +<br>SAGLIMBENI
 +<br>SAIBENE
 +<br>SAIBENI
 +<br>SAIMBENE
 +<br>SALIMBENE
 +<br>SALIMBENI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabene, tipicamente laziale, &egrave; specifico di Roma e, nel frusinate,
 +di Anagni ed Acuto, con presenze anche a Cisterna di Latina nel latinense,
 +Sabeni, pi&ugrave; raro, &egrave; tipico di Roma, Saglimbene &egrave; molto
 +diffuso in Sicilia, nel palermitano a Misilmeri e Palermo e soprattutto
 +a Catania e nel catanese, a Misterbianco, ed a Limina e Santa Teresa di
 +Riva nel messinese, Saglimbeni &egrave; tipico di Messina e Limina nel
 +messinese, e di Lercara Friddi nel palermitano, Saibene &egrave; lombardo
 +dell'area che comprende il varesotto, il comasco ed il&nbsp; milanese,
 +magte diffuso a Milano, Cislago, Uboldo e Fagnano Olona nel varesotto,
 +e nel comasco a Fenegr&ograve;,Cirimido, Como, Limido Comasco, Appiano
 +Gentile e Mozzate, Saibeni, assolutamente molto raro, &egrave; della stessa
 +zona lombarda del precedente, Saimbene &egrave; tipico di Caltagirone nel
 +basso catanese, Salimbene ha un piccolo ceppo piemontese ad Asti e nell'alessandrino,
 +ed un ceppo significativo a Buccino nel salernitano, Salimbeni &egrave;
 +diffuso qua e l&agrave; in Italia, ha ceppi nell'area romagnola, nel fiorentino
 +e pratese, nel viterbese e romano e nel cosentino, dovrebbero tutti derivare
 +da nomi augurali medioevali, pi&ugrave; o meno alterati dal dialetto, derivati
 +da <i><font color="#3333FF">Salimbene</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#666666">sali il percorso della tua
 +vita nel bene</font></i>, un augurio cio&egrave; di buona crescita e buon
 +percorso di vita, ricordiamo con questo nome il parmense Fra Salimbene
 +de Adam autore trecentesco di una famosa Chronica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabetta &egrave; tipico dell'area che comprende Lazio, Molise, Campania
 +e Puglia, si dovrebbe trattare di una forma matronimica aferetica del nome
 +Elisabetta, che dovrebbe quindi essere il nome della capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABI
 +<br>SABIA
 +<br>SABIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabi e Sabio, estremamente rari, dovrebbero essere diverse trascrizioni
 +del cognome Sabia, che &egrave; specifico dell'area che comprende il salernitano
 +ed il potentino, con massima concentrazione nel salernitano a Capaccio,
 +Altavilla Silentina, Sala Consilina, Salerno ed Ascea, &egrave; nel potentino
 +per&ograve; che raggiunge la massima concentrazione, in particolare a Potenza,
 +ed Avigliano, con buone presenze anche a Ruoti, Pietragalla e Filiano,
 +e che dovrebbe derivare dal nome dell'antica <i><font color="#3333FF">Gens Sabia</font></i>
 +che era concentrata in epoca romana proprio in Campania e Lucania, Gens che diede anche
 +il nome al paese di Saviano nel napoletano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>S&agrave;bia, Sab&igrave;a &egrave; un cognome lucano presente a Pietragalla,
 +Potenza, Rionero in V&ugrave;lture e spesso altrove, anche calabrese, brindisino
 +e a Taranto: deriva da '<i><font color="#3333FF">savia</font></i>'. Rohlfs,
 +Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABIDUSSI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; tipico di Gemona del Friuli (UD), dovrebbe derivare
 +da un diminutivo dialettale del nome Sabatino</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABINI
 +<br>SABINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabini ha un nucleo nel basso parmense, a Roma e nel napoletano, Sabino
 +&egrave; diffuso nella fascia che comprende Campania, Puglia settentrionale
 +e Basilicata, con centro nel napoletano, casertano e nel barese, dovrebbero
 +derivare o dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">sabinus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">appartenente al popolo dei Sabini</font></i>)
 +o dal nome latino Sabinus, di questo nome si trovano tracce ad esempio
 +in una lapide tardo latina dove si legge: "<font color="#CC33CC">Terentia
 +Bonifatia canistraria /// T</font><font color="#000000">(itus)</font><font color="#CC33CC">
 +Flavius Natalis /// C</font><font color="#000000">(aius)</font><font color="#CC33CC">
 +Valerius </font><font color="#FF0000">Sabinus</font><font color="#CC33CC">
 +/// L</font><font color="#000000">(ucius)</font><font color="#CC33CC">
 +Avianius Felix /// C</font><font color="#000000">(aius)</font><font color="#CC33CC">
 +Flavius Domit</font><font color="#000000">[i]</font><font color="#CC33CC">us
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SABIU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sabiu, decisamente sardo, del sud dell'isola, ha un ceppo a Carbonia e
 +San Giovanni Suergiu nel carbonese, uno a Cagliari ed uno a Sardara nel
 +Medio Campidano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SABIU: <i><font color="#3366FF">s&agrave;biu</font></i>, significa
 +<i><font color="#999999">savio</font></i> o <i><font color="#999999">saggio</font></i>
 +e deriva, non dall'italiano o dallo spagnolo come alcuni linguisti lasciano
 +intendere, ma direttamente dal latino <i><font color="#3366FF">s&agrave;pius</font></i>;
 +a prova, in centro Sardegna il termine &egrave; rimasto tale, <i><font color="#3366FF">s&agrave;piu</font></i>.
 +Nella parlata campidanese, nella quale &egrave; pi&ugrave; frequente il
 +fenomeno del betacismo, <i><font color="#3366FF">sal&igrave;u</font></i>
 +diventa <i><font color="#3366FF">sab&igrave;u</font></i>, che per&ograve;
 +non ha dato origine al cognome <i><font color="#3366FF">S&agrave;biu</font></i>.
 +A prova abbiamo fatto una indagine in tutti i 32 Comuni sardi, ove &egrave;
 +presente il cognome e tutti gli interpellati hanno risposto con la pronuncia
 +S&agrave;biu. &Egrave; presente nei documenti antichi della lingua sarda:
 +tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE del 1388,&nbsp; figurano
 +due S&agrave;biu: Sabiu Guantino, majore ville Margini (* .distrutto. Partis
 +de Montibus); Sabiu Hogitto, ville Mahara(*Villamar - Contrate Marmille);
 +ed un Sapiu: Sapiu Petro, ville Gocille. (* Gocille.villaggio distrutto
 +- Curatorie de Anella). Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, *XI&deg;,
 +XIII&deg; secolo, sono presenti due S&agrave;biu: il primo &egrave; Mariane
 +(24), donnu (nobile), teste in una lite (kertidu) per una appropriazione
 +indebita di terre, da parte di Guantine Formiga, ai danni di Santa Maria:
 +Ego Nicolaus prior de Bonarcadu, recordationem facio de kertidu ki feci
 +cun Guantine Formiga.; il secondo &egrave; Orzocco (110) teste in una spartizione
 +di servi. Il cognome Sabiu &egrave; presente in 57 Comuni d'Italia, di
 +cui 32 in Sardegna: Carbonia 53, SanGiovanni Suergiu 41, Cagliari 35 Sardara
 +30, Perdaxius 14, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACCA'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sacc&agrave; , non comune, &egrave; tipico della Sicilia orientale e del
 +reggino, deriva dal nome arabo Saqqah derivato dal termine che identifica
 +chi fa il mestiere di trasportatore d'acqua.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACCARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; tipico della Sicilia occidentale, deriva dal termine
 +dialettale di derivazione araba saccaru (saqqah), che identifica chi fa
 +il mestiere di trasportatore d'acqua.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACCARDI
 +<br>SACCARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saccardi ha un ceppo principale nel fiorentino, un ceppo nel veronese ed
 +uno nel piacentino, Saccardo ha un nucleo principale nel vicentino ed un
 +piccolo ceppo, non secondario, nel napoletano, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal mestiere di scaricatore o <i><font color="#666666">saccardo</font></i>
 +(addetto alle salmerie negli eserciti medioevali), tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo nell'elenco scolari dell'Universit&agrave; di Perugia dell'anno
 +1583, dove &egrave; menzionato un certo Brunos Saccardus marchigiano, e
 +a Roccastrada (GR) sempre nel 1500 viene annoverato tra la nobilt&agrave;
 +del Paese un Ottaviano Saccardi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACCHETTI
 +<br>SACCHI
 +<br>SACCHINELLI
 +<br>SACCHINI
 +<br>SACCHINO
 +<br>SACCO
 +<br>SACCON
 +<br>SACCONE
 +<br>SACCONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00sacco.gif" NOSAVE BORDER=0 height=50 width=40 align=RIGHT><font size=-1>Sacchetti &egrave; presente al centro nord, Sacchi ha un nucleo importante
 +nell'areale che comprende le province di Alessandria, Pavia, Milano, Novara,
 +Varese e Lecco, un ceppo nel mantovano e modenese, ma ha presenze significative
 +in tutto il centro nord, Sacchinelli, molto molto raro, sembrerebbe avere
 +un piccolissimo ceppo nel vibonese, Sacchini ha vari ceppi, a Genova, nell'appennino
 +parmense e reggiano, nell'area che comprende la Toscana, la Romagna ed
 +il pesarese, un ceppo tra Piceno e teramano ed uno a Roma, Sacchino &egrave;
 +praticamente unico, Sacco &egrave; assolutamente panitaliano, Saccon &egrave;
 +decisamente veneto, di San Vendemiano, San Fior, Conegliano, Susegana,
 +Fontanelle, Codogn&egrave; e Mareno di Piave nel trevisano e di Mirano,
 +Venezia, Mira, Santa Maria di Sala e Spinea nel veneziano, Saccone ha un
 +ceppo nella Liguria di Ponente, a Roma, in Campania, nel foggiano e nella
 +Sicilia sudorientale, Sacconi, oltre al piccolo ceppo padovano, ne ha uno
 +nel fiorentino, aretino, senese e perugino ed uno nel viterbese e romano.
 +Tutti questi cognomi possono avere diverse origini, da variazioni accrescitive
 +o ipocoristiche dell'aferesi del nome <i><font color="#3333FF">Isacco</font></i><font color="#000000">,
 +di quest'uso abbiamo un esempio nel 1300 a Firenze con Saccone Tarlati,&nbsp;</font>
 +o da soprannomi legati al mestiere di produttore di sacchi, o di scaricatore.</font></td>
 +</tr> 
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACCOMAN
 +<br>SACCOMANDI
 +<br>SACCOMANDO
 +<br>SACCOMANI
 +<br>SACCOMANO
 +<br>SACCOMANNI
 +<br>SACCOMANNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saccoman, tipicamente veneto, ha un ceppo nella zona di Villa Bartolomea
 +(VR) ed uno a Venezia, Saccomandi ha un ceppo lombardo nel bergamasco ed
 +uno romagnolo nel ravennate e nel forlivese, Saccomando ha un ceppo a Cautano
 +nel beneventano, uno nell'agrigentino a Palma di Montechiaro, Naro e Racalmuto
 +ed uno a Caltanissetta, Saccomani ha un ceppo nel veronese, Saccomano ha
 +un nucleo ad Udine e dintorni, Saccomanni, assolutamente raro, sembrerebbe
 +meridionale e deriverebbe da errori di trascrizione di Saccomanno che ha
 +un ceppo tra Benevento e Napoli ed uno nel cosentino a Grimaldi,&nbsp;
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare dal termine longobardo <i><font color="#3366FF">sackmann</font></i>,
 +uomo adibito al trasporto di sacchi, normalmente vettovaglie, aggregato
 +spesso agli eserciti, trasformatosi poi in saccheggiatore, di quest'uso
 +si ha un esempio ne <i><font color="#3366FF">Il Sacco di Roma</font></i>
 +del 1527 scritto dal Guicciardini (1483 - 1540): "<font color="#CC66CC">...Per
 +le strade non si vedeva altro, che dalli </font><font color="#FF0000">saccomanni</font><font color="#CC66CC">
 +e da vilissimi furfanti portare gran fasci di ricchissimi paramenti e ornamenti
 +ecclesiastici, e gran sacca piene di pi&ugrave; sorte vasi d'oro e d'argento,
 +dimostrativi pi&ugrave; delle superbe ricchezze e vane pompe della romana
 +corte...</font>". Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1600
 +a Grimaldi dove opera il notaio Giovan Battista Saccomanno come vediamo
 +in quest'atto: "<font color="#CC33CC">In Dei nomine Amen, anno nativitatis
 +eiusdem millesimo sexcentesimo septimo... ... Nos Lucas Antionius Parisius
 +de Grimaldo Regius ad contractus iudex, </font><font color="#FF0000">Ioanne
 +Baptista Saccomannus </font><font color="#CC33CC">loci eiasdem publicus
 +regia auctoritate Notarius et testes subscripti...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACERDOTE
 +<br>SACERDOTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sacerdote ha un ceppo a Milano ed uno a Torino, Sacerdoti ha un ceppo a
 +Milano ed uno a Roma, sono entrambi molto rari, di origine ebraica, dovrebbero
 +derivare da una traduzione del termine ebraico <i><font color="#3366FF">kohanim</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sacerdoti</font></i>) da cui deriva il <i><font color="#3366FF">kohen</font></i>,
 +<i><font color="#666666">l'officiante</font></i> ed il cognome ebraico
 +Cohen.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SACRO
 +<br>SACRO CUORE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sacro &egrave; un cognome palermitano, ora presente solo nel napoletano,
 +Sacro Cuore &egrave; ormai quasi scomparso, si dovrebbe trattare di cognomi
 +attribuiti, a fanciulli abbandonati, da congregazioni religiose del Sacro
 +Cuore di Ges&ugrave;, dove probabilmente la madre aveva lasciato il bambino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SADA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sada &egrave; un cognome tipico del milanese, di Milano, Lainate e Rho
 +e del torinese, di Avigliana, Trana e Giaveno, cognome di chiara origine
 +spagnola, tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Milano fin dalla
 +seconda met&agrave; del 1500 con Dionigi Ottaviano Sada, di padre spagnolo,
 +scrittore di numismatica ed epigrafia latina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saetta ha un ceppo campno a Napoli, Ottaviano, Casoria e Sant'Anastasia
 +nel napoletano, ed un ceppo siciliano a Palermo, a San Cataldo nel nisseno,
 +a Siracusa e Noto nel siracusano, a Graniti nel mesisnese ed a Canicatt&igrave;
 +nell'agrigentino, il ceppo siciliano &egrave; probabilmente dovuto all'italianizzazione
 +del pi&ugrave; comune <i><font color="#3333FF">Saitta</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +SAITTA</font>), potrebbe derivare in genere da soprannomi o da nomi di
 +localit&agrave;.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saetti ha un ceppo nel bresciano, a Montichiari, Bedizzole e Carpenedolo,
 +ed uno nel modenese a Carpi, Modena e Novi di Modena, dovrebbe derivare
 +da un soprannome generato dal termine italiano arcaico <i><font color="#3333FF">saetto</font></i>
 +(<i><font color="#666666">freccia, dardo</font></i>), ma &egrave; pure
 +possibile che derivino dal nome <i><font color="#3333FF">Saetto</font></i>
 +inteso nell'accezione arcaica del termine per <i><font color="#666666">raggio
 +di sole</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAFFIOTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saffioti &egrave; un tipico cognome calabrese di Palmi nel reggino, con
 +presenze anche a Gioia Tauro nempre nel reggino ed a Lamezia Terme nel
 +catanzarese, potrebbe derivare da una forma etnica grecanica relativa alla
 +contrada Saf&ograve; di Briatico nel vibonese, probabile localit&agrave;
 +di origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAGGES
 +<br>SAGGESE
 +<br>SAGGESI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sagges &egrave; praticamente unico ed &egrave; barese, si tratta di una
 +famiglia di origini francesi originaria della citt&agrave; di Salins in
 +Borgogna, trasferitasi prima a Napoli e quindi in Puglia, Saggese ha un
 +ceppo nel napoletano a Napoli, San Giuseppe Vesuviano, Ottaviano, Torre
 +Annunziata e Caivano, nel salernitano, a Salerno, Mercato San Severino,
 +Baronissi, Fisciano, San Gregorio Magno, San Valentino Torio e Calvanico,
 +e nell'avellinese a Ospedaletto d'Alpinolo, ed un ceppo a Barletta e Bari
 +nel barese ed a Cagnano Varano, Bovino e Foggia nel foggiano, Saggesi,
 +quasi unico, &egrave; probabilmente il frutto di un'errata registrazione
 +del precedente, che potrebbe derivare dal nome della frazione di Lucera
 +nel foggiano Posta Saggese, ma l'ipotesi pi&ugrave; probabile &egrave;
 +che derivi dal cognome burgundo <i><font color="#3333FF">Sagges</font></i>,
 +probabilmente originato dal vocabolo provenzale <i><font color="#3333FF">satges</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">sagges</font></i>&nbsp; (<i><font color="#666666">sapiente,
 +saggio</font></i>), usato come nome, nella variante <i><font color="#3333FF">Sagges</font></i>,
 +abbiamo tracce di queste cognominizzazioni a Napoli con Pietro Sagges,
 +che trasferitosi a Bari, tra la fine del 1600 e gli inizi del 1700, assume
 +la carica di <i><font color="#3333FF">regio casciero delle entrate</font></i>
 +della citt&agrave;.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAGGINA
 +<br>SAGINA
 +<br>SAGINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saggina, Sagina e Sagini sono tutti rarissimi e sembrano originari della
 +provincia di Perugia, potrebbero derivare da soprannomi originati dal vocabolo
 +celtico latino sagus (mantello), di quest'uso si ha esempio in uno scritto
 +del 1371 conservato nell'Archivio di Stato di Firenze dove si pu&ograve;
 +leggere: "<font color="#CC33CC">Ricordanza che Bindo di Giovanni Vecchietti
 +vend&eacute; un podere posto nel popolo di San Filicie a Ema luogho detto
 +a Malavolta al quale io Paolo fui malevadore insieme con Vanni Vecchietti
 +e Donato di Lippo Doni del </font><font color="#FF0000">Sagina</font><font color="#CC33CC">
 +e Biagio di Bartolo Burci...</font>"; traccia di questa cognominizzazione
 +le troviamo nel cortonese verso la fine del 1300, come attesta un testamento
 +datato 1405 di un certo Castruccio Saggina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAGGINI
 +<br>SAGGINELLA
 +<br>SAGGINELLI
 +<br>SAGGINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saggini molto raro parrebbe avere un ceppo nel bolognese, uno nel livornese
 +ed uno nel viterbese, Sagginelli rarissimo potrebbe essere una modificazione
 +derivata dal primo, Sagginella e Saggino assolutamente rarissimi sembrerebbero
 +napoletani, potrebbero derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +saggina (tipo di pianta).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAGGIOMO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saggiomo &egrave; tipicamente campano, soprattutto di Napoli, con ceppi
 +anche a Pozzuoli e Quarto nel napoletano, a Camerota e Rofrano nel salernitano
 +ed a Sant'Arpino nel casertano, deriva dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Saggiomo</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel
 +nome medievale <i><font color="#3366FF">Saggiomo</font></i>,
 +attribuito al neonato come augurio di saggezza, sapienza (<font color="#CC33CC">vedi
 +Sapienza</font>). In conclusione, dunque, si tratta
 +della cognominizzazione dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saglio sembrerebbe piemontese, specifico della Val d'Ossola, presenta un
 +piccolo ceppo ad Ornavasso, dovrebbe derivare dal nome del Monte Saglio
 +nel Canavese, probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAIANI
 +<br>SAIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saiani ha un ceppo tra trentino e bresciano, con particolari evidenze a
 +Brescia, Collebeato, Concesio e Nave nel bresciano ed a Casale Cremasco
 +nel cremonese, e nel trentino ad Ala, Rovereto e Mori, ed uno tra ravennate,
 +ferrarese e forlivese, a Ravenna, Conselice e Lugo nel ravennate, a Cesena
 +e ad Argenta nel ferrarese, Saiano ha un ceppo tra casertano e beneventano,
 +a Castel Morrone nel casertano ed a Limatola nel beneventano, dovrebbero
 +derivare da nomi di paesi come Rodengo Saiano in Franciacorta nel bresciano,
 +Saiano, una frazione di Cesena, o Saiano di Sant'Agata de' Goti nel beneventano,
 +probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAIEVA
 +<br>SAJEVA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saieva decisamente siciliano, ha un ceppo nell'agrigentino, ad Agrigento,
 +Favara, Aragona e Realmonte ed un piccolo ceppo anche a Palermo, Sajeva
 +&egrave; invece tipico di Palermo ed Agrigento, dovrebbero derivare dal
 +nome arabo libanese <i><font color="#3333FF">Saev</font></i> o dal nome
 +slavo <i><font color="#3333FF">Sajev</font></i>, entrambi corruzioni del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Isaiah</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAILIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del cagliaritano, di Guasila in particolare.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Molto raro, originario di Guasila (CA), dovrebbe derivare dal vocabolo
 +sardo <i><font color="#3366FF">s'aili</font></i> (<i><font color="#999999">il
 +serraglio per capretti</font></i>). Si tratta, dunque, della cognominizzazione
 +del mestiere del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sailis &egrave; un cognome sardo che presenta il plurale di famiglia,
 +di forma campidanese, e potrebbe corrispondere al logudurese '<i><font color="#3333FF">su&#943;le</font></i>'
 += <i><font color="#666666">porcile</font></i>, che deriva dal latino '<i><font color="#3333FF">suile</font></i>'.
 +Fonte: M. Pittau, Diz. cogn. di Sardegna, III, p.148.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAINI
 +<br>SAININI
 +<br>SAINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saini &egrave; tipico lombardo, del milanese e macroarea circostante, mentre
 +Sainini, sempre lombardo, &egrave; specifico del bresciano, di Bienno in
 +particolare, Saino &egrave; pi&ugrave; del pavese, dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite una forma ipocoristica, da una modificazione dell'aferesi
 +del diminutivo del nome <i><font color="#3333FF">Isacco</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAITTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saitta &egrave; tipicamente siciliano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dalla velocit&agrave; del capostipite, tanto da essere assimilato
 +alla <i><font color="#3366FF">saitta</font></i> (in siciliano <i><font color="#999999">saetta,
 +fulmine</font></i>), difficile invece una connessione con il mestiere di
 +produttore di frecce.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAIU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saiu &egrave; tipicamente sardo, con un ceppo tra cagliaritano ed iglesiente
 +ed uno nel sassarese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SAIU: <i><font color="#3366FF">sa&igrave;u </font></i>o <i><font color="#3366FF">sal&igrave;u</font></i>
 += <i><font color="#999999">salato</font></i>. Deriva dal latino <i><font color="#3366FF">sal</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">salis </font></i>nel significato proprio
 +di <i><font color="#999999">sale</font></i> e figurato di i<i><font color="#999999">ntelligenza,
 +prudenza</font></i> o anche <i><font color="#999999">astuzia</font></i>.
 +Ha sale in zucca = <i><font color="#3366FF">tenit sali in conca</font></i>.
 +<i><font color="#3366FF">Sal&igrave;u</font></i> = <i><font color="#999999">salato</font></i>
 +in senso proprio, <i><font color="#999999">intelligente, astuto, prudente</font></i>
 +in senso figurato. Non l'abbiamo trovato nelle carte antiche, evidentemente
 +si tratta di un cognome recente. Negli antichi documenti della lingua sarda
 +troviamo invece S&agrave;biu, ma di significato ed etimo diversi (vedi
 +S&agrave;biu). Attualmente il cognome &egrave; presente in 113 Comuni del
 +territorio nazionale, di cui 47 in Sardegna, concentrati per la maggior
 +parte nell'Iglesiente e Medio Campidano, con l'eccezione di Alghero: Villacidro
 +112, Alghero 70, Iglesias 64, Carbonia 61, Domusnovas 46, Gonnosfanadiga
 +37, etc. Nella penisola &egrave; Roma ad avere il numero pi&ugrave; alto
 +con 35.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALA
 +<br>DELLA SALA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sala parrebbe specifico della parte centro occidentale del nord Italia,
 +ma sembrerebbe esserci anche un ceppo nella Sicilia occidentale, Della
 +Sala &egrave; invece specifico di Avellino e provincia, dovrebbero derivare
 +da uno dei vari toponimi quali: Sala Comacina (CO), Sala al Barro (CO),
 +Sala Biellese (BI), Sala Monferrato (AL), Salaparuta (TP), &egrave; pure
 +possibile una derivazione dal vocabolo longobardo <i><font color="#3366FF">sala</font></i>
 +(casa padronale)
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Paolo della
 +Sala</font></font>
 +<br>Il cognome Sala dovrebbe derivare dal termine longobardo con il quale
 +veniva indicato il palazzo pi&ugrave; importante delle insediazioni longobarde,
 +dove si governava e si gestivano gli affari. Ci&ograve; spiega il fatto
 +che sia particolarmente diffuso in Lombardia, ma anche in alcune zone dell'Italia
 +meridionale dove i longobardi hanno lasciato tracce consistenti. Per esempio
 +in Campania, dove ci sono diversi paesi e citt&agrave; con la aggiunta
 +Lombardo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALACONE
 +<br>SALICONE
 +<br>SALOCONE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salacone sembrerebbe specifico di Venosa nel potentino, Salicone &egrave;
 +esclusivo del salernitano, di Olevano sul Tusciano e Battipaglia, Salocone
 +sembrerebbe ormai scomparso in Italia, dovrebbero derivare da alterazioni
 +del nome franco <i><font color="#3366FF">Salacone</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio d'uso in un atto dell'anno 828 inserito nella storia degli atti
 +di Pipino I&deg; e II&deg; Re d'Aquitania: "<font color="#CC33CC">Pipinus,
 +gratia Dei rex Aquitanorum. Cum nos, in Dei nomine, die martis, Casanogilo
 +uilla palatio nostro in pago Pictauo secus alueum Clinno. ad multorum causas
 +audiendum rectaque iudicia terminandas resideremus. ibique uenientes aliqui
 +homines.. ..Proinde nos taliter unacom fidelibus nostris, id sunt... ..
 +Helimberto, Adalberto, Acsindo, Amalfredo, Ioseph, Arcambaldo, Erinfredo,
 +Geraldo, Ruben, Rotgaudo, Leotgario, Ingilberto, Deotimio, </font><font color="#FF0000">Salacone</font><font color="#CC33CC">
 +seu et&nbsp; Iohanni comiti palacii nostri uel reliquis quampluris, uisi
 +fuimus iudicasse ut, dum ipsi coloni taliter se recognoscebant, sicut superius
 +est insertum, ut ipsa discriptione, sicut ipse dictauerant uel conscripta
 +adherat, uel ipse ipsa redibutione per spacia annorum fecerant.</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salacone &egrave; un cognome lucano frequente a Venosa; deriva dalla
 +voce calabrese '<i><font color="#3366FF">salacune</font></i>' = <i><font color="#999999">sorta
 +di salice</font></i>. Cfr. anche SALICONE, SALOCONE. G. Rohlfs, Dizionario
 +storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALADINO
 +<br>SALARDINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Di Saladino si individuano due ceppi, uno nella Sicilia occidentale ed
 +uno nella provincia di Catanzaro, Salardino, molto raro, sembrerebbe siciliano
 +di Palermo e Misilmeri nel palermitano, dovrebbe essere dovuto ad un alterazione
 +del precedente, che potrebbe derivare da soprannomi legati al nome di <i><font color="#3366FF">Salah
 +El-Din Al-Ayubi</font></i>, detto Saladino (1169-1250), il famoso "feroce
 +Saladino", fondatore di un grande stato musulmano e condottiero dell'esercito
 +infedele contrapposto ai Crociati. Tracce antiche di questo cognome si
 +trovano gi&agrave; nel 1200, in un atto redatto a Luni (SP) nel 1279 si
 +legge: "<font color="#993366">...et Gualteroto q. domini </font><font color="#CC0000">Saladini</font><font color="#993366">
 +de Fosdenova </font><font color="#3333FF">(Fosdinovo (MS))</font><font color="#993366">et
 +aliis...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Carlo Barbieri</font></font>
 +<br><i><font color="#3366FF">Salah El-Din</font></i> &egrave; un cognome
 +diffuso da sempre nell'area islamica come tanti altri che hanno in comune
 +la parola <i><font color="#3366FF">Din</font></i> che significa religione.
 +<i><font color="#3366FF">Salah El-Din,</font></i> pronunciato <i><font color="#3366FF">Salah
 +Ed-Din</font></i>, significa <i><font color="#999999">preghiera</font></i>
 +(o lode) <i><font color="#999999">della religione</font></i>. Si pu&ograve;
 +quindi ipotizzare si possa trattare semplicemente di italianizzazioni di
 +quel cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAFIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico del catanese, siracusano e ragusano,
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Luigi Colombo</font></font>
 +<br>E' un cognome siciliano che dovrebbe derivare da una parola araba <i><font color="#3366FF">salaf</font></i>
 +che vuol dire <i><font color="#999999">arroganza</font></i>, <i><font color="#3366FF">superbia</font></i>,
 +dunque dovrebbe trattarsi di un nome derivato da un vecchio soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAMA
 +<br>SALAME
 +<br>SALMA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salama &egrave; assolutamente rarissimo dovrebbe essere abruzzese, probabilmente
 +della provincia de l'Aquila con probabile zona originaria a Pacentro, Salame
 +&egrave; probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del precedente,
 +Salma, altrettanto raro, parrebbe dell'area molisano, foggiano, campana,
 +con probabili ceppi anche in Sicilia, potrebbero avere radici.saracene
 +o ebraiche e derivare, sirettamente o tramite modifiche, dal termine arabo
 +<i><font color="#3333FF">salamah</font></i> (<i><font color="#999999">pace</font></i>,
 +normale forma di saluto).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salma &egrave; cognome siciliano che significa <i><font color="#3333FF">salma,
 +peso, carico</font></i>. Rohlfs 165.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAMI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salami &egrave; abbastanza diffuso in Lombardia ed Emilia, nel cremonese
 +e mantovano e nel reggiano e modenese, dovrebbe derivare da soprannomi
 +originati dal mestiere del capostipite che probabilmente produceva e vendeva
 +salami.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAMINO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salamino è tipicamente pugliese, di Bari, Taranto e Brindisi, potrebbe derivare da una forma ipocoristica derivata dal nome ebraico 
 +Shelam (Pacifico).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salamino &egrave; cognome pugliese variante della forma base Salamina
 +che &egrave; formato da <i><font color="#3333FF">Salamina</font></i> =
 +isola della Grecia nel golfo Saronico, di fronte al porto del Pireo. Minervini
 +430.lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAMON
 +<br>SALAMONE
 +<br>SALAMONI
 +<br>SALOMON
 +<br>SALOMONE
 +<br>SALOMONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salamon e Salomon, molto raro, sono tipici del trevigiano, Salamone &egrave;
 +specifico della Sicilia, Salamoni rarissimo &egrave; forse un errore di
 +trascrizione di Salomoni che ha un nucleo nel bolognese ed uno nel bresciano
 +e veronese, Salomone &egrave; diffuso in tutto il sud, ma in particolar
 +modo in Campania, questi cognomi derivano tutti dal nome ebraico Shelam
 +(pacifico).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALANITRI
 +<br>SALANITRO
 +<br>SALNITRI
 +<br>SALNITRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salanitri e Salanitro sono decisamente siciliani, del catanese in particolare,
 +Salnitri e Salnitro, assolutamente rarissimi, sono forse dovuti ad errori
 +di trascrizione, potrebbero derivare dal mestiere di raccoglitori di guano,
 +fonte primaria del salnitro in epoca antica.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Salanitri e Salanitro sono tipicamente siciliani, con ceppi maggiori
 +nel catanese, nel messinese, nell'ennese e nel nisseno, ma con probabili
 +ceppi minori anche nel nord e centro nord del paese, Salnitri, rarissimo,
 +si riscontra quasi esclusivamente nel Veneto, Salnitro, anch'esso estremamente
 +raro, dovrebbe essere originario del messinese o del reggino, tutti questi
 +cognomi derivano dal termine <i><font color="#3366FF">salnitro</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">salanitro</font></i>, una sostanza chimica che,
 +nel passato, veniva adoperata per diversi scopi: fertilizzante di buona
 +qualit&agrave;, utilizzato nella concimazione dei terreni agricoli, il
 +salnitro serviva anche come conservante alimentare (prevalentemente per
 +la conservazione di salumi e carni salate) e, in ultimo ma non meno importante,
 +come esplosivo (bisogna ricordare, in effetti, che il salnitro &egrave;
 +un componente fondamentale della polvere pirica e una volta si usava preparare
 +questa sostanza all'interno di salnitrare o nitrerie artificiali, di grande
 +importanza strategica considerando il fatto che la polvere da sparo fu
 +per lungo tempo l'unico esplosivo disponibile). In conclusione, questi
 +cognomi derivano o da nomi di mestiere attribuiti ai
 +capostipiti (probabilmente dei salnitrari, addetti cio&egrave; alla
 +lavorazione del salnitro, o forse dei proprietari di nitrerie) oppure dall'abitare
 +i capostipiti stessi presso un giacimento di salnitro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALAPARUTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salaparuta, assolutamente rarissimo, ormai presente solo a Roma o quasi,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese trapanese di Salaparuta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALARDI
 +<br>SALARDINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salardi &egrave; tipico della zona che comprende il veronese, il mantovano,
 +il reggiano ed il modenese, con massima concentrazione nel reggiano a Reggio
 +Emilia, Reggiolo, Luzzara, Guastalla, Novellara e Rubiera ed a Modena e
 +carpi nel modenese, ed a Suzzara, Marcaria, Mantova ed Asola nel mantovano,
 +Salardini &egrave; quasi unico, dell'area reggiano, modenese, dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Salardus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in uno scritto relativo all'anno 919: "<font color="#CC33CC">..
 +et in Italiam omnem impetum annis sequentibus converterunt, ac Berengario,
 +qui suis invisus, de regno periclitabatur, opem ferendo, multos interfecerunt.
 +Quum ad caedem eius vindicandam rursus Italiam ingressi, Papiam incenderunt;
 +dux illis tunc, Luitprando teste, </font><font color="#FF0000">Salardus</font><font color="#CC33CC">
 +erat, in quo Porphyrogeniti Zaltam, anonymi Zultam, nostrum Zoltanum latere,
 +bene Cl. Praius suspicatur. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALARIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico sardo, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal lavoro in una salina o dall'abitare nelle
 +sue vicinanze.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salaris &egrave; il plurale di famiglia di forma campidanese del cognome
 +Salari che deriva probabilmente dal gentilizio latino <i><font color="#3333FF">Salarius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; specifico
 +del Parmense e reggiano, potrebbe derivare dal toponimo Sala Baganza (PR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALBEGO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salbego &egrave; tipico di Thiene, Marano Vicentino e Sarcedo nel vicentino,
 +di Verona e di Gazzo nel padovano, potrebbe derivare dal toponimo Salbego
 +di Gazzo (PD), ma &egrave; pure possibile che derivi da un soprannome originato
 +dal vocabolo cimbrico <i><font color="#3366FF">salbig</font></i> (<i><font color="#999999">unt</font><font color="#3366FF">o</font></i>
 +in particolare con olio santo), i Salbego sono una casata nobile che ottennero
 +privilegi e nobilt&agrave; dal Senato della Serenissima Repubblica di Venezia
 +in occasione dell'impresa, cui parteciparono nel 1447, respingendo le truppe
 +dell'arciduca d'Austria Sigismondo aldil&agrave; dei confini della Repubblica,
 +in quell'occasione ottennero l'esenzione da ogni tassa per la vendita di
 +armi e di vino, di animali e di lana nonch&egrave; di sale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALCE
 +<br>SALCI
 +<br>SALCIO
 +<br>SALICE
 +<br>SALICI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salce ha un piccolo ceppo veneto a Padova ed a Sedico e Mel nel bellunese,
 +un ceppo a Tocco da Casauria e Pescara nel pescarese ed uno a Roma, Salci,
 +assolutamente rarissimo, ha sparute presenze nel perugino, Salcio &egrave;
 +praticamente quasi unico, Salice &egrave; molto diffuso in Lombardia e
 +Piemonte, con ceppi anche a Roma, in Puglia, in paricolare nel barese e
 +brindisino, nel crotonese, ed in Sicilia nel catanese e nel trapanese e
 +palermitano, Salici ha qualche presenza nel varesotto e comasco, nel bolognese,
 +in Sardegna a Dorgali e Nuoro nel nuorese ed in Sicilia a Riposto e Catania
 +nel catanese ed a Palermo, questi cognomi dovrebbero derivare dai nomi
 +delle localit&agrave; di provenienza dei capostipiti, che potrebbero essere
 +stati originari di Salce nel bellunese e nel teatino, di Salci nel perugino,
 +di Salice nel cosentino, nel catanzarese e nel reggino, nel messinese e
 +nel leccese, o di Salice Terme nel pavese, non si pu&ograve; inoltre escludere
 +la possibilit&agrave; che possano derivare da soprannomi originati dal
 +termine latino <i><font color="#3333FF">salix</font></i><font color="#666666">,
 +</font><i><font color="#3333FF">salicis</font></i>, legato a caratteristiche
 +del luogo d'origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALE
 +<br>SALIS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sale, abbastanza raro, dovrebbe essere sardo, probabilmente del nuorese,
 +Salis &egrave; molto diffuso in tutta la Sardegna, dovrebbero derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo latino sal salis, legato forse
 +all'attivit&agrave; di estrazione o al commercio di sale svolta dal capostipite.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>derivano dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">sali </font></i>o
 +<i><font color="#3366FF">sabi</font></i> (<i><font color="#999999">sale</font></i>);
 +dal latino <i><font color="#3366FF">salis</font></i>. Sal&igrave;u o sab&igrave;u
 +significa salato, il contrario di insipido, bambo. Sal&igrave;(ri) o
 +<br>sab&igrave;(ri) vuol dire salare. Sal&egrave;ra o sab&egrave;ra &egrave;
 +la saliera; in catalano sal&egrave;ra. Cognome diffuso in tutta la Sardegna
 +sin dai tempi antichi. Tra i firmatari della Pace di Eleonora del 1388,
 +*LPDE, figurano in 7 (di cui 1 Sale e 2 Sali) con questo cognome:&nbsp;
 +Sale Nicolao, majore (sindaco) ville Lorsia (Villaggio distrutto - Curatorie
 +de Anella), Sali Anthonio, ville Orani, Sali Joanne - de Bosa, Salis Benedicto,
 +jurato (guardia giurata, collaboratore del majore) ville Rippurui (villaggio
 +distrutto - Contrate Partis de Milis), Salis Jacobo, majore ville
 + Sellejani (villaggio distrutto - Campitani Majoris), Salis Marrani,
 +ville Sell&ugrave;ri (Sedd&ograve;ri - Sanluri), Salis Nicolao, ville Ecclesiarum
 +(Villa di Chiesa - Iglesias). Nel Condaghe di S. M. di Bonarcado, *CSMB
 +(61), &egrave; citato Sale Kristinkine, teste in una vendita di terra (comporu).&nbsp;
 +Il cognome Salis &egrave; presente in Sardegna in 146 Comuni su 377.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALEMI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente siciliano, dovrebbe derivare dal toponimo Salemi (TP).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALEMMA
 +<br>SALEMME
 +<br>SALEMMI
 +<br>SALEMMO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salemma &egrave; quasi unico, Salemme &egrave; tipico dell'area che comprende
 +le province di Latina, Caserta e Napoli con massima concentrazione a Napoli
 +e nel napoletano, con un ceppo anche a Diamante e Grisolia nel cosentino,
 +Salemmi, molto molto raro, &egrave; tipico di Cannara nel perugino, Salemmo
 +&egrave; assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare da forme contratte
 +del nome <i><font color="#3366FF">Salomone</font></i> come ad esempio leggiamo&nbsp;
 +in una sentenza emanata dal tribunale di Pisa nel 1191: "<font color="#CC33CC">In
 +eterni Dei nomine amen. Nos Lanfrancus quondam Ugonis de Foriporta et </font><font color="#FF0000">Salemme</font><font color="#CC33CC">
 +atque Petrus Alcherii publici appellationum cognitores et iudices causam
 +appellationis que vertebatur inter Gratianum sindicum hospitalis de Stangno
 +pro ipso hospitali et Gislam relictam Guidonis de Fasiano...</font>", ma
 +potrebbero in alcuni casi derivare da soprannomi originato dal vocabolo
 +arabo<i><font color="#3366FF"> salam</font></i> (<i><font color="#999999">pace</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salemme &egrave; cognome siciliano e calabrese, viene dal toponimo
 +Salemi, in provincia di Trapani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALER
 +<br>SALERI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saler, assolutamente rarissimo, &egrave; del trevisano, Saleri &egrave;
 +tipico di Lumezzane,Tavernole sul Mella, Brescia, Quinzano d`Oglio, Gardone
 +Val Trompia e Gussago, dovrebbero derivare direttamente o da troncature
 +dialettali del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Salerius</font></i>,
 +che possiamo ad esempio trovare in un atto dell'anno 1190 a Spoleto: "<font color="#CC33CC">...Et
 +Ego dominus Zacheus cum predictis canonicis juravimus et scribere rogavimus,
 +Et Ego Saracenus Bonifatii, Cristianus Sansonis, Johannes Sansonis, Mardocheus
 +Adamori, Varcorus, </font><font color="#FF0000">Salerius</font><font color="#CC33CC">,
 +Rainaldus frater ejus, Adam Dalimani, et Phylippus Adami Gozi, Bosturnus,
 +Munaldus Benedictelli, Henricus Bellonis, Carbo Berardi, Johannes Pelagalli,
 +et quam plures in contione asistentes affuerunt et testes rogati sunt.
 +Et Ego Quintavallis rogatus scripsi.</font>", nome molto diffuso in Austria
 +anche come cognome ed utilizzato anche da Shakespeare per un personaggio
 +de Il mercante di Venezia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>ipotesi fornite da Annalisa Saleri</font></font>
 +<br>i Saleri erano antichi commercianti di sale nella Val Trompia (Brescia)
 +gi&agrave; nel medioevo. L'origine della famiglia &egrave; da Cimmo Valtrompia,
 +piccolissimo paese a met&agrave; valle.Successivamente si sono suddivisi
 +in pi&ugrave; rami tra cui Lumezzane e Bagnolo Mella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALERNI
 +<br>SALERNITANO
 +<br>SALERNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salerni ha ceppi nel Lazio, in Abruzzo tra Villalfonsina (CH) e Casalbordino
 +(CH), a Foggia, a Napoli ed a Castrovillari (CS), Salernitano, molto molto
 +raro, &egrave; napoletano, Salerno &egrave; diffuso in tutt'Italia, anche
 +se con massima concentrazione al sud, dovrebbero derivare dal toponimo
 +campano Salerno o dal suo etnico.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salerno &egrave; cognome e toponimo campano, dal latino <i><font color="#3333FF">Salernum</font></i>,
 +nell'ager picentinus sulla costa tirrenica. L'etimologia del toponimo,
 +secondo alcuni scrittori antichi, dalla voce '<i><font color="#3333FF">salum</font></i>',
 +in lat. "<i><font color="#666666">mare</font></i>". Per altri, invece,
 +dalla fusione di due idronimi, <i><font color="#3333FF">Salum</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Irno</font></i> (quest'ultimo &egrave; fiume
 +della citt&agrave;). Tale ipotetica versione &egrave; stata riproposta
 +anche pi&ugrave; di recente. Il geografo del regno di Napoli S. Mazzella
 +(sec. XVII) riferisce una tradizione altrettanto antica, secondo cui Salerno
 +"fu cos&igrave; nominata dal fiume Silare" o Siler. Ma il Diz. di Toponomastica
 +Italiana accenna a una "base prelatina *sal (a)" significante 'canale'
 +e simili, con una formante -erna che ricorre in toponimi che si assegnano
 +al sostrato". Cio&egrave;, d'incerta valutazione semantica. Tuttavia, considerando
 +anche altri nomi locali in -erno, tale suffisso indicherebbe "produzione"
 +o "abbondanza di.." (v. lat. 'taberna' = magazzino, officina); di qui l'ipotesi
 +di Sal-ernum come "luogo di produzione del sale", lat. sal, salis. Il discorso
 +meriterebbe di essere ampliato con riferimento alle ricerche sulla storia
 +pi&ugrave; remota della citt&agrave;. Di questa parlano vari storici della
 +latinit&agrave;, anche per mettere in risalto l'aria salubre del luogo:
 +ad Orazio sofferente fu consigliata l'aria di Salerno; nei tempi di Dante
 +era molto celebre la scuola medica salernitana. Fonte: E. Finamore, Dizionario
 +toponomastico della Campania, p. 100.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALESIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salesiani, molto molto raro, potrebbe essere originario del catanese, dove
 +nel 1904 l'Arcivescovo di Catania, il Cardinale Giuseppe Francica Nava,
 +affid&ograve; ai Fratelli delle Scuole Cristiane un ospizio destinato ad
 +accogliere i fanciulli abbandonati della citt&agrave;, ma potrebbe anche
 +essere di qualsiasi altro luogo dove sia situato un istituto di Salesiani
 +o Salesiane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALGARI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salg&agrave;ri, molto molto raro, &egrave; specifico del veronese, di Verona,
 +Zevio e Tregnago, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +dialettale veronese arcaico <i><font color="#3333FF">salg&agrave;ro</font></i>
 +(<i><font color="#666666">salice</font></i>, ma detto anche di persona
 +con poca creanza), forse perch&egrave; il capostipite provenisse da una
 +zona ricca di salici, o forse per sottolineare un lato del suo comportamento.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALIGARI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saligari sembra tipico di Grosotto (SO) di Tirano e Forcola, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale Saliga di cui abbiamo un esempio nel Dissertazioni
 +(Antichit&agrave; italiane) di Ludovico Antonio Muratori: "<font color="#CC66CC">...lege
 +viventem Saliga testis, et pretio dante viderunt. Signum manuum </font><font color="#FF0000">Saligi</font><font color="#CC66CC">,
 +Ingelberti, seo Inghelelmi legem viventes Saliga testis...</font>" o da
 +nomi di localit&agrave; come quello riportato in questo testamento del
 +1245: "<font color="#CC33CC">...Item dimittimus prepositure mensis decembris
 +in recompensacionem .XII. denariorum censualium quos predicta prepositura
 +accipiebat in manso Arberto, quicquid habemus in manso de </font><font color="#FF0000">Saliga</font><font color="#CC33CC">
 +cum domo Milicie de Aquaviva, et quicquid habemus in manso de Marzano cum
 +domo Milicie de Castilione et quicquid habemus in mansu Petri Muti de Saltu...</font><font color="#000000">",
 +o come Saligario nome di una localit&agrave; di Mazzo di Valtellina (SO)
 +citata ad esempio in un atto del 1558: "</font><font color="#CC33CC">...Maffeo
 +fu Bernardo Venosta di Pedenale vende a Giovanni fu Giovannino olim Ginelmo
 +di Vione, decano di Mazzo, e ai consiglieri Gregorio fu Luchino Venosta
 +</font><font color="#FF0000">de Saligario</font><font color="#CC33CC">,
 +Abbondio fu Maffeo Crotti di Vione e Agostino fu Albertino de Foppoli ...</font><font color="#000000">".&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad esempio a Mazzo nel 1598
 +quando Antonio fu Bernardo Saligario &egrave; appunto decano di Mazzo.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALINA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salina ha un nucleo lombardo nel varesotto che si ramifica nel vicino milanese
 +e nel verbanese e novarese e presenta un piccolo ceppo anche nel messinese,
 +che potrebbe derivare da un toponimo come uno dei vari Salina (ME) o anche
 +come Santa Marina Salina sempre nel messinese, il ceppo lombardo invece
 +dovrebbe derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Sallia</font></i>
 +attraverso una forma ipocoristica, i Sallii avevano molte propriet&agrave;
 +fondiarie nella zona del pavese, novarese e varesotto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALIN
 +<br>SALINI
 +<br>SALINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salin &egrave; tipicamente veneto, di Martellago nel veneziano in particolare
 +e di Venezia, con un ceppo anche a Dueville nel vicentino, Salini ha un
 +ceppo tra sondriese e bresciano, uno tra massese e lucchese, uno nel teramano,
 +nel reatino e nel romano ed uno nel messinese, Salino ha un ceppo piemontese
 +tra vercellese e biellese, un piccolo ceppo nel Lazio ed uno nel siracusano,
 +dovrebbero derivare, anche tramite troncatura dialettale, dal nome medioevale
 +latino
 +<i><font color="#3333FF">Salinus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in quest'atto di donazione dell'undicesimo secolo: "<font color="#CC33CC">Ego
 +Bernardus Vivat et frater meus </font><font color="#FF0000">Salinus</font><font color="#CC33CC">
 +donamus Domino Deo et Sancto Petro Graciasensi, post mortem meam, omnes
 +res que habemus a Nuillaco et alla Cincta per alodum, pro redemptione anime
 +mee et patris et matris mee. Propter hoc dono fratri meo Silvio centum
 +quinquaginta solidos per escangeriam. Et de isto dono fuerunt testes: Arnaldus
 +prior et Willelmus monacus, Winemandus, Pontius, Bernardus, Raimundus,
 +Petrus, Berno.</font>", possono anche derivare dall'aferesi di cognomen latini
 +come Messalinus o ipocoristici del nomen latino Salius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALIU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saliu, molto molto raro, &egrave; tipico di Cagliari.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SALIU: <i><font color="#3366FF">sal&igrave;u</font></i>; pi&ugrave;
 +che altro &egrave; la versione cagliaritana di Saiu (<font color="#CC33CC">vedi
 +SAIU</font>). &Egrave; un cognome raro, presente in 15 Comuni d'Italia,
 +di cui 8 in Sardegna: Cagliari 24, Carloforte 15, Sassari 3, Quartu S.E.
 +3, etc. Non &egrave; presente negli antichi documenti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALLUSTI
 +<br>SALLUSTIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sallusti &egrave; tipico di Roma e dintorni, Sallustio, un p&ograve; meno
 +comune, ha un ceppo nel barese soprattutto a Molfetta ed uno nel Molise
 +specialmente a Roccavivara nel campobassano, dovrebbero derivare dal nomen
 +latino <i><font color="#3333FF">Sallustius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +SALLUSTRI</font>), di cui abbiamo un notevole esempio con <i><font color="#3366FF">Gaius
 +Sallustius Crispus</font></i> storico ed uomo politico del I&deg; secolo
 +a.C., l'uso di questo nome nei secoli post medioevali &egrave; provato
 +ad esempio nel 1500 in Calabria con il notaio Sallustio Falascina, in alcuni
 +casi pu&ograve; anche derivare da nomi di localit&agrave; come Campo Sallustio
 +nel romano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALLUSTRI
 +<br>SALLUSTRO
 +<br>SALUSTRI
 +<br>SALUSTRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sallustri ha qualche presenza nell'aquilano ed un piccolo ceppo a Roma,
 +Sallustro ha un ceppo a Napoli, Ottaviano e Torre del Greco nel napoletano
 +e a Cervinara nell'avellinese, Salustri &egrave; tipico della fascia centrale,
 +ha un piccolo ceppo a Falconara Marittima nell'anconetano, un ceppo a Foligno
 +e Massa Martana nel perugino ed a Terni, un grosso ceppo a Capistrello
 +e ad Avezzano nell'aquilano, ed un grosso ceppo a Roma, Albano Laziale,
 +Anzio, Ariccia e Genzano di Roma nel romano ed a Montopoli di Sabina e
 +Pescorocchiano nel reatino, Salustro &egrave; tipicamente siciliano, di
 +Palazzolo Acreide e Noto nel siracusano e di Naro nell'agrigentino, dovrebbero
 +derivare dal nome grecanico ed anche cognome greco <i><font color="#3333FF">Salustros</font></i>,
 +una forma alterata del nome greco <i><font color="#3333FF">Saloustios</font></i>,
 +che ha dato origine al nome romano <i><font color="#3333FF">Sallustius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALMERI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salmeri &egrave; decisamente siciliano, di Milazzo nel messinese in particolare
 +e di Messina e Gioiosa Marea sempre nel messinese, di Palermo e di Catania,
 +potrebbe derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Salmerius</font></i>,
 +ma &egrave; anche possibile che si tratti di soprannomi di origine spagnola
 +originati dal fatto di essere il capostipite appartenente ad una congregazione
 +di <i><font color="#3333FF">salmeri</font></i> (<i><font color="#666666">salmodianti</font></i>),
 +molto meno probabile un collegamento con il termine militaresco <i><font color="#3333FF">salmerie</font></i>
 +(<i><font color="#666666">rifornimenti, vettovagliamenti</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salmeri &egrave; cognome siciliano che significa '<i><font color="#3333FF">mulattiere</font></i>'
 +ma anche '<i><font color="#3333FF">somaro</font></i>', e corrisponde al
 +cognome francese Sommier. Cfr. Salma. Rohlfs 165.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALMI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salmi &egrave; tipicamente emiliano, di Bologna e Budrio nel bolognese,
 +e di Ferrara e Mesola nel ferrarese, potrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale basato sul termine dialettale emiliano <i><font color="#3333FF">salmi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">manicaretto</font></i>) o sull'operazione della
 +salmistrazione o salnitrazione, sistema per la conservazione della carne
 +con il nitrato di potassio, in entrambi i casi si potrebbe trattare di
 +un capostipite che di mestiere facesse il macellaio, esiste anche la possibilit&agrave;
 +di un riferimento con il termine <i><font color="#3333FF">salma</font></i>
 +(<i><font color="#666666">peso</font></i>), che potrebbe essere riferito
 +ad un trasportatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALMISTRARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro, &egrave; tipico del
 +padovano, dovrebbe derivare da un soprannome legato al mestiere di salatore
 +di carni o pesce.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALONA
 +<br>SALONIA
 +<br>SALONNA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salona &egrave; quasi unico, forse campano, Salonia &egrave; tipico del
 +sud della Sicilia, del basso catanese, del siracusano e del ragusano, Salonna
 +&egrave; invece specificatamente salentino, del brindisino, di Ceglie messapica
 +in particolare, ma anche di Francavilla Fontana, Ostuni e San Michele Salentino,
 +dovrebbero derivare dall'antico toponimo <i><font color="#3366FF">Salonia</font></i>,
 +o <i><font color="#3366FF">Salona</font></i> nome grecoromano che aveva
 +in epoca altomedioevale Spalato, l'attuale Split in Croazia, che potrebbe
 +essere il luogo d'origine del capostipite, citt&agrave; citata ad esempio
 +in questo scritto del quinto secolo: "<font color="#CC33CC">...Unde experientiam
 +tuam presentis precepti auctoritate duximus fulciendam, quatinus, conueniens
 +</font><font color="#FF0000">in Salonia</font><font color="#CC33CC">, Natalem
 +fratrem nostrum et coepiscopum nostrum saltim tot scriptis ammonitum studeat
 +adhortari, ut supra memoratum archidiaconem in suo statu suscipiat...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALPETRA
 +<br>SALPETRI
 +<br>SALPETRO
 +<br>SALPIETRA
 +<br>SALPIETRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salpetra e Salpetri sono quasi unici, Salpetro &egrave; specifico di Leonforte
 +(EN), Salpietra, quasi unico, &egrave; siciliano, Salpietro &egrave; tipico
 +del messinese e catanese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Salpetra, un tempo esistito in Sicilia, sembra ormai scomparso dal
 +nostro paese, Salpetri, unico, si riscontra solo ad Asti, Salpietra, rarissimo,
 +potrebbe essere originario di Ribera (AG), tutti questi cognomi derivano
 +dal termine <i><font color="#3366FF">salpetra</font></i>, variante del
 +pi&ugrave; comune salnitro, una sostanza chimica che, nel passato, veniva
 +adoperata per diversi scopi: fertilizzante di buona qualit&agrave;, utilizzato
 +nella concimazione dei terreni agricoli, il salnitro serviva anche come
 +conservante alimentare (prevalentemente per la conservazione di salumi
 +e carni salate) e, in ultimo ma non meno importante, come esplosivo (bisogna
 +ricordare, in effetti, che il salnitro &egrave; un componente fondamentale della polvere pirica e
 +una volta si usava preparare questa sostanza all'interno di salnitrare
 +o nitrerie artificiali, di grande importanza strategica considerando il
 +fatto che la polvere da sparo fu per lungo tempo l'unico esplosivo disponibile).
 +In conclusione, questi cognomi derivano o da nomi di mestiere attribuiti
 +ai capostipiti (probabilmente dei salnitrari, addetti cio&egrave; alla
 +lavorazione del salnitro, o forse dei proprietari di nitrerie) oppure dall'abitare
 +i capostipiti stessi presso un giacimento di salpetra.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALSA
 +<br>SALSI
 +<br>SALSO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salsa ha un ceppo nel novarese a Bellinzago Novarese, Novara ed Oleggio,
 +un ceppo a Tarquinia nel viterbese, ed uno a Bagheria nel palermitano,
 +Salsi &egrave; tipicamente emiliano, dell'area che comprende il parmense,
 +il reggiano in particolare ed il modenese, con presenze significative anche
 +nel bolognese, ravennate, forlivese e fiorentino, Salso, assolutamente
 +molto raro, ha un ceppo veneziano ed uno a Barletta nel barese, potrebbero
 +derivare da nomi di localit&agrave; come Salsomaggiore nel parmense, o
 +Salsa di cui leggiamo in quest'atto del 992: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">in
 +loco Salsa</font><font color="#CC33CC"> nominato quem ipsa (Adalheidis)
 +a fundamento pro dei amore aedificare primum coepit pro animabus parentum
 +nostrorum, avi nostri scilicet Ottonis et eius aequivoci genitoris nostri
 +imperatorum scilicet augustorum..</font>", o anche da idronimi come il
 +Rio Salso in Emilia ed in Sicilia, troviamo tracce di queste cognominizzazioni
 +agli inizi del 1200 con un certo Albertus de Salso de Piasentia balestriere.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALTAFORMAGGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome molto raro tipico di Palermo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>&egrave; un cognome siciliano, tipico di Palermo e provincia. L'origine
 +di questo caratteristico e simpatico cognome &egrave; da attribuire ad
 +un epiteto canzonatorio legato alla figura del capostipite, o derivato
 +dalla attivit&agrave; di produttore di formaggi svolta dallo stesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALTALAMACCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saltalamacchia ha vari ceppi in giro per l'Italia, uno piccolo a Genova,
 +uno altrettanto piccolo nel viterbese a Montalto di Castro e Soriano nel
 +Cimino, ed uno a Roma ed a Napoli, in Sicilia ha ceppi sull'isola di Lipari
 +e su quella di Lampedusa e Linosa, con presenze nel palermitano a Lercara
 +Friddi ed a Messina, dovrebbe derivare da un antico soprannome <i><font color="#3333FF">saltalamacchia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">brigante</font></i>) attribuito ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALTAREL
 +<br>SALTARELLI
 +<br>SALTARELLO
 +<br>SALTERELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saltarel &egrave; specifico dell'area veneziana, di Santo Stino di Livenza,
 +Iesolo e Caorle, Saltarelli ha vari ceppi sparsi per l'Italia centrosettentrionale,
 +nel piacentino e genovese, nel fiorentino e livornese, nel riminese, pesarese
 +ed anconetano, e nel romano e latinense, Saltarello, decisamente molto
 +molto raro, ha un piccolo ceppo nel padovano ed uno nel pisano, Salterelli
 +&egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare, anche tramite apocope
 +dialettale, dal nome e soprannome medioevale <i><font color="#3333FF">Saltarellus</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Lator
 +presentium nomine </font><font color="#FF0000">Saltarellu</font><font color="#CC33CC">s
 +ex re nomen habere videtur, quia saltat ut cervus et ascendit sicut muscipula
 +super cordas..</font>", tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +gi&agrave; nel canto XV&deg; del Paradiso di Dante Alighieri, dove viene
 +citato un Lapo Salterello giureconsulto fiorentino: "<font color="#CC33CC">..Sar&igrave;a
 +tenuta allor tal maraviglia // Una Cianghella , un </font><font color="#FF0000">Lapo
 +Salterello</font><font color="#CC33CC">, // Qual or saria Cincinnato ,
 +e Corniglia..</font>.", a Parma nel 1300, quando il vescovo si chiama Simone
 +Saltarelli fiorentino (1261 - 1342): "<font color="#CC33CC">...pisana ecclesia
 +moerore gravi tanto viduata pastore suspiria traxit hic iacent cineres
 +et ossa reverendissimi in Christo Patris et Domini Domini fratris </font><font color="#FF0000">Simonis
 +Saltarelli</font><font color="#CC33CC"> florentini Ord. Praed. primum Episcopi
 +parmensis postmodum pisarum Archiepiscopi, et totius Sardiniae primatis
 +ac in eaden legati, qui sine querela vixit annos circiter octoginta decessit
 +dominicae incarnationis anno MCCCXLII die XXIV septembris...</font>", a
 +Genova agli inizi del 1600 con il pittore Luca Saltarello, nel 1700 a Valstagna
 +nel vicentino, con l'allora sindaco Zuanne Saltarello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALTERI
 +<br>SALTERIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salteri, assolutamente rarissimo, ha forse un ceppo nel lucchese, Salterio,
 +ancora pi&ugrave; raro ha rare presenze sia al nord che al sud, questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Salterius</font></i>,
 +probabilmente portato dal capostipite, di questo nome abbiamo un esempio
 +d'uso in questa lettera del 1235 inviata da Andreas Re d'Ungheria: "<font color="#CC33CC">..et
 +quoddam predium suum nomine Turda, quod a quodam cognato suo nomine Primogenito
 +sine herede defuncto secundum consuetudinem Regni in manus suas devolutum
 +possidebat, dictus Dionisius Palatinus pro parte, que judicem contingit,
 +recepisset; nos illud predium ab eodem Palatino petentes, et ex eiusdem
 +beneplacito optinentes, cuidam nobili viro </font><font color="#FF0000">Salterio</font><font color="#CC33CC">,
 +fideli militi karissime coniugis nostre bone recordacionis Regine Hungarie,
 +pro multiplicibus servicijs suis fideliter exhibitis, tam sibi, quam eorum
 +heredibus perpetuo contulimus cura suis pertinencijs possidendum; hanc
 +nostram donacionem privilegio nostro confirmantes; ita videlicet, ut liberam
 +habere possit vendendi, donandi, pignorandi facultatem, ad sue arbitrium
 +voluntatis. Postmodum autem, cum idem </font><font color="#FF0000">Salterius</font><font color="#CC33CC">
 +non recusans propter nos subire laborem, ad honorem nostrum et karissime
 +filie nostre Joleth domicelle..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salucci ha un ceppo nell'area che comprende il fiorentino, l'aretino, il
 +perugino ed il pesarese, uno nel romano ed aquilano ed uno nel salernitano,
 +dovrebbe derivare dal nome ipocoristico medioevale <i><font color="#3333FF">Saluccio</font></i>
 +che troviamo citato in un atto senese del 1305, come nome di un testimone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUPO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salupo, decisamente siciliano, ha un ceppo nel messinese, in particolare
 +a Tortorici, con presenze anche nel catanese, ragusano e siracusano, dovrebbe
 +trattarsi dell'italianizzazione del cognome arabo, prevalentemente libanese,
 +<i><font color="#3333FF">Shalup</font></i>. </font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUPPO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Saluppo &egrave; un cognome tipicamente molisano, di Campobasso, di origini
 +incerte, potrebbero essere albanesi o turche. (<font color="#CC33CC">vedi
 +SALUPO</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUSEST
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salusest &egrave; tipicamente laziale, di Roma e Rieti e Petrella Salto
 +nel reatino, dovrebbe derivare dal nome beneaugurale medioevale <i><font color="#3366FF">Salusesttibi</font></i>
 +(<i><font color="#999999">la salute ti accompagni</font></i>), in alcuni
 +casi potrebbe anche trattarsi di un cognome attribuito a trovatelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUSSOLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salussolia &egrave; tipico dell'area piemontese che comprende il vercellese
 +ed il biellese, particolarmente concentrato ad Alice Castello (VC), dovrebbe
 +derivare dall'antico nome del borgo di Salussola nel biellese che nell'antico
 +stemma comunale portava scritto: "<font color="#CC33CC">Oppidum Caesarianum
 +Vulgo </font><font color="#FF0000">Salussolia</font>" indicante sia il
 +nome del borgo che il fatto di essere una citt&agrave; fortificata dalle
 +milizie di Cesare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALUTE
 +<br>SALUTI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salute ha un ceppo abruzzese nel teatino, a Torrevecchia Teatina e Chieti,
 +ed uno siciliano, a Caltanissetta e Palermo, Saluti &egrave; tipico di
 +Ascoli Piceno, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Salutius</font></i>,
 +ricordiamo Saturninius Secundus Salutius che fu prefetto del pretorio sotto
 +l'imperatore Costantius nel IV&deg; secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVA'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, dovrebbe
 +derivare dal nome Salvatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVADEI
 +<br>SALVADEO
 +<br>SALVADIO
 +<br>SALVIDIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvadei, molto raro ha un ceppo a Caderzone (TN) ed uno a Roma, Salvadeo
 +&egrave; specifico del pavese occidentale, Salvadio, quasi unico, &egrave;
 +meridionale, Salvidio, assolutamente rarissimo, sembrerebbe cosentino,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome augurale medioevale <i><font color="#3366FF">Salvadeo</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">Servadeus</font></i>) di cui abbiamo un esempio
 +in uno scritto del 1292:
 +"<font color="#CC33CC">Millesimo ducentesimo nonagesimo secundo, Indictione
 +quinta, die Lunae septimo Mensis Iulij. Frater Laurentinus de Pizzigottis
 +de Bononia Ordinis Fratrum Eremitarum S. Augustini Constitutus in praesentia
 +Fratris Francisci, et Fratris </font><font color="#FF0000">Servadei</font><font color="#CC33CC">
 +eiusdem Ordinis Eremitarum, ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVADERI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; specifico del
 +sudmilanese e lodigiano, potrebbe derivare dal toponimo Salvirola (CR)
 +o da una variazione del nome Salvatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVADOR
 +<br>SALVADORE
 +<br>SALVADORI
 +<br>SALVATORE
 +<br>SALVATORELLI
 +<br>SALVATORI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvador &egrave; molto diffuso in tutto il Veneto, Salvadore &egrave;
 +molto raro, probabilmente ha un ceppo nel vicentino, Salvadori ha due nuclei
 +importanti, in Toscana e nell'arco che comprende il bresciano, il trentino,
 +il bellunese ed il trevigiano, Salvatore &egrave; specifico della fascia
 +che comprende l'Abruzzo, il Molise, la Campania, il foggiano ed il potentino,
 +Salvatorelli ha ceppi nell'imperiese, nell'Abruzzo costiero, nel campobassano,
 +nel romano e nel barese, Salvatori &egrave; tipico dell'Italia centrale,
 +tutti questi cognomi derivano dal nome Salvatore, da suoi ipocoristici,
 +o da sue variazioni dialettali. (<font color="#CC33CC">vedi anche SOTERA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVAGGIANI
 +<br>SALVAGIANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvaggiani, assolutamente rarissimo, potrebbe essere dell'area veneto,
 +romagnola, Salvagiani, ormai quasi scomparso in Italia, sembrerebbe essere
 +di origini romagnole, dovrebbe trattarsi di forme dialettali contratte
 +derivate dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Salvalaglio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi SALVALAGGIO</font>), troviamo tracce di queste
 +cognominizzazioni a Forlimpopoli nel forlivese agli inizi del 1600, a Faenza,
 +nel ravennate troviamo sempre nella prima met&agrave; del 1600 il pittore
 +Alisandro Salvagiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVAGNI
 +<br>SALVAGNIN
 +<br>SALVAGNINI
 +<br>SALVAGNO
 +<br>SALVAGNONI
 +<br>SALVAN
 +<br>SALVANI
 +<br>SALVANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvagni ha un ceppo lombardo, nel sondriese, bresciano e mantovano, uno
 +a Bologna ed uno nel romano a Roma e Carpineto romano ed a Latina e Priverno
 +nel latinense, Salvagnin &egrave; specifico del padovano, di Arzergrande,
 +Brugine, Piove di Sacco, Cavarzere e Padova, Salvagnini ha un ceppo veneto,
 +a Padova e Bagnoli di Sopra nel padovano ed a Porto Viro nel rovigoto,
 +uno toscano, a Firenze e Campi Bisenzio nel fiorentino, ed uno romano,
 +Salvagno ha un ceppo a Cuneo e nel cuneese ed a Torino e nel torinese,
 +un ceppo, il pi&ugrave; consistente nel Veneto, a Chioggia e Venezia nel
 +veneziano ed a Grezzana e Verona nel veronese, con un ceppo anche a Trieste,
 +Salvagnoni ha un piccolo ceppo a Montevarchi nell'aretino, Salvan ha un
 +ceppo nel padovano a Padova, Monselice e Villa Estense, a Rovigo ed a Venezia,
 +Salvani &egrave; quasi unico, Salvano, assolutamente rarissimo e specifico
 +del basso cuneese e savonese, tutti questi cognomi dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite forme ipocoristiche o accrescitive, da alterazioni
 +dialettali del nome mediovale <i><font color="#3333FF">Salvanus</font></i>,
 +un'alterato del nome <i><font color="#3333FF">Silvanus</font></i>, di cui
 +abbiamo un esempio d'uso tra i Capitani della Chiesa di Pisa, che firmarono
 +nel 1228 un trattato con Siena, Pistoia e Poggibonsi, dove compare un Salvanus
 +notarius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVALAGGIO
 +<br>SALVALAGLIO
 +<br>SALVALALIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvalaggio &egrave; tipico del trevigiano, in particolare di Castelfranco
 +Veneto, con ceppi anche nel vicino padovano a Loreggia, San Martino di
 +Lupari, Trebaseleghe e Camposampiero, le presenze nel torinese e nel latinense
 +sono dovute all'emigrazione, Salvalaglio, molto molto raro, decisamente
 +lombardo, &egrave; dell'area tra bergamasco, milanese e lodigiano, Salvalalio,
 +assolutamente rarissimo, potrebbe essere del milanese o della bergamasca,
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Salvalaglio</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel 1528 in uno scritto dell'Alberini: "<font color="#CC33CC">...Morto
 +questo anno 1528 el signor Vespasiano Colonna et lassando la signora Isabella
 +sua unica figliola, el signor Ascanio per virtute d'un fideicommisso, se
 +dice essere fra loro, ha occupato tutto lo Stato, et ritenendosi per la
 +detta signora, essendovi lei, la rocca sola de Paliano, papa Clemente,
 +raccomandandoseli la detta signora, et pigliandone Sua Santitate la protettione,
 +con lo aiuto della rocca ce mand&ograve; certe compagnie et lo prese, et
 +la signora Isabella insieme con la signora Giulia Consaga, sua matregna,
 +venne a Roma, lassandosi in nome di Sua Santitate nella roccha </font><font color="#FF0000">Salvalaglio</font><font color="#CC33CC">
 +gi&agrave; suo parafreniero, et in questa espeditione capitano de fantaria,
 +el quale essendo venuto el signor Ascanio, et contra ogni dovere senza
 +fare difesa alcuna et senza darne pur uno avviso almeno a Sua Santitate,
 +havendoli restituito la rocca, havendo animo di tornare in Roma, &egrave;
 +stato preso et impiccato per un piede, come traditore, in Campo de Fiore,
 +fra doi altri impiccati....</font>", nome che potrebbe essere una variazione
 +medioevale italianizzata del nome franco <i><font color="#3366FF">Sauvage</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Selvaggio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVANESCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico del pavese e sud ovest
 +milanese, dovrebbe derivare dal nome di localit&agrave; Salvanesco, di
 +cui si hanno tracce fin dal 1175.&nbsp; Il codice diplomatico della Lombardia
 +Occidentale riporta che, <font color="#993366">un certo Gibuino, preposito
 +della chiesa e canonica di San Giorgio al Palazzo, in presenza di cinque
 +chierici e canonici della stessa, con l'assenso di Ariprando Guigerius,
 +suo avvocato in questo negozio, e di Giorgio Corbus e Spada de Marinonis,
 +estimatori, d&agrave; a livello perpetuo sine ullo f&igrave;cto a Martino
 +de Casate, di Milano, tre appezzamenti di campo in </font><font color="#3333FF">Salvanesco</font><font color="#993366">,
 +nelle localit&agrave; Clausura, ad Vigiusam, in Gazolo, rispettivamente
 +di tre-dici pertiche e otto tavole e mezzo, una pertica e ventidue tavole,
 +una pertica e diciassette tavole e mezzo, al prezzo di tredici lire e quindici
 +soldi di denari buoni milanesi terzoli, somma che la chiesa impiega per
 +acquistare da Gaido Faxolo la terra de la Turre, ma che il preposito consegna
 +a Roberto Brema, il quale vanta un credito dal detto Gaido. Il proposito
 +d&agrave; poi guadia di difendere questo contratto e pone come fideiussore
 +il predetto Spada.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVARANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvarani &egrave; tipicamente emiliano, del parmense, reggiano e modenese
 +in particolare, con presenze anche nel mantovano, piacentino e modenese,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese di Salvarano, una frazione del comune
 +di Quattro Castella nel reggiano, probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVATERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; specifico
 +del trentino, ma presenta un ceppo anche nel mantovano, dovrebbero entrambi
 +derivare da un toponimo Salvaterra, probabilmente originato da strutture
 +difensive presenti nel territorio, a Forlimpopoli, ad esempio, nel 1300,
 +esisteva una fortezza chiamata Salvaterra, a Fidenza gi&agrave; dalla met&agrave;
 +del 1200 c'era una Torre Salvaterra a guardia della zona. Esistono due
 +comuni, nel reggiano e nel rovigoto con questo nome. Tracce nel Veneto
 +della famiglia Salvaterra si trovano gi&agrave; dal 1500 e, a Prun (VR),
 +si trova una Villa Salvaterra risalente al XVI&deg; secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVATI
 +<br>SALVATO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvati &egrave; diffuso nella fascia che comprende Lazio, Abruzzo, Campania
 +e cosentino, Salvato ha un ceppo nel padovano, uno nel napoletano e salernitano
 +ed uno nella Sicilia occidentale, potrebbero derivaredal nome tardo latino
 +Salvus, ma anche dal nome Salvatus, attribuito ai trovatelli dalle congregazioni
 +di carit&agrave; e dai monasteri, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +in Sabina nel 1500: "<font color="#CC33CC">...Cancellarius </font><font color="#FF0000">Silvius
 +Salvatus</font><font color="#CC33CC"> di Santo Polo in Sabinis...</font>"
 +e a Narni nel 1600: "<font color="#CC66CC">...Processus coram illustrissimo
 +et reverendissimo domino Gubernatore Narnie. Pro excellentissimi domino
 +</font><font color="#FF0000">Grandonio Salvati</font><font color="#CC66CC">
 +di Lugnola contra Bernardinum et Dominicum Sanctem...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVATICI
 +<br>SALVATICO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvatici &egrave; tipicamente toscano, del fiorentino in particolare,
 +Salvatico ha un ceppo nel cuneese a Garessio, Mombasiglio, Ceva, Mondov&igrave;
 +e Cuneo, ad Albenga ed Erli nel savonese ed a San Remo nell'imperiese,
 +con presenze originarie nel salernitano ed a Messina, dovrebbero derivare
 +dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Salvaticus</font></i>, prodotto
 +da alterazioni francofone, attraverso il termine <i><font color="#3333FF">sauvage</font></i>
 +(selvaggio), del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Silvaticus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi SELVATICI</font>)&nbsp; o dal soprannome <i><font color="#3333FF">Salvaticus</font></i>,
 +del cui uso abbiamo un esempio a Roma in un atto del 1351 dove si pu&ograve;
 +leggere: "<font color="#CC33CC">In presentia mei notarii et testium etc.
 +Tutius Iohannis Porcarii marmorarius et </font><font color="#FF0000">Nicolaus
 +dictus alias Salvaticus</font><font color="#CC33CC"> calsolarius ambo de
 +regione Pinee, quiliber eorum in solidum, uno tamen solvente etc...</font>",
 +dell'uso di questa forma cognominale alterata abbiamo un esempio gi&agrave;
 +nel 1278 a Firenze: "<font color="#CC33CC">In Dei nomine amen. Anno dominice
 +incarnationis millesimo duecentesimo septuagesimo octavo indictione septima
 +die octavodecimo februarii. Dominus Gherardaccius olim domini Ildibrandini
 +Manni procurator sufficienter et specialiter constitutus ad omnia et singula
 +infrascripta nobilis et magnifici viri domini </font><font color="#FF0000">Guidonis
 +Salvatici</font><font color="#CC33CC"> Dei gratia comitis in Tuscie palatini
 +filii olim domini comitis Rogerii, ut de procuratione ipsa constat publico
 +instrumento...</font>" e nel 1300 ad Itri nel latinense.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVEMINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico delle Puglie, ha un grosso nucleo a Molfetta e Barletta (BA) ed
 +uno a Manfredonia (FG), deriva dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">salvemini</font></i>
 +(che si venga salvati).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Salvemini &egrave; cognome pugliese, cognominizzazione del soprannome
 +Salvemini, che potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">Salv&ograve;mini</font></i>
 +con metaplasmo della vocale tonica e significare '<i><font color="#666666">salva
 +uomini</font></i>'. Minervini, 432.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVESTRINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della provincia di Firenze,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale Salvestrino (Silvestrino) di cui
 +abbiamo tracce nel 1300 nella Nuova Cronica di G. Villani: "...ser Tomagno
 +degli Angiolieri, capellano del detto priore, <font color="#3333FF">Salvestrino</font>
 +e Ruberto di Rossi, pi&ugrave; de' suoi consorti che vi tenieno mano...".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVIATI
 +<br>SALVIATO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salviati &egrave; diffuso a macchia di leopardo in tutta la fascia tirrenica
 +dell'Italia peninsulare, Salviato &egrave; tipico del padovano e veneziano,
 +derivano dal personale latino Salvius o dal pi&ugrave; tardo Salviatus
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto dell'anno 808: ".<font color="#CC66CC">..Ego
 +Ordonius Subdiaconus christi confir. Ego </font><font color="#FF0000">Salviatus</font><font color="#CC66CC">
 +cantor ecclesiae, col. confir...</font>". Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Firenze nel 1400 con Jacopo Salviati, marito di Lucrezia
 +de' Medici, figlia di Lorenzo il Magnifico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVI
 +<br>SALVIA
 +<br>SALVINI
 +<br>SALVIO
 +<br>SALVIOLI
 +<br>SALVIOLO
 +<br>SALVIONE
 +<br>SALVIONI
 +<br>SALVO
 +<br>SALVONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvi &egrave; molto diffuso in tutto il centronord, Salvini sembrerebbe
 +originario della Toscana, con un possibile ceppo in provincia di Roma ed
 +uno in Lombardia, Salvia ha un ceppo nel napoletano, uno nel potentino
 +ed in Sicilia nel palermitano, ma anche nel messinese e nel catanese, Salvio
 +sembrerebbe tipicamente campano, del napoletano, salernitano ed avellinese,
 +Salvioli ha un ceppo nel modenese a Modena, Carpi, Castelfranco Emilia,
 +Bomporto e Cavezzo, ed uno nel salernitano a San Rufo e Bellizzi, Salviolo,
 +quasi unico, &egrave; campano, Salvione, molto molto raro, &egrave; dell'area
 +tra Molise e beneventano, Salvioni ha un ceppo lombardo nel bergamasco
 +a Stezzano, Bergamo e Treviolo, nel milanese a Muggi&ograve;, Milano e
 +monza, nel comasco a Carugo e Como ed a Robbiate nel lecchese, ed uno nel
 +romano a Roma e Castel Gandolfo, Salvo &egrave; specifico siciliano, Salvoni
 +ha un ceppo lombardo nel basso bresciano, uno toscano tra fiorentino e
 +pisano, uno nell'anconetano ed uno tra romano e latinense, dovrebbero tutti
 +derivare, direttamente o tramite ipocoristici o accrescitivi, dalla <i><font color="#3333FF">Gens
 +Salvia</font></i> o dal nomen <i><font color="#3333FF">Salvius</font></i> , di cui abbiamo un esempio
 +nell'<i><font color="#3366FF">Epitome De Caesaribus</font></i>: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Salvius
 +Otho</font><font color="#CC33CC">, splendidis ortus maioribus ex oppido
 +Ferentano, imperavit menses tres, vita omni turpis, maxime adulescentia...</font>",
 +o dal cnome medioevale <i><font color="#3366FF">Salvus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVISCHIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, probabilmente
 +toscano.</font></td>
 +</tr>
 + 
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVOLDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salvoldi &egrave; tipico dell'alto bergamasco, di Gandellino in particolare,
 +deriva dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Salvoldo</font></i>,
 +una variante del nome <i><font color="#3366FF">Savoldus</font></i>, di
 +questa variante abbiamo un esempio in un atto di vendita del 1380 a Gromo,
 +nella chiesa di S. Gregorio, nell'atto la parte venditrice &egrave; un
 +certo Bruno fu Salvoldo de Obertallis di Gandellino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALVUCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size=-1>Tipico della fascia centrale che comprende Toscana, Marche, Umbria e Lazio,
 +deriva da una modificazione del nome tardo latino di tradizione cristiana
 +Salvus (salvo in Dio).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Sauro Salvucci</font></font>
 +<br>Le testimonianze pi&ugrave; antiche che ho trovato sulla famiglia Salvucci
 +risalgono al 1100 a San Gimignano (SI) dove ancora oggi ci sono le Torri
 +Salvucci. Dopo quel periodo la famiglia Salvucci, sconfitta dalla famiglia
 +rivale Ardinghelli, abbandono\' la Toscana per trasferirsi in Umbria, nelle
 +Marche ed in Campania.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALZANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salzano &egrave; tipicamente campano, del napoletano e del salernitano,
 +potrebbe derivare da una forma etnica dialettale dell'etnico di Salza Irpina
 +nell'avellinese, indicando quindi quel paese come luogo iniziale d'origine
 +delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALZARULO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salzarulo &egrave; tipico della zona tra avellinese e foggiano, di Lioni
 +nell'avellinese e di Foggia, dovrebbe trattarsi di una forma etnica dialettale
 +riferibile ad un capostipite che provenisse anticamente dal territorio
 +di Salza Irpina, anch'esso nell'avellinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SALZILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Salzillo &egrave; specifico del casertano, in particolare di Marcianise,
 +con ceppi pi&ugrave; piccoli, ma comunque significativi a Capua, San Cipriano
 +d`Aversa, Santa Maria Capua Vetere, San Prisco, Casal di Principe, Capodrise
 +e Recale, dovrebbe derivare dall'ipocoristico del nome medioevale latino
 +<i><font color="#3366FF">Saltius</font></i>, famoso &egrave; lo scultore
 +di Capua della seconda met&agrave; del 1600 Nicola Salzillo, che trasferitosi
 +in Spagna a Murcia ebbe un figlio, Francesco Salzillo (1707-1783), che
 +divenne uno dei pi&ugrave; importanti scultori sacri spagnoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMARATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; specifico del
 +sudmilanere e lodigiano, dovrebbe derivare dal toponimo Samarate (VA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMARELLI
 +<br>SAMARI
 +<br>SAMARINI
 +<br>SAMARO
 +<br>SAMAROTTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Samarelli &egrave; specifico di Molfetta nel barese, Samari &egrave; quasi
 +unico, Samaro, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'udinese, Samarini,
 +altrettanto raro &egrave; del cremonese, Samarotto, molto molto raro, &egrave; piemontese, sembrerebbe dell'alessandrino, potrebbero derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Samar</font></i>,
 +o dal suo derivato medioevale latino <i><font color="#3333FF">Samarus</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome l'Arcivescovo di Trani (BA) della fine del XII&deg;
 +secolo,&nbsp; in alcuni casi si potrebbe considerare una possibile origine
 +del capostipite dal territorio palestinese della Samaria.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Samaro &egrave; cognome friulano e lombardo derivato dal sassone '<i><font color="#3333FF">Sahsmar</font></i>'.
 +La forma SAMAROTTO con suffisso diminutivale <i><font color="#3333FF">-otto</font></i>
 +(frequente in Piemonte: Fubine, Asti, Santhi&agrave;, Torino, Chieri, Castelletto
 +Monferrato, Solero ecc.), e le forme aferetiche AMAROTTO (frequente a Cerrina,
 +Casale, Pontestura, Castellazzo, Madonnina, Serralunga, Rosignano ecc.
 +) e MAROTTO risalgono pure a 'Sahsmar', attestando cos&igrave; che molti
 +Sassoni restarono in Monferrato dopo che la maggioranza di loro, dopo una
 +parentesi in Francia e un breve ritorno in Italia, era tornata in Sassonia
 +nel 573 d.C.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMASSA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Samassa &egrave; tipicamente veneto, del veneziano vicino al trevisano
 +e all'udinese, di Concordia Sagittaria e Portogruaro, e di Gorgo al Monticano
 +ed Oderzo nel trevisano, con presenze nell'udinese, dovrebbe derivare da
 +un soprannome dialettale veneziano arcaico basato sul termine <i><font color="#3333FF">samassa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tipo di salatura in uso per conservare il pesce
 +di mare</font></i>, che veniva aperto, diviso per il lungo e salato), probabilmente
 +ad indicare cos&igrave; il mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMBARI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sambari, molto molto raro, &egrave; tipico di Firenze e del fiorentino,
 +di origine oscura.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Barbara
 +Sambari</font></font>
 +<br>Il nostro cognome &egrave; piuttosto giovane, perch&egrave; nasce con
 +mio nonno, il padre di mio padre. Egli nacque dalla relazione fra un prete
 +e la sua perpetua. A due giorni di vita, il sacerdote, per non perderne
 +le tracce, lo marchi&ograve; a fuoco sotto un piedino con una moneta incandescente.
 +Il piccolo rimase all'orfanotrofio per poco tempo perch&egrave; fu, fortunatamente,
 +quasi subito adottato. Ma intanto l'istituto stesso gli aveva trovato un
 +cognome: visto che era nato il 6 dicembre, festa di S.Nicola, protettore
 +di Bari, fu chiamato Niccol&ograve; Sambari. Ecco, in breve, questa &egrave;
 +la storia di una famiglia italiana e del...suo cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMBATARO
 +<br>SAMMATARO
 +<br>ZAMATARO
 +<br>ZAMBATARO
 +<br>ZAMMATARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Zammataro, Sambataro e Sammataro sono tipici del catanese, Zambataro e
 +Zamataro sono assolutamente rarissimi ed originari della stessa zona, dovrebbero
 +derivare dal mestiere di vaccari o custodi di vacche, derivando dal vocabolo
 +arabo <i><font color="#3333FF">zahama</font></i> (<i><font color="#666666">mucca</font></i>),
 +secondo un'altra ipotesi questi cpgnomi deriverebbero invece dal termine
 +greco bizantino <i><font color="#3333FF">examitos</font></i> (<i><font color="#666666">sei
 +fili</font></i>) e starebbe ad indicare un tessitore o comunque un artigiano
 +che intrecciasse delle fibre.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornita da Andrea Maugeri</font></font>
 +<br>Nel dialetto catanese lo <i><font color="#3333FF">zammataro</font></i>
 +&egrave; colui che costruisce cestini tipici siciliani intrecciando foglie
 +d'agave. L'agave si chiama infatti <i><font color="#3333FF">zammara</font></i>
 +in dialetto siciliano e deriva da una parola araba similare che indica
 +appunto l'agave. Abbiamo anche una contrada tra Tarderia (CT) e Trecastagni
 +(CT) che si chiama Zammara per il gran numero di Piante di Agave che vi
 +crescono spontanee.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMBIAGIO
 +<br>SANBIAGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sambiagio e Sanbiagio, sono assolutamente rarissimi, dovrebbero derivare
 +da uno dei molti toponimi come San Biagio (MN), San Biagio della Valle
 +(PG), San Biagio di Callalta (TV) e moltissimi altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMBUCA
 +<br>SAMBUCHI
 +<br>SAMBUCO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sambuca, quasi unico &egrave; del napoletano, Sambuchi ha un ceppoa Pesaro
 +ed a Fano nel pesarese, a Citt&agrave; di Castello nel perugino ed a Roma,
 +Sambuco ha un ceppo abruzzese a Gessopalena nel teatino, uno a Roma e Nettuno
 +nel romano ed uno a San Giuseppe Vesuviano nel napoletano, potrebbero derivare
 +dal nome mediovale <i><font color="#3333FF">Sambucus</font></i>, ricordiamo
 +l'uso antico di dare nomi di piante o di fiori, il sambuco, preso i germani
 +era considerato un albero sacro ed era dedicato ad una particolare fata
 +di nome Helda, o anche, in qualche caso, dall'italianizzazione del cognome
 +ungherese <i><font color="#3333FF">Szamboky</font></i>, ricordiamo l'umanista
 +ungherese J&aacute;nos Szamboky, latinizzato in Johannes Sambucus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMBUELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sambuelli, molto molto raro, sembrerebbe tipicamente piemontese, con un
 +piccolo ceppo ad Alessandria ed a Torino, probabilmente originario dell'alessandrino,
 +si dovrebbe trattare di una forma arcaica alterata del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Samuellus</font></i>, originato, particolarmente
 +in area franco, germanica in epoca tardo medioevale, dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Shemuel</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi SAMUEL</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMELA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Samela &egrave; un cognome specifico del potentino, in particolare di Avigliano,
 +dovrebbe trattarsi di un matronimico e derivare dal nome pseudomitologico
 +femminile greco <i><font color="#3366FF">Samela</font></i>, nome di una
 +bellissima fanciulla dell'Arcadia, figlia del Re Damocle, che, bandita
 +dal padre, si dedic&ograve; alla pastorizia, conosciuta anche con il nome
 +di Sephestia, citata da Shakespeare nel suo Menaphonte.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Samela &egrave; cognome lucano presente a Potenza, Samele a Avigliano,
 +San Fele: da Samuel nome biblico. Rohlfs, Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMELE
 +<br>SAMUEL
 +<br>SAMUELE
 +<br>SAMUELI
 +<br>SAMUELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Samele ha un ceppo pugliese, nel barese a Canosa di Puglia ed Andria e
 +nel foggiano a Cerignola, Trinitapoli e Foggia, ed un ceppo a Lamezia Terme
 +nel catanzarese, Samuel, assolutamente rarissimo, parrebbe avere un ceppo
 +a Pinerolo (TO), Samuele ha un piccolo ceppo nel teramano ed uno nel catanese,
 +&egrave; molto raro, Samueli, assolutamente rarissimo, ha una presenza
 +significativa a Trieste ed una nello spezzino, Samuelli &egrave; caratteristico
 +del bresciano, di Gargnano, Tuscolano Maderno e Brescia, dovrebbero tutti
 +derivare, direttamente o attraverso alterazioni, dal nome ebraico
 +<i><font color="#3366FF">Shemuel</font></i> (<i><font color="#999999">Il
 +suo nome &egrave; in Dio</font></i> o anche <i><font color="#999999">il
 +Signore ti ascolta</font></i>) e, nella stragrande maggioranza dei casi
 +essere di origine ebraica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMACICCIA
 +<br>SAMMACICCIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sammaciccia &egrave; specifico del teatino, di Lanciano in particolare
 +e di Tollo, con presenze anche nel pescarese a Montesilvano e Pescara,
 +Sammaciccio &egrave; quasi unico e dovrebbe trattarsi di un errore di trascrizione
 +del precedente,&nbsp; che sembrerebbe essere di origini bosniache e derivare
 +dall'italianizzazione del cognome slavo <i><font color="#3333FF">Samcic</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Samcich</font></i>, un patronimico riferito
 +al nome <i><font color="#3333FF">Samuele</font></i>, con il classico suffisso
 +<i><font color="#3333FF">-cic</font></i> o <i><font color="#3333FF">-cich</font></i>
 +che stanno per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMARCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sammarchi &egrave; tipico di Bologna e del bolognese, con un piccolo ceppo
 +anche ad Incisa in Val d`Arno nel fiorentino, dovrebbe derivare dal fatto
 +che le famiglie fossero originariamente abitanti in una Contrada San Marco
 +o anche provenissero da terre veneziane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMARCO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sembra avere 3 ceppi, uno nel palermitano, uno in Puglia ed uno in Campania,
 +dovrebbero derivare da toponimi come Cellino S. Marco (BR), San Marco di
 +Locorotondo (BA), San Marco (SA) o i vari San Marco in provincia di Caserta
 +&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMARTANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; specifico dell'estrema
 +punta occidentale della Sicilia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMAURO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sammauro, molto raro, &egrave; specifico di Salerno, dovrebbe derivare
 +dal nome di paesi come San Mauro Cilento o San Mauro di NOcera Inferiore
 +nel salernitano, probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMMITO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00sammito.gif" NOSAVE BORDER=0 height=84 width=70 align=LEFT><font size=-1>Tipicamente siciliano Sammito &egrave; specifico di Modica nel ragusano,
 +con presenze significative anche a Scicli, Pozzallo e Ragusa, sempre nel
 +ragusano, a gela nel nisseno ed a Pachino nel siracusano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine medioevale <i><font color="#3333FF">sammito</font></i>
 +(<i><font color="#666666">una specie particolare di tessuto in uso per
 +le ricche vesti vescovili di tipo bizantino</font></i>): "<font color="#CC33CC">..
 +Item dixit se depositasse preditto domino Perrono res mobiles et iugales
 +infrascriptos videlicet: cultram unam de </font><font color="#FF0000">sammito</font><font color="#CC33CC">
 +seu sacconacco afficcato cum fundo de auro. Item par unum auriculare cum
 +perlis et lapidibus pretiosis. Item coronettam de auro cum lapidibus et
 +perlis unam. Item aliud par auricularium sine perlis. ..</font>", inventari
 +del 1309 e del 1310 enumerano gli oggetti preziosi, la ricca suppellettile
 +e paramenti di singolare pregio, onde era fornito il tesoro della Cappella
 +del Palazzo Reale a Palermo. Vi si legge, fra le altre cose, di una fiala
 +di porfido, di una croce di argento in una custodia di avorio, di una croce
 +smaltata di Limoges e di varie ricchissime vesti di tipo bizantino, come:
 +"<font color="#CC33CC">.. Pallium unum de panno de aureo ad leones et aquilas..
 +..dalmaticam unam deauratam ad leones de seta violacea... cappam unam de
 +</font><font color="#FF0000">sammito</font><font color="#CC33CC"> rubeo
 +ad lunas jalinas et ad vitulas...</font>", cognome che potrebbe indicare
 +una posizione di particolare rilievo del capostipite, tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo da almeno il 1500, secolo di fondazione ad
 +opera di un benefattore, Giacomo Sammito, dell'ospedale di Ragusa che porta
 +il suo nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMORE'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Samor&egrave; &egrave; tipicamente romagnolo, del ravennate e cesenate,
 +di origini etimologiche oscure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMPIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro, si individua un nucleo
 +nel senese ed un probabile ceppo originario nel siracusano, dovrebbe derivare
 +dal toponimo Sampieri (RG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMPIETRO
 +<br>SANPIETRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sampietro ha un ceppo nel tarantino ed un nucleo
 +principale tra milanese e comasco, Sanpietro &egrave; estremamente raro,
 +potrebbe trattarsi di varie modificazioni del termine Sanpietro, derivato
 +o dai vari toponimi o da nome della Pieve di competenza.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>SAMPINO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sampino &egrave; specifico di Palermo, dovrebbe derivare dal nome di una
 +contrada o di una pieve dedicata a San Pino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANAVIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanavio è tipicamente veneto, di Padova e del padovano in particolare,
 +dovrebbe derivare dal nome grecolatino <i><font color="#3333FF">Sanavius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCAMILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sancamillo è specifico di Bellegra e Roma nel romano, potrebbe trattarsi
 +di un cognome originato dal nome del San Camillo, uno degli ospedali più
 +importanti di Roma, ed essere stato attribuito a chi vi abitasse nei pressi
 +o a chi provenisse come trovatello da quell'istituto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCES
 +<br>SANCEZ
 +<br>SANCHES
 +<br>SANCHEZ
 +<br>SANCHIZ
 +<br>SANCI
 +<br>SANCIO
 +<br>SANCIU
 +<br>SANGES
 +<br>SANGEZ
 +<br>SANGHEZ
 +<br>SANGI
 +<br>SANGIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sances ha un piccolo ceppo nel Salento a Sannicola (LE) ed in Sicilia a
 +Palermo, A Licata nell'agrigentino ed a Marsala nel trapanese, Sancez,&nbsp;
 +Sanches, Sanchiz e Sangez sono praticamente unici, Sanchez, molto molto
 +raro, è panitaliano, Sanci ha un ceppo a Siderno nel reggino ed
 +uno nel trapanese a Trapani e Vita, ed a Misilmeri nel palermitano, Sancio,
 +assolutamente rarissimo, ha presenze in Piemonte, forse dovute all'immigrazione
 +dal sud, in Puglia, Sicilia, Calabria e Sardegna, Sangio, ancora più
 +raro, ha qualche presenza in Campania ed in Puglia, Sanciu è tipicamente
 +sardo, in particolare della Gallura, di Buddusò ed Olbia soprattutto,
 +Sanges ha un ceppo nel romano, a Roma e Nettuno ed uno molto importante
 +a Napoli e San Giorgio a Cremano nel napoletano, Sanghez ha un ceppo nel
 +Salento a Trepuzzi nel leccese, uno a Napoli ed uno a Monreale nel palermitano,
 +Sangi è praticamente unico, dovrebbero tutti derivare dal cognome
 +spagnolo <i><font color="#3333FF">Sanchez</font></i>, uno dei cognomi più
 +comuni in Spagna, derivato a sua volta dal nome <i><font color="#3333FF">Sancho</font></i>,
 +da cui deriva direttamente qualcuno di questi cognomi, nome di cui abbiamo
 +tracce in Sicilia ed in Campania fin dai tempi di Federico II° imperatore,
 +ad esempio troviamo a Palermo un Sancho Simen de Aibar, ricco e nobile
 +siciliano originario della Navarra, il nome <i><font color="#3333FF">Sancho</font></i>
 +non è altro che una spagnolizzazione del nome latino <i><font color="#3333FF">Sanctius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCHI
 +<br>SANCHIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanchi, abbastanza raro, è specifico del riminese, di Morciano di
 +Romagna, Riccione, Rimini, Misano Adriatico, Cattolica, San Giovanni in
 +Marignano e Saludecio, con un piccolo ceppo anche a Pesaro, Sanchioni è
 +specifico di Pesaro e Fano nel pesarese, con presenze significative anche
 +a San Costanzo, Saltara, Cartoceto e Mondolfo, sempre nel pesarese, dovrebbero
 +derivare direttamente o tramite un accrescitivo da un'italianizzazione
 +del nome spagnolo <i><font color="#3366FF">Sancho</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche SANCES</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCHIRICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanchirico è un cognome molto raro tipico della Basilicata di Gallicchio
 +e Potenza nel potentino e di Tursi nel materano, dovrebbe derivare dal
 +toponimo San Chirico Nuovo o da San Chirico Raparo entrambi nel potentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCINETO
 +<br>SANGINETO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sancineto è specifico dell'alto cosentino, di Castrovillari e Cerchiara
 +di Calabria, Sangineto, più diffuso, è anch'esso tipico dell'alto
 +cosentino, di Belvedere Marittimo, Castrovillari, Torano Castello, Paola
 +e Scalea, dovrebbero derivare, direttamente o tramite un'alterazione dialettale
 +dal nome del paese di Sangineto, sempre nell'alto cosentino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sancineto è cognome calabrese che significa '<i><font color="#3333FF">luogo
 +di sancini</font></i>'. In calabrese '<i><font color="#3333FF">sancinu</font></i>'
 +significa '<i><font color="#666666">ligustro</font></i>'. Rohlfs 232.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANCLEMENTE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanclemente è tipicamente siciliano, di Valderice e Custonaci nel
 +trapanese, dovrebbero derivare da un nome di contrada o di pieve riferite
 +a San Clemente, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandano, molto raro, sembrerebbe originario del Veneto, della zona di Pozzonovo
 +nel padovano e della zona veneziana di Chioggia e Cavarzere, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine medioevale <i><font color="#3333FF">sandano</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sandalo</font></i>, una varietà di legno,
 +che nella varietà rossa è molto duro e compatto e profumato),
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in questo scritto: "<font color="#CC33CC">...al
 +Ditto mastro Antonio (de Reacza siciliano) ditto di I ducato III tari li
 +sonno comandati donare per lo preczo de quadro cortelli dorati con le maniche
 +de </font><font color="#FF0000">sandano</font><font color="#CC33CC"> ruxo
 +benlavorati et benfatti...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDELLA
 +<br>SANNELLA
 +<br>SANNELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandella è quasi scomparso, Sannella, molto molto raro è tipico di Oppido Lucano (PZ) mentre
 +Sannelli, rarissimo, è tipico della zona di Ginosa e Laterza (TA).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite dal Prof.
 +Vito Zullo  </font></font><a href="sandella00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" align="ABSMIDDLE" border="0" width="83" height="14"></a> 
 +<br>entrambi derivano da Sandella,ormai quasi estinto. La famiglia Sandella,
 +secondo alcuni storici, godeva di patriziato in Scala (Amalfi). In un documento
 +del 1530 nella chiesa di Cassano Murge (BA) si legge: "<font color="#CC33CC">...pro
 +matrici ecclesiae terram Cassani Hysabella quondam Jemmato de </font><font color="#FF0000">Sandella</font><font color="#CC33CC">
 +olim uxor Andree Zurli...</font>". Altri documenti confermano la presenza
 +dei Sandella in terra di Cassano(Bari), in un documento del 1546, in Cassano
 +delle Murge, si legge: "<font color="#CC33CC">...iuxta terram Antonio de
 +</font><font color="#FF0000">Sandella</font><font color="#CC33CC"> dicto
 +crapiulo...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sandella è cognome lucano. Attestato un Guglielmo de Sandella
 +nel 1562 a Màrsico Vètere = Santella calabrese e a Napoli:
 +'<i><font color="#3333FF">santarella</font></i>'. Rohlfs, Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDOMENICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandomenico è specifico di Napoli e di Volla, Cercola, Casoria e
 +Pollena Trocchia nel napoletano e di Montesarchio nel beneventano, dovrebbe
 +derivare dal nome delle frazioni San Domenico di Benevento e di Ottaviano
 +nel napoletano, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandon è tipico di Padova soprattutto e del padovano, di Campodoro
 +e Selvazzano dentro, dovrebbe derivare dal nome del paese di Sandon, frazione
 +di Fossò nel veneziano, ad una quindicina di chilometri da Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDONA'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico del padovano e vicentino, dovrebbe derivare
 +da un toponimo come San Donà di Piave (VE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDONINI
 +<br>SANDONNINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi molto molto rari, sembrerebbero originari dell'Italia centrosettentrionale,
 +dovrebbero derivare da uno dei vari toponimi come San Donnino (FI), (AR),
 +(LU), (AN), (FC), (RE), (VB). Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Lucca nella seconda metà del 1400 con Nicolò II° Sandonnini,
 +vescovo di Lucca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDRA
 +<br>SANDRELLA
 +<br>SANDRELLI
 +<br>SANDRI
 +<br>SANDRIN
 +<br>SANDRINI
 +<br>SANDRO
 +<br>SANDRON
 +<br>SANDRONE
 +<br>SANDRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandra, estremamente raro, potrebbe essere piemontese, Sandrella è
 +praticamente unico, Sandrelli sembrerebbe sicuramente toscano è
 +concentrato tra Arezzo, Cortona e Firenze, Sandri è diffuso in tutto
 +il nord, Sandrin è friulano e dell'alto veneto, Sandrini è
 +tipico della zona che comprende il bresciano, il mantovano ed il veronese,
 +Sandro, rarissimo sembrerebbe vicentino, Sandron è tipico dell'alto
 +veneziano zona di Fossalta di Portogruaro e Portogruaro, Sandrone è
 +tipico del Piemonte occidentale, di Torino, Carmagnola (TO), Savigliano
 +(CN) ed il cuneese, Sandroni parrebbe marchigiano con ceppi anche nel pisano
 +e nell'aretino, derivano tutti direttamente o tramite ipocoristici dall'aferesi
 +del nome Alessandro.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>derivano dal nome proprio Sandro (Alessandro). Sono cognomi abbastanza
 +diffusi nelle regioni dell'Italia centro-settentrionale. Sono presenti
 +più o meno nelle stesse aree geografiche, tuttavia Sandri è
 +più diffuso. La loro concentrazione è particolarmente alta
 +nella provincia di Brescia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori&nbsp; fornite da
 +Daniele Todeschini</font></font>
 +<br>Sandri è una tra le famiglie originarie di Dossena (BG) e precisamente
 +del casato degli Astori. (XVI°). Risulta piu volte scritto il cognome
 +(Sandri de Astoribus), si pensa che il cognome derivi da un Alessandro
 +Astori chiamato Sandro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDRIGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sandrigo, molto molto raro, è tipico del basso udinese, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Sandrigo nel vicentino, probabile luogo d'origine
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANDULLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, forse di origini
 +campane, potrebbe derivare dal cognomen latino Sandilianus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANELLA
 +<br>SANELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanella, assolutamente rarissimo, parrebbe del parmense, Sanelli ha un
 +ceppo lombardo a Premana nel lecchese, uno abruzzese a caramanico Terme
 +nel teramano ed a Rosciano e Tocco de Casuaria nel pescarese, ed uno a
 +Roma, dovrebbero derivare dal nome tardo medioevale <i><font color="#3333FF">Sanellus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Sanella</font></i>, forma aferetica dell'ipocoristico
 +del nome <i><font color="#3333FF">Rossana</font></i> o <i><font color="#3333FF">Rossano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANESE
 +<br>SANESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanese è decisamente rarissimo, sembra avere un ceppo in Abruzzo
 +ed uno in Puglia, Sanesi sempre raro, ha un ceppo toscano, nel fiorentino
 +in particolare ed uno nel Lazio, nel rietino, derivano dall'etnico senese
 +(proveniente da Siena). Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a
 +Cento (FE) nel 1400 con un certo Matteo Sanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANFELICE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanfelice, molto molto raro, ha un piccolo ceppo tra casertano, beneventano
 +e napoletano, in particolare nel casertano zona di Alife, Casagiove, San
 +Prisco e Bellona, e Foglianise nel beneventano ed uno, probabilmente secondario,
 +nel leccese e nella Sicilia occidentale, dovrebbe derivare dai moltissimi
 +toponimi contenenti la radice San Felice, praticamente onnipresenti nel
 +nostro sud.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANFILIPPO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanfilippo è diffusissimo in Sicilia, con un grosso ceppo anche&nbsp;
 +a Roma ed emigrazioni importanti a Torino, Milano, Genova, Bologna e Firenze,
 +potrebbe derivare da toponimi come Aci San Filippo (CT), San Filippo del
 +Mela, San Filippo Inferiore, San Filippo San Basilio Piano Canne (ME),
 +San Filippo di Modica (RG) o altri simili., la devozione a San Filippo
 +in Sicilia è antichissima, risalendo addirittura all'epoca imperiale
 +romana, ai tempi dell'imperatore Nerone quello che sarebbe divenuto noto
 +come San Filippo d'Agira fu inviato da Pietro, da Roma in Sicilia verso
 +il 65 ~ 70 dell'era cristiana, per diffondervi il verbo di Cristo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANFRANCESCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANFRATELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente raro, è siciliano,
 +di probabili origini messinesi, deriva dal toponimo San Fratello (ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGALLI
 +<br>SANGALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente lombardo Sangalli, particolarmente concentrato nella fascia
 +che unisce le province di Milano, Lecco e Bergamo, Sangallo invece sembrerebbe
 +unico, dovrebbero derivare dalla zona del Sangallo una volta parte del
 +Ducato di Milano (attualmente in Svizzera).&nbsp; Personaggio famoso fu
 +lo scultore e architetto Antonio da Sangallo fiorentino (1483-1546).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>Famosa fu la casata dei da Sangallo, architetti e legnaiuoli appartenenti
 +alle famiglie dei Giamberti e dei Cordiani, residenti presso la Porta Sangallo
 +a Firenze, ed attivi per circa un secolo dalla fine del Quattrocento. Capostipite
 +fu Francesco Giamberti, ma il più importante fu Antonio il giovane,
 +appartenente al ramo Cordiani (Firenze 1483 - Roma 1546), architetto.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sangalli deriva presumibilmente da San Gallo in Svizzera. San Gallo
 +fu un discepolo di san Colombano, visse nel VII secolo, divenne abate e
 +fondò la celebre abbazia che da lui prese il nome. Il nome originario
 +è riferito all'appellativo etnico che indicava un abitante della
 +Gallia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAN GERMANO
 +<br>SANGERMANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangermano ha un ceppo nel romano a Roma, Fiumicino e Cerveteri, e nel
 +frusinate a Sora e Pontecorvo, nel napoletano, a Napoli, San Paolo Bel
 +Sito ed Ercolano, a Pietramelara e Sessa Aurunca nel casertano ed a Scafati
 +nel salernitano, a Taranto ed a San Nicandro Garganico nel foggiano, e
 +nel cosentino a Luzzi e Bisignano, San Germano è praticamente unico,
 +dovrebbero derivare dal nome dei molti toponimi che fanno riferimento a
 +San Germano, come a titolo di esempio Germano nel cosentino, Piedimonte
 +San Germano nel frusinate, o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGERVASI
 +<br>SANGERVASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, dovrebbero derivare da un nobile casato
 +bresciano, quello appunto dei Sangervasio che si trovano nel bresciano
 +fin dal 1400, famoso è stato Gerolamo Sangervasio ultimo discendente,
 +Gerolamo Sangervasio che fu a capo della Congregazione Municipale. di Brescia
 +durante le Dieci giornate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGIACOMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangiacomo ha un ceppo nel genovese a Isola del Cantone e Genova, un ceppo
 +a Pineto nel teramano e ad Avezzano (AQ), ed un ceppo nel potentino a Satriano
 +di Lucania, Pignola, Tito e Potenza, dovrebbero derivare da toponimi come
 +San Giacomo di Atri (TE), San Giacomo di Camogli (GE), San Giacomo di Furore
 +(SA), San Giacomo (AQ) o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGIARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangiardi che sembrerebbe ormai scomparso in Italia, potrebbe essere originario
 +del barese, forse di Palo del Colle, da dove sembrerebbe essere inizialmente
 +emigrato verso la Corsica, dovrebbe derivare da nomi di pievi o contrade
 +dedicate a San Gerardo, di cui Sangiardi è una forma contratta,
 +ma potrebbe anche trattarsi di una forma dialettale per il nome composto
 +Giangerardo, originato dalla fusione del nome Giovanni con il nome Gerardo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sangiardi è cognome presente in Corsica. Dovrebbe essere una
 +variante dei cognomi Giardi / Giardo, di origine germanica (<i><font color="#3333FF">Gerhard</font></i>)
 +e presenti in Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGILLES
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente palermitano dovrebbe derivare dal toponimo belga Saint-Gilles,
 +ma è pure possibile una derivazione dal nome francese Gilles (Egidio).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGION
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico della
 +zona di Caorle (VE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGIORGI
 +<br>SANGIORGIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangiorgi è tipico emiliano, della fascia centroorientale della
 +regione, Sangiorgio ha un nucleo siciliano nel catanese, uno nel tarentino
 +ed uno nel nordmilanese, dovrebbero derivare dai molti toponimi contenenti
 +San Giorgio, come ad esempio Monforte San Giorgio (ME), Piano San Giorgio
 +(PA), San Giorgio di Biassono (MI), San Giorgio (CT), San Giorgio (FC),
 +San Giorgio di Piano (BO) e così molti altri, come pure potrebbero
 +essersi originati per l'appartenenza della famiglia ad una parrocchia dedicata
 +a San Giorgio, di quest'uso abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia Medioevale</font></i> in una <i><font color="#3366FF">Cartula
 +venditionis</font></i> del 1181 a Sartirana: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnacionis millesimo centesimo octuagesimo primo, nono die
 +mensis decembris, indictione .XIIII. Otto Iudex et frater eius Wilielmus
 +germani, filii quondam Uberti, viventes lege Lombarda, consensu et affirmacione
 +domini </font><font color="#FF0000">Wilielmi de Sancto Georgio</font><font color="#CC33CC">,
 +vendiderunt et tradiderunt&nbsp; Uberto Guercio...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGIOVANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangiovanni ha un ceppo nel cremonese, uno nel ternano e nel romano, uno
 +nel casertano, napoletano e salernitano ed uno tra potentino e cosentino,
 +dovrebbe derivare dai nomi delle località di provenienza dei capostipiti,
 +località quasdi certamente contenenti la radice San Giovanni, come
 +ne esistono moltissime in tutta Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGOI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangoi è un cognome tipicamente friulano, di Gemona del Friuli in
 +particolare, potrebbe derivare da una modificazione dialettale e successiva
 +italianizzazione del termine slavo <i><font color="#3366FF">zganje</font></i>
 +(<i><font color="#999999">grappa</font></i>) ad indicare forse l'attività
 +di distillatore di quel liquore svolta dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGRIGOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sangrigoli è tipicamente siciliano, di Randazzo, Catania e Giarre
 +nel catanese, dovrebbe trattarsi di una forma etnica dialettale per chi
 +provenisse da paesi come San Gregorio di Catania o San Gregorio nel messinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGUEDOLCE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanguedolce è tipico soprattutto della Sicilia, in particolare a
 +Lampedusa, a Pantelleria, Marsala e Mazara del Vallo nel trapanese, a Pettineo
 +nel messinese, a Palermo ed a Caltanissetta e San Cataldo nel nisseno,
 +con un ceppo anche in Puglia, ad Andria e Bisceglie nel barese ed a Foggia,
 +uno molto piccolo a Crotone ed uno a Roma, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato da una particolare dolcezza di carattere dei capostipiti, tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo nel foggiano a San Marco in Lamis
 +nel 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGUIGNI
 +<br>SANGUIGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanguigni ha un ceppo nel Piceno ed uno nel romano e latinense, Sanguigno,
 +molto molto raro, sembrerebbe del napoletano, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Sanguineus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio d'uso a Pisa nel 1300 con un certo Sanguineus de Orticaria citato
 +in una transazione commerciale con la Sardegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANGUINETI
 +<br>SANGUINETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sono entrambi tipicamente liguri, anche se Sanguinetti è più
 +raro e presenta ceppi secondari anche in Emilia, Sardegna e Piemonte, potrebbero
 +derivare dal nome Sanguineto località nei pressi di Finale Ligure
 +(SV), ma è più probabile che derivino dal termine sanguineto
 +con il significato di bosco di cornioli dal corniolo sanguinello, un tipo
 +di arbusto. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Milano nel 1600,
 +nella cronaca del 1630 si legge: "<font color="#CC33CC">...Che varj banchieri
 +pagassero largamente questi emissarj, e fra questi </font><font color="#FF0000">Giambattista
 +Sanguinetti</font><font color="#CC33CC">, Gerolamo Turcone e Benedetto
 +Lucino...</font>" e nel modenese a Vignola in un atto del 1643 leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC">...Cessione fatta per il signor Capitano Pietro
 +Fontani a favore del magnifico&nbsp; </font><font color="#FF0000">Simon
 +Sanguineti</font><font color="#CC33CC"> ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANITATE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona di Noicattaro (BA) e Rutigliano (BA), potrebbe derivare
 +dall'essere il capostipite un Magistratus Sanitatis, cioè una sorta
 +di Responsabile della Sanità Pubblica, tracce di questa cognominizzazione
 +si trovano a Rutigliano nel 1282 nel repertorio dei nobili si trova un
 +certo Francesco scivara, Capitano e Signore di Spagna marito della Signora
 +Fortezza de Sanitate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico sardo, dovrebbe derivare
 +da un soprannome legato al vocabolo dialettale sanna (zanna, spunzone)
 +o per particolari caratteristiche dei denti, o per l'abitare il capostipite
 +in prossimità di uno sperone roccioso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>deriva dall'italiano antico <i><font color="#3366FF">sanna</font></i>
 +(<i><font color="#999999">zanna</font></i>); dall'antico longobardo <i><font color="#3366FF">zan</font></i>,
 +che a sua volta deriva dal germanico <i><font color="#3366FF">zahn</font></i>.
 +È comune a tutta la lingua sarda, anche se in alcune parti dell'isola,
 +la zanna viene chiamata <i><font color="#3366FF">iscallia</font></i>. Azzannare
 +in sardo diventa <i><font color="#3366FF">assanare</font></i> o <i><font color="#3366FF">assanai</font></i>,
 +o se deriva da iscallia, iscalliare o iscalliai. Qui in Medio Campidano
 +l'azzannata del cinghiale o del maiale è detta, dai cacciatori,
 +<i><font color="#3366FF">isacaviàda,</font></i> da<i><font color="#3366FF">
 +iscaviài </font></i>( da iscalliai), ma le zanne del cinghiale,
 +come anche del maiale, sono dette <i><font color="#3366FF">is allus</font></i>,
 +dal latino <i><font color="#3366FF">alum</font></i> (<i><font color="#999999">aglio
 +selvatico</font></i>), evidentemente per la rassomiglianza dello spicchio
 +dell'aglio, per colore e forma, non per grandezza, con la zanna del cinghiale
 +(non abbiamo altri suggerimenti). Il verbo iscaviai o iscalliai deriva
 +dal greco <i><font color="#3366FF">skallein</font></i>, nel significato
 +di <i><font color="#999999">scavare, aprire, fare un solco</font></i>.
 +In italiano col termine "scaglione" si indicano anche i denti canini di
 +alcuni animali. Il cognome è presente nelle carte antiche della
 +Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora *LPDE del 1388, in 27
 +portano il cognome Sanna, tra i quali citiamo: Sanna Elias, de villa Capula
 +(distrutta), sindicus , actor ac procurator&nbsp; Contrate de Ardar et
 +Meylogu;&nbsp; Sanna Leonardus, de civitate Sasseri, filius Guantini, notarius;
 +Sanna Leonardo, majore ville Iscano (Scano Montiferro); Sanna Barisono,
 +Majore ville Giavi (Giave). Sanna è presente (10) nel Condaghe di
 +San Pietro di Silki, *CSPS e nel Condaghe di San Nicola di Trullas *CSNT,
 +ma non lo troviamo nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado. Il fatto che
 +non sia presente nel *CSMB e che, ancora oggi, sia più diffuso nel
 +centro nord dell'isola, ci induce a supporre la sua origine logudorese
 +o gallurese, dove il vocabolo zanna mantiene ferma la sua versione sarda
 +sanna, mentre nel centro sud troviamo anche iscallia e allu.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNAZZARI
 +<br>SANNAZZARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sannazzari sembrerebbe tipico del milanese, Sannazzaro ha un ceppo nel
 +torinese, uno tra alessandrino e genovese ed uno tra avellinese e potentino,
 +i ceppi settentrionali potrebbero derivare dal toponimo Sannazzaro Dei
 +Burgundi nel pavese, o anche da San Nazzaro Sesia nel novarese, i ceppi
 +meridionali possono richiamare un'origine del capostipite da San Nazzaro
 +nel beneventano, o da pievi legate a Chiese dedicate al culto di San Nazzaro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNERIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo del cagliaritano, zona di Villacidro, dovrebbe derivare da
 +un soprannome legato al vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">sanna</font></i>
 +(<i><font color="#999999">zanna, spunzone</font></i>), ma molto più
 +probabilmente deriva da <i><font color="#3366FF">San Neri</font></i>, il nome sardo di San Ranieri o Raineri, che è
 +il patrono di Pisa, ma era molto venerato anche in Sardegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNICANDRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome specifico di Bitonto (BA) e zone limitrofe deriva dal toponimo
 +Sannicandro di Bari (BA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNINI
 +<br>SANNINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sannino è specificatamente
 +campano, del napoletano e casertano in particolare, Sannini è decisamente
 +raro, potrebbero derivare dal nome di località Sannio (terra dei
 +Sanniti).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANNUTI
 +<br>SANNUTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sannuti, estremamente raro, è del cosentino, Sannuto, leggermente
 +meno raro, è anch'esso specifico del cosentino, di Roggiano Gravina
 +e Tarsia in particolare, dovrebbero entrambi derivare da una forma dialettale
 +del termine <i><font color="#3366FF">sannita</font></i> ed indicare quindi
 +un'origine della famiglia dall'area del Sannio, secondo altri si tratterebbe
 +invece di un soprannome, <i><font color="#3366FF">sannuto</font></i>, originato
 +da una dentatura prominente del capostipite, termine utilizzato anche da
 +Dante Alighieri nella sua Divina Commedia, Inferno XXI°: "<font color="#CC33CC">..
 +/ Libicocco vegn'oltre e Draghignazzo, / Cirïatto </font><font color="#FF0000">sannuto</font><font color="#CC33CC">
 +e Graffiacane / e Farfarello e Rubicante pazzo. /..</font>", un esempio
 +d'uso di questo nome o soprannome lo troviamo in un atto del 1275 a Sassari:
 +"<font color="#CC33CC">In eterni Dei nomine, amen. Ex hoc publico instrumento
 +omnibus pateat evidenter quod Bindus barlectarius de cappella Sancti Georgii
 +Pordemaris civitatis pisane, qui moratur in Sassari, quondam Venture, coram
 +me Henrico notario et testibus infrascriptis recepit et habuit ab </font><font color="#FF0000">Henrico
 +Sannuto de Baldovinaschis</font><font color="#CC33CC"> quondam item Henrici
 +libras viginti denariorum, inter denarios ianuinos minutuos de Arborea
 +et aguilinos pisanescos minutos mutuo qui dictus Bindus convenit et promisit
 +per sollepnem stipulationem ...</font>". Un principio di queste cognominizzazioni
 +è presente nel <i><font color="#3366FF">Tractatus geometrie</font></i>
 +del 1494: "<font color="#CC33CC">...E non manco per lo degno e Reverendo
 +Piovano de santo Apostolo de Vinegia. Meser pre Ysidero Bagnuoli. El simile
 +per lo Mco. e Nobile dela excelsa Republica de Vinegia Patritio e in le
 +scientie Mathematici fondatissimo. E de tutti virtuosi colonna firmissima
 +Meser </font><font color="#FF0000">Marco Sannuto</font><font color="#CC33CC">
 +quondam Mci. domini Francisci. Perché mediante loro aiuto e favore
 +tanta commoditá de' volumi al' universo è consequita. Con
 +spesa e diligentia..</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sannuto è cognome cosentino che significa '<i><font color="#3333FF">zannuto</font></i>'.
 +Rohlfs 233.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANONER
 +<br>SENONER
 +<br>ZANONER</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanoner, assolutamente molto molto raro, sembrerebbe specifico di Ortisei
 +in Alto Adige, Senoner è specifico dell'Alto Adige, di Selva di
 +Val Gardena, Ortisei e Santa Cristina Valgardena in particolare, Zanoner,
 +caratteristico di Moena in Trentino, dovrebbe essere un'alterazione dialettale
 +trentina del precedente, potrebbero derivare da soprannomi basati sul termine
 +tedesco <i><font color="#3333FF">senn</font></i> (<i><font color="#666666">cascina
 +alpina, malga</font></i>) ed indicherebbe il conduttore di una malga, o
 +uno che vi lavorasse, esiste, anche se meno probabile, la possibilità
 +che possano derivare da forme etniche tedesche riferite alla località
 +Zanon di Ziano di Fiemme in Trentino..
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Martin Senoner</font></font>
 +<br>Il cognome Senoner è di origine ladina e proviene dal toponimo
 +Zanon che a sua volta probabilmente ha l'origine nel nome Gian (Giovanni),
 +varianti sono Zanoner e Sanoner.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSALVADORE
 +<br>SANSALVATORE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sansalvadore è assolutamente rarissimo, sembrerebbe piemontese,
 +Sansalvatore ancora più raro parrebbe campano, potrebberoderivare
 +da toponimi come San Salvatore Monferrato (AL), San Salvatore Telesino
 +(BN) o anche San Salvatore (GE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSEVERI
 +<br>SANSEVERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanseveri è quasi unico, Sansevero, estremamente raro, ha qualche
 +presenza in Abruzzo e Molise, con un piccolo ceppo a San Vito dei Normanni
 +nel brindisino ed uno ancora più piccolo a Foggia, dovrebbero derivare
 +da nomi di località come San Severo nel foggiano o Costa San Severo
 +nel maceratese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSEVERINI
 +<br>SANSEVERINO
 +<br>SANSIVERINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00sanseverino.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="86" height="94"><img src="/immagini/stem01sanseverino.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="141"><font size="-1">Sanseverino è un cognome molto diffuso al sud, in Campania soprattutto
 +nel napoletano, avellinese e salernitano, in Lucania, nel barese, nel tarentino
 +e nel cosentino e nel palermitano, Sansiverino e Sanseverini sono quasi
 +unici e sono probabilmente dovuti ad errori di trascrizione del primo,
 +dovrebbero derivare da toponimi come Mercato San Severino nel salernitano,
 +San Severino Lucano nel potentino o altri simili. Il Casato Sanseverino
 +è di originer normanna, una delle prime casate del Regno di Napoli;
 +i Sanseverino ebbero, nel Regno di Napoli, un trattamento particolarissimo,
 +sempre riconfermato da tutti i sovrani succedutesi su quel trono. Ne è
 +palese dimostrazione l'eccezionale e unico privilegio concesso ai Sanseverino
 +e confermato alla casata anche da Carlo V nel 1520: « <font color="#CC33CC">in
 +quantumcunque remotus etiam decimo et ulteriori gradu ex quacumque linea
 +trasversali, adscendenti seu descendenti... Et inter ipsos de cognomine
 +de </font><font color="#FF0000">Sancto Severino</font><font color="#CC33CC">
 +progenitura et gradus servatur...</font>&nbsp; » <font color="#3366FF"><font size="-2">(tratto
 +da <a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Sanseverino_(famiglia)">wikipedia</a>)</font></font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSIMONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sansimone, estremamente raro, sembrerebbe originario del siracusano, dovrebbe
 +derivare da un nome di località.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSON
 +<br>SANSONE
 +<br>SANSONETTI
 +<br>SANSONETTO
 +<br>SANSONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanson è decisamente veneto, del vicentino e trevisano in particolare,
 +Sansone è diffuso al centrosud, Sansonetti ha un ceppo a Roma e Civitavecchia (RM) e Civita Castellana
 +nel viterbese, un ceppo a Montorio al Vomano e Teramo nel teramano ed uno
 +a Ripa Teatina e Chieti nel teatino, con una piccola presenza a Castel
 +di Sangro nell'aquilano, la grossa concentrazione si trova in Puglia, a
 +Noci nel barese ed a Bari, a Maruggio nel tarentino, a Fasano nel brindisino
 +ed a Lecce, Sansonetto, assolutamente rarissimo, sembrerebbe veneto, ma
 +molto probabilmente si tratta semplicemente di un'alterazione del precedente, Sansoni è del centronord, derivano tutti dal nome Sansone,
 +in uso già nel 1100: "<font color="#CC66CC">...Preterea totam terram
 +Ricardi filii </font><font color="#FF0000">Sansonis Baiocenssis,</font><font color="#CC66CC">
 +et terram Benedicti filii Riguefemme, que duo tenementa venerunt in dominicum
 +nostrum judicio curie nostre pro defectu heredum...</font>", ma in alcuni
 +casi possono derivare da nomi di località come Torre Sansone (CH),
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo già nel 1400 a Siena:
 +"<font color="#CC66CC">...Incipiunt recollecte in forma questionu Reuerendi
 +sacre theologie doctoris magistri </font><font color="#FF0000">Fracisci
 +Sansonis</font><font color="#CC66CC"> de Senis ordinis minorum generalis
 +super totum opus de physico auditu Aristotelis...</font>", nel 1500,&nbsp;
 +nella Lista degli scolari dello Studio di Perugia del&nbsp; 1590 si trova
 +un certo Thadeus Sansonius proveniente dalla&nbsp; Provincia romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSOSSIO
 +<br>SANTOSUOSSO
 +<br>SANTOSUOZZO
 +<br>SANTOSUSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sansossio è quasi unico, Santosuosso ha un ceppo secondario a Roma,
 +ma il ceppo principale è in Irpinia, ad Ariano Irpino ed a Taurasi,
 +Santosuozzo sembra essere unico ed è presente nel potentino, Santosusso,
 +ormai quasi scomparso, dovrebbe essere anch'esso originario dell'avellinese,
 +e dovrebbe essere dovuto ad errori di trascrizione del precedente.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>SANTOSUOSSO è cognome avellinese e deriva a mio parere dal toponimo
 +San Sòssio Baronìa (AV) con scrittura conforme alla pronuncia
 +campana. San Sossio fu diacono della distrutta città di Miseno.
 +Il nome Sòssio, altrove Sosia, è collegabile al gentilizio
 +latino Sosius, famiglia di noti librai del tempo di Orazio, i Sosii. Il
 +santo venne martirizzato sul finire del IV sec. d.C. a Pozzuoli assieme
 +a San Gennaro e altri. L'aggiunta Baronia è del 1913 con riferimento
 +storico al fatto che il luogo appartenne alla baronia di Vico. Nella provincia
 +avellinese esiste un altro S. Sossio, frazione di Serino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANSOVINI
 +<br>SANSOVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sansovini è tipicamente romagnolo della zona che comprende le province
 +di Ravenna e Forlì e Cesena, di Forlì in particolare, Sansovino
 +è praticamente unico, dovrebbero derivare da toponimi come San Savino
 +(RN), (FC), (RA), PU) ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANT
 +<br>SANTI
 +<br>SANTO
 +<br>SANTON
 +<br>SANTONE
 +<br>SANTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sant ha un ceppo nel trevisano a Conegliano, San Vendemiano e San Pietro
 +di Feletto, e nel veneziano ad Eraclea, San Donà di Piave e Cavallino,
 +ed un ceppo friulano nell'udinese a Tricesimo, Cassacco, Buia, Udine, San
 +Giovanni al Natisone, Majano e Codroipo, Santi è diffuso in tutto
 +il centro nord, Santo, più raro, è specifico del sud, Santon
 +è specifico del veneziano, Santone è specifico della zona
 +tra le province di Chieti e di Campobasso, di Ari (CH) in particolare,
 +Santoni è molto diffuso nel trentino ed in tutto il centro, dovrebbero
 +derivare, direttamente o attraverso forme tronche dialettali, o attraverso
 +accrescitivi, dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Sanctus</font></i>
 +o anche da uno dai tanti toponimi contenenti la radice Santo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro con un ceppo in Alto Adige ed uno nel torinese, può
 +derivare da toponimi composti con il termine santa, come pure dal nome
 +tardo latino Sanctus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTABARBARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santabarbara è specifico del casertano, di Piana di Monte Verna,
 +Caiazzo e Ruviano, potrebbe derivare dal nome della Frazione di Caserta
 +che si chiama appunto Santa Barbara, situata a circa sette chilometri dalla
 +zona di massima concentrazione del cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTACATERINA
 +<br>SANTACATTERINA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santacaterina ha un ceppo a Schio e Santorso, probabile errore di trascrizione
 +del più comune Santacatterina, e presenta un ceppo nell'area dello
 +stretto tra reggino, in particolare a Villa San Giovanni e Ferruzzano,
 +e messinese a Messina, Santacatterina è tipicamente veneto, del
 +vicentino e di Schio in particolare, ma ben presente anche a Santorso,
 +San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino e Thiene, dovrebbero derivare dai
 +tanti paesi che, con il nome di Santa Caterina, sono situati un pò
 +in tutt'Italia, ricordiamo anche che il borgo di Santa Caterina è
 +una frazione di Schio nel vicentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTACROCE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del centrosud, ha numerosi ceppi autonomi, che dovrebbero derivare
 +tutti da toponimi com Santa Croce (CE), (BN), (TE), (LT), (AQ), Santa Croce
 +Camerina (RG) e moltissimi altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo è specifico del
 +ragusano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAGADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santagada è tipico del cosentino, di Villapiana, Cerchiara di Calabria,
 +Cassano allo Ionio, Trebisacce e Francavilla Marittima, con un piccolo
 +ceppo anche a Taranto, dovrebbe derivare da un'alterazione dialettale del
 +nome del paese di Sant'Agata di Esaro o Sant'Agata di San Demetrio Corone,
 +entrambi nel cosentino, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAGATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00santagata.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="45" height="56"><font size="-1">Sembra originario del casertano e napoletano, anche se parrebbero esserci
 +nuclei nel modenese e bolognese e nella fascia che va dal foggiano all'alto
 +cosentino, dovrebbero derivare da toponimi come Sant'Agata Bolognese (BO),
 +Sant'Agata sui Due Golfi (NA), Sant'Agata di Esaro (CS), Sant'Agata di
 +Puglia (FG) o Sant'Agata Irpina (AV). Tracce di questa famiglia si hanno
 +a Biella nel 1500, in un atto ivi conservato si legge: "<font color="#CC33CC">...il
 +padre don </font><font color="#FF0000">Egidio de Santagata</font><font color="#CC33CC">
 +preposito di san Sebastiano di Biela ...</font>", aVignola (MO) nel 1700,
 +i Fratelli Santagata vengono citati in giudizio dalla Comunità di
 +Vignola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAGATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra essere originario del catanese, dovrebbe derivare da un nome di
 +località.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Santagati è cognome della Sicilia orientale, è la forma
 +greca (con accento greco) di Sant'Agata. Rohlfs 166.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAGIULIANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santagiuliana, specifico del vicentino, di Recoaro Terme, Valdagno, Cornedo
 +Vicentino, Vicenza ed Arzignano, dovrebbe derivare dal toponimo Santa Giuliana
 +di Levico Terme nel trentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAGOSTINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese e del pavese,
 +può derivare dall'abitare il capostipite in prossimità di
 +una chiesa dedicata a quel santo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAMARIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe specifico del sud Italia,
 +ma con un ceppo nel genovese, potrebbe derivare da toponimi, peraltro molto
 +frequenti, contenenti Santa Maria, come ad esempio: Santa Maria a Vico
 +(CE), Santa Maria La Bruna (NA), Santa Maria al Bagno (LE), Santa Maria
 +degli Ammalati (CT), Santa Maria del Credo (CS), ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAMBROGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente milanese, dovrebbe derivare da fatto di aver abitato
 +la famiglia nella contrada o sotto la giurisdizione della parrocchia di
 +Sant'Ambrogio a Milano o dal fatto di appartenere alla Credenza di Sant'Ambrogio
 +un'associazione politico religiosa di epoca medioevale, ma tutt'ora esistente
 +pur se con fini notevolmente diversi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTANDREA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santandrea ha un ceppo tra bolognese, ravennate e forlivese, uno nel Piceno,
 +uno nel romano ed uno nel potentino, dovrebbero derivare dai vari toponimi
 +come Pieve Sant'Andrea (BO), Sant'Andrea (RA), Sant'Andrea (FC), Sant'Andrea
 +(AP) e Sant'Andrea (TE), Castronovo di Sant'Andrea nel potentino, e come
 +molti altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTANGELO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente diffuso in Lombardia, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia, derivano tutti da toponimi 
 +contenenti la radice Sant'Angelo, come ad esempio: Sant'Angelo Lodigiano (LO), Colle Sant'Angelo (TR), (IS), Mosciano 
 +Sant'Angelo (TE), Sant'Angelo d'Alife (CE), Sant'Angelo dei Lombardi (AV), Sant'Angelo di Brolo (ME) e moltissimi altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTANIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome decisamente campano Santaniello è particolarmente presente
 +nel napoletano, a Napoli, Castellammare di Stabia, Nola, Afragola, Casoria,
 +Gragnano e San Giorgio a Cremano, nell'avellinese, a Quindici, Lauro,Moschiano,
 +Avellino, Monteforte Irpino, Serino e Pago del Vallo di Lauro, nel salernitano
 +a Bracigliano, Nocera Inferiore, Sarno, Salerno, Mercato San Severino e
 +Castel San Giorgio, e a Benevento, dovrebbe derivare dal nome composto
 +dai nomi <i><font color="#3366FF">Santo</font></i> o <i><font color="#3366FF">Sante</font></i>
 +e dal nome <i><font color="#3366FF">Aniello</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTANOCITO
 +<br>SANTONOCITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici siciliani di Catania e del catanese in particolare, Santanocito
 +è molto molto raro, Santonocito è discretamente diffuso,
 +derivano da una forma dialettale corrotta di Sant'Anicito che fu l'undicesimo
 +papa dall'anno 155 al 166, o dal toponimo Anicito, valle e lago del catanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAPAOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è circoscritto al catanese, potrebbe derivare dalla vicinanza
 +a qualcosa, come un'icona o una località dedicate a Santa Paola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTARELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santarelli è molto diffuso in Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo,
 +foggiano e napoletano, dovrebbe derivare dal fatyto di essere il capostipite
 +nato nel giorno di Ognissanti, ma è pure possibile che in alcuni
 +casi si tratti di cognomi attribuiti a trovatelli., tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Cicciano (NA) fin dal 1500, un Colantonius Sanctarellus del
 +Regno di Sicilia è indicato fra gli scolari dell'ateneo perugino
 +nel 1583.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTARONE
 +<br>SANTARONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santarone, molto raro, ha qualche presenza tra lecchese e milanese ed una
 +tra pescarese e teatino, Santaroni è tipicamente laziale, di Monte
 +San Giovanni Campano nel frusinate, di Roma e di Cisterna di Latina nel
 +latinense, il ceppo laziale potrebbe derivare da una forma accrescitiva
 +del termine dialettale <i><font color="#3333FF">santaro</font></i> (<i><font color="#666666">venditore
 +ambulante di santini ed immaginette sacre</font></i>), tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo nel bergamasco in un atto di vendita del
 +1568, dove è citato, come parte venditrice di un appezzamento terriero,
 +un tale Battista Santarone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTAROSSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santarossa è tipico della zona che comprende il trevisano ed il
 +pordenonese, in particolare Porcia, Pordenone, Brugnera, Fontanafredda
 +ed Azzano Decimo, Cordenons, San Quirino, Prata di Pordenone, Sacile e&nbsp;&nbsp;
 +Fiume Veneto nel pordenonese, dovrebbe derivare dal nome della contrada
 +Santarossa del comune di Pasiano nel pordenonese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTARSIERE
 +<br>SANTARSIERI
 +<br>SANTARSIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santarsiere è specifico della zona lucana ai confini con il salernitano,
 +di Potenza e di Sala Consilina nel salernitano, Santarsieri è specifico
 +di Ripacandida, Avigliano e Vaglio nel potentino, con un ceppo ormai scomparso
 +a Montepagano nel teramano, Santarsiero, molto più diffuso, è
 +sempre lucano, specifico di Potenza, con grossi ceppi anche ad Avigliano
 +e Filiano, e presenze significative anche a Pignola, Pietragalla, Tito,
 +Vaglio Basilicata e Forenza, dovrebbero tutti derivare da un'alterazione
 +dialettale del nome del paese di Sant'Arsenio nel salernitano o direttamente
 +dal culto di Sant'Arsenio, medico e taumaturgo, molto sviluppato in quella
 +zona d'Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santato è specifico del rovigoto, di Rovigo, Costa di Rovigo, Villanova
 +del Ghebbo e Lendinara, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica tipicamente
 +veneta, dove il suffisso <i><font color="#3333FF">-ato</font></i> sta per
 +<i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferito ad un capostipite
 +il cui padre si fosse chiamato <i><font color="#3333FF">Santo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Sante</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTECECCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santececca è un cognome tipicamente laziale e di Roma in particolare,
 +dovrebbe derivare dalla modificazione dialettale di Santa Francesca Romana,
 +che veniva attribuito al proprio figlio per devozione alla santa o che
 +veniva dato per lo stesso motivo a dei fanciulli abbandonati presso il
 +convento dedicato alla santa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'area centrale che comprende il grossetano. il Lazio, gli Abruzzi
 +e Molise e lla Campania settentrionale, dovrebbe derivare da modificazioni
 +del nome tardo latino Sanctus, ma è pure possibile una derivazione
 +dal nome di una località individuata dalla presenza di una <i>cappella</i>
 +o <i><font color="#3333FF">santella</font></i> (piccola chiesetta); tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Solofra (AV) fin dal 1500.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sandella è cognome lucano. Attestato un Guglielmo de Sandella
 +nel 1562 a Màrsico Vètere = Santella calabrese e a Napoli:
 +'<i><font color="#3333FF">santarella</font></i>'. Rohlfs, Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTERAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santeramo è tipico dell'area che comprende il barese, il tarentino
 +ed il materano, in particolare di Barletta e Gravina In Puglia nel barese
 +e di Matera.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata o nel toponimo Santeramo in
 +Colle (BA) oppure (e questo vale soprattutto per i ceppi non pugliesi e
 +lucani) nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Santeramo</font></i>,
 +nato sulla base del culto di Sant'Eramo o Erasmo (vissuto in epoca tardo-imperiale
 +e morto a Formia nel 303 d.C.; <font color="#CC33CC">vedi anche Eramo</font>).
 +In conclusione, dunque, si tratta della cognominizzazione o dei nomi personali
 +dei capostipiti o di soprannomi ad essi attribuiti (ad indicare, cioè,
 +un'origine toponomastica).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTESE
 +<br>SANTESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santese ha un ceppo laziale a Roma, Guidonia Montecelio e Tivoli nel romano,
 +un ceppo campano a Battipaglia e Montecorvino Rovella nel salernitano,
 +ed uno salentino a Taranto, Grottaglie, Faggiano e San Giorgio Ionico nel
 +tarantino, a Galatone, Maglie, Galatina e Sanarica nel leccese e ad Erchie
 +nel brindisino, Santesi, molto molto raro, sembrerebbe aretino, dovrebbe
 +trattarsi di forme etniche riferite a capostipiti che provenissero da paesi,
 +che nel nome avessero contenuto la radice <i><font color="#3333FF">Santa</font></i><font color="#666666">
 +o </font><i><font color="#3333FF">Santo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTEUFEMIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santeufemia, quasi scomparso, sembrerebbe abruzzese, probabilmente dell'aquilano,
 +dovrebbe derivare da toponimi come Sant'Eufemia (CH) o Santeufemia a Maiella
 +nel pescarese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTHIA'
 +<br>SANTIA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santhià e Santià sono tipicamente piemontesi ed entrambi
 +molto rari anche se il primo, che è la forma arcaica del secondo,
 +è leggermente più diffuso, dovrebbero derivare dal toponimo
 +vercellese Santià.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Santhià è un cognome del Vercellese dal toponimo omonimo.
 +Secondo D. Olivieri, Dizionario di toponomastica piemontese 1965, p. 312
 +deriva da <i><font color="#3333FF">S. Agatha</font></i> , (comitatus -)
 +S. Agathae, dalla fine del sec. X.&nbsp; Il Serra&nbsp; ammette questa
 +vicenda del nome: da un SANCT-AGATHA, attraverso *<i><font color="#3333FF">A(g)à(d)a</font></i>,
 +a *<i><font color="#3333FF">Sant'Ajàa</font></i>, a <i><font color="#3333FF">Santià</font></i>;
 +e cita a conferma la voce piemontese ayàsa 'gazza'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santia è tipico laziale della zona tra Supino (FR) e Sezze (LT),
 +dovrebbe derivare dal nome greco Santia usato ad esempio ne Le Rane di
 +Aristofane dove si cita come servo di Dioniso un certo Santia che si arroga
 +i diritti di padrone sullo stesso Dioniso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTILLI
 +<br>SANTILLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santilli è molto diffuso nella fascia centrale che comprende Marche,
 +Umbria, Lazio, Abruzzi e Molise, Santillo è ben presente nel casertano,
 +nel napoletano e nel beneventano, dovrebbero derivare da ua forma ipocoristica
 +del nome <i><font color="#3333FF">Sanctus</font></i>, cioè dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Santillus</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio d'uso in questo scritto della seconda metà del 1400:
 +"<font color="#CC33CC">.. Et promisit dictus </font><font color="#FF0000">Santillus</font><font color="#CC33CC">
 +conductor dictos boves dicto tempore perdurante bene et diligenter gubernare,
 +acquare, pascere et custodire de die et de nocte a lupis ramo fossato et
 +omni mala guardia; et ubi mori contingerit culpa sua teneatur inmediate
 +ad dictum pretii restitutionem, ubi morte naturali moriantur dicto domino
 +Cesari et in fine dicti temporis restituere dictos boves receptabiles ut
 +decet ..</font>", nel 1313 troviamo un Santillus Macedonus tra i cittadini
 +di Solofra nell'avellinese che lavorano alla Zecca di Napoli e che godono
 +i privilegi concessi da re Roberto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTIMARIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santimaria sembrerebbe specifico di Vo nel padovano, dovrebbe trattarsi
 +di una forma dialettale per Santamaria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTIN
 +<br>SANTINI
 +<br>SANTINO
 +<br>SANTINON
 +<br>SANTINUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santin è tipico veneto, Santini è diffuso in tutto il centro
 +nord, Santino è tipico siciliano, Santinon è specifico del
 +trevigiano e del padovano, Santinucci, quasi unico, è toscano, dovrebbero
 +derivare, anche attraverso un'ulteriore forma ipocoristica, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Santinus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +con un certo Santinus de Folpertis citato fra i laureandi nell'anno 1441
 +dell'Università di Pavia, in un atto redatto in Bergamo nel 1510
 +si legge: "<font color="#CC33CC">...citati sunt infrascripti bergomenses
 +existentes ad servitia d.rum Venetorum in termino dierum 15, revertantur
 +ad patriam eorum et opponant, quare non debeant confiscari eorum bona etc.:
 +Petrus Antonius de Fadigatis, .... de Ficienis, Maffeius de Carraria, Alesius
 +de Marchisiis, </font><font color="#FF0000">Santinus de Marchisiis</font><font color="#CC33CC">...</font>";
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel comasco nel 1600 con il
 +dominus Antonius Santinus lapicida ( mastro scultore).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTIPOLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santipolo, assolutamente rarissimo, ha un piccolissimo ceppo a Torino,
 +probabile frutto dell'emigrazione interna dal Veneto, dove ha ancora qualche
 +sparuta presenza nel rovigoto, dovrebbe derivare dal nome portato dal capostipite, composto dai
 +nomi <i><font color="#3333FF">Sante</font></i> e <i><font color="#3333FF">Polo</font></i>,
 +entrambi diffusi in Veneto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTIROCCO
 +<br>SANTOROCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santirocco, molto raro, ha un piccolo ceppo a San Benedetto del Tronto
 +nell'ascolano, nell'aquilano e nel teatino ed a Roma, Santorocco, quasi
 +unico, è del sud della Sicilia, potrebbe derivare dal nome dei vari
 +paesi chiamati San Rocco, come ne esistono nel teatino, nel teramano, o
 +contrade, Pievi o parrocchie sempre dedicate a quel santo, anche se non
 +si può escludere che, in qualche caso, possano derivare da capostipiti
 +che avessero portato il nome composto dai nomi <i><font color="#3333FF">Sante</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Santo</font></i> e <i><font color="#3333FF">Rocco</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOCHIRICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santochirico, molto raro, è tipico di Matera e di San Mauro Forte
 +e Salandra nel materano, e di Latronico nel potentino, dovrebbe derivare
 +dal nome dei paesi di San Chirico Nuovo o San Chirico Raparo nel potentino,
 +probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOLI
 +<br>SANTOLIN
 +<br>SANTOLINI
 +<br>SANTOLINO
 +<br>SANTOLO
 +<br>SANTOLON</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santoli ha un ceppo nel bolognese a Bologna, Monzuno e Porretta Terme,
 +piccolissimi ceppi nel pisano e nel fiorentino, un ceppo a Roma, un piccolo
 +ceppo ad Orta Nova nel foggiano ed un ceppo molto consistente nell'avellinese
 +a Rocca San Felice, Torella dei Lombardi, Guardia Lombardi, Bisaccia ed
 +Avellino, Santolin ha un ceppo tra vicentino e trevisano, ad Altissimo,
 +Arzignano, Valdagno e Vicenza nel vicentino ed a Montebelluna, Roncade,
 +Maserada sul Piave e Paese nel trevisano, Santolini ha un ceppo veneziano,
 +uno nel bolognese, ravennate, forlivese e riminese ed uno nel pesarese,
 +anconetano e maceratese, Santolino è quasi unico, Santolo, molto
 +molto raro, sembrerebbe campano, con un minuscolo ceppo a Vallo della Lucania
 +nel salernitano, Santoloni, praticamente unico, sembrerebbe laziale, dovrebbero
 +tutti derivare, direttamente o tramite una forma ipocoristica o accrescitiva,
 +da un soprannome dialettale, comune a molti dialetti italiani, basato sul
 +termine <i><font color="#3333FF">santolo</font></i> (<i><font color="#666666">padrino</font></i>
 +di battesimo o di cresima), termine a sua volta derivato dal vocabolo medioevale
 +tardolatino <i><font color="#3333FF">sanctulus</font></i>, con il medesimo
 +significato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOMARTINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santomartino ha un ceppo nel napoletano a Napoli, Portici e Casoria ed
 +a Montemurro nel potentino, potrebbe derivare dal nome di uno dei tanti
 +paesi intestati a San Martino, presenti anche in Campania ed in Basilicata,
 +probabile luogo d'origine dei capostipiti, anche se non si può escludere
 +che possa derivare dal fatto che il capostipite portasse il nome doppio
 +formato dal nome <i><font color="#3333FF">Santo</font></i> e dal nome <i><font color="#3333FF">Martino</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOMAURO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santomauro ha un ceppo nella fascia che comprende il salernitano, il potentino
 +ed il barese, con un ceppo autonomo anche nel palermitano, dovrebbe derivare
 +dal nome composto dai nomi Santo e Mauro portati probabilmente dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOMERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santomero è tipicamente abruzzese, molto molto raro, sembrerebbe
 +specifico di Rocca San Giovanni e Mozzagrogna nel teatino, dovrebbe derivare
 +dal nome di Sant'Omero, un paese del teramano, molto florido in epoca romana,
 +che durante il tardo medioevo subì, come tutta la costa adriatica
 +abruzzese, molteplici attacchi ad opera dei pirati turchi e saraceni, tanto
 +da convincere molti abitanti ad emigrare in località più
 +difese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTONASTASO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del casertano, potrebbe
 +derivare da un nome di località, o dalla vicinanza ad una chiesa
 +dedicata a sant'Anastasio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTONICI
 +<br>SANTONICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santonici è quasi unico, Santonico è tipicamente laziale,
 +con ceppi a Roma e nel frusinate ad Anagni ed Acuto, dovrebbero derivare
 +dal nome della pianta <i><font color="#3333FF">santonico</font></i>, detta
 +anche artemisia marittima o assenzio marittimo, usata in erboristeria come
 +purificante del sangue e vermifugo, probabilmente ad indicare che i capostipiti
 +fossero dei guaritori o degli erboristi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOPIETRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santopietro ha vari ceppi nel centrosud, a Roma, a Pontecorvo nel frusinate
 +ed a Terracina nel latinense, a Pontelandolfo nel beneventano, a Santa
 +Maria Capua Vetere nel casertano e nel salernitano a Battipaglia e Salerno,
 +a Potenza e Tito nel potentino, a Grottaglie nel tarantino ed a Foggia,
 +ed a Crotone, dovrebbe derivare da capostipiti che avessero portato il
 +nome composto dai nomi Santo e Pietro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTORELLI
 +<br>SANTORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00santoro.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="58" height="81"><font size="-1">Santorelli ha un ceppo umbro, uno romano, uno tra Molise e teatino ed uno
 +campano, nel napoletano in particolare, Santoro è specifico del
 +centro sud, derivano, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Santorus</font></i>, a sua volta derivato da <i><font color="#3366FF">Sanctorum
 +Omnium</font></i> (<i><font color="#999999">Ognissanti</font></i>), nome
 +a volte attribuito ai bambini nati in quel giorno.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni di Donato Santoro</font></font>
 +<br>Santoro è un cognome e di origine salernitana, almeno i miei antenati
 +sono a Salerno città da oltre cinque secoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTORSOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santorsola ha un ceppo a Bari e nel barese, ad Adelfia, Capurso e Casamassima,
 +ed uno nel vicino materano a Bernalda in particolare, potrebbe derivare
 +dal fatto di abitare la famiglia nella contrada della chiesa di Sant'Orsola,
 +ma è pure possibile che possa trattarsi in alcuni casi di un cognome
 +attribuito a dei trovatelli posti sotto la protezione di Sant'Orsola, culto
 +molto attivo in Puglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTOVITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santovito ha un piccolo ceppo nel teatino, a Casalnguida, Rapino ed Ortona,
 +uno a Torre del Greco nel napoletano, ma il ceppo principale è in
 +Puglia ad Andria nel barese, con ceppi anche nel tarentino a Massafra,
 +Taranto, Crispiano e Statte, e nel foggiano a Manfredonia e San Ferdinando
 +di Puglia, dovrebbe derivare dalla toponomastica, dai vari paesi come Colle
 +San Vito nell'aquilano, San Vito nel pescarese e nel campobassano, Celle
 +di San Vito nel foggiano, San Vito nel potentino e, come questi moltissimi
 +altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTUCCI
 +<br>SANTUCCIO
 +<br>SANTUCCIONE
 +<br>SANTULLI
 +<br>SANTULLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Santucci è tipico dell'Italia centrale, Santuccio è siracusano,
 +Santulli ha un ceppo romano ed uno in Irpinia a Monteforte Irpino ed Avellino,
 +Santuccione è caratteristico del pescarese, di Cepagatti e Pescara,
 +Santullo oltre al ceppo tra napoletano e salernitano ne ha pure uno in
 +Molise a Macchia Valfortore (CB) e Campobasso, derivano tutti da ipocoristici
 +più o meno dialettali del nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Sanctus</font></i>
 +e da loro accrescitivi&nbsp; Troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +a Siena nel 1500 con il ciabattino Girolamo Santucci, accusato di eresia,
 +a Perugia nel XVI° secolo con un certo Bernabeo Santucci&nbsp; citato
 +in un atto di compravendita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANTUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario del cagliaritano, è
 +molto raro, deriva dal nome tardo latino Sanctus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANVITALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanvitale è tipicamente abruzzese, di Ortona nel teatino, dovrebbe
 +derivare dal nome di una località, di una pieve o di una parrocchia
 +di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANVITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico lombardo, sembrerebbe del milanese, dovrebbe derivare da uno dei
 +molti toponimi come ad esempio San Vito di Gaggiano (MI) o dal nome di
 +una pieve o una contrada la cui chiesa sia dedicata appunto a San Vito.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANZA
 +<br>SANZI
 +<br>SANZIO
 +<br>SANZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanza è tipico di Potenza, Sanzi, molto raro, ha un ceppo nel cosentino
 +ed uno nel catanzarese, Sanzio, molto molto raro, è del sud, Sanzo
 +ha un ceppo a Chiaravalle Centrale (CZ), uno a Gela (CL) ed uno a Palermo,
 +dovrebbero tutti
 +derivare da modificazioni dialettali del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Sanctius</font></i>
 +a sua volta derivato dal nome <i><font color="#3366FF">Sanctus</font></i>,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel 1400:
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sanza è cognome campano e lucano, forse dal toponimo omonimo
 +in provincia di Salerno, nel Medioevo segnato anche come Sansa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANZENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo è tipico della
 +zona di confine del bresciano con il cremonese, dovrebbe derivare dal toponimo
 +San Zeno Naviglio (BS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SANZOGNI
 +<br>SANZOGNO
 +<br>SONZOGNI
 +<br>SONZOGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sanzogni è specifico del bresciano, Sanzogno, quasi unico, è
 +probabilmente dovuto ad errori di trascrizione, Sonzogni è tipico
 +del bergamasco, Sonzogno, molto molto raro, è presente in Lombardia
 +e Veneto, derivano dal toponimo Zogno (BG) ed in particolare dall'antica
 +località di <font color="#3366FF">Sum</font><font color="#000000">(mum)</font><font color="#3366FF">Zognum</font>
 +castello posto sopra Zogno, i Sonzogni ebbero titolo nobiliare, tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo a Zogno almeno dalla seconda metà
 +del 1400 quando un certo Don Antonio Sonzogno e scritto tra i parroci supplenti
 +della Parrocchia di San Lorenzo martire per il periodo dal 1489 al 1499.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAOR
 +<br>SAORIN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saor è praticamente unico, Saorin è tipicamente veneto, di
 +Teolo, San Pietro Viminario e Monselice nel padovano, di Verona e Monteforte
 +d'ASlpone nel veronese e di Montecchio Maggiore nel vicentino, dovrebbero
 +derivare da un soprannome basato sul termine dialettale veneto <i><font color="#3333FF">saor</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sapore</font></i>, <i><font color="#3333FF">condimento</font></i>),
 +che in senso lato significa <i><font color="#666666">a modo, aggraziat</font></i>o.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPIA
 +<br>SAPIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sapia è tipico del cosentino, di Rossano e Corigliano Calabro (CS),
 +Sapio dovrebbe essere originario del casertano e napoletano, derivano dal
 +nome medioevale Sapius ( che si è poi trasformato in Savio), nel
 +X° secolo troviamo un Iohannes Sapius; nella Divina Commedia, Dante
 +scrive: "<font color="#993366">...Savia non fui, avvegna che Sapìa
 +fossi chamata ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>SAPÌA - G. Rohlfs distingue questo cognome da SÀPIO (che
 +significa 'savio, saggio'), a mio parere con ragione, visto il diverso
 +accento. Per Sapìa egli propone la derivazione dall'albanese <i><font color="#3333FF">shapi-a</font></i>
 += <i><font color="#666666">ramarro</font></i>. G. Rohlfs, Diz. cogn. in
 +Calabria, 1979, p. 234.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPERE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sapere è caratteristico di Salerno, ma presente anche in tutto il
 +salernitano, potrebbe trattarsi di un'alterazione dialettale del nome Saverio,
 +in qualche caso potrebbe essere stato un cognome attribuito a dei trovatelli affidati al Divino Sapere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sapetti, molto molto raro, è piemontese, del cuneese e del torinese,
 +potrebbe derivare da un soprannome dialettale basato sul termine settentrionale
 +dialettale <i><font color="#3333FF">sapètt</font></i> (<i><font color="#666666">piccola
 +zappa</font></i>), forse usato per identificare nel capostipite un orticultore,
 +ma secondo un'altra ipotesi potrebbe derivare dal termine tardo latino
 +<i><font color="#3333FF">sapetum</font></i> (<i><font color="#666666">abetaia,
 +bosco di abeti</font></i>) ed indicare la provenienza del capostipite da
 +un luogo ricco di abeti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPIENZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sapienza sembrerebbe tipicamente siciliano, con presenze significative
 +anche nel potentino, in Puglia e Campania.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Sapienza</font></i>,
 +che, assieme al suo equivalente greco <i><font color="#3366FF">Sofia</font></i>,
 +assume spesso un valore religioso (proprio del Cristianesimo): annoverata
 +sia fra i sette doni dello Spirito Santo che fra le quattro virtù
 +cardinali, la sapienza viene descritta come la capacità di vedere
 +ogni cosa alla luce di Dio, così da saper distinguere il vero dal
 +falso e il bene dal male. Per quanto riguarda il cognome in questione,
 +dunque, si tratta della cognominizzazione dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPONARA
 +<br>SAPONARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Non comune Saponara dovrebbe avere ceppi nella fascia che congiunge il
 +salernitano al barese attraverso la Basilicata, Saponaro è tipico
 +pugliese, dovrebbero derivare dal mestiere di fabbricante o venditore di
 +sapone, in alcuni casi potrebbe derivare dal toponimo Saponaro (PZ).</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPORITA
 +<br>SAPORITI
 +<br>SAPORITO
 +<br>SAVORITI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saporita è specifico del messinese, Saporiti è tipico dell'area
 +lombarda centroccidentale, del novarese e del verbanese, con un piccolo
 +ceppo anche tra genovese e spezzino, Saporito è tipico di Roma e
 +del meridione, del napoletano, avellinese e salernitano, della Calabria
 +centrosettentrionale e della Sicilia, Savoriti, estremamente raro, è
 +del frusinate, di Isola del Liri in particolare, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Saporitus</font></i> o <i><font color="#3366FF">Savoritus</font></i>.&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nella <i><font color="#3366FF">Chronica
 +Placentina</font></i> dell'anno 1229: "<font color="#CC33CC">Anno Domini
 +MCCXXVIIII de mense aprilis dominus </font><font color="#FF0000">Gulielmus
 +Saporitus</font><font color="#CC33CC"> de Mediolano venit ad regimen civitatis
 +Placentie. Eodem anno de mense maii Placentini cum exercitu iverunt ad
 +Bobium et tunc Bobienses iuraverunt parere mandatis comunis Placentie secunda
 +vice</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Saporito è cognome siciliano che significa '<i><font color="#3333FF">grazioso</font></i>'.
 +Rohlfs 167.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAPUPPO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sapuppo è un cognome tipicamente siciliano, di Catania in particolare,
 +con ceppi anche a Palermo, Messina, Agira nell'ennese e nel catanese ad
 +Acireale, Santa Venerina, Aci Sant'Antonio, Zafferana Etnea e Ramacca,
 +dovrebbe derivare dal nome arabo <i><font color="#3366FF">Shabub</font></i>.</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, probabilmente originario
 +del sassarese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARACCA
 +<br>SARACCHI
 +<br>SARACCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saracca ha un piccolo ceppo tra parmense e reggiano ed uno a Perugia ed
 +a Marsciano nel perugino, Saracco è tipico delle province di Torino
 +ed Asti, Alessandria e Genova, mentre Saracchi è estremamente raro
 +e sembrerebbe di origine emiliana, dovrebbero derivare dal termine <i><font color="#3333FF">saracco</font></i><font color="#000000"> o </font><i><font color="#3333FF">saracca</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sorta di sega</font></i>) che starebbe ad indicare
 +il mestiere del falegname o del mastro d'ascia svolto probabilmente dal
 +capostipite. Nel 1501 troviamo arcivescovo di Lepanto Marco Saracco, esistono
 +tracce di questo cognome, nell'astigiano già nel 1680, quando don
 +Antonio Saracco, originario di&nbsp; Antignano(AT), viene nominato parroco
 +della S.S.Annunziata di Callianetto (AT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARACENI
 +<br>SARACENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saraceni ha un ceppo a Roma, uno nel chietino nella zona di Vasto ed uno
 +a Castrovillari nel cosentino, Saraceno ha un nucleo ad Augusta nel siracusano
 +ed uno a Reggio Calabria, dovrebbe derivare da un'origine araba o da un
 +prigioniero degli arabi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornite da A. Mazzuca</font></font>
 +<br>Saraceno, nonostante l'apparenza, è aggettivo del centro di
 +Aricia nel Lazio, da cui Arichino od Aricino; la S è una protesi.(Giuseppe
 +Pensabene, edizioni AZ, settembre 2004)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SARACENO; SARACINO: si tratta di due cognomi quasi scomparsi dai registri
 +anagrafici dei Comuni della Sardegna, nonostante la loro considerevole
 +presenza nei documenti antichi della Lingua e della Storia Sarda, soprattutto
 +nei Condaghi. Attualmente Saraceno è presente in due Comuni Sardi,
 +Sestu e Cagliari e con un solo nucleo familiare a testa. Anche Saracino
 +è presente in soli due Comuni della Sardegna, Quartu ed Arzachena
 +e con un solo nucleo familiare a testa. Ci confermano inoltre che si tratta
 +di cognomi arrivati, in tempi recenti, dal Continente. E dei numerosi Saracina,
 +Saracinu, Saracino, Saracine, Saraginu, presenti nei Condaghi di San Pietro
 +di Silki, di San Michele di Salvennor, di Santa Maria di Bonarcado ed in
 +altre carte antiche perché non è rimasto niente? Vediamo.
 +Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII secolo, figurano:
 +Saraginu Furadu (cap. 82), in una partizione di servi, tra il Monastero
 +e il Giudice (d'Arborea): Ego Girardo, prior de Bonarcado, facio partitione
 +cun Iudice: homines ki amus in pare in Augustis (degli uomini che abbiamo
 +insieme ad Austis).-h- fiios de Furadu Saraginu: Goantine e Torbini a clesia,
 +et Iorgi et Orzoco ad Iudice.(gli stessi figli di Furadu, nel medesimo
 +capitolo sono chiamati Sarakinu). Nel Condaghe di San Nicola di Trullas,
 +CSNT, XI, XIII secolo, abbiamo: Sarakina o Saracina Littera (Sarakina è
 +il nome - 287 -): (in una compera) comporaili a Gunnari de Kerki .I. die
 +in Petru Cuccuru (un giorno - la settimana - di lavoro).et isse deitimi
 +(mi ha dato in cambio) su cantu ki aviat (quanto possedeva di ) in Sarakina
 +Littera et in sa fiia. Testes:.Sarakinu Ianne(102 e 116) - Maiore d'Iscolca
 +(comandante della guarnigione di confine): (in una donazione - 102), positinke
 +donnu Gosantine&nbsp; de Scanu cun sos fiios pro anima issoru (hanno dato,
 +il nobile Gosantine de Iscanu a Sanctu Nichola per la loro anima).Testes:
 +.Ianne Sarakinu, ki fuit maiore d'iscolca.Nel Condaghe di San Michele di
 +Salvennor, CSMS, XI, XIII secolo, abbiamo Sarakinu Migali (Michele), al
 +cap. 182: (in una donazione di servi) dio a San Nicolas (dono a San Nicola.).un
 +quarto de Miguel Seraquino (il Condaghe è in spagnolo).etc. etc.
 +Il più famoso dei Saraceno del periodo medioevale è Saraceno
 +Caldera, N. regina di Arborea, figlia anonima del nobile pisano Andreotto
 +e di una sconosciuta, sposò Mariano II de Bass - Serra, sovrano
 +del regno giudicale di Arborea dal 1264.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARACINELLI
 +<br>SARACINI
 +<br>SARACINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saracinelli, molto raro, è tipico di Ancona e del perugino, Saracini
 +è abbastanza raro e si individuano due nuclei, nel senese e nell'anconetano,
 +forse un ceppo nel Lazio, Saracino è decisamente pugliese, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Saracino</font></i>
 +o da soprannomi legati ad origini arabe o da soprannomi legati ad episodi
 +riferentesi ad islamici. Nel 1215 a Siena troviamo in un atto: "<font color="#CC33CC">...sopra
 +riferito strumento Paganello di Galgano, Console di Montieri, promesse
 +a </font><font color="#FF0000">Saracino</font><font color="#CC33CC"> del
 +Ricca Cittadino Sanese, che stipulò per il Comune di Siena, ...</font>",
 +in un atto del 1336 a Perugia troviamo come testi: "<font color="#CC33CC">...Amatus
 +Pauli, </font><font color="#FF0000">Vandutius Saracinelli</font><font color="#CC33CC">,
 +Ranaldus Rubei,...</font>", nel 1500 troviamo un Cardinal Saracino, nel
 +1600 a Milano Gerolamo Saracino è il vicario criminale che istruirà
 +il processo a Suor Virginia. la monaca di Monza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARAGA
 +<br>SARAGHI
 +<br>SARAGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saraga ha un ceppo nell'urbinate, a Cagli ed Urbino, ed un ceppo a Roma,
 +Saraghi, molto più raro, è di Fermignano, sempre nell'urbinate,
 +Sarago è quasi unico, dovrebbero derivare da soprannomi basati sul
 +termine bizantino <i><font color="#3333FF">saragas</font></i> (<i><font color="#666666">pesce</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARAI
 +<br>SARAIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarai, molto raro, è tipico di Samugheo nell'oristanese, Sarais
 +invece è ben diffuso nel cagliaritano, dovrebbero derivare dall'antico
 +toponimo Villa Sarai che esisteva nel Sulcis.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SARAI; SARAIS: significato ed etimo dei due cognomi, rimangono non
 +ben chiari: si può solo pensare che il secondo sia il plurale del
 +primo, ma non è dato per scontato! In sardo esiste il vocabolo <i><font color="#3333FF">sarau</font></i>,
 +che significa <i><font color="#666666">tripudio, scialo, festa</font></i>,
 +che qui in Campidano chiamiamo <i><font color="#3333FF">sciarò</font></i>;
 +fai sciarò = fare sciala, scialo, festa. <i><font color="#3333FF">Sarau</font></i>
 +deriva dal catalano <i><font color="#3333FF">sarau</font></i> o dallo spagnolo
 +<i><font color="#3333FF">sarao</font></i>: <i><font color="#3333FF">reunion
 +nocturna en que hay baile</font></i>. Oppure potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">sarrani</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">sarani </font></i>(in linguaggio fonetico &gt;
 +<i><font color="#3333FF">sarâi</font></i>)o <i><font color="#3333FF">serrani</font></i>
 += <i><font color="#666666">serrano</font></i> comune (pesce). Sarais è
 +inoltre il nome di un villaggio scomparso, detto anche Sarrasi, ubicato
 +in agro di Genico, in località Sessiri. Come villa medioevale, "bidda",
 +appartenne alla Curadorìa di Siurgus, nel regno giudicale di Cagliari.
 +Dal 1324 appartenne al regna catalano aragonese di Sardegna. Andò
 +spopolandosi sin dai primi decenni del XV secolo e in seguito fu definitivamente
 +abbandonato. Sarai è inoltre una località ed un monte in
 +agro di Carbonia, meglio conosciuto come Monte Sirai, sede del più
 +vistoso insediamento cartaginesi in Sardegna. Sarais è, per di più,
 +il nome di una collina e di un nuraghe del territorio di Guspini. Il canonico
 +Giovanni Spano fa derivare la voce "sarais" (del nuraghe)dal fenicio =
 +casa del principe. Per ora non sappiamo altro. Come cognome lo troviamo
 +tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388: Sarai Joanne, ville
 +Açàra, * Açàra .odierno Atzàra. - Mandrolisay
 +e Barbagia di Belvì. Attualmente il cognome Sarai è presente
 +in 20 Comuni italiani, di cui 9 in Sardegna: Samugheo 26, Oristano 18,
 +Asuni 12, Quartu 11, etc. Sarais è presente in 56 Comuni italiani,
 +di cui 35 in Sardegna: Cagliari 40, Siliqua 35, Ussana 28, Iglesias 27,
 +etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARANDREA
 +<br>SARANDRIA
 +<br>SERANDREA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarandrea è tipico del Lazio, di Alatri, Collepardo e Frosinone
 +nel frusinate e di Roma e Latina, Sarandria, assolutamente molto raro,
 +ha presenze nella Toscana settentrionale e nella zona tra materano e cosentino,
 +Serandrea, quasi unico, è del romano, potrebbero derivare dal nome
 +di origini ebraiche <i><font color="#3333FF">Sharander</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARANGA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saranga, ogghi presente quasi esclusivamente in Lombardia e nel piacentino,
 +dovrebbe essere originario dell'area potentino, cosentina, di probabili
 +lontane origini anatoliche, potrebbe trattarsi dell'italianizzazione del
 +nome turco <i><font color="#3333FF">Saruhan</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARAO'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saraò è specifico di Milazzo nel messinese, potrebbe derivare
 +da una modificazione dialettale del cognome di origini francesi <i><font color="#3366FF">Sarraute</font></i>
 +(pronuncia <i><font color="#3366FF">sarraot</font></i>), cognome che a
 +sua volta dovrebbe derivare dal fatto di essere la famiglia originaria
 +di una cresta&nbsp; costiera o montana elevata.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Saraò è cognome del Messinese, variante di SARAGÒ,
 +a sua volta da SIRAGÒ che deriva dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Syrigós</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARBIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarbia, assolutamente rarissimo, è specifico dello spezzino, di
 +Lerici e La Spezia in particolare, dovrebbe derivare dal nome del paese
 +di Sarbia, una frazione di La Spezia, probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese e pavese, potrebbe
 +essere di origine francese, di Sarcus, paese del cantone di Granvilliers,
 +ma un'altra ipotesi è che derivi da un soprannome legato al vocabolo
 +sarchio (sorta di zappa).&nbsp; Ci sono tracce dei De Sarcus fin dal 1400,
 +il cognome Sarchi si trova già dal 1700, come famiglia benestante
 +in Toscana, un Francesco Filippo Sarchi, linguista e docente lo troviamo
 +nella Vienna di fine Settecento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARCI
 +<br>SARCI'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00sarci.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="45" height="53"><font size="-1">Entrambi rarissimi, rappresentano due diverse registrazioni dello stesso
 +cognome, sembra siano originari del palermitano, derivano da una variazione
 +del vocabolo saracino (arabo, mussulmano) e starebbe ad indicare o una
 +discendenza araba o comunque un collegamento con il mondo islamico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARCINELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarcinelli è tipico di Castellammare di Stabia (NA) con un ceppo
 +anche a Barletta e Minervino Murge nel barese ed uno a Spilimbergo (PN),
 +potrebbe derivare dall'ipocoristico di soprannomi originati dal termine
 +latino <i><font color="#3366FF">sarcina</font></i> (<i><font color="#999999">fardello,
 +carico, peso</font></i>) forse ad indicare che il capostipite era il figlio
 +di un giovane o piccolo addetto a piccoli lavori di trasporto.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sarcinelli è cognome barese che secondo Minervini 438 è
 +un alterato di <i><font color="#3333FF">Saracino</font></i>. Secondo Rohlfs
 +potrebbe invece derivare dal calabrese <i><font color="#3333FF">sàrcina</font></i>
 +'<i><font color="#666666">fascina di legna secca</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARCONI
 +<br>SARCONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi dovrebbero derivare dal toponimo Sarconi
 +(PZ) o dal suo etnico <i><font color="#3366FF">sarconeo</font></i> con
 +il suffisso <i><font color="#3366FF">-eo</font></i> secondo l'uso greco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è originario
 +del barese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome presente soprattutto a Brindisi, dovrebbe essere un derivato
 +del cognome base di tipo soprannominale Sardella risalente all'italiano
 +'<i><font color="#3333FF">sardella</font></i>', che oltre al venditore
 +del pesce poteva indicare anche una persona magra.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipicamente sardo, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Sardara (CA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDELLA
 +<br>SARDELLI
 +<br>SARDELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sardella ha origini pugliesi, sembrano esserci anche dei ceppi, probabilmente
 +secondari, lungo le coste adriatiche, Sardelli ha un ceppo toscano nella
 +zona che comprende il fiorentino, il senese, il pisano ed il livornese,
 +un ceppo tra romano e frusinate ed uno tra brindisino e tarentino, Sardello
 +è praticamente unico, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Sardellus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel 1300, in uno scritto di Benvenuto da Imola
 +leggiamo: "<font color="#CC33CC">... fuit quidam civis Mantuanus nomine
 +</font><font color="#FF0000">Sardellus</font><font color="#CC33CC"> , nobilis
 +et prudens miles et curialis ...</font>", ma possono anche derivare o dal
 +mestiere di pescatore o da caratteristiche fisiche del capostipite. cognominizzazioni
 +molto antiche, le si ritrovano ad esempio anche nel 1500, nella <i><font color="#3366FF">vita
 +di Benvenuto Cellini scritta ai tempi suoi in Firenze</font></i> si legge: "<font color="#CC33CC">...tal
 +parole me l'aveva ridette quell'uomo dabbene di </font><font color="#FF0000">Giovanni
 +Sardella</font><font color="#CC33CC">. Di modo che io mi risolsi, che eglino
 +m'avessino dato innuno scodellino di salsa, ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDI
 +<br>SARDO
 +<br>SARDONE
 +<br>SARDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sardi è presente in Liguria, Piemonte, Toscana e Lazio, Sardo è
 +tipico di Campania, Sicilia, Liguria e Piemonte, Sardone ha un grosso ceppo
 +in Puglia, in particolare nel barese, in Basilicata, in particolare nel
 +materano, ed ha un piccolo ceppo in Sicilia, Sardoni, estremamente raro,
 +parrebbe romano, dovrebbero derivare, direttamente o attraverso accrescitivi,
 +dall'etnico sardo (abitante della Sardegna), ad indicare probabilmente
 +che le famiglie provenissero da quell'isola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDINA
 +<br>SARDINI
 +<br>SARDINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sardina è specifico del trapanese e palemitano, Sardini, molto molto
 +raro, sembra avere un nucleo nel basso bresciano, ed uno nel centro Italia,
 +dall'aretino all'alto Abruzzo, Sardino, ancora più raro, sembra
 +dell'eporediese e canavese, dovrebbero derivare da soprannomi originati
 +dall'estrema magrezza della famiglia, il ceppo siciliano può anche
 +essere legato al mestiere di pescatore o salatore di pesce.&nbsp; Tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo a Lucca nel 1500, in un diploma imperiale
 +del 1536 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Messer Nicolao Liena, maestro
 +Gerardo Seriusti et messer </font><font color="#FF0000">Dino Sardini</font><font color="#CC33CC">,
 +in loco del decto maestro Gerardo absente...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARDU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sardu è tipicamente sardo, della costa occidentale dell'isola, deriva
 +dal termine <i><font color="#3333FF">sardu</font></i> (<i><font color="#999999">nativo
 +di Sardegna</font></i>)
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SARDU: significa sardo (di origine sarda) e deriva dal latino <i><font color="#3333FF">sardus</font></i>.
 +Nei tempi antichi era <i><font color="#3333FF">sardiscu, sardisca</font></i>,
 +usati per lo più come aggettivi. Nella Carta de Logu, XIV secolo,
 +ritroviamo diverse volte l'aggettivo usato nei due generi: Cap.II - .ed
 +esserit coyadu assu modu Sardiscu; al cap. XCVIII - dessas feminas chi
 +si coyarint a modu Sardiscu.Al cap. XCI - .chi bisongiat ad homini de cavallu,
 +assa Sardisca;.Ma proprio per indicare l'origine sarda troviamo, più
 +volte, i vocaboli,&nbsp; sardu, sardas, sardos. Al cap. LIII .a chi hat
 +a mandari nunza su Sardu.Al cap. LXXXVIII: De cussos chi hant a haviri
 +Cavallos issoru, ch'illos pozzant vender a Sardos. Al cap. LXXIV, item
 +ordinamus chi totu cussas personas Sardas, e Terramingiesas (continentali).Non
 +troviamo il termine "sardu" come cognome, se non in tempi recenti. Gonnosfanadiga,
 +Comune di 7500 abitanti della provincia del Medio Campidano, ha il numero
 +più alto di "Sardu" di tutta la Sardegna, con 85. Il fatto che tra
 +i Sardu di Gonnosfanadiga non ci siano soprannomi, ci induce a pensare
 +che si tratti di un unico ceppo e di origini recenti. Gli anziani da noi
 +intervistati affermano che i Sardu di questo centro sono tutti parenti.
 +L'Archivio Storico del Comune non è ancora disponibile; lo sarà
 +fra poco, assicurano gli amministratori; appena lo sarà potremo
 +dare notizie più precise. Attualmente il cognome è presente
 +in 95 Comuni italiani, di cui 55 in Sardegna: Gonnosfanadiga 85, Sassari
 +59, Cagliari 48, Arbus 38, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARESANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, quasi
 +unico, probabilmente originario di Melegnano, dovrebbe derivare dal nome
 +di una località della Pieve di San Giuliano, Saresano, che viene
 +citata nell'atto di costituzione della Pieve, come Vigliano con Saresano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARGENTELLI
 +<br>SARGENTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sargenti ha un ceppo nel lucchese e nel reggiano, uno nel perugino ed uno
 +nel Lazio, Sargentelli assolutamente rarissimo sembra originario dei dintorni
 +di Lucca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARITZU
 +<br>SARRITZU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saritzu, quasi unico, è di Quartu Sant'Elena nel cagliaritano, Sarritzu
 +è tipico di Cagliari e dintorni, dovrebbero derivare da un soprannome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SARITZU; SARRITZU: è una parola composta &gt; <i><font color="#3333FF">su
 +arritzu, s'arritzu</font></i>. In Campidano <i><font color="#3333FF">s'arrìtzu</font></i>
 +è <i><font color="#666666">il bruscolo che entra nell'occhio</font></i>:
 +"<i><font color="#3333FF">M'hat intrau un'arritzu in s'ogu</font></i>"!
 += <i><font color="#666666">mi è entrata una pagliuzza nell'occhio</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">S'arritzu, s'eritsu, s'iritzu, s'arritzòni,
 +s'arritsòni</font></i> è anche <i><font color="#666666">il
 +riccio</font></i>, dal latino <i><font color="#3333FF">ericius</font></i>.
 +S'arritzoni de matta = il riccio di terra; s'arritzoni de mari = il riccio
 +di mare. O anche s'arritzu o s'arritzoni de sa castangia = il riccio della
 +castagna. Da cui "probabilmente" deriva il nome del paese Aritzo (1426
 +abitanti; provincia di Nuoro; 900 m. s.l.m. conosciuto come il paese delle
 +castagne. Presente negli antichi documenti della storia della Sardegna).
 +Nei quali documenti non l'abbiamo trovato come cognome, se non nella variante
 +Aritzo (vedi Aritzo). Attualmente il cognome Sarritzu è presente
 +in 53 Comuni italiani, di cui 25 in Sardegna: Quartu S. E. 452, Cagliari
 +81, Quartucciu 45, Dolianova 21, etc. Sarritzu (sicuro errore anagrafico)
 +è presente nel solo Comune di Quartu, con un solo nucleo familiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico campano della zona che comprende le province di Napoli, Avellino
 +e Salerno, ha un ceppo secondario anche nel barese, deriva dal toponimo
 +Sarno (SA) o dal nome del fiume omonimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARONNI
 +<br>SARONNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saronni è tipicamente lombardo, è diffuso nel milanese ed
 +aree limitrofe, Saronno, assolutamente rarissimo, potrebbe essere dovuto
 +ad errori di trascrizione, dovrebbero comunque derivare dal toponimo Saronno
 +(VA), cittadina ai confini con il milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAROTTI
 +<br>SAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarotti estremamente raro sembra specifico&nbsp; di Teglio (SO) con ceppi
 +probabilmente secondari anche nel cuneese, Sarotto è tipico del
 +cuneese e basso torinese, dovrebbero derivare da modificazioni dell'aferesi
 +del nome Baldassarre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARRA
 +<br>SARRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarra è abbastanza raro
 +ed è tipico dell'alto Lazio e dell'aquilano, Sarro, molto più
 +raro, è specifico della zona che dall'avellinese, arriva al cosentino,
 +che potrebbe in qualche modo derivare dal toponimo Sarro (CT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARRAPOCHIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo è tipico di San Lorenzo Maggiore (BN).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Sarrapochiello è un tipico cognome del comune beneventano di
 +San Lorenzo Maggiore. Tale forma cognominale dovrebbe trarre origine, a
 +mio avviso, dalla fusione del nome del Capostipite, tale Baldassarre, la
 +cui forma aferetica è "Sarre" o, appunto,
 +<br>"Sarra", con il soprannome dello stesso, ossia "Pochiello", idioma
 +con il quale si indicava in passato, e in alcuni dialetti campani si indica
 +tuttora, una persona "povera di mezzi o di spirito". "Pochiello" o "pochello"
 +sono infatti due forme dialettali del termine italiano "poco", che oltre
 +a significare "piccolo, di piccola quantità, scarso", poteva indicare
 +nei secoli scorsi una persona fisicamente esile, uno "smilzo".&nbsp; Con
 +ogni probabilità, in conclusione, il ceppo beneventano dei Sarrapochiello
 +discende da un tale Baldassarre, soprannominato "Pochiello" perchè
 +povero, privo di mezzi di sussistenza, o in base ad una sua peculiarità
 +fisica, in quanto piccolo di statura o dalla corporatura esile oppure,
 +in ultima analisi, denominato "pochiello" in senso offensivo (cialtrone,
 +pover'uomo) o canzonatorio e scherzoso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARRUBBA
 +<br>SARRUBBI
 +<br>SARRUBBO
 +<br>SARUBBI
 +<br>SARUBBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarrubba, Sarrubbi e Sarrubbo, molto molto rari, sono del napoletano, Sarubbi
 +è specifico dell'area lucano, cosentina, di Lauria, Francavilla
 +in Sinni e Latronico nel potentino, di Stigliano, San Giorgio Lucano e
 +Matera nel materano e di Verbicaro, Santa Maria del Cedro, Orsomarso, Francavilla
 +Marittima e Scalea nel cosentino, Sarubbo, molto meno diffuso, è
 +specifico di Cassano allo Ionio, Tortora e Praia a Mare nel cosentino,
 +per questi cognomi esistono due tipi di ipotesi, la prima è che
 +possano derivare da forme aferetiche alterate di soprannomi originati dal
 +termine <i><font color="#3333FF">casa rubia</font></i> (<i><font color="#666666">casa
 +rossa</font></i>), forse ad indicare una caratteristica dell'abitazione
 +dei capostipiti, la seconda ipotesi, la più probabile, propone una
 +derivazione dal nome arabo <i><font color="#3333FF">Sharrub</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Sharub</font></i>, nome che deriva dal termine
 +arabo che ha originato il nostro vocabolo sciroppo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARTARELLI
 +<br>SARTELLI
 +<br>SARTI
 +<br>SARTINI
 +<br>SARTINO
 +<br>SARTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sartarelli, abbastanza raro, ha un ceppo nel fiorentino, uno nell'anconetano
 +ed uno nel romano, Sartelli è tipicamente ligure, di Rocchetta di
 +Vara nello spezzino in particolare, Sarti occupa un areale che comprende
 +le province di Verona, Modena e Bologna, Firenze, Lucca, forlivese, pesarese
 +e riminese, Sartini è specifico della fascia che comprende Romagna,
 +Marche, Umbria e Toscana, Sartino, assolutamente rarissimo, parrebbe di
 +Vigevano (PV), Sarto ha un ceppo nel veneziano, uno nel milanese, uno in
 +Campania ed uno nel foggiano, derivano tutti probabilmente, direttamente
 +o tramite ipocoristici, da soprannomi originati dal mestiere di <i><font color="#3333FF">sarto</font></i>.
 +Personaggio di estremo rilievo è stato Giuseppe Sarto che veniva
 +eletto papa con il nome di Pio X°&nbsp; il 4 agosto del 1903.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARTIRANA
 +<br>SARTIRANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sartirana potrebbe essere originario dell'alessandrino o del pavese, con
 +un possibile ceppo secondario nel&nbsp; milanese, dovrebbe derivare dal
 +toponimo Sartirana Lomellina (PV) che deriva a sua volta dalla Gens Satria,
 +famiglia patrizia romana, Sartirani molto più raro è tipico
 +del bergamasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARTOR
 +<br>SARTORE
 +<br>SARTORELLI
 +<br>SARTORI
 +<br>SARTORIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sartor è specifico della zona che comprende il trevigiano e la bassa
 +provincia di Pordenone, Sartorelli è molto raro, localizzato nel
 +nord Italia, Sartore è molto diffuso sia in Piemonte e Liguria che
 +in Veneto, anche Sartori è diffuso in tutto il nord, ma in modo
 +molto più massiccio, Sartorio è specifico del varesotto e
 +alto milanese, con presenze apprezzabili anche nel lodigiano, pavese e
 +novarese, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +forme ipocoristiche, dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Sartorius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARU'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarù, praticamente unico, di origini meridionali, dovrebbe derivare
 +da una forma aferetica dialettale del nome <i><font color="#3333FF">Rosario</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARUGGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico del nordmilanese e comasco, dovrebbe derivare
 +da un toponimo come Saruggia frazione di Albavilla nel comasco o Saruggia di Erba
 +sempre nel comasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARZI
 +<br>SARZINI
 +<br>SARZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sarzi è dell'area cremonese, a Cremona, Casalmaggiore e Isola Dovarese,
 +e mantovana, a Curtatone e Ceresara, Sarzini, quasi unico, è piemontese,
 +Sarzo, abbastanza raro, tipicamente veneto del padovano, sembrerebbe della
 +zona di Curtarolo e Carmignano di Brenta, dovrebbero originare, direttamente
 +o tramite un ipocoristico, da un soprannome basato sul termine dialettale
 +arcaico veneto <i><font color="#3333FF">sarza</font></i> o <i><font color="#3333FF">sarzo</font></i>,
 +un <i><font color="#666666">tipo di panno di lana ordinario</font></i>
 +usato prevalentemente, nei secoli scorsi, dai contadini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SARZOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, potrebbe
 +essere del mantovano, potrebbe però derivare dal toponimo medioevale
 +Sarzola, di cui si hanno tracce nell'anno 967, in un atto l'imperatore
 +Ottone&nbsp; cede al Marchese Alleramo fra gli altri anche un paese nominato
 +Sarzola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SASSANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sassani, molto molto raro, è tipico della provincia di Campobasso,
 +di Riccia e di Campobasso, dove probabilmente è secondario, dovrebbe
 +derivare probabilmente dal nome di un liberto di nome <i><font color="#3366FF">Sassanus</font></i>
 +o dal nome di un fondo rurale di proprietà di un <i><font color="#3366FF">Sassius</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Sassus</font></i><font color="#000000">,</font>
 +nomen gentilizio latino attestato in Abruzzo e Molise, ricordiamo che la
 +terminazione <i><font color="#3366FF">-anus</font></i> stava ad indicare
 +la proprietà fondiaria ed anche i servi ed i liberti di una famiglia
 +gentilizia, quindi Sassano stava ad indicare un luogo di proprietà
 +di un Sassio, nel primo secolo a Campomarino (CB) si trovavano proprietà
 +terriere del nobile possidente Tillius Sassius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SASSANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sassano ha un ceppo a San Martino in Pensilis ed a Campomarino nel campobassano
 +ed a San Nicandro Garganico, San Marco in Lamis, Foggia ed Apricena nel
 +foggiano ed uno nel potentino tra Marsico Nuovo, Potenza e Paterno, dovrebbero
 +derivare da nomi di fondi rurali (<font color="#CC66CC">vedi SASSANI</font>)
 +i ceppi molisani e pugliesi e da toponimi come Sassano di Avigliano nel
 +potentino o Sassano nel salernitano quelli lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SASSI
 +<br>SASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sassi dovrebbe essere emiliano,
 +Sasso dovrebbe avere più ceppi, in Puglia e Campania, nel Veneto,
 +in Piemonte ed in Liguria, dovrebbero tutti derivare da toponimi contenenti
 +la radice Sasso o Sassi, quali: Castel di Sasso (CE), Isola del Gran Sasso
 +(TE), Madonna del Sasso (NO), Sassi (LU), Sasso (AN) - (VI), Sasso di Neviano
 +(PR), Sasso Marconi (BO), ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SASSONE
 +<br>SASSONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00sassoni.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="78"><font size="-1">Sassone è tipico meridionale, della Basilicata in particolare, Sassoni,
 +assolutamente rarissimo, è forse un errore di trascrizione del precedente,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Sassone</font></i>
 +citato ad esempio a Roma in un'antica lapide del 1154: "<font color="#CC66CC">IN
 +N. D. MAGR. CIL. PRR. CARD. - S. MARCI IVSSIT HOC FIERI PRO - REDEMPTIONE
 +ANIMAE SVAE - ANN. DNI MCLIIII IND. II. FACTVM - EST PER MANVS IOHIS PETRI
 +ANGELI - ET </font><font color="#FF0000">SASSONIS</font><font color="#CC66CC">
 +FILIORVM PAVLI</font>", difficile una derivazione dall'etnico di Sassonia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SASSU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo, più propriamente del sassarese e di Sassari in particolare,
 +con un ceppo non secondario anche nel cagliaritano, potrebbe derivare da
 +nomi di località contenenti la radice <i><font color="#3333FF">sassu</font></i> come Monte Su Sassu
 +vicino a Ozieri (SS), ma più probabilmente deriva da caratteristiche
 +del terreno della zona dove abitava la famiglia, con caratteristiche sabbiose
 +e presenza di pietre alluvionali. il vocabolo <i><font color="#3333FF">sassu</font></i> in lingua sarda significa
 +appunto terreno sabbioso, alluvionale, o anche pietra di fiume.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SASSU: <i><font color="#3333FF">su sassu</font></i> è <i><font color="#666666">un
 +tipo di sabbia argillosa, usata in edilizia</font></i>, anche <i><font color="#666666">la
 +creta</font></i>. In latino <i><font color="#3333FF">saxum</font></i> =
 +<i><font color="#666666">sasso, macigno, pietra</font></i>. Ma <i><font color="#3333FF">saxum</font></i>
 +è anche <i><font color="#666666">la creta Cimolia</font></i> (di
 +Cimolus, una delle Cicladi, κιμόλιος). La voce non è presente nel
 +DES del Wagner, nel quale troviamo per creta la voce terra ludzàna,
 +presente nei Condaghi, nei quali non c'è la voce sassu. Evidentemente
 +si tratta di un termine moderno. Sta di fatto che da il nome a molti toponimi
 +sardi. Sassu è il nome di una località tra Chiaramonti ed
 +Ozieri, della quale non ne conosciamo con esattezza il significato, ma
 +nella Sardegna meridionale nei diversi toponimi, il significato è
 +di argilla, creta, sabbione: Riu Sassu, Monte Sassu. Il più famoso
 +di questi è lo stagno di Sassu, o perlomeno lo era perché
 +è stato prosciugato ed al suo posto c'è attualmente una parte
 +della importante Bonifica di Terralba-Arborea. Il cognome potrebbe avere
 +comunque sia il significato di sasso, dall'italiano sasso, sia il significato
 +di creta, argilla, sabbione. Nella parte centro meridionale dell'isola,
 +come detto, ha per certo questo ultimo significato. In tutti i casi deriva
 +dal latino saxum. Attualmente il cognome è presente in 170 Comuni
 +italiani, di cui 61 in Sardegna: Sassari 253, Cagliari 75, Bonarcado 62,
 +Ittiri 52, etc. Ricordiamo il pittore e scultore Aligi Sassu, nato a Milano
 +il 17 luglio 1912, da padre sardo e madre emiliana e morto a Pollença,
 +Majorca, Spagna, il 17 luglio 2000 (per saperne di più vedi nel
 +Web: Aligi Sassu).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SATANASSI
 +<br>SATANASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Satanassi è decisamente romagnolo, in particolare di Ravenna, Forlì
 +e Sarsina (FC), Satanasso sembra essere unico, si dovrebbe trattare di
 +cognomi derivati da soprannomi con i quali al capostipite si attribuivano
 +probabilmente azioni non commendevoli, Satanasso è un modo arcaico
 +per chiamare il diavolo, ma è anche nella consuetudine italiana
 +un appellativo amichevole rivolto a persone estremamente agitate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SATTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Satta è un cognome decisamente sardo, molto diffuso in tutta l'isola,
 +dovrebbe derivare dal termine sardo logudorese <i><font color="#3333FF">s'atta</font></i>
 +(<i><font color="#999999">il filo del coltello o della scure, la punta
 +della spada</font></i>), questa ipotesi porterebbe alcuni a sostenere un
 +legame con i pirati nordici che effettuarono scorrerie in Sardegna.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SATTA: sul significato e l'etimologia della voce satta permangono incertezze.
 +Probabilmente si tratta di termine corrotto. Potrebbe derivare dall'unione
 +di nome con articolo, come per esempio "su arritzu" ha dato il cognome
 +"Sarritzu". La voce <i><font color="#3333FF">attsa</font></i> o <i><font color="#3333FF">atza</font></i>
 +in campidanese, atta in logudorese significa <i><font color="#666666">filo
 +del coltello</font></i>, ma <i><font color="#3333FF">homini de atza</font></i>
 +in camp. <i><font color="#3333FF">homini de atta</font></i> in log. significa
 +<i><font color="#666666">uomo audace, coraggioso</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome Atza</font>). Nell'unione con l'articolo si ha <i><font color="#3333FF">s'atta</font></i>,
 +&gt;<i><font color="#3333FF">satta</font></i> (in log.). Ed è proprio
 +nell'alta Sardegna, cioè nell'antico Logudoro, che è più
 +diffuso il cognome "Satta". Quindi dovrebbe indicare, se le nostre considerazioni
 +sono giuste, il carattere della persona: audace e coraggioso. Non abbiamo
 +altri suggerimenti! Non abbiamo trovato il cognome negli antichi documenti
 +medioevali della lingua e della storia della Sardegna. Nella storia moderna
 +e contemporanea ricordiamo: Satta Luigi, di Orgosolo(1708), primo vescovo
 +della Diocesi di Iglesias (olim di Sulcis), dal 1763 al 1772. Satta Branca
 +Antonio, politico repubblicano, di fede mazziniana. Nacque a Sassari nel
 +1861, anno in cui lo Stato cambiò da Regno di Sardegna in Regno
 +d'Italia. Fu uno dei fondatori del quotidiano La Nuova Sardegna; deputato
 +al Parlamento dal 1919 al 1921. Ricordiamo inoltre Salvatore&nbsp; Satta
 +(1902 - 1975), di Nuoro: giurista e scrittore. Nel 1925 si trasferì
 +a Milano, dove esercitò la professione di avvocato. Cominciò
 +la sua carriera di scrittore, durante la sua degenza nel sanatorio di Merano,
 +col romanzo La Veranda. Completamente ristabilito, nel 1932 ottenne la
 +Libera Docenza di Diritto presso l'Università di Camerino. Nel 1939
 +fu pubblicato il suo primo importante saggio di diritto, "Appunti di diritto
 +processuale civile"; nel 1940, a Genova, dove gli era stata affidata la
 +cattedra di diritto, pubblicò il saggio "Guida pratica per il nuovo
 +processo civile italiano". Nel 1945, subito dopo la guerra fu nominato
 +prorettore dell'Università di Trieste. Nel 1946 tornò a Genova
 +come docente universitario. Negli anni che seguirono continuò con
 +grande interesse la sua attività accademica e continuò a
 +pubblicare saggi sul diritto processuale civile. Nel 1958 fu chiamato a
 +Roma, sempre per la cattedra di diritto processuale. Nel 1970 cominciò
 +la stesura della sua migliore opera letteraria, il romanzo, "Il Giorno
 +del Giudizio", che fu definitivamente completata nel 1975, l'anno della
 +sua morte: l'opera( se ne consiglia la lettura) fu poi pubblicata a Padova
 +due anni dopo, e suscitò subito grande interesse e accese polemiche.
 +Attualmente il cognome Satta è presente in396 Comuni italiani, di
 +cui 140 in Sardegna: Sassari 557, Cagliari 211, Nuoro 146, Olbia 139, Ozieri
 +137, Luras 97, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SATTIN
 +<br>SATTINI
 +<br>SATTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sattin, oltre al nucleo veneto nel padovano soprattutto, a Padova, Albignasego,
 +Anguillara Veneta, Conselve, Cartura, Merlara, Tribano e Bagnoli di Sopra,
 +nel rovigoto, a Rovigo e San Martino di Venezze, Vicenza e Cavarzere nel
 +veneziano, possiede anche un piccolo ceppo triestino, Sattini, quasi unico,
 +sembrerebbe del ferrarese, Sattino, praticamente unico, sembrerebbe torinese,
 +potrebbe derivare dal nome di origini celte <i><font color="#3333FF">Satinus</font></i>,
 +forse portato dai capostipiti, nome a sua volta derivato dal termine celta
 +<i><font color="#3333FF">sati</font></i> (<i><font color="#666666">ricchezza,
 +averne abbastanza</font></i>), ma non si può escludere una derivazione
 +da un soprannome originato dal termine veneto <i><font color="#3333FF">sattin</font></i>
 +(<i><font color="#666666">zampetta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SATURNALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saturnale, praticamente unico, sembrerebbe del napoletano, si dovrebbe
 +trattare di un cognome attribuito ad un trovatello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SATURNI
 +<br>SATURNINI
 +<br>SATURNINO
 +<br>SATURNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saturni ha un ceppo ad Ostra Vetere, Senigallia ed Arcevia nell'anconetano
 +ed uno romano a Roma ed a Formello, Saturnini ha un piccolo ceppo ad Oppeano
 +e Bovolone nel veronese, uno a Luco dei Marsi nell'aquilano, ed uno a Roma
 +ed a Paliano nel frusinate, Saturnino ha un ceppo piccolissimo nell'alessandrino,
 +uno a Roma ed a Formia e Sperlonga nel latinense, uno nel napoletano a
 +Pozzuoli, Napoli, Castellammare di Stabia ed Ischia, e nel salernitano
 +a Cava de' Tirreni, presenta anche un piccolissimo ceppo a Castrovillari
 +nel cosentino, Saturno ha vari ceppi in giro per l'Italia, a Genova ed
 +a Balestrino nel savonese, in Sardegna ad Ozieri nel sassarese, a Roma,
 +nel napoletano a Napoli, Castellammare di Stabia, Acerra e Casoria, ma
 +il ceppo principale è nel salernitano, a Camerota, Pagani e Centola,
 +presenta anche un piccolissimo ceppo in Puglia ad Acquaviva delle Fonti nel barese, in Calabria a Lamezia Terme (CZ) ed
 +in Sicilia a Marsala nel trapanese, dovrebbero derivare direttamente o
 +tramite ipocoristici dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Saturnius</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Saturninus</font></i>, portati ad esempio dal
 +questore <i><font color="#3333FF">Lucius Appuleius Saturnius</font></i>&nbsp;
 +dei tempi di Cesare e Cicerone, o da <i><font color="#3333FF">Lucius Antonius
 +Saturninus</font></i> Governatore della Germania sotto Domiziano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Saturno è cognome siciliano, calabrese, salentino e napoletano.
 +Viene dal termine calabrese '<i><font color="#3333FF">saturnu</font></i>'
 += <i><font color="#666666">taciturno, ruvido</font></i>. Rohlfs 168.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo, distribuito in tutta l'isola, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">sau</font></i> (
 +<i><font color="#999999">filo di lana</font></i> ) o anche da modificazioni
 +del termine sardo<i><font color="#3366FF"> sagu</font></i> (<i><font color="#999999">coltre,
 +coperta, mantello di lana</font></i>), collegato quindi probabilmente con
 +il mestiere del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>SAU: <i><font color="#3333FF">sagu</font></i> in log. antico; <i><font color="#3333FF">sau</font></i>
 +nel log. moderno; dal latino <i><font color="#3333FF">sagum</font></i>
 += <i><font color="#666666">saio</font></i>, o <i><font color="#666666">mantello
 +dei soldati</font></i>, o <i><font color="#666666">pezzo di lana grossolana
 +e spessa</font></i>: <i><font color="#3333FF">sagum sumere</font></i> (per
 +i soldati) = <i><font color="#666666">tenersi pronti alla guerra</font></i>.
 +In alcune parti della Sardegna <i><font color="#3333FF">su sagu</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">sau</font></i> è <i><font color="#666666">il
 +gonnellino nero in orbace</font></i>, sotto cui sono i calzoni di lino
 +bianco, del costume tradizionale sardo; ma nella maggior parte dell'isola
 +tale gonnellino è detto sa bràga (braca) o sa ràga.
 +Nel Logudorese antico troviamo Sagu e Braca, come cognomi - CSMS, XI, XIII
 +sec. cap. 30 (vedi più giù alla voce, CSMS - Gosantine Sagu).
 +Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, al
 +capitolo 209, troviamo: comporaili (un acquisto) a Petru de Serra, Digiti
 +Truncu(dal dito mozzato), .J. sollu de terra (un soldo di terra - soldo
 +aureo sardo) supra custa ki conporai a Travesu Catha, et ego deindeli .J.
 +sagu (ed io gli ho dato un "sagu" = coperta di lana, probabilmente di orbace).
 +Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo,
 +troviamo (al cap. 1°): comporaili a Petru Pulice binia (una vigna)
 +in unu clusu et deibili (gli ho dato), .III. sollos de labore et tremisse
 +(tremisse = un terzo del soldo aureo sardo). Negli antichi documenti della
 +lingua e della storia della Sardegna ritroviamo il vocabolo, nelle due
 +uscite, sagu (più antica) e sau come cognome. Tra i firmatari della
 +Pace di Eleonora, LPDE del 1388, figurano: Sau Bernardo, jurato ville Bitiri,
 +* Bitiri...villaggio distrutto: del Meylogu. Contrate de Ardar et Meylogu;
 +Sau Georgio, jurato ville Boon, * Boon.Bono (attuale). Curatorie de Anella;
 +Sau Guantino, ville Macumerii, *** MACUMERII et Curatorie de Marghine de
 +Gociano.Macomer etc.&nbsp; In posse Chelis Simonis, notarii publici...die
 +XII Januarii 1388. Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI, XIII
 +secolo lo troviamo nella variante più antica : Sagu Janne(149),
 +in una permuta di vigne: Ego prior Ioanne(di San Nicola)ki tramutai cun
 +Ianne Sagu, genneru de Petru De Mela, binia po binia (vigna con vigna).Nel
 +Condaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI, XIII secolo, abbiamo: Gosantine
 +Sagu (30, 32, 33) : comprè de Andria Tertesu, y de sus hermanos
 +Gosantin y Marg. Tierra in funtana.Test. Gosantin Sago, y Furado Braca.
 +Attualmente il cognome Sau è presente in 117 Comuni italiani, di
 +cui 41 in Sardegna : Sassari 154, Tonara 153, Cagliari 81, Nuoro 50, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAUDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe tipico della val Rendena, è molto raro, potrebbe derivare
 +da un nome di località basato sul termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">saudus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">non coltivato</font></i>), in uno scritto dell'ottavo secolo si legge
 +ad esempio: "<font color="#CC33CC">...inter oliueto Taiperti castaldii
 +et curte de filiis quondam Auduale, hec ipsa petia integra, una cum pomifera
 +sua. similiter alia petia de oliueto una cum </font><font color="#FF0000">terra
 +sauda</font><font color="#CC33CC"> uel pomifera...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAUDO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saudo, ormai quasi scomparso in Italia, presentava un piccolissimo ceppo
 +nell'area del Trentino Alto Adige ed uno in Sicilia, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">saudus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">non coltivato</font></i>), ma potrebbe anche
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Saudus</font></i>,
 +originato dal nome arabo <i><font color="#3333FF">Saudi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAUL
 +<br>SAULE
 +<br>SAULI
 +<br>SAULINI
 +<br>SAULINO
 +<br>SAULLE
 +<br>SAULLI
 +<br>SAULLO
 +<br>SAULO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saul è assolutamente rarissimo, Saule è triestino, Sauli
 +ha un ceppo triestino, uno romano ed uno abruzzese a Civitella Roveto nell'aquilano,
 +Saulini ha un ceppo a Roma ed a Bellegra nel romano, Saulino ha un ceppo
 +a Roma, uno ad Isernia ed uno nel napoletano, a Napoli, San Paolo Bel Sito,
 +Nola e Liveri, Saulle ha un ceppo campano tra casertano, napoletano e salernitano
 +ed uno nel barese, Saulli è tipico di Roma e Rieti, Saullo ha un
 +ceppo campano a Napoli e a Pisciotta (SA), uno cosentino a Montalto Uffugo
 +ed aree viciniori ed uno siciliano ad Alcamo (TP), Saulo ha un piccolo
 +ceppo romano ed uno a Cetraro (CS), dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite alterazioni ipocoristiche o dialettali, o dal nome giudaico <i><font color="#3333FF">Saul</font></i>
 +o dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Saulus</font></i>, ricordiamo
 +che Paolo di Tarso prima della conversione si chiamava Saulo: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Saulus</font><font color="#CC33CC">
 +Hebreo sermone temptatio dictus, eo quod prius in temptatione aecclesiae
 +sit uersatus. Persecutor enim erat, inde nomen habebat istud quia persequebatur
 +Christianos. Postea mutato nomine, de </font><font color="#FF0000">Saulo</font><font color="#CC33CC">
 +factus est Paulus, quod interpretatur mirabilis siue electus. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAURI
 +<br>SAURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sauri, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel veneziano ed uno nel Lazio,
 +Sauro invece&nbsp; ha ceppi in giro per l'Italia, nel comasco e varesotto,
 +nel veronese, nel triestino, a Roma, Nel napoletano, beneventano e Molise,
 +nell'avellinese e nel foggiano, nel cosentino e catanzarese ed in Sicilia
 +nel palermitano e nell'ennese, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +Saurus di cui abbiamo un esempio in uno scritto della seconda metà
 +del 1100: "<font color="#CC33CC">...imperator Fredericus instinctu Dei
 +permotus, ad recuperandam christianorum terram ultra mare cum valido exercitu
 +in die sancti Georgii iter arripuit. Et in eodem anno interfectus est comes
 +</font><font color="#FF0000">Saurus</font><font color="#CC33CC"> idus Maias
 +et in ipso anno hobiit ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sauro è cognome siciliano dal greco '<i><font color="#3333FF">saúros</font></i>'
 += <i><font color="#666666">lucertola</font></i>. Rohlfs 168.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVARESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savarese sembrerebbe tipicamente campano, del napoletano, in particolare
 +di Vico Equense e Napoli, con consistenti presenze anche a Castellammare
 +di Stabia, Sant'Anastasia, Piano di Sorrento, Sorrento, Marano di Napoli,
 +Pompei, Massa Lubrense, Sant'Agnello, Meta, Bacoli, Qualiano e San Giorgio
 +a Cremano, e di Cava de' Tirreni, Pagani e Salerno nel salernitano, dovrebbe
 +trattarsi di una forma etnica derivata da paesi come Sava nel salernitano,
 +forse il luogo d'origine dei capostipiti. Difficile ipotizzare una derivazione
 +dall'antica città ungherese di <i><font color="#3333FF">Savaria</font></i>
 +(nome latino antico dell'attuale Szombathely), anche se non sarebbe impossibile,
 +in quanto potrebbe essere arrivato questo termine portato da legionari
 +romani e più tardi da militari al seguito dell'imperatore svevo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savarese è cognome siciliano dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Sávaris</font></i>.
 +Rohlfs 168.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVARESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savaresi è tipicamente lombardo, di Cremona, Milano e Brescia, si
 +può ipotizzare una derivazione dall'etnico dell'antica città
 +ungherese di Savaria (nome latino antico dell'attuale Szombathely), in
 +quanto potrebbe essere arrivato portato da legionari romani o dalle milizie
 +gotiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVASTA
 +<br>SAVASTANO
 +<br>SAVASTI
 +<br>SAVASTIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savasta, abbastanza raro, è specifico siciliano, Savastano è
 +tipico campano, dell'area che comprende il casertano, il napoletano ed
 +il salernitano, Savasti, quasi unico, è del napoletano, Savastio,
 +molto molto raro, sembrerebbe del foggiano, dovrebbero tutti derivare dal
 +toponimo palestinese Savasta o Sabasta l'antica Samaria o dall'etnico della
 +regione omonima. Traccia di questa cognominizzazione la troviamo con il Monsignor
 +Ignazio Savastano Vescovo di Gallipoli dal 1759 al 1769.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savasta è cognome siciliano dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Sevastós</font></i>,
 +derivato dall'aggettivo '<i><font color="#3333FF">sevastós</font></i>'
 += <i><font color="#666666">onorato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVELLA
 +<br>SAVELLI
 +<br>SAVELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savella, molto molto raro, potrebbe essere panitaliano, Savelli è
 +diffuso in Romagna, Toscana e Lazio, Savello è praticamente unico,
 +dovrebbero tutti derivare dai Sabelli (sabini), popolazione preromana,
 +ma in alcuni casi possono derivare da toponimi come Savelli di Norcia (PG).&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazioni si trovano fin dal 1200 nello stato pontificio
 +tra i nobili romani, molti Savelli furono Cardinali o Capitani di ventura,
 +alcuni vennero infeudati come Signori di Ariccia, di Albano, di Palombara
 +e di Rignano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVERI
 +<br>SAVERINI
 +<br>SAVERINO
 +<br>SAVERIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saveri è specifico dell'area che comprende perugino, ternano, viterbese
 +e romano, Saverini, quasi unico, sembrerebbe toscano, Saverino ha un ceppo
 +calabrese nel reggino, a Gioia Tauro, Grotteria, Gioiosa Ionica e Roccella
 +Ionica, ed a Catanzaro, ed uno siciliano, a Palermo, Ficarazzi, Bagheria
 +e Termini Imerese nel palermitano e ad Alcamo nel trapanese, Saverio, molto
 +molto raro, ha un ceppo nel tarentino ed uno nel lecchese, dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite ipocoristici, dal nome italiano <i><font color="#3333FF">Saverio</font></i>,
 +un'alterazione del nomen latino <i><font color="#3333FF">Severus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Severius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVI
 +<br>SAVIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savi dovrebbe avere un nucleo nelle province di Parma e Piacenza ed uno
 +nel Lazio, Savio è molto diffuso in tutto il nord con ceppi non
 +secondari anche nel napoletano ed in Sicilia, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale Savius. In un atto legale del 648 troviamo un tal Savius Vagus
 +Merceres, tracce di un principio di queste cognominizzazioni le troviamo
 +nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia Medioevale</font></i>
 +sotto l'anno 1195 a Varese in una charta venditionis si può leggere:
 +"<font color="#CC33CC">Anno dominice incarnacionis milleximo centeximo
 +nonageximo quinto, decimo septimo die mensis aprilis, indictione .XIII.ma.
 +Vendiderunt ad proprium Marchisius </font><font color="#FF0000">Savius</font><font color="#CC33CC">
 +et Albertus filius eius de Malnate presbitero Henrico de Vellate et Alberto
 +de Bubiate, canonicis et recipientibus nomini et utilitati ecclesie Sancti
 +Victoris de Varisio...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Marco Savi</font></font>
 +<br>il ceppo laziale del cognome Savi deriverebbe da <i><font color="#3366FF">Savus</font></i>
 +e non da <i><font color="#3366FF">Savius</font></i>, dato il fatto che
 +<i><font color="#3366FF">savus</font></i> in latino è una contrazione
 +di <i><font color="#3366FF">Savinus</font></i> ovvero <i><font color="#3366FF">Sabino</font></i>
 +(abitante della Sabina). La teoria è plausibile dal punto di vista
 +etimologico ed è congruente con la distribuzione geografica del
 +cognome, visto che la grande maggioranza dei Savi del Lazio, esclusi quelli
 +del capoluogo, si trovano localizzati a Nord-Est di Roma, ovvero nell'area
 +dell'antica (e odierna) Sabina, e nelle zone limitrofe.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savi, Savio: in Emilia-Romagna è documentata la forma Savi,
 +al 36° posto a Piacenza. Si tratta della cognominizzazione del nome
 +<i><font color="#3333FF">Savio</font></i>, originato da un soprannome determinativo
 +'<i><font color="#3333FF">savio</font></i>' = <i><font color="#666666">sapiente,
 +prudente, saggio</font></i>. Deriva dal francese antico '<i><font color="#3333FF">sage</font></i>',
 +dal latino parlato '<i><font color="#3333FF">sapiu(m)</font></i>', connesso
 +con il verbo '<i><font color="#3333FF">sapere</font></i>' = <i><font color="#666666">colui
 +che ha senno, che è saggio</font></i>. L. Paraboschi, Cognomi della
 +Emilia Romagna, 170.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro. sembra avere due ceppi, nella provincia di Verbania e nel catanese,
 +dovrebbe derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Savia</font></i>, il femminile di <i><font color="#3333FF">Savius</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sàbia (Sabìa) è cognome lucano presente a Pietragalla,
 +Potenza, Rionero in Vùlture e spesso altrove, anche calabrese, brindisino
 +ed a Taranto: deriva dal termine '<i><font color="#3333FF">savia</font></i>'.
 +Rohlfs, Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIAN
 +<br>SAVIANE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savian è del veneziano, di Caorle, Cavallino, Annone Veneto e Portogruaro,
 +e di Maserada sul Piave nel trevisano, Saviane è tipico del bellunese,
 +di Puos d`Alpago in particolare, ma anche in misura minore di Tambre e
 +Ponte nelle Alpi e di Montebelluna nel trevisano, dovrebbero derivare da
 +modificazioni dialettali del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Savianus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIANI
 +<br>SAVIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saviani, assolutamente rarissimo, sembra specifico della bassa provincia
 +di latina, Saviano è tipico del napoletano, derivano dal toponimo
 +Saviano (NA).  (<font color="#CC33CC">vedi anche SAVIAN</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIER
 +<br>SAVIERO
 +<br>SEVIER
 +<br>SEVIERI
 +<br>SOVIER
 +<br>SOVIERI
 +<br>SOVIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savier e Saviero sono praticamente unici, Sevier, che sembrerebbe unico,
 +è fiorentino, Sevieri ha un ceppo nell'area toscana tra lucchese
 +e pisano ed uno a Perugia, Sovier ha una&nbsp; presenza in Campania, Sovieri,
 +molto molto raro, è specifico della zona di confine tra aretino
 +e perugino, Soviero è del napoletano, di Striano, Visciano e San
 +Giuseppe Vesuviano, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da alterazioni
 +del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Savaricus</font></i>,
 +o da alterazioni del nome latino <i><font color="#3333FF">Severus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi SEVERI</font>), passando a volte attraverso
 +la sua variante spagnola <i><font color="#3333FF">Javier</font></i> o <i><font color="#3333FF">Xavier</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIGNANI
 +<br>SAVIGNANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savignani, assolutamente rarissimo è specifico del perugino, zona
 +tra Citta` Di Castello ed Umbertide, Savignano ha una presenza autonoma
 +in Toscana ed un ceppo in Campania con massima concentrazione a Savignano
 +Irpino e Gesualdo in Irpinia, dovrebbero tutti derivare da toponimi come
 +Savignano Irpino (AV) o Savignano sul Rubicone (PU) e Savignano Panaro
 +(MO). Di queste cognominizzazioni troviamo tracce ne <i><font color="#3366FF">Dell'origine
 +de' Cognomi</font></i> di Ludovico Antonio Muratori ( 1672 -1750), che
 +scrive di un trasferimento della nobile famiglia dei Savignani da Modena
 +a Bologna, nel libro di ricordi dell'aretino Francesco Redi si legge ad
 +esempio: "<font color="#CC33CC">...Ricordo come, infino sotto il dì
 +25 di maggio 1673, pagai al </font><font color="#FF0000">Padre Emilio Savignani</font><font color="#CC33CC">
 +della Compagnia di Gesù scudi sessanta, di lire sette per scudo,
 +d'ordine del Sig. Niccolò Stenone di Danimarca ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIGNON
 +<br>SAVIGNONE
 +<br>SAVIGNONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savignon è unico, Savignone, quasi unico, è piemontese, come
 +Savignoni, che ha un piccolo ceppo ad Alessandria ed uno a Roma, dovrebbero
 +derivare da ipocoristici francesi del nome latino <i><font color="#3333FF">Sabinus</font></i>,
 +diventato <i><font color="#3333FF">Savinus</font></i> grazie al fenomeno
 +del betacismo, bisogna però anche considerare che potrebbero anche
 +essere proprio di origine francese e derivare da toponimi come Sauvignon,
 +di cui ne esiste più d'uno in Francia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVINA
 +<br>SAVINI
 +<br>SAVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savina ha un ceppo a Parma, uno tra le province di Roma e L'Aquila ad Avezzano
 +(AQ) ed a Roma, ed uno nel leccese a Leverano e Veglie, Savini è
 +distribuito uniformemente lungo l'asse della via Emilia, da Milano a Rimini
 +e di qui fino agli Abruzzi, Savino invece è specifico dell'area
 +che comprende Campania, Puglia e Basilicata, dovrebbero derivare dal vocabolo
 +latino <i><font color="#3366FF">sabinus</font></i> (del popolo
 +dei Sabini) o dal nomen <i><font color="#3366FF">Savinus</font></i> che
 +ne è derivato o dall'ipocoristico del nome <i><font color="#3366FF">Savius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Non comune, presenta sicuri ceppi
 +nel riminese e ravennate, ma non si possono escludere nuclei secondari,
 +nel Veneto e altrove, dovrebbe derivare dal nome medioevale Savius.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, dovrebbe
 +essere milanese, dovrebbe derivare dal nome medioevale Savius.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVIOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Saviozzi è un cognome tipicamente toscano, del pisano ed in particolare
 +di Cascina, di Pisa, di San Giuliano terme e di Vecchiano, con ceppi anche
 +a Livorno, dovrebbe derivare da un soprannome come quello attribuito al
 +poeta medioevale Simone Serdini da Siena (~1360-1421) detto il <i><font color="#3366FF">Saviozzo</font></i>,
 +ma è pure possibile se non addirittura più probabile una
 +derivazione da una forma ipocoristica del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Savius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Savi</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savo ha un grosso ceppo a Frosinone e nel frusinate a Torrice, Anagni,
 +Ceccano, Ripi, Pofi ed Alatri, a Sezze, Latina e Cisterna di Latina nel
 +latinense ed a Roma e Velletri nel romano, un ceppo nel salernitano ad
 +Amalfi, Salerno ed Atrani, ed un piccolo ceppo a Pietrapaola nel cosentino,
 +potrebbe derivare da nomi di località come Savo di Torrice nel frusinate,
 +ma, molto più probabilmente deriva dal nome slavo <i><font color="#3333FF">Savo</font></i>,
 +nome anche di un fiume della Dalmazia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVOCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savoca è decisamente siciliano, della parte centrorientale dell'isola,
 +del messinese, del catanese e dell'ennese, in particolare, con massima
 +concentrazione ad Enna, Catania, Merssina e Palermo, dovrebbe derivare
 +dal nome del paese messinese di Savoca, o da nomi di località attraversate
 +dal torrente Savoca, in epoca medioevale il paese di Savoca era una vera
 +e propria città, con un castello ed un'ampia cinta muraria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVOIA
 +<br>SAVOIE
 +<br>SAVOJA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savoia è panitaliano, Savoie, molto molto raro, è specifico
 +della Val d'Aosta, Savoja, molto raro, sembrerebbe siciliano, con un piccolo
 +ceppo nel messinese e nel nisseno, questi cognomi dovrebbero derivare dai
 +vari toponimi contenenti la radice Savoia, come ad esempio Verrua Savoia
 +nel torinese, Iolanda di Savoia nel ferrarese, Margherita di Savoia nel
 +foggiano, Savoia di Lucania nel potentino, Valsavoia nel siracusano o altri
 +simili ed in qualche caso potrebbero derivare dal fatto di essere i capostipiti
 +originari della regione oggi francese della Savoie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVOLDELLI
 +<br>SAVOLDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sono entrambi specifici del bergamasco e bresciano,
 +derivano dal nome <i><font color="#3333FF">Savoldo</font></i> in uso già dal medioevo, di cui si hanno
 +tracce ancora in un atto notarile del 1648 dove si legge di una cessione
 +di un terreno, sito in Vigano, da parte di Savoldo di Domenico Minoia a
 +Giovanni Giacomo fu Carlo Terzi.&nbsp; Nel 1480 nasce&nbsp; Brescia il
 +pittore Giovanni Girolamo Savoldo dal quale il giovane Caravaggio apprenderà,
 +un secolo dopo,&nbsp; l'uso dei toni freddi e il tocco luminista.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savoldi, Savoldelli, questi due cognomi lombardi Lurati 425 scrive
 +che il loro etimo va individuato nelle pratiche medievali di assegnare
 +il nome di persona <i><font color="#3333FF">Saporito</font></i> accanto
 +a <i><font color="#3333FF">Sapore</font></i> e a <i><font color="#3333FF">Savorellus</font></i>
 +per rafforzare il concetto di saporitezza (gradevolezza) del bambino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVONA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savona ha un ceppo in Liguria e nel cagliaritano, sempre di origini liguri,
 +un ceppo tra romano e frusinate, uno nel napoletano ed uno nella Sicilia
 +occidentale, dovrebbero derivare o dal toponimo ligure Savona o dal nome
 +medioevale che da quella città deriva, era una consuetudine
 +medioevale attribuire ai propri figli i nomi delle più importanti
 +città italiane.<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savona cognome dal toponimo omonimo. A tal proposito G.B. Pellegrini
 +in Toponomastica italiana,1990, scrive "incerto è l'etimo di '<i><font color="#3333FF">Savona</font></i>'
 +da <i><font color="#3333FF">Sauone</font></i> (abl.) citato da Livio che
 +lo definisce oppidum nel territorio dei Liguri Alpini: come attestazione
 +si ha poi <i><font color="#3333FF">Saona</font></i> (sec. VII). Qualora
 +fosse di origine ligure indoeuropea si potrebbe pensare alla radice *<i><font color="#3333FF">seu-</font></i>
 +'<i><font color="#666666">umido, bagnato</font></i>', cfr. l'idronimo Sava
 +e a. a. tedesco <i><font color="#3333FF">sou</font></i> '<i><font color="#666666">umore</font></i>"."</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVONAROLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savonarola, ormai quasi scomparso, dovrebbe essere di origini venete, probabilmente
 +padovane, dovrebbe derivare da un soprannome originato da una forma ipocoristica
 +del termine dialettale <i><font color="#3333FF">saonaro</font></i> (<i><font color="#666666">produttore
 +di sapone</font></i>) o del termine <i><font color="#3333FF">saonaria</font></i>
 +(<i><font color="#666666">saponaria, erba utilizzata, per le sue proprietà
 +saponose, per lavare i panni</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAVORE
 +<br>SAVORELLI
 +<br>SAVORI
 +<br>SAVORIN
 +<br>SAVORINI
 +<br>SAVORINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Savore, Savori, Savorin e Savorino sono quasi unici, Savorelli sembra essere
 +specifico del forlivese e del ravennate, tracce di questa nobile famiglia
 +si trovano ad esempio nel 1400 con il condottiero Forlivese comandante
 +delle truppe di Caterina Sforza, nel XVI° secolo i Savorelli&nbsp;
 +si fregiano del titolo di Conte, Savorini, molto molto raro, è specifico
 +del bolognese, dovrebbero derivare da soprannomi dialettali originati dal
 +termine emiliano <i><font color="#3333FF">savore</font></i>, che ha vari
 +significati, che vanno dal <i><font color="#666666">condimento pepato</font></i>
 +al fatto di <i><font color="#666666">avere le palpebre cispose</font></i>, possibile caratteristica fisica del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Savorelli Cfr. Savoldi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SAZIA
 +<br>SAZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sazia è unico e dovrebbe trattarsi di un'errata trascrizione del
 +cognome Sazio, che ha un ceppo a Casorate Primo nel pavese, uno a Napoli,
 +uno nel leccese a Monteroni di Lecce e Lecce ed uno in Sicilia a Ravanusa
 +nell'agrigentino, e che dovrebbe derivare dall'italianizzazione del nome
 +latino <i><font color="#3333FF">Satius</font></i>, attribuito normalmente
 +all'ultimo figlio di una famiglia numerosa, il termine latino <i><font color="#3333FF">satius</font></i>
 +significa infatti <i><font color="#666666">più che sufficiente</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbano ha un ceppo nel brindisino a Carovigno e San Vito dei Normanni ed
 +uno a Paola nel cosentino, potrebbe derivare dall'italianizzazione del
 +nome gotico <i><font color="#3333FF">Spane</font></i>, o dell'albanese
 +<i><font color="#3333FF">Saban</font></i> o del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Shebaniah,&nbsp;</font></i>
 +ma la cosa più probabile è che si tratti invece di una forma
 +dialettale di un soprannome basato sul termine <i><font color="#3333FF">spano</font></i>
 +(<i><font color="#666666">glabro, spelato</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBARAGLI
 +<br>SBARAGLIA
 +<br>SBARAGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbaragli ha un ceppo nell'alta Toscana ed uno nel forlivese, Sbaraglia
 +è tipico del forlivese e della fascia che comprende Marche, Umbria,
 +Abruzzo e Lazio, Sbaraglio è quasi unico, dovrebbero derivare da
 +soprannomi.&nbsp; Troviamo tracce di questa cognominizzazione a Sondrio nel
 +1600 con un certo Giacomo detto Sbaraglia, in Emilia nel 1700 con un certo
 +Girolamo Sbaraglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBARDELLA
 +<br>SBARDELLATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbardella è laziale, Sbardellati
 +ha un ceppo nel bresciano e forse un altro nucleo in Toscana, del ceppo
 +bresciano troviamo tracce già nel 1562, quando Damianus Turlinus
 +scrive "<font color="#993366">Orationes duae in sacrosancto oecumenico
 +Concilio Tridentino habitae a R. P. Andrea Duditio Sbardellato, Episcopo
 +Tininien</font>.". Questi cognomi dovrebbero derivare dal vocabolo sbardellare
 +(essere scombinato) di cui si hanno tracce anche nel Morgante nell'anno
 +1481.</font>
 +<table cols="2" border="0" width="100%">
 +<tbody><tr>
 +<td align="CENTER" valign="TOP" width="55%"><font color="#CC0000"><font size="-1">Un tratto il zaffo
 +avessi tu cavato! -</font></font>
 +<br><font color="#CC0000"><font size="-1">Rispose Gan: - Tu hai il capo pien
 +di grilli,</font></font>
 +<br><font color="#CC0000"><font size="-1">e fusti sempre pazzo e sbardellato.
 +-</font></font>
 +<br><font color="#CC0000"><font size="-1">Diceva Astolfo a Malagigi allora:</font></font></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">"<font color="#3333FF"><font size="-1">Questo libro
 +tracta di Carlo Magno traducto di latine scripture antiche degne di auctorita
 +&amp; messo in rima da Luigi de Pulci Ciptadino Fiorentino. </font></font>"
 +<font size="-1">anno
 +1481</font></td>
 +</tr>
 +</tbody></table>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBARSI
 +<br>SBARZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbarsi, molto molto raro, è tipico della Lombardia sudoccidentale,
 +di Milano e del pavese soprattutto, Sbarzi, assolutamente rarissimo, è
 +probabilmente originario del pavese, potrebbero derivare, tramite l'aggiunta
 +di una <i><font color="#3333FF">s-</font></i> epentetica, da una forma
 +dialettale del nome di una località come Castellazzo de' Barzi,
 +una frazione di Robecco sul Naviglio nel milanese, o anche da un'alterazione
 +del cognome <i><font color="#3333FF">Barzio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BARZIO</font>), ma non si può escludere che possano derivare da
 +un soprannome legato al vocabolo dialettale lombardo <i><font color="#3333FF">sbarzo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cavedano, pesce di fiume</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBARZAGLI
 +<br>SBARZAGLIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbarzagli, molto molto raro, è dell'area bolognese, romagnola, Sbarzaglia,
 +meno raro, è tipico della stessa area, ma del ravennate in particolare,
 +potrebbero derivare, con l'applicazione di una esse prostetica,
 +forse con valore dispregiativo, da soprannomi originati dal vocabolo medioevale
 +germanico <i><font color="#3366FF">barskalk</font></i> inteso come <i><font color="#3366FF">servus
 +ecclesiae</font></i> (<i><font color="#999999">servo alle dipendenze di
 +prelati o di comunità religiose</font></i>), o anche come <i><font color="#3366FF">servo
 +della gleba</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi anche BARZAGLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBERLATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sberlati è specifico del riminese, di Bellaria Igea Marina e Rimini,
 +potrebbe derivare da un soprannome che si riferisca forse ad un episodio
 +durante il quale il capostipite venisse preso a sberle o schiaffi, ma il
 +termine sberlare in alcuni casi, in Romagna, assume il significato di sgranare gli occhi,
 +assumenre uno sguardo stralunato, ed in questo caso il cognome deriverebbe
 +da un soprannome motivato dall'aspetto dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBERNA
 +<br>SBERNI
 +<br>SBERNINI
 +<br>SBERNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sberna ha un ceppo nel bresciano a Mazzano, Rezzato, Castenedolo e Brescia,
 +uno siciliano a San Cataldo nel nisseno, a Sant'Agata di Militello e Acquedolci
 +nelò messinese, a Leonforte ed Enna nell'ennese, un ceppo nel viterbese
 +a Corchiano, Viterbo e Barbarano Romano ed a Roma ed uno, molto piccolo
 +in Umbria, a Piegaro, Città delle Pieve e Perugia nel perugin,o
 +ed a Terni, Sberni è praticamente unico, Sbernini, molto molto raro,
 +è tipico dell'area che comprende cremonese e parmense, Sberno, molto
 +molto raro, è tipico di Catania, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Sberna</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in Toscana nel 1500: "<font color="#CC33CC">Questi
 +sono li statuti del castello e comune di Vico Pisano ordinati per li prudenti
 +huomini Matteo di Guglielmo di Princivalle, Mariano di Michele Agnolo Calese,
 +Francesco di Antonio di Arrigo e Agostino di Marco di </font><font color="#FF0000">Sberna</font><font color="#CC33CC">,
 +tutti di Vico Pisano, eletti e deputati istatutarii e compositori delli
 +statuti et ordini del castello e comune di Vico predetto dal prefato magnifico
 +signore Tommaso Rucellai e dagli huomini di detto comune secondo gli ordini,
 +corrente l'anno del Signore nostro Giesù Christo, della sua salutifera
 +incarnatione 1538 al corso fiorentino e 1539 allo stilo pisano al tempo
 +del Pontificato del santissimo Papa Paolo terzo l'anno 4° e prima.
 +...</font>", questo nome origina da un soprannome cui si attribuiscono
 +due significati contrastanti il primo indicherebbe una condizione agiata
 +riferendosi al nome di un tipo di drappo o manto molto pesante il cui nome
 +deriverebbe da <i><font color="#3333FF">Hibernia </font></i><font color="#000000">(Irlanda)</font>,
 +sua patria d'origine, il secondo deriverebbe dal vocabolo dialettale meridionale
 +arcaico <i><font color="#3333FF">sbernare</font></i> (<i><font color="#999999">emettere
 +peti</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Sberna è cognome anche siciliano. Secondo G. Rohlfs (Dizionario
 +storico dei cognomi nella Sicilia orientale, pag. 169) viene dalla voce
 +siciliana '<i><font color="#3333FF">sberna</font></i>' = <i><font color="#666666">ontano</font></i>.
 +Secondo Giuseppe Gioeni (Saggio di Etimologie Siciliane p. 242) significa
 +invece "<i><font color="#666666">copertura di panno grosso</font></i>".
 +Possibile anche la derivazione dall'arabo '<i><font color="#3333FF">burnus</font></i>'
 +che significa '<i><font color="#666666">mantello</font></i>', ma deriva
 +dal latino '<i><font color="#3333FF">birrus</font></i>' con eguale significato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBERVIGLIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembra tipico della zona tra mantovano ed Emilia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>È il cognome Berveglieri con 's' prostetica, variante di BREVIGLIERI&nbsp;
 +per il quale manca una documentazione antica. Si terrà per buona,
 +pur con ogni riserva, la proposta dell'Olivieri, di risalire al nome locale
 +francese <i><font color="#3333FF">Belvillier</font></i> «<i><font color="#666666">bel
 +villaggio</font></i>» e conseguente cognome francese. Nel processo
 +d'italianizzazione del cognome intervenne poi l'etimologia popolare, leggendo
 +«<i><font color="#3333FF">breve</font></i>», laddove era «<i><font color="#3333FF">bel</font></i>».
 +Fonte: F. Violi Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBRACCIA
 +<br>SBRACIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbraccia ha un ceppo a Teramo e Pescara, ed uno a Roma ed Aprilia nel latinense,
 +Sbracia, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione del precedente, che dovrebbe prendere il nome dalla zona
 +del laghetto di Sbraccia o della Contrada Valle Sbraccia nel pescarese, zona
 +infestata dai briganti, fin dal 1500, tanto da costringere gli abitanti
 +ad emigrare verso le città più riparate di Teramo e Pescara.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBRANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbrana è tipicamente toscano, di Pisa e del pisano, di San Giuliano
 +Terme, Cascina e Vecchiano, di Livorno, del lucchese, di Lucca, Viareggio
 +e Caèannori e di Massa, con un ceppo anche a Roma, potrebbe trattarsi
 +di un matronimico riferito ad una forma contratta del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Sobrana</font></i>,
 +in uso presso le famiglie patrizie nell'area ligure nel XIII° e XIV°
 +secolo, ricordiamo una Sobrana Fieschi verso la fine del 1300 e come lei
 +molte altre, secondo un'altra ipotesi deriverebbe da un soprannome forse
 +originato dal fatto che i capostipiti fossero dei crapuloni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBRIZ
 +<br>SBRIZA
 +<br>SBRIZI
 +<br>SBRIZZA
 +<br>SBRIZZAI
 +<br>SBRIZZI
 +<br>SBRIZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbriz, assolutamente rarissimo, è del pordenonese, Sbriza, praticamente
 +unico, è del catanese, Sbrizi, quasi unico, sembrerebbe campano,
 +Sbrizza, ha qualche presenza in Veneto ed un piccolissimo ceppo in Sicilia
 +a Mineo nel catanese, Sbrizzai ha un ceppo friulano a Paularo nell'udinese,
 +uno piccolissimo a Trieste, con presenze anche in Veneto, Sbrizzi ha un
 +ceppo friulano nel pordenonese a San Giorgio della Richinvelda, qualche
 +presenza nell'udinese a Flaibano ed Udine ed un ceppo a Trieste, ed uno
 +in Campania nel napoletano, a Napoli, Quarto, Gragnano, Marano di Napoli
 +e Giugliano in Campania, Sbrizzo, quasi unico, è friulano, potrebbero
 +derivare da forme alterate dialettalmente del nome <i><font color="#3333FF">Fabrizio</font></i>
 +per aferesi, con una <i><font color="#3333FF">S-</font></i> iniziale epentetica,
 +secondo un altra ipotesi deriverebbero invece da soprannomi originati dal termine
 +dialettale veneto <i><font color="#3333FF">sbrissar</font></i> (<i><font color="#666666">scivolare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBROLLA
 +<br>SBROLLI
 +<br>SBROLLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbrolla ha un ceppo a Porto Sant'Elpidio e Fermo nell'ascolano ed uno molto
 +piccolo a Roma, Sbrolli ha un ceppo nel senese ad Abbadia San Salvatore
 +e soprattutto a Piancastagnaio, ed un ceppo a Roma, Sbrollini ha un ceppo
 +marchigiano a Potenza Picena nel maceratese, a Senigallia e Montemarciano
 +nell'anconetano ed a Mondolfo nell'urbinate, e presenze nel salernitano,
 +dovrebbero derivare da soprannomi basati sul termine italiano arcaico
 +<i><font color="#3333FF">sbrollare</font></i> (<i><font color="#666666">rendere
 +brullo, spogliare, denudare</font></i>), a sua volta derivato dall'alterazione
 +del verbo latino mediovale <i><font color="#3333FF">experulare</font></i>,
 +termine spiegato da Ludovico Antonio Muratori (1672-1750) nelle sue Dissertazioni:
 +"<font color="#CC33CC">... I Modenesi non dicono brullo, ma </font><font color="#FF0000">sbrollo</font><font color="#CC33CC">,
 +nato da </font><font color="#FF0000">sbrollare</font><font color="#CC33CC">,
 +significante nudare substantiis, vestibus, ec. Verbo tale non altronde
 +si fondò che da perula o pera de' pellegrini. Se ne stupirà
 +chi legge. Rito celebre ne' vecchi secoli di coloro che andavano in pellegrinaggio,
 +fu di prendere la pera (oggidì bisaccia, tasca, scarsella, saccoccia)
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBROGGIO
 +<br>SBROGGIO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbroggio, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +di Sbroggiò, che è tipicamente veneto di Roncade, Preganziol
 +e Mogliano Veneto nel trevisano e di Venezia, e che dovrebbe derivare da
 +un soprannome dialettale basato sul termine veneto arcaico <i><font color="#3333FF">sbrògiar</font></i>
 +(<i><font color="#666666">scalfire, sbucciare, scorticare</font></i>),
 +forse ad indicare che il mestiere del capostipite fosse quello di tohliere
 +la pelle agli animali da macello, o da un'alterazione del termine <i><font color="#3333FF">sbruachio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">di vivanda spappolata ed informe</font></i>)
 +con un significato relativo meno chiaro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBROZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unico, forse originario
 +del centro Italia, potrebbe derivare da un vocabolo dialettale dell'Italia
 +centrale (Marche - Umbria) sbrozo (dentellato, seghettato).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SBUELZ
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sbuelz è tipico dell'udinese, di Tricesimo ed Udine, secondo i ricordi
 +di una nostra lettrice potrebbe essere di origini ungheresi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCABELLI
 +<br>SCABELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scabelli, è quasi unico, dovrebbe trattarsi di una forma alterata
 +del cognome Scabello, che è specifico dell'area veneziana e trevisana,
 +di Venezia soprattutto e di Maserada sul Piave nel trevisano, e che dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine <i><font color="#3333FF">scabello</font></i>, una
 +forma arcaica per <i><font color="#3333FF">sgabello</font></i> (<i><font color="#999999">piccola
 +panchetta per salire più in alto o sedersi</font></i>), esiste una
 +località Scabello nel veneziano, ma è improbabile che sia
 +questa l'origine del cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCABINI
 +<br>SCAVINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scabini è specifico dell'area che comprende soprattutto il pavese,
 +ma anche le zone limitrofe dell'alessandrino, genovese, piacentino e milanese,
 +a Voghera, Golferenzo, Santa Maria della versa, Pavia e Brallo di Pregola
 +nel pavese, ed a Milano, Scavini, molto più raro, ha un piccolissimo
 +ceppo nel verbanese ed uno a Vigevano nel pavese, dovrebbero derivare direttamente
 +o tramite betacismo dal termine germanico in uso presso Longobardi e Franchi <i><font color="#3333FF">scabinus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">magistrato municipale e amministratori delle
 +gabelle</font></i>), attività probabilmente svolta dai capostipiti,
 +dell'uso di questo termine abbiamo un esempio nell'anno 865 a Brescia:
 +"<font color="#CC33CC">...Vassalli suprascripto Adelberti Marchioni Teudifrasciu
 +Comes ipsius civitatis; Rotari et Petrus </font><font color="#FF0000">Scavinis</font><font color="#CC33CC">
 +ipsius civitatis..</font>" o anche nel modenese "<font color="#CC33CC">..Iohannes
 +de quondam Constammo </font><font color="#FF0000">scavinus</font><font color="#CC33CC">
 +di Brento..</font>", ad Arezzo nel 936: "<font color="#CC33CC">..Lambertus
 +notarius et </font><font color="#FF0000">scabino</font><font color="#CC33CC">
 +interfui ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCACCABAROZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del milanese e comasco.
 +Si tramanda che questa famiglia di origine milanese abbia tratto il proprio
 +cognome da un servizio fatto durante l'infierire della peste in Milano.
 +Mancando gente che si prestasse all'incresciosa e pur necessaria opera
 +di portare i morti alla sepoltura e scarsi essendo i mezzi per trasportarli
 +per tanto infierir del male, questa famiglia si prestò al pietoso
 +e ingrato ufficio servendosi di numerosi barocci, tanto che le fu dato
 +il soprannome di Scarica barocci, che poi si tramutò in Scaccabarozzi.
 +Fu famiglia antica le cui memorie risalgono al XII° secolo. Un certo
 +Giordano fu costituito vicario imperiale a Milano da Federico Barbarossa,
 +un Beltramo fu console di Milano nel 1164, un Alberto fu podestà
 +di Como nel 1219, un Lantelmo canonico della metropolitana, nel 1152 fu
 +inviato dalla Repubblica milanese in qualità di legato al papa Innocenzo
 +IV° per ottenere la canonizzazione di S. Pietro Martire Veronese, un
 +Giacomo si trova fra i firmatari di parte nobile nell'atto di concordia
 +fra nobili e plebei di Milano nel 1258, un Giovanni fu fatto cavaliere
 +da Matteo Visconti sul campo di battaglia di Parabiago per l'indomito valore,
 +un Arostello fu cavaliere e decurione milanese, un altro Giacomo, nobile
 +e generoso cavaliere, nel 1320 eresse e dotò la chiesa di S. Maria
 +Annunziata a Milano mentre suo fratello Catellano fu podestà di
 +Pavia nel 1322.&nbsp; I De Scachabarociis, famiglia ghibellina, sostenitrice
 +dei Visconti, venne annoverata dall'Arcivescovo Ottone nella matricola
 +delle famiglie nobili di Milano. Nel 1402 Giovanni Scaccabarozzi era stato
 +eletto priore maggiore del monastero di Pontida ed era quindi il beneficiario
 +della commenda. Gli Scaccabarozzi avevano vari beni in Brianza, soprattutto
 +a Montevecchia e a Brivio in frazione Vaccarezza con diversi poderi e case,
 +nel 1409 erano Signori di Cassago, che avevano anche acquisito il godimento
 +delle terre di Pontida.&nbsp; A Cassago la loro influenza era notevole,
 +tanto che il 17 luglio 1412, in un momento drammatico per le sorti del
 +Ducato milanese, un certo dominus Raynerius De Scachabarociis, che era
 +inserito nel 1408 nell'elenco dei "nobiles familiares et officiales de
 +curia de nostri illustrissimi principis et dominis" duca Giovanni Maria
 +Visconti, riconobbe, al duca di Milano Filippo Maria Visconti (1412-1447)
 +la fidelitas de terra Cassaghi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCACCHI
 +<br>SCACCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scacchi è raro e sembra presentare due nuclei, uno nel Lazio ed
 +uno nel sudmilanese e lodigiano, Scacco, molto raro, potrebbe avere un
 +nucleo nel catanese e uno nel Veneto, dovrebbero derivare dall'occupazione
 +dei capostipiti che molto probabilmente facevano i <i><font color="#999999">servitori</font></i>
 +chiamati <i><font color="#3366FF">scalchi</font></i> in epoca medioevale
 +dal gotico <i><font color="#3366FF">skalks</font></i> o dal antico alto
 +tedesco <i><font color="#3366FF">scalch</font></i>.
 +Il ramo umbro della famiglia Scacchi annovera molti medici tra le sue fila,
 +Antonio Scacchi, nel 1400 lo troviamo in Francia come medico di Luigi XI,
 +nel 1540 <font color="#3333FF">Durantes Scacchus Norcinus</font> (Durante
 +Scacchi) dà inizio alla grande scuola dei dottori di Preci, alle
 +dinastie degli eruditi scrittori di medicina, punto fermo per tutti i preciani,
 +empirici e non, con scritti di buon livello ai quali attinsero o si uniformarono
 +non solo scolari dì terra umbra. Durante nacque a Preci (PG), giovanissimo
 +si trasferì a Roma dove frequentò la scuola di Realdo Colombo,
 +nel 1562 Giacomo Scacchi ottenne a Roma la licenza perpetua per aposteme,
 +ernie, cataratte, ulcere, ecc</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCACCIANEMICI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scaccianemici, quasi unico, forse campano, dovrebbe trattarsi di un cognome
 +attribuito ad un trovatello, come augurio che potesse allontanare ogni
 +possibile nemico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCACCIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scacciati ha un ceppo a Firenze ed uno a Cascina nel pisano, si dovrebbe
 +trattare di un cognome originario di Lucca, nel Nuova Cronica di Giovanni
 +Villani, libro IX°, XXVI, possiamo leggere: "<font color="#CC33CC">..
 +E veniva fatto, se non che lo 'ndugio de la cavalcata de la gente del duca
 +si tardò, e in questo mezzo alcuno de la casa medesima de' Quartigiani
 +per viltà e paura lo scoperse a Castruccio. Per la qual cosa Castruccio
 +subitamente fece serrare le porte di Lucca, e corse la terra con sue genti,
 +e fece pigliare XXII di casa i Quartigiani e più altri, e trovare
 +le dette insegne. Messer Guerruccio Quartigiani con III suoi figliuoli
 +fece impiccare co le dette insegne a ritroso, e altri di loro fece propagginare,
 +e tutti gli altri de la casa de' Quartigiani, ch'erano più di C
 +</font><i><font color="#000000">(cento)</font></i><font color="#CC33CC">,
 +</font><font color="#FF0000">gli cacciò de la città di Lucca
 +e del contado</font><font color="#CC33CC">. E questo fu a dì XII
 +di giugno nel sopradetto anno. E ciò fu grande sentenzia e giudicio
 +di Dio che gli detti della casa de' Quartigiani anticamente guelfi furono
 +caporali a dare la città e signoria di Lucca a Castruccio, e tradendo
 +i Guelfi, per lui furono morti e disertati per lo simile peccato di tradimento.
 +..</font>", in questo testo si ricorda che nel 1328 Castruccio Castracani
 +degli Antelminelli (1281 - 1328), Signore di Lucca, scacciò dalla
 +città i guelfi a lui ostili, appartenenti alla famiglia dei Quinzani
 +con i loro sostenitori, da allora questi mutarono i loro cognomi in Scacciati
 +rifugiandosi nella pur ghibellina Firenze, ma amica in quanto avversaria
 +di Castruccio, e nel pisano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCACCINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, sembra di origine toscana,
 +con areale principale nel pistoiese e nel senese, può essere derivato
 +dal mestiere di addetto all'accensione e spegnimento dei lampioni a olio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAFA
 +<br>SCAFI
 +<br>SCAFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scafa ha un ceppo a Roma ed uno primario nel napoletano a Torre Annunziata
 +e Napoli, Scafi è tipico laziale, di Roma e Pontecorvo e Santopadre
 +nel frusinate, Scafo è quasi unico, dovrebbero derivare dall'attività
 +di barcaroli esercitata dai capostipiti che avrebbe dato origine ad un
 +soprannome legato al vocabolo tardolatino <i><font color="#3366FF">scaphum</font></i>
 +attribuito ad imbarcazioni fluviali dal fondo piatto.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAFIDI
 +<br>SCAFFIDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto rari sono tipici della Sicilia,
 +del palermitano e del messinese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Scafidi, Scaffidi è cognome siculo-calabrese che viene dal greco
 +'<i><font color="#3333FF">skaphídi</font></i>' = <i><font color="#666666">piccola
 +madia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00scaglia.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="83" height="99"><font size="-1">Scaglia è tipico della Lombardia e del Piemonte, dovrebbe derivare
 +attraverso modificazioni da soprannomi come Scalli o Scallia attribuiti
 +in età arcaica a quanti abitavano in colline coltivate a terrazzamenti,
 +che potevano sembrare gli scalini di un'enorme scalinata, probabile caratteristica
 +del luogo d'origine del capostipite. Un casato nobile degli Scaglia annoverò
 +fra i suoi titoli quello di marchesi di Caluso, Mosso S.ta Maria e Tronzano,
 +furono conti di Brusasco, Cavaglià, Marcorengo e Verrua e baroni
 +di Carpenetto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIARINI
 +<br>SCAGLIARINO
 +<br>SCAGLIERINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scaglierini, che parrebbe unico, è probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione di Scagliarini, che ha un ceppo nel bolognese, a Bologna,
 +San Giovanni in Persiceto soprattutto ed Argelato, con un ceppo anche a
 +Ferrara ed a Castelfranco Emilia nel modenese, Scagliarino, quasi unico,
 +è probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione del precedente,
 +che dovrebbe derivare da un soprannome originato dal mestiere dei capostipiti,
 +forse degli spaccapietre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIOLA
 +<br>SCAGLIOLI
 +<br>SCAIOLA
 +<br>SCAJOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scagliola ha un ceppo a Napoli, uno a Terlizzi (BA), uno a Roma e ceppi
 +a Canelli e Calosso nell'astigiano, a Torino, ad Alba (CN) e ad Alessandria,
 +ed a Genova, Scaglioli è quasi unico, Scaiola è tipico del
 +Piemonte, dell'alessandrino in particolare, di Pareto e Spigno Monferrato
 +e di Torino, ha ceppi anche in Lombardia, Sajola è assolutamente
 +rarissimo, dovrebbero tutti derivare da soprannomi generati dall'essere
 +il capostipite un mastro artigiano che utilizzava la <i><font color="#3366FF">scagliola</font></i> (<i><font color="#999999">tipo
 +di gesso</font></i>) nel suo lavoro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scaglione è di origine siciliana, con un ceppo nel cosentino, dovrebbe
 +derivare da soprannomi originati dal termine <i><font color="#3366FF">scagghiuni</font></i>
 +(<i><font color="#C0C0C0">canino</font></i>, il dente), da wikipedia: "<font color="#CC33CC">Lu
 +</font><font color="#FF0000">scagghiuni</font><font color="#CC33CC"> è
 +nu denti caninu</font>",&nbsp; forse ad indicare che il capostipite era
 +dotato di canini particolarmente sviluppati o che aveva un carattere molto
 +feroce.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scaglioni è specifico dell'area che comprende il basso mantovano
 +e l'Emilia centroccidentale, e dovrebbe derivare da variazioni accrescitive
 +dell'aferesi di toponimi come Roncoscaglia (MO) o Massa Fiscaglia (FE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGLIUSI
 +<br>SCAGLIUSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scagliusi sembrerebbe specifico di Polignano a Mare nel barese, sempre
 +del barese Scagliuso, parrebbe specifico di Castellana Grotte, dovrebbero
 +derivare da soprannomi originati probabilmente da una caratteristica fisica
 +dei capostipiti, cioè il fatto di possedere dei denti molto importanti,
 +che nel dialetto pugliese, soprattutto quando ci si riferisce a dei cavalli,
 +vengono chiamati <i><font color="#3366FF">scagliuni</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Scagliusi, per Rohlfs 168, significa '<i><font color="#3333FF">scaglioso</font></i>'.
 +Anche per Minervini 441 deriva da '<i><font color="#3333FF">scaglia</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGNETTI
 +<br>SCAGNETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scagnetti ha un ceppo nell'udinese e veneziano, uno nel maceratese ed uno
 +nel viterbese e romano, Scagnetto, più raro, è del veneziano
 +e dell'udinese, dovrebbe trattarsi di forme ipocoristiche aferetiche riferite
 +al nome <i><font color="#3333FF">Ascanio</font></i>, che ci arriva dalla
 +tradizione omerica come nome del figlio di Enea, nome diffusosi poi in
 +Italia grazie all'Eneide virgiliana ed al culto fattone da parte della
 +Gens Iulia che sarebbe discesa direttamente da Iulo altro nome di Ascanio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAGNOLARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scagnolari è tipico della zona del rovigoto ai confini con il padovano
 +ed il ferrarese, della zona di Fiesso Umbertiano in particolare, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine veneto arcaico <i><font color="#3333FF">scagno</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sgabello, panca</font></i>), forse riferito al
 +mestiere di costruttore di sgabelli o, più probabilmente ad un mestiere
 +che portava il capostipite a lavorare seduto su di uno sgabello, come ad
 +esempio l'addetto alla mungitura, ma potrebbe anche indicare un comportamento
 +svogliato ed accidioso dello stesso, <i><font color="#3333FF">scagnolar</font></i>
 +significava in effetti anche <i><font color="#666666">passare da uno sgabello
 +all'altro senza concludere nulla</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALA
 +<br>SCALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scala è un cognome panitaliano, con molti nuclei, nel veronese,
 +nel sudmilano e lodigiano, nel genovese, nel bolognese, nel napoletano
 +e , in Sicilia, nel catanese, siracusano e ragusano, Scali ha un ceppo
 +genovese, uno toscano, soprattutto concentrato nel livornese, pisano, fiorentino
 +e senese, ed uno nel reggino, dovrebbero derivare dai vari toponimi contenenti
 +la radice Scala, come: Isola della Scala nel veronese, La Scala nel pisano,
 +Madonna della Scala nel torinese, Santa Maria La Scala nel napoletano,
 +Scala (ME)-(SA)-(CS), e così molti altri, ma è pure possibile
 +una derivazione dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Schal</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALABRIN
 +<br>SCALABRINA
 +<br>SCALABRINI
 +<br>SCALABRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalabrin è tipico di Venezia e Padova e nel vicentino di Vicenza,
 +Montecchio Maggiore, Fara Vicentino, Caldogno, Mason Vicentino e Cornedo
 +Vicentino, Scalabrina sembrerebbe unico, Scalabrini ha ceppi in Lombardia
 +ad Azzanello nel cremonese ed a Milano con presenze anche nell'area comasco,
 +varesotta, un ceppo in Emilia, nel reggiano a Scandiano, Reggio Emilia,
 +Casalgrande, Toano e Cavriago e nel modenese a Sassuolo e Prignano sulla
 +Secchia, ed un ceppo a Roma e nel reatino, Scalabrino ha un ceppo piemontese,
 +un piccolo ceppo a Campobasso ed uno in Sicilia nel trapanese, a Trapani,
 +Erice, Valderice e Custonaci, con un ceppo anche a Palermo, questi cognomi
 +dovrebbero derivare dal termine arcaico <i><font color="#3333FF">scalabrino</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo abile di mano, disinvolto nel modo di fare</font></i>),
 +termine che deriva dal termine medioevale <i><font color="#3333FF">scanabrinus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">lestofante furbacchione</font></i>, ma anche
 +<i><font color="#666666">ladro</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalas è tipico delle province di Cagliari ed Oristano, dovrebbe
 +derivare da indicatori di località originati dalla posizione in
 +salita della via per raggiungere il capostipite, in lingua sarda arcaica
 +<i><font color="#3366FF">scalas</font></i> indicava un luogo scosceso o
 +comunque in salita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALAVINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalavino è specifico di Palermo, potrebbe derivare da un etnico
 +di paesi come Scala, abbastanza diffuso in Sicilia, o di una borgata palermitana
 +come Barone della Scala.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALCHI
 +<br>SCALCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalchi è tipico di Vicenza e del vicentino, di Montecchio Maggiore,
 +Montebello Vicentino e Longara, con un ceppo, probabilmente secondario
 +nel Lazio a Roma, Albano Laziale (RM) e Latina, Scalco, meno raro, ha un
 +ceppo nel vicentino a Cartigliano, Bassano del Grappa, Vicenza,&nbsp;&nbsp;
 +Monticello Conte Otto, Tezze sul Brenta Schio e Rosà, nel padovano
 +a Fontaniva e Cittadella e nel trevisano a Silea, con un ceppo anche nel
 +Lazio a Roma e Latina, probabilmente i ceppi laziali sono il prodotto dell'emigrazione
 +forzata di veneti per la bonifica delle paludi Pontine in epoca fascista,
 +questi cognomi dovrebbero derivare dall'occupazione dei capostipiti che
 +molto probabilmente facevano i <i><font color="#999999">servitori</font></i>
 +chiamati <i><font color="#3366FF">scalchi</font></i> in epoca medioevale
 +dal gotico <i><font color="#3366FF">skalks</font></i> o dal antico alto
 +tedesco <i><font color="#3366FF">scalch</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALCIONE
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Rarissimo, è originario della zona di confine
 +fra barese e materano, può derivare dall'aferesi di una variante
 +dialettale del vocabolo mascalzone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALDAFERRI
 +<br>SCALDAFERRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scaldaferri sembra essere tipico di Lauria nel potentino, ma con ceppi
 +anche a&nbsp;&nbsp; Latronico (PZ), Scaldaferro è tipico dell'area
 +vicentino padovana, di Vicenza e Costabissara (VI) in particolare, dovrebbero
 +entrambi derivare da un soprannome originato dal mestiere di garzone di
 +un fabbro, probabilmente svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALEA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scalea ha un ceppo nel salernitano ed uno nel reggino, deriva dal toponimo
 +Scalea (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALERA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scalera è decisamente meridionale, con un ceppo tra casertano e
 +napoletano, uno nel campobassano e foggiano, nel barese e brindisino soprattutto,
 +e nel tarentino e materano, la massima concentrazione è a Mesagne
 +nel brindisino e ad Altamura nel barese, in qualche caso potrebbe derivare
 +dal nome del paese di Scalera nel potentino, ma nella maggior parte dei
 +casi dovrebbe derivare da località dette <i><font color="#3333FF">scalera</font></i>,
 +cioè una sorta di colline coltivate a terrazze.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALERANDI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scalerandi è tipico del torinese, di Pinerolo e di Cavour, dovrebbe
 +derivare da modificazioni del termine di origine germanica <i><font color="#3366FF">scarile</font></i>
 +(<i><font color="#999999">capitano</font></i>), ma è pure possibile
 +una derivazione da una forma dialettale arcaica indicante gli abitanti
 +dell'attuale Scalenghe (TO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALESE
 +<br>SCALESI
 +<br>SCALISE
 +<br>SCALISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalese, abbastanza raro, è presente in Puglia e Calabria, Scalesi
 +è assolutamente rarissimo, Scalise è calabrese, Scalisi è
 +siciliano, dovrebbero derivare dall'etnico di paesi come Scalea (CS), Madonna
 +della Scala (BA), Santa Maria la Scala (CT), Scala (SA), (CS), (SR), ME),
 +ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scaletta sembrerebbe siciliano, con un ceppo nel palermitano a Palermo,
 +Termini Imerese, Altavilla Milicia, Trabia e Caccamo, ed uno nel catanese
 +a Catania, Acicatena, Misterbianco, Gravina in Catania e Tremestieri Etneo,
 +ed un piccolo ceppo anche nell'ennese a Barrafranca, si può ipotizzare
 +una derivazione da forme etniche particolari riferite ai toponimi Scala
 +presenti in Sicilia, come Scala Ritiro di Messina, o altri simili, è
 +pure possibile una derivazione da una forma ipocoristica del nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Schal</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALFARI
 +<br>SCALFARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il primo&nbsp; è più
 +raro del secondo, sono tipici della provincia di Catanzaro (la pronuncia
 +corretta è Scalfàri e Scalfàro), derivano dal mestiere
 +di scalfatore (cioè scuoiatore di animali).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALIA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scalea Scalia è tipicamente siciliano, molto diffuso soprattutto nel catanese
 +e nel palermitano, dovrebbe derivare dai molti toponimi contenenti il termine
 +scala come ne esistono molti in Sicilia, citiamo a solo titolo di esempio
 +Scala nel messinese, dove ne esistono almeno quattro, e ce ne sono pure
 +nel catanese e nel palermitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALMANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo è tipico del sudmilanese
 +e lodigiano, potrebbe derivare dal toponimo Rovescala (PV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALON
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scalon, abbastanza raro, è tipico del Veneto orientale e del Friuli,
 +dovrebbe derivare da Scalon, il nome di una frazione di Vas nel bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALTRITO
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Scaltrito ha un ceppo nel barese, a Gravina in Puglia, Poggiorsini e Spinazzola,
 +ed uno nel messinese, a Messina e Villafranca Tirrena, dovrebbe derivare
 +da un soprannome o anche nome augurale con il significato di Astuto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALVINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico bresciano, dovrebbe derivare dal nome della Val di Scalve, o da
 +una delle varie frazioni chiamate Scalvino che si trovano nel bergamasco
 +e nel bresciano, tracce di questa cognominizzazione si hanno ad esempio nel
 +1500 a Brescia dove un certo Giuseppe Scalvino o De Scalve così
 +scrive in una domanda d'assunzione al comune di Brescia: "<font color="#CC66CC">...supplica
 +</font><font color="#FF0000">Joseph De Scalve</font><font color="#CC66CC">
 +admitti pro ingegniero absque mercede...</font>", degli Scalvini abbiamo
 +tracce anche in un atto redatto in Sondrio nel 1600, dove si legge: "<font color="#CC33CC">...Obligatio
 +nobilis domini Nicolai Lavizarii Sondrii a quadris Nobilium, Vicinorum,
 +</font><font color="#FF0000">Scalvinorum</font><font color="#CC33CC"> et
 +Castioni comunis Clurii...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>cognome abbastanza diffuso nella Bassa Bresciana oltre che a Brescia
 +città. Deriva dalla Valle di Scalve (BG), una valle laterale della
 +Valcamonica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCALZI
 +<br>SCALZO
 +<br>SCALZONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scalzo sembra avere due nuclei, nella provincia di Caltanissetta e nella
 +Calabria centrale,dove troviamo anche Scalzi, mentre Scalzone è
 +estremamente raro, e specifico del napoletano, possono tutti derivare 
 +da un soprannome riferito all'abitudine di andare a piedi nudi da parte
 +del capostipite, ma, molto più probabilmente potrebbero derivare dal
 +fatto di essere le famiglie nei pressi o al servizio di conventi di suore
 +o frati Carmelitani o Agostiniani Scalzi, bisogna inoltre tener presente
 +che in epoca tardo medioevale con il termine <i><font color="#3366FF">scalzo</font></i> si intendeva anche
 +un individuo sporco e lacero di cattiva fama, e che in questo caso il cognome assumerebbe un diverso significato, Scalzone potrebbe anche derivare
 +dall'aferesi del vocabolo mascalzone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAMARDA
 +<br>SCAMARDELLA
 +<br>SCAMARDELLO
 +<br>SCAMARDI
 +<br>SCAMARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scamarda, molto raro, è siciliano, ha un ceppo a Palermo ed uno
 +più piccolo a Catania, Scamardella è specifico del napoletano,
 +di Bacoli in particolare e di Pozzuoli, con buone presenze anche a Napoli,
 +Giugliano di Campania, Qualiano e Torre del Greco, Scamardello, praticamente
 +unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del precedente,
 +Scamardi, esstremamente raro, è di Palermo, Scamardo è del
 +palermitano, di San Cipirello e San Giuseppe Jato, questi cognomi dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche, da alterazioni del
 +nome greco <font color="#3333FF">Σκαμάνδριος&nbsp; <i>Skamándrios</i></font>,
 +il nome del figlio dell'eroe troiano Hector e di sua moglie Andromache.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Scamarda è siciliano, Scamardi calabrese. Derivano dalla voce
 +calabrese '<i><font color="#3333FF">scamardatu</font></i>' = <i><font color="#666666">squilibrato,
 +indolente</font></i>. Rohlfs 169.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAMBIALI
 +<br>SCAMBIATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognomi così rari da poter
 +essere considerati quasi unici, probabilmente del pavese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAMONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente lombardo, deriva probabilmente
 +da un soprannome originato dal termine scamone (particolare taglio di carne).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAMPAMORTE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Scampamorte, estremamente raro, è tipico del centro Italia, dovrebbe
 +derivare da un soprannome, poi divenuto nome beneaugurale, che augurava
 +al portatore di essere superiore alla morte.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SCAMPITELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Quasi scomparso, sembra specifico del napoletano, dovrebbe derivare dal
 +toponimo Scampitella (AV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">SC